Salve. Sono una ragazza di 39 anni. La settimana scorsa ho avuto la pressione alta per la prima volt

20 risposte
Salve. Sono una ragazza di 39 anni. La settimana scorsa ho avuto la pressione alta per la prima volta. Soffro già di ansia ma non ho mai preso pastiglie di nessun tipo e riesco a bloccarlo appena la sento. Di solito non ho problemi di sonno, dormo sia alle 22 che alle 2 o 3 di notte. Ma domenica sera ho preso metà brontizolam per dormire, perché la notte prima ho chiuso gli occhi dopo le 3 di notte. Ho dormito 8 ore, anche la sera dopo ho dormito 9,5h. Martedì mi sono svegliata bene, il problema è arrivato la sera. Ero sveglia tutta la notte fino le 5.30. Preso un'altra metà e dormito quasi 6ore. Prendo una intera pastiglia da sabato, dormito 5,5h. Ieri sera preso anche ma non ho dormito per niente. Ho il volo di rientro a casa oggi e sono già in ansia come riuscire a volare, girare in aeroporto e prendere i mezzi per arrivare a casa.
Grazie in anticipo per la risposta.
Buona giornata.
Salve, i farmaci che sta prendendo le sono stati prescritti dal suo medico di fiducia? Comunque, una volta tornata a casa, si confronti con un terapeuta per comprendere l’origine della sua ansia. L’approccio psicodinamico o psicoanalitico potrebbe decisamente aiutarla.
Buona giornata.
Dott. Fiori

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Salve, Mi dispiace molto per la situazione che descrive poiché comprendo il disagio correlato. Attenzione a non utilizzare i farmaci in modalità faidate poiché gli effetti collaterali potrebbero aggravare la sintomatologia in atto Dunque le consiglio di rivolgersi al medico per avere indicazioni precise per ciò che concerne la posologia adatta e, soprattutto, ritengo possa essere utile un consulto psicologico per approfondire meglio gli aspetti di cui parla, indagare sulle cause, origini e fattori di mantenimento dei sintomi presentati e per trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL
Salve, per i farmaci trovi un medico che sia in grado di seguirla passo passo sia per l'insonnia che per l'ansia. Mi sembra di capire che l'ansia fin ora era sotto controllo. Adesso qualcosa è cambiato e questo indica che anche nella sua vita probabilmente stanno avvenendo alcuni cambiamenti e ciò che era più o meno in equilibrio prima adesso non lo è più. L'ansia si può curare anche con un buon percorso di psicoterapia.
Dott.ssa Camilla Ballerini
Buongiorno! Se avverte ansia e insonnia da più settimane, le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta per evitare che la sofferenza diventi cronica ed abbia effetti duraturi. Saprà il professionista orientarla nella comprensione e gestione dei sintomi. Non esiti, chieda aiuto il prima possibile e tutto si risolve rapidamente! Cordiali saluti. Dott. Roberti
Buona sera gentile utente, grazie per averci contattato e per averci raccontato il suo vissuto. Le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta, in quanto l'ansia è sempre una manifestazione di qualcos'altro che potrà imparare a gestire con un professionista. L'ansia si può curare, potrà stare meglio. Chiedere aiuto non è un segno di debolezza, è un modo per prendersi cura di sè.
Non esiti a contattarmi in caso di necessità.
Un caro saluto,
dott.ssa Chiara De Battisti
Prenota subito una visita online: Consulenza online - 60 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Gentile Amica,

i farmaci possono essere di aiuto, ma raramente sono risolutivi. Inoltre andrebbero presi esclusivamente dietro prescrizione medica. Eviti l'autoprescrizione, perché potrebbe complicare le cose.
Ha considerato di intraprendere una psicoterapia? Potrebbe chiarire i motivi dell'ansia che ha provato.
Con i migliori auguri,
dr. Ventura
Buongiorno. Dovrebbe parlare con il suo medico di fiducia degli effetti che i farmaci hanno sul suo ciclo del sonno, così da adeguare i dosaggi alla sua necessità di volta in volta. Inoltre potrebbe esserle utile un percorso con uno psicologo per comprendere la natura dell’ansia che prova e che potrebbe concorrere all’irregolarità del sonno che riporta.
Un percorso farmacologico unito ad uno psicologico potrebbe garantirle dei risultati più soddisfacenti.
Se decidesse di intraprendere questa strada, mi rendo disponibile per un consulto più approfondito e specifico per la sua situazione, anche online.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.
Buongiorno, per prima cosa è fondamentale che i farmaci e il loro dosaggio venga sempre gestito e controllato da un medico, il fai da te non porta mai a risultati positivi. Associare poi al farmaco un lavoro psicologico sarebbe la soluzione ottimale così da capire l'origine del suo malessere.
Saluti, dott.ssa Marini
Salve, comprendo il suo disagio e la difficoltà nell'affrontare questa situazione, ma se davvero necessita di un farmaco credo sia necessario consultare un medico. Inoltre per poter approfondire la natura ed il motivo del suo malessere potrebbe esserle utile intraprendere un percorso di psicoterapia.
Cordiali saluti.
Salve. I farmaci possono aiutare ma è importante comprendere la causa del problema. Forse ha una forte tensione causata dall'ansia che le provoca insonnia. Un percorso psicoterapeutico può aiutarla ad affrontare da cosa possono essere causate le tensioni che non la fanno dormire. Meglio se una psicoterapia corporea che lavora anche sulle tensioni fisiche che trattengono le tensioni emotive. Distinti saluti
Buonasera, prima di tutto è importante che lei abbia un medico di riferimento che la possa seguire nella gestione del farmaco. L'autosomminustrazione potrebbe avere degli effetti collaterali sgradevoli e controproducenti.
Per quanto concerne la sua ansia la sensazione che ho leggendo le sue poche righe è di un'ansia non ancora così pervasiva e paralizzante. Se trattata tempestivamente con l'aiuto di uno specialista potrebbe ottenere ottimi risultati in tempi relativamente brevi.
Rimango a sua disposizione per qualsiasi necessità
Dott.ssa Alessia D’Angelo
Buonasera
Immagino che i farmaci siano stati prescritti da uno specialista e al suo rientro è importante consultarlo per eventuali modifiche. L'ansia però si riesce a risolvere definitivamente con una psicoterapia con EMDR, provi a fare una consulenza con un esperto.
Cordiali Saluti
Dott.ssa Tiziana Vecchiarini
Anche io le consiglio di confrontarsi con un medico per la terapia farmacologica, ma per i sintomi di cui parla associ poi anche una psicoterapia
Buon pomeriggio, le consiglio un percorso psicologico per poter comprendere i problemi che sta avendo con il sonno. Molte volte sono legati a problemi di ansia generalizzata e possono diventare cronici se non affrontati a tempo.
Se ha bisogno di una consulenza, non esiti a contattare uno psicologo che possa aiutarla ad affrontare tale disagio.
Dr.ssa C.M
Buongiorno, consiglio come sempre di rivolgersi esclusivamente al parere del medico prescrivente.

Cordialità

MT
Gentile utente, le consiglio di rivolgersi ad uno specialista psichiatra per gestire la terapia farmacologica, e non ricorrere ad automedicazione. In contemporanea, valuti di intraprendere un percorso psicoterapeutico per comprendere la sua sintomatologia ansiosa così come l'insonnia e sconfiggerle. Un caro saluto
Buongiorno. Il mio consiglio è quello di confrontarsi con un medico per la terapia farmacologica. Inoltre, sarebbe fondamentale intraprendere un percorso psicoterapico per riuscire a superare tale sintomatologia e ritrovare la serenità. Cordialmente, dott.ssa Valentina Maccioni
Buongiorno e grazie per aver parlato con noi della sua situazione che comprendo non debba essere facile. Le difficoltà con il sonno ci trascinano spesso in un circolo vizioso per cui si crea ansia perchè non abbiamo dormito e poi ansia per paura di non dormire (senza dimenticare ovviamente la stanchezza che deriva dal non riuscire ad avere orari e ore di sonno abbastanza certe). Quello che posso dirle è che assumere farmaci per dormire può essere la soluzione giusta, a patto che il farmaco e le modalità di assunzione siano state spiegate ed indicate da un professionista del settore a seguito di una consultazione. Detto questo, affiancare all'aiuto farmacologico un percorso psicologico può diventare molto utile per cercare di elaborare e comprendere i vissuti e le fatiche che si nascondono dietro alle sue preoccupazioni circa il sonno. Spesso dietro a queste situazioni si celano dei significati che meritano di essere ascoltati e compresi così da poter tornare pienamente padroni della nostra vita. Sperando di esserle stato utile, le auguro una buona giornata. Cordialmente, Andrea Brumana
Prenota subito una visita online: Primo colloquio psicologico
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Buonasera,
Non ho ben chiara quale sia la sua richiesta.
Qualora avesse voglia di lavorare sulla sua ansia, sarei ben lieta di aiutarla. È molto importante riuscire a capire cosa attiva quest’ansia, che senso ha per lei e quali risorse attivare per riuscire a ridurla.
Talvolta può capitare che l’ansia vada ad intaccare sul sonno ed il riposo di una persona.
Qualora dovesse avere bisogno di parlarne e di approfondire la questione, può contattarmi così da fissare un appuntamento.
Salve signora mi dispiace per quello che sta vivendo in questo periodo. Mi sento di raccomandarla a prendere i farmaci sotto prescrizione medica piuttosto che in autonomia. I farmaci possono alleviare il problema ma non sono risolutivi. Per questo anche io come i miei colleghi le consiglio di rivolgersi ad un terapeuta della sua zona. Cari saluti

Esperti

Maria Giuseppina Biddau

Maria Giuseppina Biddau

Psicologo, Psicoterapeuta

Sassari

Stefano Vollaro

Stefano Vollaro

Neurologo

Cremona

Anna Maruzzi

Anna Maruzzi

Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico

Cantù

Mohammad Natour

Mohammad Natour

Terapista del dolore, Agopuntore, Omeopata

Genova

Francesco Benincasa

Francesco Benincasa

Internista, Neurologo

Torino

Diego Italo Emilio Bonetti

Diego Italo Emilio Bonetti

Medico dello sport, Psicoterapeuta

Milano

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 65 domande su Insonnia
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.