Il dottore racconta

Quali possono essere i principali effetti collaterali di un impianto dentale?

La mancata integrazione è uno dei principali.

Con quale frequenza è consigliabile effettuare una pulizia dei denti, in assenza di particolari sintomatologie?

Il paziente deve essere monitorizzato, se non ha problemi paradontali, una o due volte all'anno. Se invece presenta problemi di paradontite, ogni quattro mesi.

Un consiglio che daresti per vincere la paura di andare dal dentista.

Affidarsi al professionista. Oggigiorno, con i mezzi a nostra disposizione il dolore è solo un ricordo lontano.

Quali possono essere i principali effetti collaterali di un impianto dentale?

Un impianto dentale ben eseguito non dovrebbe dare alcun effetto collaterale se non positivo. Se parliamo di impianti non correttamente progettati o eseguiti, possono avere conseguenze di infezioni croniche, sanguinamento, dolore, alitosi, perdita della gengiva e tutte le manifestazioni di infezioni croniche.

Con quale frequenza è consigliabile effettuare una pulizia dei denti, in assenza di particolari sintomatologie?

Una volta all'anno, se si tiene una buona igiene.

Un consiglio che daresti per vincere la paura di andare dal dentista.

Cercare un dentista di cui davvero ci si fidi e non aver paura di fare domande per capire davvero cosa si sta facendo.

Quale domanda ricevi più spesso dai tuoi pazienti? Come rispondi?

"Farà male?" Rispondo: "Il dolore non esiste più in odontoiatria."
ALTRE INTERVISTE: