Ho la certezza che mio marito spende ingenti somme di denaro per i gratta e vinci,ne ho parlato con

19 risposte
Ho la certezza che mio marito spende ingenti somme di denaro per i gratta e vinci,ne ho parlato con i miei figli....dopo più di un mese dalla certezza della malattia ancora non abbiamo fatto niente, non sappiamo come muoverci, lui ha un carattere predominante e violento aiutatemi per favore come ci dobbiamo approcciare io lo vorrei lasciare per altri motivi di coppia ,ma ora sapendo tutto questo lo posso fare? Lasciandolo faccio bene? E i miei figli dovrebbero fare da "badanti"? E c'è anche da dire che non andrebbe mai in terapia odia gli psicologi o comunque chi gli dice cosa deve fare aiutatemi vi prego sto passando un " doppio"inferno" grazie mille Carla
Salve, mi spiace molto per la situazione ed il disagio espresso. Comprendo quanto possa essere faticoso gestire questa situazione e la sofferenza connessa.
Ritengo che un percorso psicologico possa essere d'aiuto a entrambi per indagare cause, origini e fattori di mantenimento dei sintomi per trovare strategie utili per fronteggiare le situazioni particolarmente problematiche, soprattutto per la salvaguardia dei figli.
Cordialmente, dott. FDL

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Salve, mi dispiace per la situazione che sta vivendo.
Ciò che può fare è consigliare a suo marito di intraprendere un percorso psicologico, almeno tentare di fare una prima seduta per comprendere meglio alcune cose.
Buona giornata.
Dott. Fiori

Gentile Signora se suo marito non desidera lavorare su questa situazione legata al gioco non ci sono molte possibilità per aiutarlo in un percorso di cambiamento, pur comunque non escludendo questa possibilità. Diversamente è possibile lavorare sul disagio che lei manifesta in relazione a questa situazione. In ogni caso le ricordo che presso le USL solitamente sono attivi dei servizi che si occupano di dipendenze, così come sembra la situazione che lei descrive. Inoltre sono attive diverse associazioni di aiuto che si occupano sempre di queste difficoltà ma non sono in grado di fornirle ulteriori indicazioni sui risultati e sulle tecniche che usano. Un cordiale saluto

Gent.ma, la situazione che descrive appare piuttosto complessa. Frequentemente, la persona che soffre di un disturbo da gioco d'azzardo non riconosce il proprio disturbo ed è la ragione per cui è difficile poter offrire un aiuto. Può però rivolgersi al servizio dipendenze del SSN della sua zona e chiedere un appuntamento per illustrare le sue difficoltà: a volte l'ingaggio del paziente avviene attraverso un familiare stanco e preoccupato della situazione. SG

Buonasera signora, immagino la difficoltà e la complessità della situazione che sta vivendo. Posso dirle intanto che per avviare un percorso di cambiamento è necessario che in suo marito ci sia anche solo un po' di motivazione a farsi aiutare. A prescindere da questo lei potrebbe comunicargli le sue preoccupazioni e consigliargli comunque di rivolgersi a un professionista. Le consiglio inoltre di prendere in considerazione l'idea di iniziare anche per sé un percorso di supporto psicologico con l'intento di comprendere meglio la situazione che sta vivendo, i suoi vissuti e, di conseguenza, per trovare delle strategie utili ad affrontare la situazione in questione.
Un caro saluto. Dott.ssa Maneri

Cara Carla,
Che situazione difficile, la capisco.
Parlarne con i suoi figli può andare bene se sono adulti, nel caso in cui fossero molto giovani, sarebbe meglio non coinvolgerli, poiché anche per loro è un momento difficile.
Ha altri parenti a cui chiedere consiglio?
Altrimenti può parlarne con uno psicologo. Io sono disponibile.
Un caro saluto
Dott. Santo La Monica
Prenota subito una visita online: Consulenza psicologica - 50 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.

Salve, mi spiace per la sua situazione. Le consiglio di far intraprendere a suo marito un percorso con un professionista al fine di comprendere al meglio la situazione e di risolverla nel miglior modo e breve tempo possibile.
Se cio non fosse possibile può sempre iniziare Lei un percorso con un professionista al fine di valutare al meglio la Sua situazione e poter fare le scelte giuste.
Cordiali Saluti: Dott. Luca Ferretti
Chiedere aiuto su come comportarsi in certe situazioni può aiutare ad avere un idea piu chiara su cosa farsi ed evitare possibili situazioni di pericolo

Carla, lei probabilmente ha già sviluppato una grande forza d'animo per resistere in una situazione così maltattrante, com'è quella di vivere con un marito dal carattere 'predominante e violento'. Adesso, dopo aver scoperto la sua ludopatia, la sua forza d'animo deve essere indirizzata a cercare persone che la aiutino in un 'percorso' di uscita. Persone specializzate come quelle dei centri antiviolenza che fanno capo a Di.Re contro la violenza, e quelle dei centri per la cura del gioco di azzardo che trova sulla mappa nazionale dei servizi contro la ludopatia. Sono persone che conoscono bene le dinamiche, i comportamenti, le difficoltà di situazioni come le sue. Si parla di 'percorso' perchè bisogna passo passo recuperare e imparare nuove risorse di consapevolezza e pratiche, che sono sue e verranno sviluppate con l'aiuto di queste persone. Un cordiale saluto

Salve. Da ciò che dice, non sarà semplice convincere suo marito a intraprendere un percorso psicoterapeutico. Le consiglio di intraprenderlo lei per comprendere le scelte da fare e come gestire al meglio il problema. Distinti saluti

Salve, convincere suo marito a rivolgersi al servizio per le dipendenze non penso sia facile, date le premesse. Però a mio avviso è utile che lei ricorra ad un supporto psicologico per chiarirsi e mettere a fuoco se e in che modo può cambiare uno stato che la fa soffrire su più fronti. Un caro saluto, dr.ssa Daniela Benvenuti, Padova-Feltre-online

Gentile amica,
ci racconta una situazione davvero grave e difficile!
Ci sono diversi livelli a cui occorre affrontarla. Il primo è quello legale, per tutelare la sua sicurezza e quella dei suoi figli. Contatti le associazioni che si occupano di gioco d'azzardo, si consulti soprattutto per avere indicazioni legali, e per capire come muoversi per tutelare i suoi beni. Mi sembra poi che ci sia il rischio di violenza. Di nuovo, contatti le associazioni e i centri anti-violenza per capire come muoversi.
Da ultimo, sarà necessario affrontare il problema con suo marito: cerchi l'aiuto di familiari e amici, che possano supportarla per discuterne con lui. Il percorso terapeutico è fondamentale, dovrete affrontarlo insieme.
Intanto, tuttavia, consideri anche di intraprendere per se stessa degli incontri di supporto e indirizzo.

con i migliori auguri,
dr. Ventura

Buonasera, posso comprendere il disagio e il senso d'incertezza che sta provando. Sarebbe importante che suo marito iniziasse un percorso proprio per le dipendenze, ma se non riuscisse a convincerlo, si prenda lei uno spazio per se. Non sta vivendo un momento semplice, oltrettutto sarebbe importante indagare ad esempio il suo dire "violento" e "predominante", in quanto la violenza non è giustificata. Non specifica l'età dei suoi figli, comunque è importante rassicurarli sulla sua presenza, qualora volessero fare domande su ciò che sta accadendo.
Potrebbe provare ad accennare a suo marito di avere questo dubbio sui gratta e vinci, vedere come reagisce e in base a questo decidere su cosa fare.
Resto a disposizione, un caro saluto dottoressa Paola De Martino

Buonasera, purtroppo la dipendenza da ludopatia provoca un grave danno sia a suo marito per la frustrazione che riceve tutte le volte che perde ed è disastroso anche per la famiglia oltre che economicamente che psicologicamente. Come lei scrive nella sua domanda suo marito odia gli psicologici, potrebbe farsi aiutare lei da uno psicoterapeuta, potrebbe aiutarlo in maniera indiretta, tramite un lavoro su di lei, ed elaborare come poterlo aiutare o anche come potersi allontanare da questa situazione, cordiali saluti, dott. Eugenia Cardilli.
Prenota subito una visita online: Primo colloquio individuale - 70 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.

Gentile utente, la sua sofferenza è più che comprensibili in situazioni come la sua. Dovrebbe contattare il centro più vicino per ludopatie ossia gioco d'azzardo. Il fine è quello di avere informazioni su come procedere a livello legale per tutelare lei e i suoi figli. Può farsi aiutare da loro e averli a fianco ( immagino siano sufficientemente grandi) sarà la sua forza in questo momento difficile. Iniziare dal persuadere suo marito a farsi visitare è al momento una scelta fallimentare.
Se ha necessità di informazioni più precise può scrivermi in privato.
Cordiali saluti
Dott.ssa Valeria Randisi

Buongiorno Carla, credo che la cosa migliore sia rivolgersi alla sua Asl di competenza. Se è vero che suo marito rifiuterebbe l'aiuto in questo momento, di solito nei centri che si occupano di dipendenze esiste un programma rivolto ai familiari, per sostenerli e indirizzarli sul comportamento più adatto. Almeno lei e i suoi figli potreste così essere supportati, per poi valutare come mettere suo marito di fronte alla realtà del suo problema. Le auguro di trovare presto una via d'uscita. Dott.ssa Franca Vocaturi

Gentile utende di mio dottore,

credo che la cosa migliore sia rivolgersi presso un servizio sanitario pubblico, che si occupi di dipendenze; solitamente sono i SERT nello specifico ad occuparsi di questo. Se suo marito dovesse rifiutare l'aiuto in questo momento, di solito nei centri che si occupano di dipendenze esiste un programma rivolto ai familiari, per sostenerli e indirizzarli sul comportamento più adatto. In particolare è possibile fare incontri di terapia familiare con l'obiettivo di poter esser supportati vista la condizione di disagio e di malessere che si ritrova a vivere l'intero sistema familiare.
Questo aiuta a valutare come mettere la persona affetta da dipendenza di fronte alla realtà del problema e allo stesso tempo al resto della famiglia di prender le giuste distanze dalla problematica stessa che rischierebbe senza il giusto approccio di stravolegere la vita di più persone.

Cordiali Saluti
Dottor Diego Ferrara

Cara signora, Il primo passo di fronte ad una dipendenza è superare la negazione  del problema. Difficilmente  il soggetto interessato si attiva verso una richiesta di aiuto. E' fondamentale per il partner una presa di posizione in questo senso. Già  questo può provocare un piccolo cambiamento nell'equilibrio del sistema. E'  fondamentale che lei si attivi presso il Servizio per le Dipendenze della sua Aussl, o tramite un consulto privato, per pensare i passi da fare per arrivare ad un coinvolgimento diretto di suo marito rispetto al suo problema. Escluderei il coinvolgimento dei suoi figli  nella presa in carico del padre, soprattutto se minori.
Rimango a disposizione e la saluto cordialmente.
Dott.ssa Maria Piscitello 

Buonasera Carla,
Comprendo e condivido il suo disagio.
Poiché suo marito non desidera rivolgersi a psicologi o altre figure simili, le consiglio di fermarsi un attimo e richiedere per lei stessa un supporto psicologico.
Nel suo messaggio ha scritto infatti, che ci sono anche altre problematiche di coppia e, inoltre, rifletteva giustamente sul ruolo che dovrebbero avere i vostri figli in tutto questo.
Ecco vede, a mio parere prima di prendere qualsiasi decisione, è meglio che lei si conceda uno spazio suo di riflessione, coinvolgendo magari i suoi figli in una consulenza psicologica di famiglia.
In questo modo potrete capire in che modo approcciarvi a suo marito.
Un caro saluto.

Buonasera, penso che al momento attuale, rivolgersi ad uno psicologo potrebbe esserle di aiuto per fare chiarezza e avere maggiore comprensione del periodo e della difficoltà che sta vivendo. Un saluto, Dott. Alessandro D'Agostini

Esperti

Simona De Icco

Simona De Icco

Psicologo, Psicoterapeuta

Casoria

Walter Braga

Walter Braga

Psicologo

Torino

Alessandro Raggi

Alessandro Raggi

Psicologo, Terapeuta, Psicoterapeuta

Napoli

Francesca Vulpiani

Francesca Vulpiani

Psicologo, Psicoterapeuta

Roma

Maria Rosaria Vartolo

Maria Rosaria Vartolo

Psicoterapeuta, Psicologo, Psicologo clinico

Monastier di Treviso

Carmine Casale

Carmine Casale

Psicoterapeuta, Psicologo

Pontecagnano Faiano

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 45 domande su Ludopatia
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.