Indirizzi (2)


Pazienti senza assicurazione sanitaria


Consulenza online (descrizione) • 40 €

Colloquio psicologico online • 50 €

Psicoterapia online • 60 €


Presso questo indirizzo visito: adulti
339 580..... Mostra numero

Metodi di pagamento: Bonifico, Carta di credito, Satispay

I pagamenti per le consulenze sono inviati direttamente allo specialista, che è anche responsabile della policy di cancellazione e rimborso.

In caso di eventuali problemi con il pagamento, ti preghiamo di contattare lo specialista.

Ricorda, MioDottore non ti addebita alcuna commissione aggiuntiva per la prenotazione dell'appuntamento e non processa i pagamenti per conto dello specialista.


Tieniti pronto 10 minuti prima della consulenza. Assicurati che la batteria del tuo dispositivo sia carica. Per i videoconsulti: controlla la tua connessione internet e il corretto funzionamento di camera e microfono. Tieni a portata di mano eventuali referti medici (es. il risultato degli esami).

Via Antonio Pigafetta 40, Circoscrizione 1, Torino
Studio Privato


Pazienti senza assicurazione sanitaria


Assegno, Bonifico, Contanti
339 580..... Mostra numero


Esperienze

Su di me

**AGGIORNAMENTO: fino a una sufficiente stabilizzazione della situazione collegata al Covid19, proseguo l'attività on line, in particolar modo utile p...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Depressione
  • Ansia
  • Depressione
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università degli studi di Torino
  • Associazione Emdr Italia

Specializzazioni

  • Psicoterapia


Video


Competenze linguistiche

Inglese, Italiano

Prestazioni e prezzi

Prestazioni suggerite

Consulenza online


40 €

Consulenza online

Da intendersi come primo colloquio conoscitivo.


Psicoterapia individuale


Via Antonio Pigafetta 40, Torino

da 60 €

Studio Privato

Altre prestazioni

Colloquio psicologico


Via Antonio Pigafetta 40, Torino

50 €

Studio Privato


Colloquio psicologico online


50 €

Consulenza online


EMDR (Psicoterapia dei disturbi post-traumatici)


Via Antonio Pigafetta 40, Torino

da 60 €

Studio Privato


Mindfulness


Via Antonio Pigafetta 40, Torino

60 €

Studio Privato


Parent training


Via Antonio Pigafetta 40, Torino

Scopri di più

Studio Privato


Psicoterapia online


60 €

Consulenza online


Via Antonio Pigafetta 40, Torino

50 €

Studio Privato


Supporto psicologico


Via Antonio Pigafetta 40, Torino

45 €

Studio Privato

Supporto online specificamente mirato alla gestione dell'ansia collegata al Covid 19.


Terapia immaginativa


Via Antonio Pigafetta 40, Torino

Scopri di più

Studio Privato

Recensioni dei pazienti

5

Punteggio generale
5 recensioni

E
Paziente verificato
Visita prenotata su MioDottore.it Presso: Studio Privato colloquio psicologico

professionale e preparata
Ho appena iniziato un percorso ma già noto degli ottimi miglioramenti a livello terapeutico


M
Paziente verificato
Visita prenotata su MioDottore.it Presso: Studio Privato psicoterapia individuale

È difficile entrare nello studio senza sentirsi a proprio agio. È molto brava nel suo lavoro ti accompagna nei meandri dei pensieri senza mai farti sentire a disagio o senza mai forzare la mano. Dopo diverso tempo sono sempre più contento della mia scelta.


Paziente verificato
Presso: Studio Privato primo consulto psicologico

Ci siamo viste soltanto una volta, perciò é ancora troppo presto per fare una recensione completa. Ad ogni modo, la prima impressione é stata buona: la Dottoressa é stata puntuale, disponibile e molto attenta. Tornerò da lei nelle prossime settimane.
Stefania

Dott.ssa Mara Gallo

La ringrazio moltissimo


S
Paziente verificato

Gentilissima e molto disponibile. Consigliata a tutti. Anche molto attenta e scrupolosa. Molto affidabile.


A

Dalla dottoressa Mara Gallo ho trovato non solo molto compentenza, esperienza e professionalità, ma anche pazienza e gentilezza ed una buona dose di empatia. Nel complesso mi sono dunque trovata molto bene


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 42 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Buongiorno,
    vorrei un consulto da parte di uno psicologo/psicoterapeuta per mia madre che ha 54 anni, dopo l'emergenza COVID all'inizio di marzo è andata in crisi perchè aveva paura di prendere il virus, i primi tempi aveva paura e disinfettava tutta la casa, guardava spesso i tg e non voleva uscire, poi man mano la cosa è andata migliorando finchè un giorno a lavoro da me mi hanno fatto fare il test COVID (metà aprile) con il pungidito e sono risultata positiva alle IGG (a ciò è seguito isolamento domiciliare e tampone negativo verso metà maggio). Dopo averglielo detto per telefono (non viviamo più insieme da due anni) è precipitata in uno sconforto totale perchè i giorni precedenti al lockdown (8 marzo) io sono stata a casa sua insieme al mio fidanzato, da quel giorno pensa di aver preso il virus perchè ha avuto secondo lei dei sintomi,ma che non sono assolutamente riconducibili al coronavirus (sciatalgia, male al collo, mal di stomaco, dacriocistite a un occhio) inizialmente il suo problema era andare a lavoro perchè avrebbe dovuto dichiarare che era stata a contatto con me(anche se non nei 14 gg prima, è stata a contatto con me l'8 marzo e ha cominciato a lavorare il 22 maggio). Successivamente è rimasta nuovamente a casa in cassa integrazione e pensa che ogni minima cosa che le succede sia colpa del coronavirus (anche delle semplici bolle sotto i piedi probabilmente dovute alle scarpe antinfortunistiche) e non vuole andare a lavoro perchè pensa di averlo ancora e infettare le colleghe, oppure pensa che le chiedano come mai ha l'occhio gonfio. Ovviamente non vuole parlare con nessun medico (non si sente di parlare di queste cose con un medico perchè si sente incriminata) se non con il suo medico di base a cui però non crede quando la rassicura e si fa mille paranoie; attualmente la sua dott.ssa le ha dato solo delle gocce per controllare l'ansia ma secondo me non sono sufficienti. Chiedo dunque a voi, se io dovessi dirle che ho fatto un nuovo test ed è risultato negativo e quindi il primo che mi hanno fatto era fallato potrei migliorare o solo peggiorare le cose? Io penso che anche così potrebbe pensare che l'ultimo test sia fallato e che il primo sia corretto, in ogni caso può rigirare la cosa nella sua testa, premetto che lei all'inizio diceva che voleva fare il test pungidito a casa (in modo che solo lei sapesse il risultato) poi ha detto che non voleva farlo perchè se fosse risultato positivo sarebbe andata ancora più in crisi, poi ha detto che io avrei dovuto ripeterlo ma sempre a casa, non sa nemmeno lei cosa vuole e come uscire da questa situazione. Come persona è sempre stata pessimista e sua madre era malata di esaurimento nervoso. Ci stiamo ammalando psicologicamente tutti in famiglia per starle dietro e non sappiamo più cosa fare, ormai sono 4 mesi che va avanti la situazione.
    Ringrazio tanto chi mi vorrà aiutare.
    Cordiali saluti.

    Buongiorno
    Le gocce che sono state prescritte non sono efficaci in quanto è possibile che l’ansia, slatentizzata dagli eventi recenti, affondi le sue radici in fragilità più profonde della sua mamma, che hanno riattivato paure irrazionali e ingestibili. Se l’esecuzione privatamente del test elisa (quello a cui si riferisce) potrebbe di norma rassicurare la persona, in un caso simile potrebbe non portare agli effetti desiderati. Sua madre potrebbe convincersi di un falso negativo e insistere con le sue rimuginazioni. Sarebbe utile procedere con una diagnosi psicologica più precisa del quadro in cui si inserisce l’ansia attuale. L’ideale sarebbe il confronto con uno psichiatra. Per ora supporti la fiducia che la mamma nutre nel medico di base, è possibile che gradualmente riuscirete a scalfire qualche resistenza e procedere. Di fatto, se non vi è volontà della persona, non si può attivare nessun percorso di aiuto. Lei potrà un po’ ascoltare sua madre, non riuscirà da sola a cambiarla in queste fragilità , dovrà anche proteggere se stessa, quindi sarà utile anche per sua mamma ricevere qualche limite nello sfogare le sue paure su di lei.
    Un saluto
    Mara Gallo

    Dott.ssa Mara Gallo

  • domanda : se ad una persona con problemi neurologici con disfagia, un seme d'anguria , finisce per sbaglio nei bronchi-polmoni, potrebbe col buio e umidità delle vie aeree inferiori, germogliare? Lo chiedo perchè su internet leggo che con un seme di legume è possibile...ma anche con l'anguria?

    Buongiorno. Le consiglio di non dare retta alle informazioni raccolte sul web, su cui si può trovare davvero di tutto e senza garanzia che le informazioni siano verificate e attendibili. Questa domanda richiede un confronto con il curante o medici di fiducia.
    Cordialmente
    Mara Gallo

    Dott.ssa Mara Gallo

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

**AGGIORNAMENTO: fino a una sufficiente stabilizzazione della situazione collegata al Covid19, proseguo l'attività on line, in particolar modo utile p...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Depressione
  • Ansia
  • Depressione
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università degli studi di Torino
  • Associazione Emdr Italia

Specializzazioni

  • Psicoterapia

Tirocini

  • ASL 1, Centro salute mentale, via Negarville, Torino. 1998/2000
  • EX Ospedale Psichiatrico, Collegno (To). 1996
  • ASL 1, Centro salute mentale, via Bertola, Torino. 1999/2001
Visualizza altre informazioni



Video


Competenze linguistiche

Inglese, Italiano

Account dei social media


Pubblicazioni e articoli

Pubblicazioni (1)

Ricerche correlate