Non hai trovato il profilo del dottore?
Crealo ora Created with Sketch.

Il dottore racconta

Alessia Signorelli, psicologo San Giuliano Milanese

Dr. Alessia Signorelli

psicologo, psicoterapeuta


Consiglieresti la terapia di coppia anche in assenza di una vera e propria crisi?

Si, per capirsi meglio, o per prevenire una eventuale crisi futura o per essere aiutati ad affrontare alcune tematiche su cui si necessita di un confronto.

Quali sono i segnali più evidenti della depressione post partum?

Instabilità umorale, pianti improvvisi, isolamento sociale, talvolta anche difficoltà nel prendersi cura del proprio bambino.

La psicoterapia può essere utile anche per combattere disturbi alimentari?

Certo, il disturbo alimentare è considerato una medicina per combattere un qualcosa di più profondo. Ovviamente una medicina inefficace e dannosa per sé. Con la psicoterapia si può andare all'origine del disturbo alimentare e solo in un secondo momento il sintomo alimentare potrà regredire.

Quale domanda ricevi più spesso dai tuoi pazienti? Come rispondi?

"Lei cosa mi consiglia?" Io non sono qui per dare consigli ma per aiutare lei a trovare in sé le risorse per capire ed affrontare la situazione.
Giorgio Quaranta, psicoterapeuta Milano

Dr. Giorgio Quaranta

psicoterapeuta, psicologo, sessuologo


Consiglieresti la terapia di coppia anche in assenza di una vera e propria crisi?

Sì certo, talvolta affrontare le dinamiche quando si attraversa un periodo di "acque calme" consente migliori benefici! Si possono apportare profondi cambiamenti e miglioramenti.

Quali sono i segnali più evidenti della depressione post partum?

Al di là delle etichette e dei sintomi, il malessere della mamma, l'incapacità di vivere il nuovo ruolo senza perdere la propria identità di donna.

La psicoterapia può essere utile anche per combattere disturbi alimentari?

Certamente. Credo sia fondamentale affiancare un approccio più medico e focalizzato sul sintomo ad uno psicoterapico e sostegno e aiuto.

Quale domanda ricevi più spesso dai tuoi pazienti? Come rispondi?

Ogni paziente porta una domanda a sè, legata al proprio vissuto e alla propria storia!
Roberto Calia, psicologo Milano

Dr. Roberto Calia

psicologo, psicoterapeuta


Consiglieresti la terapia di coppia anche in assenza di una vera e propria crisi?

La terapia di coppia è indicata laddove ci sia una sofferenza della coppia, che non è quindi quella di uno o di entrambi i partner (Io - Tu): deve essere in crisi e in sofferenza il Noi costitutivo della coppia. Il paziente nella terapia di coppia è proprio il Noi.

Quali sono i segnali più evidenti della depressione post partum?

La depressione post partum va distinta da un normale stato di prostrazione nei giorni dopo la nascita, che può avvertirsi anche sul piano psichico. Sono invece da tenere sotto attenzione un disintetesse persistente verso il bambino, un senso di vuoto e di inutilità, nonostante la presenza del bambino e l'assenza di prospettiva verso il futuro.

La psicoterapia può essere utile anche per combattere disturbi alimentari?

I disturbi alimentari sono sempre riconducibili alla relazione precoce con la madre. Le loro radici si rifanno al fondamento psicobioligico della relazione mamma-bambino. Il bambino non si nutre biologicamente con il latte, ma con l'amore della madre: il binomio cibo-affetti è impossibile da scindere.

Quale domanda ricevi più spesso dai tuoi pazienti? Come rispondi?

La domanda più frequente (spesso non espressa direttamente nel primo colloquio) è relativa alla durata del trattamento. La mia risposta si rifá alla opportunità di affrontare non solo i sintomi del problema, ma le sue radici. La mia terapia si fonda sull'allargamento della condapevolezza di sé, che può limitarsi al semplice star meglio oppure alla capacità di gestira meglio i propri peoblemi interni, oppure ancora andare al suoeramento profondo dei problemi inconsci. In ogni caso non è quasi mai un lavoro di poche sedute, ma a medio e lungo termine (da tre-sei mesi, a oltre un anno di terapia)
Renzo Zambello, psicologo Milano

Dr. Renzo Zambello

psicologo, psicoterapeuta


Consiglieresti la terapia di coppia anche in assenza di una vera e propria crisi?

No.

Quali sono i segnali più evidenti della depressione post partum?

Il distacco emotivo della madre rispetto al bambino. La difficoltà che la madre prova nell'accudire il figlio.

La psicoterapia può essere utile anche per combattere disturbi alimentari?

Si certo. Tutti i disturbi alimentari trovano nella psicoterapia una delle prime scelte terapeutiche.

Quale domanda ricevi più spesso dai tuoi pazienti? Come rispondi?

"Quanto dura la Psicoterapia?" Rispondo: dipende da cosa lei vuole da sé. È come chiedere quanto dura una preparazione per salire in montagna. Dipende da dove uno vuole arrivare.
Bruno De Domenico, psicologo Milano

Dr. Bruno De Domenico

psicologo, psicoterapeuta


Consiglieresti la terapia di coppia anche in assenza di una vera e propria crisi?

Se necessaria sì, ma non la chiamerei terapia di coppia.

Quali sono i segnali più evidenti della depressione post partum?

Senso di vuoto, mancanza di voglia di vivere, vedere tutto nero.

La psicoterapia può essere utile anche per combattere disturbi alimentari?

Assolutamente sì, più di tante altre azioni basate su operazioni e metodi invasivi che in genere peggiorano soltanto.

Quale domanda ricevi più spesso dai tuoi pazienti? Come rispondi?

I pazienti non sono fatti con lo stampino, per fortuna. È importante che la terapia abbia effetti concreti e positivi anche nella vita quotidiana.
Maria Giuliana Rasi, psicologo Milano

Dott.ssa Maria Giuliana Rasi

psicologo, psicoterapeuta


Consiglieresti la terapia di coppia anche in assenza di una vera e propria crisi?

Crisi per me è ciò che soggettivamente viene percepito come problematico o doloroso. Chi sono io per dire cos'è una vera crisi?

Quali sono i segnali più evidenti della depressione post partum?

La depressione post-partum è quel generico senso di abbattimento e tristezza che a volte accompagna l'aver vissuto uno dei più grandi misteri che una donna ha la fortuna di compiere: dare alla luce un essere umano. Può essere che ci si senta sopraffatti da tanta meraviglia, che per qualche ragione non ci si senta degni... o più semplicemente che il nostro sistema corpo-mente abbia bisogno di trovare un nuovo assetto: ormonale, umorale ecc. Come comportarsi? Accettarlo senza spaventarsene troppo e lasciare che passi. Passa anche troppo in fretta.

La psicoterapia può essere utile anche per combattere disturbi alimentari?

Certamente. Di solito richiede lo sforzo congiunto di diversi professionisti e la collaborazione fattiva dei famigliari. Ma ricordiamoci che siamo una macchina perfetta. Tutto può essere riportato all'armonia.

Quale domanda ricevi più spesso dai tuoi pazienti? Come rispondi?

Non ho una casistica di domande. Le domande sono tante quante le individualità che incontro. È questa la bellezza, siamo tutti unici e irripetibili.
ALTRE INTERVISTE: