Disturbo ossessivo compulsivo - Informazioni, specialisti, domande frequenti

Informazioni su Disturbo ossessivo compulsivo

 

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC) è un disordine psichiatrico che coinvolge pensieri indesiderati e inquietanti (ossessioni) cui la persona colpita cerca di porre rimedio attraverso la ripetizione di alcuni comportamenti o rituali (compulsioni). Questa successione di ossessioni e compulsioni interferiscono significativamente nelle attività quotidiane svolte dalla persona affetta dal Disturbo Ossessivo-Compulsivo e causano facilmente angoscia e disagio.

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo solitamente si manifesta negli adolescenti o nei giovani adulti e i sintomi tendono ad essere graduali, cioè variano in termini di gravità nel corso della vita. Generalmente, il Disturbo Ossessivo-Compulsivo aumenta nei pazienti che hanno vissuto periodi di forte stress. Le cause che inducono a tale disturbo psichiatrico sono ancora da individuare con certezza, tuttavia è riportato che esista un rischio genetico, ovvero la possibilità di ereditare il Disturbo Ossessivo-Compulsivo da genitori o predecessori.

L’ aver vissuto situazioni molto stressanti è riconosciuta come un’ulteriore probabile causa del disordine, in aggiunta alla presenza di altri disturbi mentali come depressione e tic nervoso ai quali l’insorgenza del Disturbo Ossessivo-Compulsivo può essere legato. Alcuni dei pazienti affetti dal Disordine Ossessivo-Compulsivo riconoscono di avere comportamenti inusuali ed evitano di trovarsi in situazioni che potrebbero far emergere il loro problema. Tuttavia, esistono pazienti che non sono consapevoli di avere una reale patologia. Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo può essere alleviato tramite l’aiuto di uno psichiatra.

 

Disturbo Ossessivo Compulsivo sintomi e segni

Il paziente che soffre del Disturbo Ossessivo-Compulsivo è riconoscibile dalla presenza di alcuni sintomi, tra i quali i più diffusi sono:

  • Paura di essere contaminati da germi o virus, che conduce la persona affetta a lavarsi continuamente le mani;
  • Bisogno di catalogare ciò che si possiede e di organizzare le cose in maniera simmetrica e ordinata;
  • Angoscia di subire qualche danno, la quale induce il paziente a chiudere la porta e il gas.

Queste ossessioni, vengono affrontate dalla persona affetta da Disturbo Ossessivo-Compulsivo attraverso compulsioni, come:

  • Il lavaggio continuo del proprio corpo, in particolare delle mani;
  • Il controllo ripetuto delle porte, per verificare che siano chiuse;
  • L’allineamento di oggetti;
  • Il conteggio compulsivo.

Non trascurare la tua salute

Scegli la consulenza online per iniziare o continuare una terapia, senza muoverti da casa. Se ne hai bisogno, puoi anche prenotare una visita in studio.

Mostra gli specialisti Come funziona?

Esperti in disturbo ossessivo compulsivo

Trova esperti nella tua città:
Roberta Fuga

Roberta Fuga

Psicologo, Terapeuta, Psicoterapeuta

Roma

Paolo Rossano

Paolo Rossano

Psicologo, Terapeuta, Psicoterapeuta

Torino

Valentina Cavandoli

Valentina Cavandoli

Psicologo clinico, Psicoterapeuta

Milano

Michela Romola

Michela Romola

Psicologo

Palmi

Clarissa Renna

Clarissa Renna

Psicologo clinico

Pavia

Silvia Pozzi

Silvia Pozzi

Psicoterapeuta, Psicologo clinico

Vaprio d'Adda

Domande su Disturbo ossessivo compulsivo

I nostri esperti hanno risposto a 3 domande su Disturbo ossessivo compulsivo

Buongiorno. Possibile si tratti di un disturbo ossessivo ma va fatta una diagnosi psicologica accurata
20 risposte


Salve ! Puo' servire ma deve comunque assumere anche una terapia farmacologica ! Male non fa !
14 risposte


Buonasera, la presa in carico di persone adulte o minorenni con un Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC) è di competenza di uno psicoterapeuta. Il disturbo è caratterizzato dalla presenza di ossessioni,…
17 risposte

Quali sono i professionisti che curano Disturbo ossessivo compulsivo?

Ricerche correlate


Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.