Salve, ho 15 anni compiuti da 11 giorni e credo di avere una malattia sessualmente trasmessa (AIDS o HIV). Ho avuto un rapporto omosessuale a inizio Agosto o fine Luglio di quest’anno, io e il mio compagno, non abbiamo nessun tipo di malattia sessuale e quindi siamo sani come pesci. Quindi quel giorno, abbiamo deciso di penetrarci in mutande (non protetto), è successo che l’altra persona mentre mi stava penetrando (ripeto, con tutti e due le mutande), le mie mutande si sono bagnate un po’ per il suo sperma, e ho un po’ paura che il suo sperma possa esser nel mio ano essendo vicino, molte persone mi hanno detto che dopo un solo rapporto, sopratutto con una persona sieronegativa con (come dire) lo “sperma” senza virus, non posso avere ne l’HIV, ne l’AIDS. L’unica mia preoccupazione è quella che da qualche settimana ho avvertito un po’ di
1. Gola infiammata (Potrebbe essere anche il freddo, ora ogni giorno sta diminuendo, da considerare che tutto Agosto l’ho passato ad uscire ogni sera, da 3 giorni sono tornato a casa e non sto uscendo e la gola si sta sentendo meglio.),
2. Tosse secca o grassa (Potrebbe essere qualcos’altro, magari fa parte del mal di gola che anche la tosse oggi, è quasi svanita.)
3. Prurito dappertutto in luoghi come gambe, pene, di dietro, pancia, faccia, gambe e braccia.
4. Eruzioni cutanee sul corpo. (Piccole pustolette rosse sul corpo, ma potrebbe essere anche il fatto che mi continuò a grattare e diventino rosse, anche se certe le ho sul naso e in fronte e sul braccio che metteno ansia e mi fanno subito pensare che sono i primi sintomi di qualcosa, anche se a quest’eta sto anche facendo lo sviluppo, non so).
5. Ho avuto un pallino rosso che qualche giorno dopo è diventata una crosta che se provavo a togliere sanguinava, ma dicono che potrebbe essere la masturbazione un po’ vigorosa, ora non c’è più da giorni.
6) Ultima cosa che mi spaventa che ho ancora oggi, è un afta che ho dentro il labbro superiore da qualche giorno, sarebbe una piaga. L’unica cosa che mi ha spaventato da morire è che ho letto che potrebbe essere sintomi dell’AIDS, ho cercato su Google le immagini e sono identiche alla mia piaga, ho messo del borotalco qualche volta al giorno ma niente, del resto brucia solo quando mangio e dopo il risciacquo di acqua e bicarbonato.

Ah, e questo tutto dopo il rapporto sessuale. Due anni fa avevo paura di avere un tumore al cervello e avevo tutti i sintomi uguali e un mal di testa ogni giorno (3 mesi), poi quest’anno ho fatto la TAC e non mi hanno trovato nulla. So che pensiate quindi che mi debba rilassare dopo questo, ma preferirei comunque avere una conferma da una persona adulta e che ne sa di più, solo così posso più o meno tranquillizzarmi.
Ma conoscendomi spero su Dio che siano causati dalla mia testa, dopo che una psicologa mi ha detto che è impossibile che possa aver preso l’HIV e l’AIDS, il prurito si era un pochino calmato, io comunque sono una persona SUPER ipocondriaca, mi vado sempre ad informare prima di confermare il tutto, certo, Internet non ha sempre ragione per questo mi fa mettere in confusione e mi stressa.
Quando provo a non pensarci e mi capita di andare in bagno e vedo queste pustole rosse sul braccio mi viene di nuovo ansia e corro su Internet. Comunque del resto io mi sento bene, non vomito, non ho la febbre e non ho i linfonodi grossi e dolori muscolari ecc. mi sento come ogni giorno. Avevo tanta emozione di cominciare la scuola continuando il mio percorso a studiare e imparare cose nuove, ma ora più non ci penso a questa cosa, più aumenta. Mi dico tra me e me “non ce l’hai, il tuo compagno non c’è l’ha, perché lui deve stare benissimo e io malissimo, non hai niente, forza!!” e poi subito dopo che ho finito di dirlo mi brucia il labbro e passo a vedere 3 ore di video di persone che vivono con l’AIDS e HIV. Ora è difficile ma, un giorno andrò a farmi il test per levarmi tutto. Spero che voi mi possiate spiegare tutti i sintomi, le paure, se posso averlo preso o no. Dopo tutto quello che vi ho elencato visto che voi ne siete più esperti e siete anche adulti, cos’è che io non so è che mi possano rilassare e che io non abbia nulla se appunto il Signore vuole, voi mi possiate dire che cosa posso aver preso o non preso, Attendo risposte. Grazie!
Buongiorno giovanissimo utente, ho letto attentamente quanto ci espone e risulta chiara la sua preoccupazione circa il suo benessere sia fisico che mentale. L'elenco di sintomi che percepisce probabilmente appartengo ad una condizione di confusione rispetto al suo corpo che sta cambiando e al sospetto di aver potuto contrarre una malattia cronica. In questi casi, per evitare di far aumentare il suo stato di ansia, il mio consiglio è quello di confrontarsi con professionisti reali ed esaminare nel dettaglio il suo caso. Digitando sui motori di ricerca qualcosa che appartiene a lei come sintomatologia, i risultati che ne ricava spesso sono generici e allarmanti o magari provenienti da fonti poco attendibili. Le suggerisco, quindi, di recarsi al consultorio della sua zona oppure di servirsi di questo portale per individuare uno psicologo con cui potersi confrontare.
Rimango a sua disposizione.
Dottoressa Elisa Taverniti.

Dott.ssa Francesca Belgiovine
Dott.ssa Francesca Belgiovine
Psicoterapeuta, Psicologo clinico, Psicologo
Verona
Gentile utente, è molto probabile che data la sua tenera età, viva la sessualità con forti sensi di colpa che poi esprime in preoccupazioni sul corpo. Chieda aiuto ad un professionista e cerchi di affrontare il problema con qualcuno che ha le competenze per farlo. Saluti

Dott. Simone Tealdi
Dott. Simone Tealdi
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Torino
Buongiorno, cerchi di non allarmarsi, e affronti la questione con del personale medico e psicologo.
Ne parli con il suo medico di base; nel caso non si sentisse al sicuro lì, ci sono, sparsi sul territorio italiano, i Consultori, strutture in cui poter parlare in maniera totalmente protetta di questo genere di questioni. Da quello che ha scritto sembra molto allarmata, perciò non faccia passare troppo tempo e prenoti una visita. Rimango a disposizione
dott Tealdi

Dott.ssa Rosalba Cardillo
Dott.ssa Rosalba Cardillo
Psicologo, Psicoterapeuta, Professional counselor
Roma
Salve, credo che tu stia vivendo un momento di forte ansia e confusione, cosa molto comune alla tua età. Credo che di queste paure sia il caso di parlarne con un un'esperto affinché tu possa elaborare il tutto nella maniera più consona al tuo benessere. Saluti dott.ssa Rosalba Cardillo

Dott.ssa Silvia Pinna
Dott.ssa Silvia Pinna
Psicologo, Psicoterapeuta, Tecnico sanitario
Roma
Buongiorno. Come già suggerito anche alle precedenti sue, è bene veicolare la.sua ansia in un lavoro psicoterapico

Se entrambi i partner sessuali sono veramente sani è impossibile che Lei abbia contratto l'AIDS durante il rapporto sessuale, ma è evidente che in questo momento per Lei è molto difficile convivere con i sintomi descritti. Quindi oltre a iniziare un percorso psicologico va comunque escluso che Lei abbia una patologia fisica, e per fare questo ci vuole una visita medica: purtroppo non basta cercare delle risposte su Internet... Lei è molto giovane, ma non dice quanti anni ha il suo partner e non dice da quanto tempo vi frequentate. Per inquadrare meglio la Sua siuazione psicologica mi mancano troppi dettagli sulla sua vita, la sua famiglia, le esperienze passate ecc... Il suo malessere dopo il rapporto sessuale è comunque almeno in parte anche una somatizzazione (un disagio psicologico che si manifesta a livello fisico), e dovrebbe farle riflettere. Le faccio tanti auguri, Anna Maria Schallig

Gentile, come precedentemente detto e come sottolineato qui dai colleghi, sembra sia necessario sciogliere questi dubbi e quest'ansia in un percorso psicoterapico.
da ciò che descrive sembra poco probabile una effettiva problematica fisica ,ad ogni modo faccia gli esami di rito ma valuti seriamente di affrontare tali problematiche in un percorso articolato. saluti.

Dott.ssa Simona Zaghini
Dott.ssa Simona Zaghini
Psicologo, Psicologo clinico
Cattolica
Salve, come già i colleghi le hanno riferito, da un lato occorre curare il corpo, e data la sua età può tranquillamente rivolgersi al Consultorio giovani della sua città , dove troverà medici e psicologi .
Dall’altro lato lei lamenta in eccessiva ansia rispetto alle possibili malattie, ansia che andrebbe trattata con l’aiuto di uno psicologo.
Buona giornata

Dott.ssa Antonella De Luca
Dott.ssa Antonella De Luca
Psicologo, Psicoterapeuta
Grosseto
Gentile e giovane utente, come già suggerito dai miei colleghi, sarebbe innanzitutto utile confrontarsi col suo medico di famiglia e magari farsi anche suggerire un professionista psicoterapeuta di zona.
Un cordiale saluto Antonella

Stai ancora cercando una risposta? Poni un'altra domanda

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.