Salve, é da un po' che mi domando se io posso soffrire del disturbo di borderline. Alcuni miei amic

17 risposte
Salve, é da un po' che mi domando se io posso soffrire del disturbo di borderline.
Alcuni miei amici(una coppia) ormai sono diventati come una famiglia per me e li conosco da molto tempo, capita tutt'ora che magari qualche giorno non ci vediamo e io anche sapendo che, magari vogliano passar del tempo insieme o che hanno altri impegni, non riesca a non rimanerci male e speso a farmi anche paranoie sulla cosa, anche se so che spesso sono soltanto paranoie e basta. Quando sono con loro tendo a dimenticare il "problema" a riviverlo soli in alcuni momenti. Ho l'impressione di poter soffrire del disturbo, ma non vorrei parlarne con i miei genitori evitando di dare loro altre preoccupazioni dato che ormai sono anche maggiorenne. Potreste darmi un parere? Vi ringrazio
Salve, mi spiace molto per la situazione che descrive. Un tratto caratteristico del disturbo borderline è caratterizzato dal "sentire" e percepire molto le emozioni negative e, soprattutto, la costante idea e paura di essere abbandonati dagli altri.
Tuttavia, per una diagnosi più certa, servirebbe un consulto psicologico anche al fine, soprattutto, di trovare strategie utile particolarmente problematiche onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Rimango a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott. FDL

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Gentile utente, grazie per aver condiviso con noi il suo vissuto. Come diceva il collega, per avere una diagnosi certa serve un consulto psicologico.
Al di là della patologia in se, mi sento di dirle che lei prima di tutto è una persona. Mettere etichette diagnostiche potrebbe essere controproducente.
Le consiglio comunque di consultare uno psicoterapeuta per capire se ha delle difficoltà relazionali o delle insicurezze dovute ad alcuni aspetti della sua vita. Si dia la possibilità di confrontarsi con un professionista per poter stare meglio.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, anche per un colloquio online.
Un caro saluto,
dott.ssa Chiara De Battisti
Prenota subito una visita online: Consulenza online - 60 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Buonasera, sarebbe utile rivolgersi a uno psicologo per ottenere informazioni maggiori circa i suoi vissuti, così da poter comprendere il suo stato emotivo e supportarla al meglio, lavorando su ciò che le sta creando disagio.
Le consiglio di non focalizzarsi su questo suo eventuale disturbo: si rivolga a un professionista e attenda di avere un feedback in merito.
Resto a disposizione, un caro saluto, dottoressa Paola De Martino
Gentile Utente, dal suo racconto non pare che ci possano essere i requisiti per soddisfare una diagnosi di disturbo borderline. Però sapere o meno di avere un disturbo è un bisogno legittimo ed è una richiesta che si potrebbe fare ad una specialista adeguatamente formato. La diagnosi a volte può essere ingombrante, ma a volte può tranquillizzare. Detto questo, mi pare anche Lei mostri una buona iniziale consapevolezza del suo funzionamento: è possibile che l’allineamento di queste persone vada a toccare vecchie cicatrici del passato. Possibili domande da farsi potrebbero essere: come sono fatte queste ‘paranoie’ e dove e quando ho imparato a farmele venire se le persone si allontanano? Un saluto
Buonasera, mi dispiace molto per il malessere che sta sperimentando. Potrebbe esserle di supporto un lavoro psicologico che le permetta di approfondire queste tematiche e di comprendere meglio cosa prova. Una maggiore consapevolezza e un lavoro su di sé sono sempre il migliore investimento per vivere serenamente
Salve, servirebbero ulteriori informazioni per poterle dare una risposta esaustiva. Ha pensato a un consulto psicologico?
Buona giornata.
Dott. Fiori
Buonasera, mi dispiace per le sensazioni che sta vivendo. Solitamente il disturbo borderline si caratterizza per sensazioni di instabilità avvertite nelle relazioni affettive, amicali, nel lavoro, nella progettualità, vivendo molto spesso alti e bassi, passando da momenti di esaltazione a momenti di grande disperazione. Tuttavia questo non saprei dire se è il suo caso, dalle poche informazioni che ho. Sarebbe consigliato in caso richiedere una consulenza psicologica per valutare l'eventuale ipotesi.
Un saluto. Dott.ssa Matilde Ciaccia.
Prenota subito una visita online: Consulenza online - 50 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Buongiorno ,credo che i suoi problemi non si inquadrino in un disturbo borderline ,ma sicuramente ci sono dei problemi di attaccamento e di dipendenza che vanno approfondite e curati . Certamente si avvantaggerebbe di un supporto ed un percorso psicologico mirato su suoi problemi.Un caro saluto dottssa Luciana Harari
Gentile utente, ciò che racconta non è in linea con un eventuale disturbo borderline, anche se una diagnosi va fatta in sede appropriata dopo alcuni colloqui. Mi pare però che lei si ponga delle domande sui suoi vissuti e su come lei funzioni. Questo aspetto riguarda solo questi amici o lo ritrova in altri ambiti di vita? Cosa comporta nella sua quotidianità?
Cordiali saluti
Dott.ssa Valeria Randisi
Buonasera, dalla sua domanda trapela sicuramente un malessere che le crea un disagio. Sarebbe bene che lei faccia una visita da un professionista tipo uno psichiatra o un neurologo affinchè le faccia una diagnosi precisa. In seguito potrebbe iniziare una terapia psicologica per poter elaborare tutte le sue ossessioni e paranoie come da lei menzionate nella sua domanda, la saluto cordialmente, dott. Eugenia Cardilli.
Prenota subito una visita online: Primo colloquio individuale - 70 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Salve. Perché cerca un'etichetta attraverso una diagnosi? Se prova sofferenza per questa situazione si conceda la possibilità di intraprendere un percorso psicoterapeutico che possa chiarire le cause del suo problema e che stimolando la fiducia in sé possa aiutarla a superarlo. Distinti saluti
Salve, gli elementi che condivide sono da una parte significativi in quanto mettono in luce la sua sofferenza ma dall'altro non consentono di raccogliere tutti gli elementi che possono portante ad una prima diagnosi. Sulla base di questa situazione potrebbe essere utile per lei riflettere su alcune possibilità. La prima è legata al contattare uno psicoterapeuta per stabilire con lui la presenza o meno di un disagio che posso portare a una diagnosi. Le ripeto possano in quanto non è detto che lei sia affetto da un disturbo. Solo successivamente può valutare con lo specialista l'opportunità di una psicoterapia e quale utilizzare fra quelle che potrebbero essere applicate. Non sottovaluti che è possibile lavorare sulla personalità anche senza la presenza di un disagio classificabile, per ridare parole a quei vissuti che ormai fanno parte della sua vita e su cui forse non si ferma più a riflettere. Considerato il fatto che è maggiorenne non ci sono vincoli o la necessità di autorizzazioni da parte dei sui genitori ed il segreto professionale vincola lo specialista. Ora sta a lei decidere cosa fare ovvero se rimanere nella sua attuale situazione o contattare uno psicoterapeuta con l'idea di cambiarla. Un cordiale saluto
Gentile utente di mio dottore,
lei prima ancora di un etichetta, o di un disturbo è un esser umano e come tale vive sentimenti ed emozioni che magari le possono risuonare come turbanti. Per esser arrivato a porsi domande di questo tipo può darsi che senta da qualche parte a sua vita e le sue relazioni come qualcosa che risentano di alcune difficoltà. In questi caso, è opportuno chiedere aiuto, sostegno; intraprendere un percorso psicoterapico con uno specialista potrebbe aiutarla ad acquisire maggiore consapevolezza di se e stimolarla a superare le difficoltà che la accompagnano in questo momento della sua vita. Non perda altro tempo, contatti uno psicologo, vedrà potrà trovare le risposte che cerca.
Cordiali Saluti
Dottor Diego Ferrara
Gentile utente, è molto difficile darle una risposta riguardo al suo timore: i criteri per diagnosticare un disturbo borderline sono diversi e non è sufficiente soffermarsi sulla sensazione che descrive. Vorrei però sottolineare come all'interno di queste categorie diagnostiche rientrino persone molto diverse e lo stesso "disturbo" si manifesta in modo unico e variegato a seconda della storia della persona. Per questo la inviterei a tralasciare per un momento il bisogno di un nome o di una categoria con la quale leggere le proprie sensazioni e i propri vissuti. Se sente di non stare bene e di vivere delle difficoltà come quella raccontata potrebbe spostare il focus sulla ricerca di un diverso equilibrio che la faccia sentire serena e traquilla. Potrebbe valutare di intraprendere un percorso di psicoterapia nel quale, oltre a poter discutere di un quadro diagnostico come da lei richiesto nella domanda, potrebbe anche essere accompagnata in questa direzione.
Un caro saluto, dott.ssa Giulia Franco
Dalle sue parole sembra attraversare un momento davvero particolare che meriterebbe di essere condiviso. I suoi vissuti, così importanti e delicati, necessiterebbero di essere ascoltati e approfonditi in un contesto terapeutico, certamente un percorso psicologico la aiuterebbe a fare chiarezza e ad affrontare questo momento. La psicoterapia è prima di tutto un viaggio, un'esplorazione di noi stessi con la compagnia di qualcuno a cui affidarsi e su cui poter contare che può aiutarci a conoscerci meglio, a sondare parti di noi emozioni, pensieri, prospettive ancora sconosciuti che è arrivato il momento di incontrare. Le suggerisco di valutare l'inizio di un percorso di terapia con la compagnia di qualcuno che si sintonizzi al meglio con le sue necessità e aspettative, in caso mi trova disponibile ad riceverla (attraverso la video-consulenza online) e, se mi permette, la invito con piacere a ritagliarsi qualche minuto per leggere la mia descrizione presente su questa piattaforma e farsi una prima idea di me del mio approccio; se la lettura le piacerà e se la motiverà a mettersi in gioco (scegliere di affrontare il nostro dolore è una scelta molto coraggiosa e una scommessa su noi stessi!), mi troverà felice di accoglierla. Resto a sua disposizione e, se vuole, la aspetto. Un gentile saluto
Gentile Utente, come qualche collega le ha già scritto, la paura di essere abbandonato, può essere un tratto tipico del disturbo Borderline di personalità, ma da solo, non comporta la presenza del disturbo. Inoltre l'aver paura di "essere abbandonato", non rientra esclusivamente in un funzionamento di tipo Borderline, esistono tante situazioni, nelle quali, le persone, esperiscono questo disagio. Da non sottovalutare è a prescindere dalla diagnosi, quanto, questo aspetto può comportare disagio nella sua vita e se sia il caso di lavorare su questo per poter vivere con maggiore serenità i rapporti con gli altri e vivere senza insicurezze o paura di non essere realmente accettati e amati dagli altri.
La psicoterapia in questo caso potrebbe esserle utile.
Cordiali Saluti Dott. Alessia Battista
Non mi sembra abbia dato degli elementi utili per poter fare una diagnosi di disturbo di personalità. Perchè dovrebbe avere un disturbo bordeline? Cosa si immagina?
Forse potremmo parlarne in modo più approfondito e capire i suoi timori da dove derivano. Mi faccia sapere
Prenota subito una visita online: Consulenza online - 45 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.

Esperti

Giuseppe Lago

Giuseppe Lago

Psichiatra, Psicoterapeuta, Psicologo clinico

Roma

Giuseppe Borgherini

Giuseppe Borgherini

Psichiatra, Psicoterapeuta

Abano Terme

Mariavittoria Metelli

Mariavittoria Metelli

Psicologo, Psicoterapeuta

Brescia

Francesca Maria Penta

Francesca Maria Penta

Psicologo, Psicoterapeuta

Milano

Federica Vallarelli

Federica Vallarelli

Psicologo

Pinerolo

Chiara Sicuriello

Chiara Sicuriello

Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico

Reggio Emilia

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 22 domande su Borderline
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.