Buonasera, ho 53 anni alta cm 161 x kg 70. In menopausa già da tre anni, ho tentato vari programmi alimentari ma nulla di costruttivo è accaduto. Ho lasciato l’attivita sportiva da 4 anni e faccio un lavoro sedentario. Riconosco negli ultimi anni la mia passione per i carboidrati ma comunque pur cercando di seguire una più corretta alimentazione non riesco a portare a termine nessun programma. Spesso, soffro di attacchi di fame incontrollabili...Credo di aver bisogno di un programma alimentare che tenga conto del mio periodo menopausale.
Giusto o sbaglio?
Dr. Daniele Consoli
Dr. Daniele Consoli
Endocrinologo, Diabetologo, Dietologo
Siracusa
In menopausa, la progressiva riduzione sino alla cessazione dell'attività ovarica determina un abbassamento del suo metabolismo basale, rendendo più complicato il raggiungimento di un dimagrimento, anche con diete che su di lei, in altro periodo, hanno funzionato.
Il consiglio è, più che focalizzare l'attenzione sul regime dietetico (che dev'essere comunque bilanciato e settato sulla sue caratteristiche antropometriche e stile di vita), comincerei a pensare a come bruciare quelle calorie che il mio organismo, adesso in menopausa, non bruca più.
In altri termini, scelga un'attività fisica e la pratichi in maniera strutturata.
La salute non è dato da un numero sulla bilancia ma dallo stile di vita. Per stare bene oltreché mangiare bene, bisogna necessariamente muoversi.
Detto questo, se si escludono patologie metaboliche (comunque curabili), e se tutto viene fatto in maniera corretta, il dimagrimento può essere ottenuto.
Assolutamente. Forza!

Dr. Silvia Ciani
Dr. Silvia Ciani
Dietologo, Nutrizionista
Firenze
Concordo pienamente con quanto detto dal collega, lo stile di vita non riguarda solo la modalità di alimentarsi, piuttosto quella di "comportarsi". Attraverso il movimento e la modifica di quei comportamenti automatici, abitudinari, psicologici, che hanno innescato il progredire della sedentarietà, l'aumento di peso, l'alterazione del senso di sazietà, è possibile tornare ad un equilibrio (che puo' essere inteso anche come arresto dell'aumento ponderale), mantenibile nel tempo.

Dr. Massimiliano Brizio
Dr. Massimiliano Brizio
Internista, Dietologo, Nutrizionista
Torino
Aggiungo che il problema della "fame incontrollabile" come la descrive lei è un problema che deve essere affrontato con specifiche tecniche cognitivo-comportamentali. E' una situazione perniciosa che può portare al fallimento di qualsiasi tentativo praticato, oltre alle ripercussioni inevitabili sulla propria motivazione, continuamente minata dal senso di fallimento. Certamente il calo dei fabbisogni conseguenti al periodo menopausale è un fattore sfavorevole, ma non è una ragione per rinunciare.

Specialisti per consulenza nutrizionale

Katrin Kurz

Katrin Kurz

Nutrizionista, Dietista, Dietologo

Bolzano

Prenota ora
Maurizio Ridolfi

Maurizio Ridolfi

Endocrinologo, Diabetologo, Dietologo

Roma

Prenota ora
Daniele Consoli

Daniele Consoli

Endocrinologo, Diabetologo, Dietologo

Siracusa

Prenota ora
Consolato Cavallaro

Consolato Cavallaro

Gastroenterologo, Epatologo, Dietologo

Catania

Prenota ora
Fabiana Contri

Fabiana Contri

Nutrizionista, Medico estetico

Roma

Prenota ora

Domande correlate

Hai domande?

I nostri esperti hanno risposto a 21 domande su consulenza nutrizionale

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.