Tiroidite di hashimoto - Informazioni, specialisti, domande frequenti

Informazioni su Tiroidite di hashimoto

La tiroidite cronica di Hashimoto è una patologia infiammatoria autoimmune della tiroide, che si caratterizza per una cronica infiltrazione linfocitaria. Questa patologia, spesso silente, in molti casi può condurre gradualmente ma in modo irreversibile a una ipofunzione della tiroide e a un quadro di ipotiroidismo.

È la malattia tiroidea più frequente nelle aree del globo caratterizzate da una sufficiente presenza di iodio, si presenta raramente invece nelle zone a carenza iodica.

La genesi della tiroidite di Hashimoto è dovuta a un processo infiammatorio di carattere autoimmune, che distrugge i follicoli. I fattori di rischio più comuni sono:

  • Genetici: è provata la connessione tra la patologia e alcuni antigeni di istocompatibilità. È inoltre stata riscontrata una occorrenza maggiore in pazienti affetti da sindrome di Down o con disgenesie gonadiche;

  • Iodio: le sostanze contenenti iodio possono far precipitare un processo autoimmune, in particolare in presenza di una predisposizione del soggetto;

  • Stato di gravidanza: una considerevole percentuale delle donne in stato di gravidanza, manifesta una tiroidite autoimmune con caratteri simili a quella di Hashimoto, seppur differenziandosene per l’aspetto transitorio;

  • Irradiazione: gli anticorpi antitiroide compaiono più spesso dopo essersi esposti a bassi dosi di radiazioni;

  • Citochine: trattamenti famacologici a base di interferone o IL-2 possono far precipitare la manifestazione della patologia;

  • Età: la tiroidite autoimmune incide maggiormente con l’aumentare dell’età;

  • Infezioni: negli uomini non esistono evidenze che le infezioni possano generare una tiroidite autoimmune. Negli animali, però, numerose infezioni virali possono causare la patologia

  • Sesso: la maggiore incidenza tra la popolazione di sesso femminile lascia supporre che fattori ormonali possano concorrere alla manifestazione di questa patologia.

Consulenze online per ogni situazione

Prenota consulenze online con dottori di ogni specializzazione, senza uscire di casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?

Esperti in tiroidite di hashimoto

Trova esperti nella tua città:
Pietro Salacone

Pietro Salacone

Endocrinologo, Andrologo

Roma

Alessandro Marugo

Alessandro Marugo

Endocrinologo, Dietologo

Chiavari

Elena Pane

Elena Pane

Endocrinologo

Napoli

Antonella Chiechi

Antonella Chiechi

Andrologo, Endocrinologo, Diabetologo

Roma

Maurizio Gicchino

Maurizio Gicchino

Diabetologo, Endocrinologo, Nutrizionista

Napoli

Arianna Moretti

Arianna Moretti

Diabetologo, Endocrinologo, Internista

Roma

Domande su Tiroidite di hashimoto

I nostri esperti hanno risposto a 40 domande su Tiroidite di hashimoto

Dr. Daniele Consoli
Dr. Daniele Consoli
Endocrinologo, Diabetologo, Dietologo
Catania
Posta la diagnosi non serve piu eseguire il dosaggio degli autoanticorpi (ATPO e AAT).
Detto ciò, assume terapia sostitutiva?
Se no, bisogna semplicemente eseguire controlli seriati…
2 risposte

Dr. Daniele Consoli
Dr. Daniele Consoli
Endocrinologo, Diabetologo, Dietologo
Catania
Dovrebbe postare i valori di riferimento, specie per gli AAT (antiTg).
In ogni caso, il suo TSH rientra ancora nel range di normalità.
Coesistono nodularità?
2 risposte

Dott. Gaetano Sodo
Dott. Gaetano Sodo
Endocrinologo, Diabetologo, Dietologo
San Prisco
buongiorno il farmaco le è stato aumentato per portarla nel range di valori di ormoni tiroidei normale. si affidi al suo endocrinologo per i controlli del caso
4 risposte

Quali sono i professionisti che curano Tiroidite di hashimoto?


Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.