Salve, ho una relazione a distanza da circa un anno, all'inizio stavo bene, ero contenta, ultimament

20 risposte
Salve, ho una relazione a distanza da circa un anno, all'inizio stavo bene, ero contenta, ultimamente (ma anche a inizio relazione) l'altra persona ha sempre più "voglia", a me all'inizio andava anche bene però poi è diventato sempre più pesante, certe volte capita di avere una sensazione di ansia al pensiero di sentirlo e sentirmi dire certe cose, insistenti. Non so cosa fare..
Gentile Utente, capisco il suo disagio, ma sarebbe importante all'interno di un contesto di coppia esprimere Se stessi, per quello che si è. Riuscire ad esprimere il proprio punto di vista, i propri bisogni ed accogliere allo stesso tempo il mondo, i bisogni dell'altro .Potrebbe essere importante un confronto tra di voi nel quale poter esprimere il suo disagio.
Cordiali Saluti Dott. ssa Alessia Battista

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Salve, mi spiace molto per la situazione che descrive perchè comprendo il disagio connesso. Ha provato ad esprimere al suo ragazzo, in maniera chiara e sincera, senza giudizio, i suoi vissuti emotivi e pensieri in merito alla situazione descritta?
Sarebbe opportuno, comunque, cercare di ritagliarsi uno spazio per cercare di capire cosa sente e cosa prova, che pensieri genera quando si presentano queste situazioni e che vissuti emotivi si scatenano in lei. Sarebbe utile, dunque, cercare di fare chiarezza esplorando meglio anche la sua storia di vita.
Dunque, ritengo che, al fine di poter gestire meglio la situazione, un consulto psicologico possa aiutarle a fare chiarezza innanzitutto con se stessa, dopodichè sono convinto che si sentirà maggiormente abile nel fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL
Provi magari a coinvolgere il suo partner in una terapia di coppia, magari online visto che già voi due siete distanti. Se poi lui non dovesse accettare può sempre fare un percorso individuale per affrontare l'ansia di cui scrive
Salve potrebbe essere utile per lei riflettere sui vissuti legati all'ansia che descrive nella sua nota. Questa manifestazione di disagio sicuramente merita una maggiore attenzione. Forse può essere una buona possibilità quella di chiedere un consulto per fare luce su questi suoi comportamenti che lei definisce ansiosi. Sicuramente riflettere sulle sue idee e sulle sue emozioni connesse con le relazioni potrebbero offrirle dei nuovi punti di vista. Un cordiale saluto
Buonasera, l'intimità non è mai scollegata da ciò che accade nella relazione. Può sembrare ovvio ma spesso si tratta l'aspetto sessuale come un aspetto a sé stante. Si domandi cosa è cambiato per lei in questo rapporto, quali sono le sue aspettative, il suo coinvolgimento e probabilmente scoprirà che le cose si sono modificate nel tempo, magari senza averne preso atto fino in fondo, e questo potrebbe generare uno stato d'ansia principalmente quando la situazione implica una intimità fisica. Riappropriarsi dei propri vissuti emotivi può essere faticoso e creare un urgenza di scelta su di sé, ma è l'unica via per vivere più serenamente.
Se ha bisogno sono a disposizione.
Cordiali Saluti
Dott.ssa Camilla Ballerini
Buonasera. Penso sia importante dare fiducia a ciò che sta provando in questo momento a proposito della sua relazione a distanza, e che allo stesso tempo sia importante potersi confrontarsi in modo aperto e onesto rispetto a questo con l'altra persona.
Se sente possa esserle utile potrebbe certamente contattare un professionista per esplorare più a fondo e in modo individuale l'ansia che sente, se ho ben capito, in relazione alla diversità di bisogni, aspettive e comportamenti che c'è in questo momento tra lei e l'altra persona. Potrebbe inoltre, se sente possa essere in linea con le sue esigenze, confrontarsi ed accordarsi con il suo partner per iniziare un percorso di coppia. Un saluto, Dott. Felice Schettini
Gentilissima,
Cerchi di chiarire quale era il suo desiderio iniziale rispetto al suo partner. Com'è nata questa storia e quali sono le richieste che oggi sente insistenti. Comprendere quale vissuto la porta a sentirsi in uno stato d'ansia potrebbe aiutarla a sapere cosa fare. Il sintomo è una possibilità per ascoltarsi sinceramente, chiedere un consulto potrebbe rivelarsi prezioso.
Resto disponibile per ulteriori chiarimenti.
Cordialmente. PZ
Salve, le sensazioni che prova hanno un valore importante. Comprendere i suoi vissuti e come mai sente questo disagio potrebbe essere utile a fare chiarezza dentro di lei e a stare nella sua relazione in modo diverso. L'ansia che prova sta comunicando qualcosa, le consiglio di consultare un professionista per aiutarla in questa sua difficoltà.
Saluti,
Dott.ssa Teresa Greco
Gentile utente, mi colpisce il contrasto tra la distanza di una relazione a distanza, appunto, e la "vicinanza" che sente che l'altra persona le chiede. Sarebbe opportuno aprire spazi di riflessione in cui lei possa esplorare cosa l'ha spinta ad iniziare una relazione a distanza. Il disagio che prova di fronte alle richieste del partner era già emerso in passato? Nelle sue altre relazioni? Cosa significa per lei fare i conti con la "voglia" dell'altro? E che rapporto ha con la sua "voglia"? Se scrive qui immagino ci sia una certa quota di disagio e sofferenza in questa situazione. All'interno di un percorso di psicoterapia potrebbe trovare le risposte che cerca. Resto a disposizione.
Un cordiale saluto, Dott.ssa Pamela Cornacchia
Buonasera, le emozioni ci comunicano sempre qualcosa di noi, che costa le sta dicendo la sua ansia? Provi ad ascoltarla, l'ansia ci allerta di un pericolo, c'è un pericolo che percepisce nella relazione? E poi si può dare il permesso del condividere le sue emozioni con il suo partner, come mai tiene tutto per sé e si adatta ai bisogni dell'altro? Spero queste domande le siano utili per riflettere su di sé. Cordiali saluti dottoressa Adriana Casile
Buonasera,la sua richiesta andrebbe approfondita Suppongo che la vicinanza troppo intima le comporti difficoltà,la relazione funzionava a distanza .Forse sono le tematiche sessuali a intimorirla ...? Potrebbe chiedere una consulenza psicologica per capire quello che le accade internamente .Un caro saluto dottssa Luciana Harari
Buonasera,
comprendo quello che sta portando...immagino che non debba essere facile vivere una relazione a distanza avendo la chiarezza di tutto quanto accade dentro la dimensione relazionale vissuta e dunque le possibili rappresentazioni che la mente può costruire. Sarebbe interessante per lei condividere quello che sente assieme al suo partner e valutare se può essere utile intraprendere un percorso psicologico, con l'intento di riflettere su che cosa dentro di se si attiva e che la fa stare male. Rimango a disposizione.

Dott. Riccardo Scalcinati
Buonasera, mi dispiace per questa situazione che la mette a disagio.
È fondamentale in un rapporto che ci siano sempre rispetto ed equilibrio: i bisogni di uno non devono mai far sentire sotto pressione l'altro.
Provi a parlare con il suo ragazzo. Lei cerchi sempre di mettere al primo posto se stessa e i suoi desideri. Quando non sente la voglia, ha sempre tutto il diritto di dire di no.
Per qualsiasi cosa, sono disponibile
Un caro saluto.
Dottoressa Alice Carbone
Salve, da come scrive sembrerebbe che stia soffrendo la situazione. Ha pensato a un consulto psicologico? Potrebbe chiarirsi alcune idee.
Buona giornata.
Dott. Fiori
Salve, mi dispiace per il disagio riferito. Potrebbe essere utile cercare di costruire uno spazio di dialogo con il suo fidanzato al fine di condividere il suo vissuto.
Se dovesse aver bisogno di aiuto, consideri la possibilità di richiedere un consulto psicologico al fine di approfondire ed indagare la situazione che riferisce.
Cordiali saluti, Dott.ssa FM
Cara ragazza,

lei è portatrice di una istanza di coppia, per tanto potrebbe esser opportuno affrontare in un setting terapeutico di coppia le problematiche da lei evidenziate. Lo specialista per eccellenza in questi casi è uno psicoterapeuta sistemico-relazionale esperto in terapia di coppia. In terapia di coppia si lavora affinché i partner imparino a relazionarsi in modo armonico e amorevole, a prescindere dalle difficoltà personali delle persone prese come singole (difficoltà che potrebbero essere affrontate in una terapia individuale). E’ la coppia che si mira a far funzionare in una terapia di coppia. In terapia di coppia avreste la possibilità di contattare le vostre autentiche emozioni e i vostri profondi bisogni affettivi (spesso frustrati). Ciò viene facilitato dal fatto di trovarsi in un ambiente riservato e protetto che è quello appunto della psicoterapia di coppia. Durante il percorso psicoterapeutico potreste accorgervi gradualmente che i comportamenti distruttivi sono il risultato di emozioni e di bisogni non riconosciuti né soddisfatti. Potreste rendervi conto di non essere mai riusciti ad esprimere ciò che profondamente vi interessa. Ed avreste la possibilità, qualora lo desideriate e sareste pronti ad impegnarvi, di apprendere nuove modalità di comunicare e di prendersi cura dei bisogni emotivi di entrambi. Potrebbe aiutarvi a trovare un nuovo equilibrio e consentirvi di stare ancora insieme. Essendo la vostra una relazione a distanza, sarebbe ipotizzabile una terapia di coppia on line, magari mediante canale skype. Nella speranza di aver orientato con queste poche righe la domanda di cui si è fatta portatrice.

Cordiali Saluti
Dottor. Diego Ferrara
Salve. In una relazione é importante che ci possa essere confronto per trovare dei punti d'incontro per poter stare bene insieme. Se prova ansia al pensiero di sentirlo, potrebbe essere collegato alla difficoltà a farsi ripettare, a mettere dei confini su una modalità che lei non condivide. Dovrebbe verificare se il problema è col suo ragazzo o se è una difficoltà sua a mettere i confini, che la porta a sopportare finché non arriva l'ansia che la avvisa che non va bene per lei. Valuti la possibilità di fare una terapia di coppia se è un problema di coppia o di intraprendere un percorso suo se il problema è nell'incapacità a rispettarsi mettendo dei confini. Distinti saluti.
Gentile utente, ha provato a condividere i suoi vissuti con il suo compagno? Gli elementi legati alla sfera sessuale, anche se apparentemente a sé stanti, sono parte della sfera relazionale di una coppia e in quanto tagli meritano condivisione, soprattutto quando generano un disagio. Se tale vissuto dovesse persistere potrà valutare l’idea di intraprendere un percorso psicologico, uno spazio dove poter riflettere sulle proprie emozioni e sul significato di tale disagio, in relazione alla vostra coppia. Rimango disponibile, un cordiale saluto Dott.ssa Paola Trombini
Buongiorno, grazie della condivisione. Con un percorso potrebbe fare ancora maggiore chiarezza circa queste sensazioni.

Saluti

MT
Gentile utente, cosa la frena dal parlarne con il suo compagno? Cosa le suscita questa insistenza? Quali parti di lei sente che non sono accolte o , al contrario, forzate ? Rispondere a questi quesiti può aiutarla a comprendere e a far presente i suoi bisogni all'interno della coppia.
Cordiali saluti
Dott.ssa Valeria Randisi

Stai ancora cercando una risposta? Poni un'altra domanda

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.