Salve dovrei prendere l aereo per diverse ore , avendo molta ansia e soffrendo già di attacchi di pa

19 risposte
Salve dovrei prendere l aereo per diverse ore , avendo molta ansia e soffrendo già di attacchi di panico mi hanno consigliato una compressa di lexotan, non ho mai preso questo medicinale , potrebbe farmi male ??
Salve, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stesso/a utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra risultati Come funziona?
Gentile utente, per quanto riguarda il farmaco le consiglio di chiedere al medico che le ha prescritto il medicinale. Le consiglio di intraprendere un percorso di supporto psicologico, o comunque una consulenza per capire le ragioni di questa ansia. I medicinali curano il sintomo, un buon supporto psicologico, può arrivare alle cause del problema.
Le auguro il meglio!
Se dovesse avere dei dubbi può contattami premendo il tasto 'messaggio' sul mio profilo.
Resto a disposizione attraverso consulenze online.
Dott. Luca Rochdi
Prenota subito una visita online: Consulenza online - 50 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Buonasera, la domanda che le faccio è chi le ha consigliato il Lexotan?
Se non gli è stato consigliato da un professionista medico, le consiglio di sentire il suo medico di base esponendogli la domanda.
Il lexotan è un ansiolitico e fa parte delle benzodiazepine, deve essere preso solo mediante le indicazioni del professionista medico.
Sarà lui/lei a darle le giuste informazioni e la quantità in compresse che dovrà somministrare.
Per quanto riguarda l'ansia e l'attacco di panico le consiglio di iniziare un percorso terapeutico cognitivo comportamentale lavorando sulla desensibilizzazione fobica (aereo).
Se vorrà ulteriori informazioni o supporto psicologico non esiti a contattarmi.
Cordiali Saluti Dott.ssa D.L
Salve, credo sia importante esporre tale dubbio al medico che glie lo ha prescritto anche se trattasi di un farmaco molto utilizzato nei problemi di ansia.
Le consiglio comunque di intraprendere un percorso terapeutico che l'aiuti a gestire gli attacchi di panico e che miri alla comprensione profonda della sua ansia.
Quando il nostro corpo esprime un malessere di tale tipologia è importante analizzare nel profondo quale parte di noi è rimasta inascoltata per tanto tempo.
Sono a diposizione per un consulto.
Un caro saluto.
Dott.ssa Tiziana Di Fazio
Gentile utente, mi dispiace molto per la situazione che stai attraversando. Per il farmaco puoi rivolgerti al medico che te lo ha prescritto o medico di base per toglierti qualsiasi dubbio a riguardo. Inoltre, ti consiglierei di rivolgerti ad uno psicologo o uno psicoterapeuta cognitivo comportamentale (CBT), esperti nell'individuare strategie pratiche ed efficaci per affrontare le difficoltà attuali. La CBT si concentra sul comprendere e modificare i pensieri e i comportamenti che influenzano le emozioni, offrendo strumenti concreti per migliorare il tuo benessere psicologico. Resto a tua disposizione per qualsiasi chiarimento o supporto aggiuntivo.
Un caro saluto,
Dott. Moro
Buonasera, il farmaco che le hanno consigliato è un ansiolitico, ma va assunto solamente con prescrizione medica. Il Lexotan potrebbe aiutarla nell'immediato per affrontare il viaggio che ha in programma, ma per andare alla radice del suo disagio le consiglio un percorso psicologico che oltre ad aiutarla a comprendere il senso di questa sua paura riesca a darle anche strumenti che le facciano ritrovare la serenità ed il benessere psicologico. Sono a sua disposizione per ulteriori informazioni e supporto per un colloquio online.
Cordialmente
dott.ssa Loretta Grisenti
Buongiorno, provi a parlarne con il suo medico curante per quanto concerne la sua preoccupazione relativa al Lexotan.
La paura di volare è inquadrata all'interno dello spettro ansioso e, vista la presenza anche di attacchi di panico, quello che mi sento di suggerirle è di rivolgersi ad un professionista per esplorare meglio la sua ansia.
La paura di volare si lega al percepire di non avere il controllo su una situazione specifica, perchè si è un mezzo su cui non si ha potere d'azione e di prevenzione di eventuali esiti temuti.
Le suggerisco di cercare di evitare l'eccessivo monitoraggio perchè seppur una strategia per cercare di avere tutto sotto controllo, in realtà fa aumentare l'ansia. Provi a portare sull'areo qualcosa che possa distrarla, un libro, ascoltare musica, fare le parole crociate etc.
Oppure può anche provare a regolare la sua ansia concentrandosi sul suo respiro, da seduto al posto, inspiri per 3 secondi ed espiri per 6. Provi ad ancorarsi al suo respiro per calmarsi. O, ancora, provi a prestare attenzione alla pianta dei suoi piedi ben appoggiati a terra provando ad immaginare come sarà l'atterraggio e come si sentirà una volta arrivato. Si immerga in quella sensazione di soddisfazione e sollievo, la focalizzi nel suo corpo e la tenga con sè fino alla fine del volo.
Rimango a sua disposizione, anche online.
Un caro saluto, Dott.ssa Martina Orzi
Buongiorno, mi dispiace molto per la situazione che sta vivendo. Preso adeguatamente il farmaco non è nocivo, sarebbe utile intraprendere un percorso di supporto psicologico al fine di avere maggiori benefici sul lungo termine
Buongiorno.
Il lexotan è un farmaco molto diffuso, ma se nel suo caso specifico possa farle male, per intolleranze o altri motivi organici, è argomento di tipo medico a cui noi psicologi non possiamo rispondere.
Buongiorno,
Per quanto riguarda informazioni specifiche riguardo a farmaci deve affidarsi al suo medico di base o in caso ad uno psichiatra di fiducia.
Se la sua paura dovesse essere invalidante (se dovesse prendere in futuro molto spesso l'aereo, o se rinuncia a viaggi ed esperienze per paura) può essere utile affrontare l'argomento con un percorso di terapia che la renda più consapevole e che le dia le strategie e attivi le risorse di cui dispone per far fronte all'ansia che si attiva.
Con i miei migliori auguri,
Dott.ssa Aisha Battelini
Buona sera. Se le è stata ordinata da uno specialista non dovrebbe dubitare che le faccia male. La paura dell'aereo è la punta dell' iceberg rispetto alla paura del panico, che andrebbe risolta e non sedata. Vi sono terapie brevi cognitivo comportamentali rispetto a questa fobia.

A disposizione Dottor Gianpietro Rossi
Buongiorno questa tipologia di farmaci in genere non ha controindicazioni, ne parli con il suo medico di base che saprà consigliarla in base alla sua storia clinica ed eventuali intolleranze.
Il farmaco ha un'efficacia temporanea. Forse un percorso di training autogeno fatto da un esperto di salute mentale le potrebbe portare un beneficio a lungo termine.
Salve, la ringrazio per la condivisione. Per il medicinale può chiedere al medico che le ha prescritto il farmaco, in ogni caso sia la pura dell'aereo che gli attacchi di panico hanno una natura psicogena per cui le chiedo:ha mai pensato di intraprendere un percorso che la porterebbe a non utilizzare più questi farmaci? Perchè sicuramente i farmaci hanno un effetto benevolo ma sul momento,non per sempre, le abbassano la paura non le insegnano come fronteggiarla. S e vuole sono disponibile ad aiutarla, dott.ssa Nunzia Giustiniani
Carissim*, è opportuno che lei chieda al medico che le ha fatto la prescrizione del farmaco, così può stare tranquill*. Come hanno suggerito anche i miei colleghi nelle risposte, sarebbe opportuno affiancare alla terapia farmacologica, un percorso di tipo psicologico così che può essere accompagnat* in modo più funzionale in questi momenti di stress, e capire al meglio come gestire la sua problematica di ansia. L'areo spesso è vissuto con molta ansia perchè è come se non avessi una via di fuga qualora ci dovessimo sentire male, in questi casi io consiglio delle tecniche di respirazione di mindfulness molto efficaci, che le permetterebbero di tornare al respiro, e vivere se stess* come base sicura a prescindere dal posto in cui si trova. Spero di esserle stata d'aiuto! :)
Gentile utente, grazie per aver condiviso la sua fatica.
Se prescritto da un professionista sanitario, l'uso di farmaci appartenenti alle benzodiazepine (come il lexotan), può essere d'aiuto, ma solo a coprire il nucleo. Sarebbe importante chiedere un consulto psicologico per capire cosa si nasconde dietro la paura di volare per diverse ore.
Individuare le sensazioni corporee provate e i pensieri ricorrenti aiuta a definire meglio la natura di questa fatica. Sicuramente ci sono tanti strumenti da mettere in campo, come le tecniche di esposizione immaginativa, EMDR, ACT, mindfulness,ecc. Ovviamente, risulta fondamentale fare un'adeguata analisi del caso per capire quali strumenti utilizzare.
Le consiglio di approfondire questa sua fatica per comprenderla fino in fondo.
Un caro saluto
Dott. Giuseppe Gara
Buonasera, il consiglio principale è quello di parlare col medico stesso che le ha prescritto il farmaco. Nel frattempo sarebbe ottimale intraprendere un percorso psicologico che la possa aiutare ad affrontare tale paura. Per qualsiasi informazione resto a disposizione!
Gentile utente, per indicazioni riguardo alla terapia farmacologica le consiglio di rivolgersi ad un medico specialista o eventualmente al suo medico di base.
In aggiunta, mi sentirei di consigliarle un percorso di terapia per affrontare i suoi attacchi di panico e imparare delle strategie di gestione del panico, che possano nel medio-lungo termine migliorare la sua qualità di vita e vivere con più serenità il prossimo viaggio in aereo. Restando a disposizione qualora volesse approfondire, un caro saluto. Dott.ssa Sonia Castagnolo
Gentile utente, la ringrazio per aver condiviso i suoi dubbi con noi. Comprendo le sue difficoltà e le sue preoccupazioni, e mi dispiace per i vissuti negativi che queste le provocano. Qualora dovesse ritenerlo opportuno o necessario, mi rendo disponibile a cominciare con lei un percorso , che potrebbe tornarle utile per esplorare ed approfondire le sue emozioni, esperienze e valori al fine di trovare una strada percorribile e ritrovare la serenità.
Tenga a mente che il benessere mentale è una priorità, e trovare il professionista giusto può fare la differenza.
Qualora dovesse avere dubbi, domande, o perplessità riguardo al mio lavoro non esiti a contattarmi.
Un caro saluto, dott. Daniele D’Amico.
Prenota subito una visita online: Consulenza online - 30 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Gentile utente, la ringrazio per aver condiviso con noi la sua preoccupazione. Per quanto riguarda l'utilizzo del farmaco le consiglio di porre eventuali domande/chiarimenti al medico che le ha prescritto la compressa di Lexotan. Tuttavia, credo che potrebbe esserle utile intraprendere un percorso psicologico con un professionista per comprendere l'origine, approfondire e acquisire strategie che le permettano di gestire il panico. La terapia, inoltre, potrebbe aiutarla a superare le situazioni che le generano molta ansia (e.g. prendere l'aereo). Resto a disposizione, anche per una consulenza online.
Un caro saluto! Dott.ssa Eleonora Lazzarino

Esperti

Ornella Natullo

Ornella Natullo

Psicoterapeuta, Psicologo

Napoli

Prenota ora
Stefano Zenaboni

Stefano Zenaboni

Psicologo, Psicologo clinico, Psicoterapeuta

Milano

Prenota ora
Stefano Anzani

Stefano Anzani

Osteopata

Milano

Prenota ora
Luana Cecere

Luana Cecere

Fisioterapista

Pulsano

Prenota ora
Diego Italo Emilio Bonetti

Diego Italo Emilio Bonetti

Medico dello sport, Psicoterapeuta

Milano

Vito Carlucci

Vito Carlucci

Ortopedico, Neurologo, Medico legale

Roma

Domande correlate

Hai domande?

I nostri esperti hanno risposto a 154 domande su neurofeedback
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.