Candidosi - Informazioni, specialisti, domande frequenti.

Informazioni su Candidosi

L’infezione da candida (candidosi, moniliasi o candidiasi) è un’infezione di natura micotica, che può comparire sulla cute o a livello delle mucose (genitali, orali) e manifestarsi anche come infezione sistemica.

La candidosi cutanea può manifestarsi anche in prossimità delle grandi pieghe cutanee della zona sottomammaria, nella regione ascellare, sulle unghie, negli spazi interdigitali di piedi e mani, nel solco intergluteo.

La candidosi sulle unghie e tra le dita di mani e piedi è frequente nei pazienti affetti da diabete e nelle persone che hanno mani e piedi frequentemente a contatto con l’acqua (gli ambienti umidi facilitano infatti la proliferazione del microrganismo della candida).

Le infezioni cutanee dovute alla candida sono solitamente circoscritte allo strato corneo dell’epidermide, ad eccezione della candidosi mucocutanea cronica, dove l’infezione si spinge fino al derma.

La CMC (candidosi mucocutanea cronica) è una infezione micotica di natura cronica causata da candida albicans, che provoca lesioni sulla cute, accompagnate da lesioni a livello della mucosa orale e - talvolta - da esofagite. Questa patologia può manifestarsi nel corso dei primi anni di vita ma anche su pazienti adulti, affetti da deficit del sistema immunitario. La candidosi mucocutanea cronica può essere associata a diabete e disordini endocrini.

Le infezioni di natura micotica causate da candida possono manifestarsi anche nella zona genitale: ciò porta a balanopostiti e balaniti nell’uomo e a vaginiti nelle donne.

La più comune tra le infezioni micotiche da candida della mucosa orale è il mughetto, che si manifesta di solito come fenomeno acuto ma che può trasformarsi in recidivante e cronico nei pazienti affetti da patologia diabetica, da malattie immunodepressive o che stiano seguendo una cura a base di farmaci corticosteroidi per via inalatoria. Questi soggetti presentano anche una incidenza maggiore della malattia.

Nelle donne, la candidosi vaginale può - in alcuni casi - diventare cronica e recidivante. Si parla di candidosi vaginale ricorrente se, nel corso di un anno solare, l’infezione si manifesta almeno 4 volte.

Manifestazioni infettive da candida che assumano carattere recidivante o resistente ai farmaci, possono indicare la presenza di altre patologie (es. La candidosi recidivante alla mucosa orale, può essere il primo sintomo dell’infezione dovuta ad HIV).

In alcuni casi, la candidosi può diventare una infezione sistemica e diffondersi attraverso il sangue infettando diversi organi (milza, ossa, reni, etc.). L’incidenza delle candidosi sistemiche è più alta in pazienti affetti da depressione del sistema immunitario. Nelle casistiche più gravi, la candidosi sistemica può causare la sepsi.

Esperti in candidosi

Trova esperti in Candidosi nella tua città:
Sergio Di Leo

Sergio Di Leo

Ginecologo

Palermo

Samantha di Geso

Samantha di Geso

Nutrizionista, Dietista

Milano

Patrizia Gasparini

Patrizia Gasparini

Ginecologo

Milano

Alessandro Benini

Alessandro Benini

Dermatologo

Santarcangelo di Romagna

Marco Pistis

Marco Pistis

Ginecologo

Cagliari

Anna Maria Ferri

Anna Maria Ferri

Ginecologo

Roma

Domande su Candidosi

I nostri esperti hanno risposto a 22 domande su Candidosi

Gentile Signora in base alla sintomatologia e all'antibiogramma andrebbe eventualmente impostata una terapia. Cordiali saluti.
2 risposte

Prof. Carlo Rando
Prof. Carlo Rando
Andrologo, Chirurgo generale, Urologo
Milano
io ritengo che non si debbano prescrivere farmaci, soprattutto pesanti come il fluconazolo o il cortisonico, senza avere la certezza della diagnosi. Inoltre una candidiasi si sviluppa con l'inibizione…
2 risposte

La presenza della candida a livello vaginale non sarà certo la causa ne attuale ne futura della sua infertilità se non X il fastidio arrecato e quindi diminuzione della frequenza dei rapporti…
2 risposte

Quali sono i professionisti che curano Candidosi?


Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.