176 visualizzazioni profilo negli ultimi 30 gg.

Indirizzo

Via Marcantonio Colonna 44, Roma
InPsychae


Misure di sicurezza adottate in questo studio

Mostra

Pazienti con assicurazione sanitaria e pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti
Bonifico, Carta di credito, Carta di debito, + 1 Altro
06 9762..... Mostra numero

Esperienze

Su di me

Mi sono laureato nel 2005 e fino al 2007 ho svolto attività didattica e di ricerca presso l'Università degli Studi di Milano - Bicocca, collaborando c...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Depressione
  • Ansia
  • Fobia
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università degli Studi di Milano - Bicocca
  • I.C.Le.S. Istituto per la clinica dei Legami Sociali - Napoli

Specializzazioni

  • Psicologia Clinica
  • Psicoanalisi
  • Psicoterapia

Foto


Competenze linguistiche

Italiano, Francese, Inglese

Prestazioni e prezzi

Colloquio psicologico individuale


Via Marcantonio Colonna 44, Roma

60 €

InPsychae


Primo colloquio individuale


Via Marcantonio Colonna 44, Roma

60 €

InPsychae

Recensioni dei pazienti

5

Punteggio generale
20 recensioni

T
Presso: InPsychae colloquio psicologico individuale

Ho iniziato le consultazioni col dott. Minelli per un problema di coppia, ma il lavoro svolto mi ha permesso di capire che in realtà i miei problemi avevano radici più profonde. Ora sono meno arrabbiato e più sereno.


E
Presso: InPsychae colloquio psicologico individuale

Ho intrapreso con il dott. Minelli un percorso ormai da anni, e grazie alla sua capacità di ascolto e interazione sono riuscito ad rielaborare molti dei problemi per cui mi sono rivolto ad uno psicoterapeuta. Grazie infinite, è stato un aiuto prezioso.


E
Paziente verificato
Presso: InPsychae primo colloquio individuale

Il Dott. Minelli è un professionista serio, attento e perspicace e una persona solida e accogliente. Poter incontrare un terapeuta con cui sentire dal primo momento di potersi affidare, e a cui poter affidare le parti più fragili, è stato certamente ciò che più mi ha convinta a continuare il percorso.


F
Presso: InPsychae colloquio psicologico individuale

Ottima esperienza, professionista empatico e competente. Mi ha aiutata a riconoscere e gestire al meglio le mie emozioni. Lo consiglio!



S
Presso: InPsychae colloquio psicologico individuale

Dopo averne provati vari di psicoterapeuti, finalmente ho trovato quello adatto a me, affidabilità, professionalità e competenza.lo consiglio


I
Presso: InPsychae primo colloquio individuale

In modo pragmatico ha ridimensionato un problema, facilitandone la gestione. Ha poi spiegato la causa dello stesso in modo dettagliato, sia facendo esempi sia rifacendosi alle teorie dellq scuola lacaniana.


R
Presso: InPsychae primo colloquio individuale

Il Dott. Minelli è una persona molto empatica, da subito mi sono sentito a mio agio e mi sono sentito libero di aprirmi.


R
Paziente verificato
Presso: InPsychae colloquio psicologico individuale

Professionista serio, molto attento e capace ad ascoltare senza mai giudicare. Sempre disponibile. Sono molto soddisfatta.


R
Presso: Altro Altro

Un vero professionista. Ho iniziato un percorso col dott. Minelli a Milano, anni fa, ed ora lo incontro periodicamente a Roma.


M
Presso: Altro Altro

Del Dottore mi ha colpito la serietà e la capacità di ascoltare. Prima di iniziare il percorso con lui, pensavo che la psicologia servisse a dare consigli, come in TV. Ora so cosa significhi lavorare su sé stessi. Grazie.


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 50 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Salve Dottori,
    Vorrei sapere perché alcune persone vivono con la costante paura della morte o delle malattie e altre nemmeno si pongono il problema... Io dopo questo lockdown ho sviluppato un pensiero diverso da quello che avevo prima...cioè ho dei pensieri che nel mentre mi generano ansia e paura circa le malattie che potrei contrarre un domani (al momento sono in perfetta salute,ho effettuato delle analisi un mese fa ed ho 28 anni),odio i telegiornali che mi fanno vedere sempre cose brutte, morti, omicidi/suicidi e alla notizia di morte per tumore o simili mi cala l'angoscia...Devo dire che il periodo di lockdown non l'ho passato benissimo, sono stato per un mese con paura di contrarre il virus o di perdere qualche parente a tal punto da alterarmi l'appetito. Sicuramente è stato questo evento che mi ha traumatizzato, ma come posso fare per uscirne?
    I pensieri che ho non sono invalidanti al 100%,conduco una vita normale, esco con gli amici, ho una ragazza ma la cosa che non mi spiego è la presenza di questi pensieri che mi si presentano cosi, da un momento all altro. Grazie a chiunque di Voi mi risponderà

    Buonasera, ognuno di noi intrattiene con l'idea della morte e della malattia un particolare rapporto: come giustamente fa notare, per alcuni è un'idea pervasiva, per altri marginale. Ciò dipende inevitabilmente dal discorso, singolare, che ognuno vi costruisce attorno.
    Per diverse persone il periodo di lockdown è stato paradossalmente un periodo di sollievo e di attenuazione dell'angoscia che finalmente poteva essere localizzata e nominata attraverso il virus.
    Nel suo caso il periodo di isolamento fa da spartiacque (vi è un "prima della chiusura" e un "dopo") ed è verosimile pensare che esso abbia sollecitato delle sue personali questioni che già sussistevano, ma che erano silenti o poco rumorose. Se desidera approfondire la questione, i pensieri che le si presentano improvvisamente indicano una strada percorribile.
    SM

    Dott. Stefano Minelli

  • Soffro di attacchi di ansia. La prima crisi forte è avvenuta 4 anni fa, mi è capitato anche in passato, ma durava il tempo di una notte e la mattina mi svegliavo più tranquillo come se nulla fosse successo.
    4 anni fa ho iniziato un percorso psicoterapeutco e farmacologico, dopo diversi mesi per, sentendomi meglio, ho abbandonato la psicoterapia e ho continuato solo con la cura farmacologica per circa 2 anni.
    Poi a febbraio, a distanza di due anni dalla fine della cura, è tornata di prepotenza l'ansia. ho ricomincuato la psicoterapia e la cura farmacologica ma a distanza di mesi non vedo risultati ed il tutto sta influendo anche sulla vita di coppia. Perchè ogni qual volta mi viene l'ansia il primo istinto è qll di allontanare mia moglie dicendole che nn la voglio più e nn provo più nulla.
    Questa cosa è il filo conduttore di ogni mia crisi...la prima 13 anni fa, poi 12 anni fa e 6 anni fa (Crisi brevi di un paio di gg che poi passavano da sole) le ultime due invece sono state più forte ed hanno portato scompiglio nel mio io e nella coppia. Come mai questo filo conduttore e prchè qst voglia di allontanarla?
    PS nella prima crisi di 13 anni fa quando allontanai mia moglie (allora eravamo fidanzati da pochissimi mesi) ebbi una sensazione di sollievo, ma quella fu l'unica volta che mi capitò. Non so se qst ultima informazione può essere utile.

    Buonasera, la sua domanda è ben posta e, nel reperire quello che chiama "il filo conduttore" va a delineare i contorni di un sintomo, di qualcosa che parla al posto suo e che si ripete. Più che sull'accesso d'ansia che si ripropone nella sua vita come una vera e propria urgenza di allontanare, sarebbe interessante avere maggiori informazioni sui pensieri che accompagnano e il riavvicinamento a sua moglie e la sua quotidiana vita di coppia.
    Se non vede risultati, forse si sta ponendo la domanda sbagliata.
    Il consiglio è di proseguire con la psicoterapia e di continuare a interrogarsi per riuscire a reperire non soltanto il filo conduttore, ma il bandolo della matassa.
    SM

    Dott. Stefano Minelli

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Mi sono laureato nel 2005 e fino al 2007 ho svolto attività didattica e di ricerca presso l'Università degli Studi di Milano - Bicocca, collaborando c...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Depressione
  • Ansia
  • Fobia
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università degli Studi di Milano - Bicocca
  • I.C.Le.S. Istituto per la clinica dei Legami Sociali - Napoli

Specializzazioni

  • Psicologia Clinica
  • Psicoanalisi
  • Psicoterapia

Tirocini

  • Kairos Onlus - Milano - Psicologo
  • Jonas Onlus - Varese - Psicologo
  • Ospedale Pediatrico La Scarpetta - Roma - Psicoterapeuta
Visualizza altre informazioni

Certificati


Foto


Competenze linguistiche

Italiano, Francese, Inglese

Pubblicazioni e articoli

Pubblicazioni (1)

Ricerche correlate