Salve mi presento, sono Ilaria e ho bisogno di ricevere dei consigli perché non riesco più a stare t

17 risposte
Salve mi presento, sono Ilaria e ho bisogno di ricevere dei consigli perché non riesco più a stare tranquilla e godermi le mie giornate perché sono continuamente in ansia perenne. Ho conosciuto il mio ragazzo due anni fa all inizio giustamente tutto rose e fiori, premetto che c’è tanto sentimento.. infatti poi abbiamo deciso di andare a vivere insieme è passato già un annetto, tutto bene fino a quando ci sono i litigi all inizio pensavo fossero una cosa normale , è normale che in una coppia ci sono litigi ma da quando sono diventato frequenti io non riesco a vivere tranquilla, litighiamo quasi ogni giorno e la causa principale forse sono io , solo perché dico quello che penso cioè che non sento ricevere le stesse attenzioni che do a lui, ogni volta che ne parlo mi sento dire che non è vero, che lui mi da sempre attenzioni ma sono sempre io che cerco un abbraccio sempre io che cerco disperatamente di ricevere attenzioni, non credo di essere pazza e il fatto che lui non l ho ammette mi devasta dentro, io do il100% in tutto quello che faccio, anche se abbiamo costruito tante cose insieme questa cosa mi logora , non sono più felice rispetto a prima, poi lui si difende dicendo che non è vero che sono io che mi faccio paranoie poi si arrabbia facilmente, è uno dei suoi difetti che ha contribuito a mettere questo disagio, non so più come comportarmi, poi c’è carenza di ascolto perché lui si arrabbia invece di ascoltarmi, cosa mi consigliate di fare o comportarmi?
Buonasera,
mi spiace per la sua situazione. Da quello che scrive, penso sia utile rivolgersi ad un professionista, in quanto sicuramente c'è dell'ansia da trattare più anche delle dinamiche di coppia da mettere a posto.
Cerchi uno psicologo qui sul portale che sia disponibile ad aiutarla.
Dott Tealdi

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Salve Ilaria, mi spiace molto per la situazione che descrive poi che comprendo il disagio connesso.
a mio parere, ha fatto bene a esprimere i suoi pensieri e vissuti emotivi legati alla situazione che sta vivendo. Ritengo che possa essere utile rivolgersi ad un professionista al fine di esplorare meglio la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente. È sempre spiacevole quando accadono situazioni di questo tipo Tuttavia ritengo che possano essere delle esperienze utili per trarre informazioni su ciò e si vorrebbe dall'altra persona e su quelli che sono i propri bisogni e desideri.
Cordialmente, dott FDL
Buonasera Ilaria, all’interno della coppia la comunicazione e la messa in discussione da parte di entrambe le parti è fondamentale. Mi sembra che lei si stia facendo carico delle responsabilità di entrambi. L’ansia che sperimenta é il campanello d’allarme della sua situazione. Varrebbe la pena fare chiarezza nelle sue emozioni e nei suoi vissuti. Valuti la possibilità di intraprendere un percorso psicologico, potrebbe trarne grande beneficio.
Dott.ssa Zena Ballico
Prenota subito una visita online: Consulenza online - 60 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Buonasera Ilaria, io le consiglio di intraprendere un percorso o di coppia o individuale. Questo al fine di capire se le sue sono richieste derivanti da bisogni suoi più lontani del tempo o se sono legati a una dinamica di coppia che magari si può spezzare con l’aiuto di un terapeuta esperto ad orientamento sistemico/relazionale
Un saluto
Dott. ssa V. Barucci
Salve come sicuramente lei avrà valutato le alternative che si possono prendere in considerazione sono legate ad un lavoro individuale ed uno di coppia. Nella sua nota non emerge questo interesse da parte del suo compagno ma si evidenzia il suo disagio per questa situazione. Pertanto potrebbe essere una buona possibilità contattare individualmente uno psicoterapeuta per valutare anche gli elementi che non si evidenziano nella sua nota e successivamente decidere sulle ulteriori o eventuali attività. La sua richiesta di attenzioni "non sento ricevere le stesse attenzioni che do a lui, ogni volta che ne parlo mi sento dire che non è vero" forse merita una maggiore attenzione ovvero potrebbe essere l'indice di un suo aspetto psicologico da leggere con maggiore attenzione. Ovviamente questa è solo una possibile ipotesi tutta da dimostrare vera e pertanto è sicuramente una buona possibilità consultare uno psicoterapeuta per approfondire queste ipotesi che sembrano emergere nella sua nota. Un cordiale saluto
Buongiorno, sarebbe importante andare a fondo delle emozioni che prova. Un percorso psicoterapeutico spesso è la chiave per risolvere questioni di coppia che inizialmente appaiono come un "l'altro non mi ascolta" e che invece esplorate accuratamente svelano altri significati, dando la possibilità di nuove prospettive sulla coppia.
Dott.ssa Camilla Ballerini
Buongiorno, mi dispiace per la situazione che sta attraversando. Spesso quando si è in ansia involontariamente siamo alla ricerca di conferme e rassicurazioni e dall'altra parte questo può non essere compreso oppure vissuto in modo "frustrante". Premettendo che non conosco nello specifico come si è strutturata la vostra relazione sul piano della condivisione emotiva, il mio consiglio è quello di richiedere un consulto psicologico per comprendere in modo approfondito l'origine della sua ansia, i motivi che la spingono a viversi in questo modo la relazione, se ciò che l'ha innescata è un modo di essere del suo compagno differente dal suo che le causa insicurezza e le fa chiedere più conferme o se lei si trova in un momento di maggior fragilità che la porta a focalizzarsi maggiormente su ciò che l'altro non fa piuttosto che su ciò che fa. Pertanto al fine di poterla aiutare sul modo in cui comunicare con l'altro e come ridurre il suo malessere, sarebbe importante innanzitutto dare un senso e un significato a ciò che sta attraversando.
Se lo desidera, resto a disposizione per un ulteriore supporto.
Un caro saluto, Dott.ssa Matilde Ciaccia.
Prenota subito una visita online: Consulenza psicologica - 50 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Buongiorno Ilaria, certamente la situazione descritta è una situazione molto densa ,fatta di preoccupazioni, fatica e stanchezza. Mi pare di comprendere che lei senta un forte legame col compagno ma che, di contro, non si senta ricambiata nella maniera che sente di desiderare e meritare. Questo spesso fa vivere nella fatica, nei dubbi e nella sofferenza. Mi pare di comprendere che voglia avere più chiara la situazione e mi sembra di capire che lei voglia lottare per questo rapporto. Penso che esplorare i suoi vissuti e dare un volto più conosciuto a quanto la fa soffrire sia la migliore possibilità che lei si possa dare. A volte, un luogo ed uno spazio in cui far fluire quanto abbiamo dentro può cambiare le nostre prospettive e le nostre vite.

Cordialmente

Andrea Brumana
Buon Giorno Ilaria mi colpisce l'assenza di tranquillità e di serenità di cui lei parla in una coppia che sembra essere abbastanza giovane (due anni se non sbaglio..). La mancanza di felicità che lei prova non deve pensare sia colpa sua. Spesso ricordo ai miei pazienti che la coppia non è fatta solo di un individuo, e a volte neanche da due, a volte la coppia è un insieme di individualità, di bisogni, di desideri, di aspettative; e da quello che lei scrive sembra che ora ci sia stato un cambiamento. Sarebbe importante capire insieme ad uno Psicoterapeuta cosa ha determinato nella relazione una modificazione di questa portata? Come mai si è passati da una fase "rosa e fiori" ad una in cui sembra prevalere rabbia e litigi? Può proporre una terapia di coppia al suo ragazzo chiedendogli di voler migliorare la situazione attuale nella quale sicuramente tutti e due non state più bene come prima; se però lui non accettasse questa possibilità di cambiamento, le consiglio di intraprendere lei una Psicoterapia individuale. Se dovesse aver bisogno di altro può contattarmi anche per un colloquio da remoto. Un caro saluto, Dott.ssa Francesca Romana Manni.
Prenota subito una visita online: Colloquio psicologico - 80 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Buonasera Ilaria, mi dispiace per i conflitti che sembra si siano innescati nella vostra giovane coppia. Quando la "luna di miele" finisce, la coppia deve superare una sfida, ossia riuscire a mantenere le caratteristiche dell’amore, nel quotidiano. Questa fase ideale della coppia non può durare per sempre e non sarebbe neanche psicologicamente sana se durasse, perché significherebbe vivere mistificando la realtà dei fatti.
Ecco perchè potrebbe essere utile rivolgersi ad un professionista con il quale poter esplorare delle strategie e risorse per potersi sentire amati, ascoltati, sostenuti anche nelle fasi successive della coppia. Su questo portale troverà sicuramente una/o psicologo/a disposti ad aiutarla e ascoltarla, anche su una piattaforma online.Cordialmente, Dott.ssa Violeta Raileanu
Buonasera ,credo che le sarebbe molto utile una consulenza psicologica.Le sue richieste sono legate ad un profondo bisogno affettivo? Oppure da una dinamica di coppia sbilanciata ? Sì tratterebbe di capire ed è necessario approfondimento psicologico.Un caro saluto dottssa Luciana Harari
Cara utente, comprendo il suo disagio. Credo sia importante condividere insieme l'idea di affrontare una terapia di coppia e se questo non dovesse essere possibile può valutare di intraprendere un suo percorso personale. Questo l'aiuterebbe molto a comprendere meglio cosa desidera, di cosa ha bisogno e cosa c'è alla base della sua ansia.
Rimango a disposizione se ha bisogno.
Saluti,
Dott.ssa Federica Leonardi
Buonasera, sarebbe importante capire questo suo stato ansioso, la storia di questa ansia, lavorare su questa perché un maggior benessere interiore può certamente contribuire a vivere le situazioni in modo diverso. Sarebbe, inoltre, utile comprendere il suo livello di autostima e sicurezza personale, altri due elementi che influiscono fortemente nel modo di rapportarci agli altri. Non specifica la sua età, comunque per la vostra relazione potrebbe essere utile un percorso di coppia, per riflettere, con una terza persona neutrale, sui vostri bisogni, il modo di vedere e vivere una relazione.
Resto a disposizione per qualunque chiarimento, un caro saluto dottoressa Paola De Martino
Gentile utente, qualcosa in lei potrebbe essere cambiata, magari cerca più attenzioni rispetto a prima o vede la sua vita di coppia con occhi diversi. Per capire le motivazioni potrebbe richiedere un consulto psicologico che la aiuti a fare chiarezza.
Cordiali saluti
Dott.ssa Valeria Randisi
Cara ragazza,

lei è portatrice di una istanza di coppia, per tanto potrebbe esser opportuno affrontare in un setting terapeutico di coppia le problematiche da lei evidenziate. Lo specialista per eccellenza in questi casi è uno psicoterapeuta sistemico-relazionale esperto in terapia di coppia. In terapia di coppia si lavora affinché i partner imparino a relazionarsi in modo armonico e amorevole, anche su problemi come quelli da lei evidenziati, a prescindere dalle difficoltà personali delle persone prese come singole (difficoltà che potrebbero essere affrontate in una terapia individuale). E’ la coppia che si mira a far funzionare in una terapia di coppia. Potrebbe aiutarvi a trovare un nuovo equilibrio e consentirvi di stare ancora insieme. Nella speranza di aver orientato con queste poche righe la domanda di cui si è fatta portatrice.

Cordiali Saluti
Dottor. Diego Ferrara
Salve, immagino che questa situazione non la fa stare tranquilla e che le causa dispiacere. Capisco che per una coppia non è facile comunicare sempre in modo funzionale perché vi sono sentimenti intensi in gioco. Da quello che ho letto, le posso consigliare di provare a comunicare seguendo queste tre indicazioni: comunicare il suo bisogno con un tono di voce moderato e calmo, ascoltare il bisogno dell'altro e insieme arrivare ad un compromesso. Questo significa essere assertivi nelle relazioni interpersonali. L'aspetto su cui vorrei porre l'accento è la parola negoziazione: significa che entrambi i partner ottengono qualcosa e nessuno perde nulla. Ad esempio se lei vorrebbe maggiori manifestazioni di affetto glielo può comunicare e insieme decidere quante frequenti possono essere?
Oltre a ciò, è opportuno lavorare e conoscere i pensieri che elicitano il disagio emotivo per modificarli e renderli più accettabili e aderenti alla realtà.
Spero di averle dato degli spunti di riflessione.
Sono convinta che con il supporto di uno psicologo migliorerà la comunicazione con il suo compagno.
Rimango a disposizione per dubbi e domande
Buona serata
Buonasera Ilaria, si rivolga ad uno psicoterapeuta che può capire la natura di questo problema.
Innanzitutto dovrebbe chiedersi se questo vissuto di "non attenzione" è qualcosa che nasce ora con l'attuale partner o capita in altre situazioni di vita: storia familiare, amicizie, altri partner.
Consideri poi, che in ogni crisi c'è sempre un'opportunità di crescita e che la coppia è il luogo ideale per capire se stessi e imparare qualcosa di nuovo su di sè e sull'altro.
Spero di esserle stata utile
Dr.ssa Francesca Pannone

Esperti

Agnese Pierobon

Agnese Pierobon

Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico

Mestre

Prenota ora
Paola Pacifico

Paola Pacifico

Psicologo, Psicoterapeuta

Roma

Prenota ora
Giulio Massafra

Giulio Massafra

Psicologo, Psicologo clinico

Tricase

Prenota ora
Germana Micaela Galizia

Germana Micaela Galizia

Psicologo, Psicoterapeuta

Roma

Prenota ora
Mattia Michisanti

Mattia Michisanti

Psicologo, Psicologo clinico

Roma

Prenota ora
Silvestro Lecce

Silvestro Lecce

Psicologo, Psicologo clinico

Milano

Prenota ora

Domande correlate

Hai domande?

I nostri esperti hanno risposto a 39 domande su terapia di coppia
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.