Sono una atleta di fitness e integro proteine in polvere alla mia consueta alimentazione. Le proteine che prendo contengono un complesso di enzimi digestivi tra cui la lattasi. Recentemente sono diventata intollerante al lattosio: è possibile che sia stato per colpa degli enzimi contenuti nelle proteine che hanno fatto si che il mio corpo non ne producesse più? Se si, sarebbe possibile (non prendendo più queste proteine) riabituare gradualmente il mio corpo al lattosio? E infine, c'è il rischio che succeda la stessa cosa eventualmente anche con gli altri enzimi contenuti come la lipasi? Grazie
Dott.ssa Concetta Verrusio
Dott.ssa Concetta Verrusio
Endocrinologo, Diabetologo, Nutrizionista
Aversa
salve, penso che lei era già intollerante al lattosio e non sapeva din esserlo e se ne è accorta assumento queste proteine contenenti la lattasi e quindi consiglio ovviamente di sospendere l'assunzione.

Salve, escludo che siano state le proteine assunte ad aver dato vita al problema. Molto probabilmente era già presente e le proteine in polvere lo hanno solo evidenziato.
Nè può condizionare lipasi e amilasi tanto facilmente. Saluti

Salve. L'enzima lattasi è spesso aggiunto in questo tipo di integratori e non crea problematiche del genere. Escludo, quindi, che possa averle provocato una intolleranza simile. Più verosimilmente lei era già predisposta a questa intolleranza. Bisognerebbe sapere che tipo di alimentazione sta seguendo, da quanto tempo e se ha riscontrato tale intolleranza in concomitanza con una variazione delle sue abitudini alimentari. Rimango a disposizione se vuole saperne di più. Dott.ssa Cristina Mucci

Dott. Luca Colucci
Dott. Luca Colucci
Nutrizionista
Lurate Caccivio
Buongiorno, la lattasi è un enzima attivo a livello intestinale necessario per la digestione del lattosio.
Gli unici effetti collaterali possibili sono legati ad una ipersensibilità al principio attivo o ad uno dei componenti della formulazione. Non sono quindi documentati fenomeni di intolleranze dovuti a somministrazioni enzimatiche quindi può stare tranquilla da questo punto di vista.
Sarebbe invece utile indagare che cosa ha provocato l'intolleranza, verificando l'attuale regime alimentare. Molto più probabilmente il tutto è scaturito da un eccessivo consumo di proteine del siero del latte e/o caseine.
Saluti

Buonasera, come detto dai colleghi escludo la connessione, ma le pongo una domanda: come va il suo intestino? Un microbioma o flora batterica intestinale in cattive condizioni può portare a una non digestione del lattosio e dare una sintomatologia paragonabile a un’intolleranza.
Se vuole saperne di più, mi contatti pure!

Dr. Daniele Consoli
Dr. Daniele Consoli
Endocrinologo, Diabetologo, Dietologo
Siracusa
Sospenda l’assunzione e, se il problema persiste, consulti un gastroenterologo.

Dott.ssa Novella Incoronato
Dott.ssa Novella Incoronato
Nutrizionista, Terapeuta, Medico estetico
Frattamaggiore
Non le consiglio di continuare ad assumere le proteine in polvere. Con un buon regime alimentare può integrare gli amminoacidi e le proteine che le occorrono. Contatti un nutrizionista per essere seguita nel migliore dei modi, portando documentazione della sua intolleranza.

Dr. Massimo d'Angelo
Dr. Massimo d'Angelo
Nutrizionista, Dietista
Rubano
Buongiorno, probabilmente Lei assume proteine del siero del latte e questo ha messo in evidenza la sua intolleranza al lattosio. Pertanto escluderei che sia l'enzima lattasi ad aver dato vita al problema.

Specialisti per consulenza nutrizionale

Katrin Kurz

Katrin Kurz

Nutrizionista, Dietista, Dietologo

Bolzano

Prenota ora
Maurizio Ridolfi

Maurizio Ridolfi

Endocrinologo, Diabetologo, Dietologo

Roma

Prenota ora
Daniele Consoli

Daniele Consoli

Endocrinologo, Diabetologo, Dietologo

Siracusa

Prenota ora
Giulio Maria Maggi

Giulio Maria Maggi

Chirurgo plastico, Medico estetico, Dietologo

Torino

Prenota ora
Consolato Cavallaro

Consolato Cavallaro

Gastroenterologo, Epatologo, Dietologo

Catania

Prenota ora

Domande correlate

Hai domande?

I nostri esperti hanno risposto a 21 domande su consulenza nutrizionale

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.