Ma chi davvero o cosa può davvero guarirti dalla voglia di non vivere? Sono stanca.

22 risposte
Come guarire dalla voglia di non vivere? Sono stanca.
Salve, ritengo fondamentale che lei intraprenda un percorso psicologico per indagare cause origini e fattori di mantenimento dei suoi sintomi e trovare strategie utili per fronteggiare le situazioni particolarmente problematiche onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Salve, secondo lei la stanchezza è la causa
o l’effetto di qualcosa? Comunque, prenda in considerazione un consulto psicologico per trovare le risposte che cerca.
Buona giornata.
Dott. Fiori
Gentile utente, dalle poche parole che scrive non è possibile capire l'origine del suo male di vivere ma apppare evidente la sua sofferenza profonda. Le consiglio di intraprendere un percorso di psicoterapia. Cordiali saluti. Dott.ssa Georgia Silvi
Salve, valuti la possibilità di richiedere un consulto psicologico al fine di approfondire ed indagare meglio la situazione descritta.
Cordiali saluti, dott.ssa FM.
Salve, mi colpisce la sua propensione a provare a riprendere in mano la sua vita dicendo di voler “guarire”. Credo sia proprio questo il primo passo da fare, chiedendo e assicurandosi il supporto psicologico di un professionista.
Cordialmente
dott.sa Chiara Caliandro
Si pone una domanda esistenziale, meglio farsela in compagnia di un/una terapeuta
Buonasera, ha espresso in poche parole un vissuto molto forte, che però potrebbe avere molte sfaccettature diverse. Valuti la possibilità di regalarsi uno spazio per sé, in cui approfondire e risolvere la questione, scoprirsi/riscoprirsi e trovare sollievo dalla stanchezza che sente.
Rimango a disposizione,
Dott.ssa Alessandra Montalto
Buonasera, la sua domanda è una domanda di aiuto che nasconde proprio la voglia di vivere nonostante il suo malessere. Si faccia coraggio e contatti un professionista per iniziare ad affrontare cosa la fa soffrire.
Dott.ssa Camilla Ballerini
Gentile Utente a volte alcune esperienze, difficoltà ripetute possono provocare un tale dolore da essere stanchi e non trovare soluzioni. Potrebbe provare ad intraprendere un percorso nel quale trovare uno spazio nel quale sfogarsi e lavorare su un nuovo modo di vedere la vita e magari non sentirsi solo.
un caloroso saluto
dott.ssa Alessia Battista
Gentile Utente,
la sua richiesta è un grido di aiuto. C'è un modo per guarire: inizi semplicemente dandosi la possibilità di uscirne fuori, prendendosi spazio e tempo per intraprendere un percorso in cui non sarà più solo a combattere.
Saluti
Dott.ssa Francesca De Luca
Solo Eros può salvarci dalla forza distruttiva di Thanatos.
È una forma di lettura che ci offre Sigmund Freud nel 1920 a proposito dell'istinto di Morte, Thanatos, e della sua forza complementare ovvero l'istinto di vita, l'amore, Eros.
Thanatos, l’istinto distruttivo di cui parla Freud, può essere nostro alleato se impariamo a lasciar andare le persone, le situazioni, le cose che non sono più funzionali al nostro sviluppo. Se accettiamo la morte, se guardiamo dentro la nostra paura, facciamo spazio alla vita che si rinnova continuamente.
L’antidoto alla paura e alla sofferenza è l’amore: cerchi l'amore. Nella natura, negli animali, in una persona del suo stesso sesso o del sesso opposto, nell'amicizia, in un'ideale, in una causa, giusta o sbagliata che sia, in se stessa. Lo cerchi, lo trovi. È importante. E poi, si faccia aiutare in questa ricerca.
Buongiorno, la sua domanda merita una risposta approfondita, il suo dolore ancor di più merita spazio e tempo per essere raccontato, permetta a un professionista di accompagnarla in modo da prendervi cura insieme della sua sofferenza.
Buongiorno, innanzitutto andrebbero indagate eventuali cause mediche che possono portarla a sentire di non avere forze ed energie. In seguito dovrebbe pensare a un consulto psicologico ed eventualmente psichiatrico se i sintomi sono molto intensi, così da capire la natura del suo malessere.
saluti, dott.ssa Marini
Gentile Amica,
sarebbe molto semplice etichettare la sua domanda come "depressione", e prenderne le distanze, quasi neutralizzandola. Ma quello che chiede ci riguarda tutti, e tutti ci siamo posti questa domanda. Credo che lei abbia ottime ragioni per porsela e porcela. E credo anche che debba essere ascoltata per quello che è, per tentare di rispondere in un rapporto schietto e umano.
Per questo la invito a intraprendere una terapia. Se vorrà, sarò felice di accompagnarla in questo percorso.

con i migliori auguri,
dr. Ventura
Buongiorno,
la sua domanda, seppur molto sintetica, risulta molto incisiva.
Dalle sue poche parole è difficile capire le cause di questa suo sofferenza, di questa sua stanchezza. Penso che sia importante portare questo vissuto in terapia per provare a sciogliere qualche nodo e trovare un po' di sollievo.
Cordialmente, Dott.ssa Quattrini.
Gentile utente, la sua domanda porta con sè tanta sofferenza. Le consiglio un percorso psicoterapico che la aiuti a far luce sulle origini di tale malessere, e possa portarla a ritrovare la serenità. Cordialmente, Dott.ssa Valentina Maccioni
Salve, mi dispiace molto che prova questo senso di insoddisfazione verso la vita. Capisco che a volte per vari accadimenti personali, può sembrare difficile affrontarli e superarli. Allora cosa possiamo fare per affrontare le difficoltà? Possiamo potenziare la nostra resilienza:la capacità di fare fronte agli eventi negativi, attraverso le nostre risorse personali.
Si sente insoddisfatto verso qualcosa in particolare? Allora potrebbe scrivere su di un figlio delle alternative di risoluzione al problema e dopo scrivere per ognuna i pro e i contro. Alla fine scelga la prima alternativa con maggiori vantaggi e la metta in atto. E dopo valuti :ha funzionato? Si, bene così. No, allora passo alla messa in atto della seconda alternativa.
Spero di essere stata utile per un primo passo di azione. Rimango a disposizione per dubbi e domande
Buona giornata
Buongiorno, mi dispiace per l'intensità e quasi la chiusura di quanto ci esprime.
Ma la sua non è una "malattia"da cui guarire, è qualcosa che risulta dalla somma di altro....
Però in lei si vede la radice di forza e risorse che da qualche parte dentro di lei ha ancora.
Chiede come può fare ad andare avanti?
Se ha voglia di agganciarsi alla sua domanda e a lavorare con questa prima risorsa in uno o più colloqui psicologici, rimango a sua disposizione per approfondimenti.
Cordiali saluti,
Marta Cerroni
Buongiorno, dalle sue poche parole si evince una grande sofferenza. Non rimanga da sola, si lasci aiutare intraprendendo un percorso psicologico. Ritengo indispensabile che lei trovi un supporto specialistico che possa aiutarla a prendersi cura di se stessa. Cordiali saluti, Giuseppa Margherita Zinnarello
Sarò molto diretta. A differenza di quello che si ritiene nel senso comune, uno stato depressivo non si configura come tristezza, ma come stanchezza.
Può essere reattiva o relativa ad un altro quadro psicopatologico.
La grande problematica risiede nell'alterazione del pensiero che, se non affrontato in psicoterapia (anche con l'ausilio di farmaci, almeno in principio, per portare maggiore "lucidità"e tutelare il livello di vita) potrebbe portarla ad essere talmente stanca da pensare di mettere fine alla sua vita.
Quindi si, la risposta è si, ma da sola, evidentemente, non riesce ad uscirne, o l'avrebbe già fatto.
Se vuole maggiori chiarimenti o per aiutarla a trovare qualcuno che possa lavorare con lei, non esiti a contattarmi o a prenotare una visita online.
Salve, sicuramente queste parole sono piene di qualcosa, qualcosa che vale la pena di indagare e capire, sicuramente un percorso di sostegno potrebbe essere la scelta più saggia, in modo da dare a se stesso un ulteriore possibilità circa quest’ansia sensazione. Saluti.
Salve, il suo problema potrebbe essere facilmente trattato in un percorso psicologico per affrontare e superare le sue difficoltà. Se è questa è la sua intenzione, sono disponibile a fornirle il mio supporto professionale. Le porgo i miei saluti. Dr. Giacomi
Prenota subito una visita online: Colloquio psicologico clinico - 49 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.

Esperti

Serena Mancioppi

Serena Mancioppi

Psicoterapeuta, Psicologo

Milano

Emanuela Carosso

Emanuela Carosso

Psicologo, Psicoterapeuta

Torino

Romina Brambilla

Romina Brambilla

Psicoterapeuta, Psicologo

Milano

Stefano De Simone

Stefano De Simone

Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico

Maddaloni

Francesca Maria Penta

Francesca Maria Penta

Psicologo, Psicoterapeuta

Milano

Francesco Benincasa

Francesco Benincasa

Internista, Neurologo

Torino

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 252 domande su Ansia
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.