Buona sera oggi ho scoperto che mio compagno ha speso una cifra importante per i gratta e vinci .La

17 risposte
Buona sera oggi ho scoperto che mio compagno ha speso una cifra importante per i gratta e vinci .La cosa che mi ha delusa di più e il fatto che mi ha rubato dei soldi per questo vizio e mi ha detto un sacco di bugie.Alla fine ha riconosciuto che ha questo problema e mi ha detto che ormai ha smesso di giocare da due settimane ed è intenzionato di non ripetere più questo errore.Li ho proposto di rivolgersi ad un specialista però si è rifiutato dicendomi che non ce bisogno.Purtroppo io non riesco più ha fidarmi penso che può ricadere in qualsiasi momento.Non voglio più nella mia vita una persona del genere.Mi dispiace tantissimo per lui ma io non posso rischiare il mio benessere e quello del mio figlio.Ognuno deve essere responsabile di se stesso perché se non lo è non lo potrà essere neanche nei confronti della sua famiglia.Non posso e non voglio fare il salvatore di nessuno .GRAZIE e scusate lo sfogo
Salve, mi dispiace per il periodo che sta vivendo e non deve scusarsi per lo sfogo.
Obbligare una persona ad iniziare un percorso psicologico sarebbe solamente controproducente, quindi valuti se con il tempo il suo compagno cambierà idea. Cerchi di confrontarsi con lui in un momento di calma.
Buona giornata.
Dott. Fiori

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Buongiorno, mi dispiace tanto per la sua situazione Le consiglio di far intraprendere al suo compagno o se vuole intraprenderlo insieme un percorso con un professionista al fine di valutare i fattori scatenanti del disagio che vive ( da quanto tempo si manifesta c’è stata una particolare situazione un particolare pensiero che lo ha innescato?) fattori di mantenimento (in quali stazioni si manifesta questo disagio? Quali pensieri ho in quel momento? Quali conseguenze teme che potrebbero accadere?)
Un percorso con un professionista può aiutarla a comprendere meglio il suo disagio Ed affrontarlo nel miglior modo possibile. Cordiali saluti Dottor Luca Ferretti
Salve, mi spiace molto per la situazione ed il disagio espresso.
Comprendo quanto possa essere difficile per lei convivere con questa situazione da lei riportata.
Ritengo che possa essere utile per lei un percorso psicologico per elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi alla situazione da lei riportata.
Cordialmente, dott FDL
Salve. Ha fatto bene a sfogarsi, perché può aiutare a chiarirsi le idee. La fiducia in un rapporto di coppia è importante, e, mi sembra di aver capito che al momento sente di non riuscire più a fidarsi del suo compagno e non è sicura se vuole aiutarlo ad affrontare il problema, come dice lei, a salvarlo. Se decidesse di restargli vicina sarebbe consigliabile affrontare il tutto anche in un percorso di terapia di coppia, oltre a un percorso individuale del suo compagno, se decide.
Se decide di separarsi, valuti la possibilità di un percorso psicoterapeutico per lei, per elaborare la il vissuto di questo momento della sua vita. Distinti saluti.
Dalle sue parole sembra attraversare un momento davvero particolare che meriterebbe di essere condiviso. I suoi vissuti, anch'essi così importanti e delicati, necessiterebbero di essere ascoltati e approfonditi in un contesto terapeutico, certamente un percorso psicologico la aiuterebbe a fare chiarezza e ad affrontare questo momento. La psicoterapia è prima di tutto un viaggio, un'esplorazione di noi stessi con la compagnia di qualcuno a cui affidarsi e su cui poter contare che può aiutarci a conoscerci meglio, a sondare parti di noi emozioni, pensieri, prospettive ancora sconosciuti che è arrivato il momento di incontrare. Le suggerisco di valutare l'inizio di un percorso di terapia con la compagnia di qualcuno che si sintonizzi al meglio con le sue necessità e aspettative, in caso mi trova disponibile ad riceverla (attraverso la video-consulenza online) e, se mi permette, la invito con piacere a ritagliarsi qualche minuto per leggere la mia descrizione presente su questa piattaforma e farsi una prima idea di me del mio approccio; se la lettura le piacerà e se la motiverà a mettersi in gioco (scegliere di affrontare il nostro dolore è una scelta molto coraggiosa e una scommessa su noi stessi!), mi troverà felice di accoglierla. Resto a sua disposizione e, se vuole, la aspetto. Un gentile saluto
Buonasera Gentile Utente, mi dispiace per la situazione che sta vivendo. Purtroppo se il suo compagno non accetta di essere aiutato, non è possibile obbligarlo. Il percorso psicoterapeutico richiede necessariamente la compartecipazione di tutti gli attori in gioco. La sua decisione è più che legittima. Le faccio un grande in bocca al lupo affinché la situazione si risolva al meglio. Cordialmente, dott. Simeoni
Buonasera, ciò che ha condiviso è molto importante e significativo: non può e non deve essere la salvatrice di nessuno. Può valutare, qualora ne sentisse la necessità, la possibilità di un consulto psicologico per sostenersi in prima persona dato il peso di ciò con cui convive.
Un saluto,
Dott.ssa Ilaria Rasi
ha pensato di chiedere il parere di uno specialista per aiutare suo marito ?
Prenota subito una visita online: Consulenza online - 30 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.
Buongiorno, qual è il suo bisogno? Sembra che lei abbia deciso ed è certa della sua posizione. Ha pienamente diritto di non restare accanto ad un uomo di cui non si fida ed è lei l'unica che può scegliere se restargli accanto oppure no. Se il suo sfogo cela una rihiesta di consenso, come dicevo, solo lei può sapere/sentire che cosa è bene per sè. I "salvatori" a volte sono necessari, meglio se professionisti però. Dott.ssa Franca Vocaturi
Salve,
comprendo la situazione che si trova a vivere in questo momento. Penso che se suo marito non è disponibile ora a ricevere un aiuto, sarebbe invece molto importante per lei poter essere sostenuta nella situazione che si trova ad affrontare, per capire cosa sta succedendo e sopratutto come proteggere suo figlio. Resto a disposizione. Un saluto cordiale. Dott.ssa Di Giovanni
Buongiorno, mi dispiace molto per la situazione che sta attraversando. Molto spesso il giocatore non si rende effettivamente conto di essere intrappolato in un vero disturbo ossessivo compulsivo e pensa di averne il controllo e di poter smettere quando vuole, di poter recuperare quanto ha perso, sia economicamente che socialmente. Probabilmente per questo motivo suo marito ha rifiutato l'aiuto di uno specialista. Di conseguenza, penso sia opportuno per Lei e suo figlio chiedere un supporto per meglio affrontare la situazione... perchè nessuno conosce i tempi necessari affinchè suo marito prenda consapevolezza di essere intrappolato in un perverso gioco al massacro ed acconsenta di farsi aiutare. Cordiali saluti, dr. Germi
Buongiorno, penso che abbia fatto bene a non mettersi nel ruolo del salvatore e quindi aver invitato suo marito a rivolgersi ad uno specialista, d'altra parte per accettare l'aiuto deve percepire il problema e sembrerebbe che lo sottovaluti. Capisco benissimo la sua posizione, può pensare anche ad un supporto per lei nel caso in cui la gestione e il sostegno di questa situazione diventi difficile.
Un saluto
Dott.ssa Daniela Galati
Salve, capisco lo sfogo e il risentimento dopo aver scoperto quanto ha descritto. Condivido la sua preoccupazione riguardo la possibilità che il suo compagno possa avere una dipendenza dal gioco e che non sia possibile uscirne, se non aiutato da uno specialista. Il fatto che sia stata lei a scoprire quanto avvenuto e che, nonostante questo, il suo compagno abbia rifiutato di farsi aiutare, non crea certo i presupposti per una situazione facile da gestire. Le consiglio di prendere un po' di tempo per valutare tutti gli aspetti e scegliere che strada prendere in modo più consapevole. Un grande in bocca al lupo e resto a disposizione per qualsiasi eventualità
Salve, quando il vizio del gioco evolve in una dipendenza patologica avere buona volontà non basta.
Per vincere una dipendenza, come può essere quella del suo compagno, occorre un aiuto terapeutico.
Visto che la situazione vi coinvolge a livello familiare potrebbe pensare di chiedere un supporto psicologico anche lei per far fronte a questo momento difficile e gestire al meglio la situazione.
Saluti D.ssa Michela Mariani
Cara,
parlarne in questa chat è stato sicuramente di lieve conforto per lei e fonte di sfogo, ha fatto bene a farlo. Il consiglio però, in accordo anche da quanto scritto da altri colleghi, è quello di trovare uno spazio per lei, un luogo dove i suoi vissuti possano essere accolti e correttamente elaborati con l'aiuto di un professionisti.
Gentilmente, Dott.ssa Dainelli Irina
Buonasera, penso che al momento attuale, rivolgersi ad uno psicologo potrebbe esserle di aiuto per fare chiarezza e avere maggiore comprensione del periodo e della difficoltà che sta vivendo. Qualora volesse, sono a disposizione. Un saluto, Dott. Alessandro D'Agostini
Buonasera, assolutamente non si deve scusare per il suo sfogo, posso solo immaginare quanto complessa sia la situazione che sta vivendo. Purtroppo il familiare di una persona con dipendenza, vive un forte stress e disagio psicologico che può comprendere chi vive una situazione analoga. Se sente il bisogno di ricevere un sostegno psicologico, potrebbe rivolgersi ad uno psicologico e alleviare il malessere causato da questa realtà. La saluto

Esperti

Palmira Montrone

Palmira Montrone

Psicoterapeuta, Psicologo

Milano

Sonia Maria Cuicchi

Sonia Maria Cuicchi

Psicoterapeuta

Serra San Quirico

Giusy Morabito

Giusy Morabito

Psicoterapeuta

Belpasso

Maria Pasquadibisceglie

Maria Pasquadibisceglie

Psicoterapeuta

Roma

Tatiana De Santis

Tatiana De Santis

Psicoterapeuta

Roma

Giulia Fantuzzi

Giulia Fantuzzi

Psicologo, Sessuologo

Torino

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 46 domande su Ludopatia
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.