Buonasera. Ho sofferto di anoressia nervosa fino a 2 anni fa, o meglio 2 anni fa ho smesso di andare dallo psicoterapeuta dopo poche sedute perchè non mi sembrava competente. In questi due anni ho provato a risolvere da sola il problema, ho ripreso peso, ho reintrodotto determinati cibi ma alcune "fisse" sono rimaste come non toccare più dolci, pesare tutto ciò che mangio. Diciamo che ci convivo, non mi pesa, se devo adattarmi a qualche circostanza lo faccio. Ma il pensiero che più mi fa tornare a star male è: fissarmi a pensare a quello che mangiano gli altri. Soprattutto pensare a quanto e cosa mangia mia sorella, se fa merenda o no, se prende il dolce o no ecc. Perchè? Come se volessi che lei mangiasse a tutti i costi. Grazie.
Dott.ssa Giulia Zani
Dott.ssa Giulia Zani
Psicoterapeuta, Psicologo clinico, Psicologo
Ferrara
Buonasera,
innanzitutto le faccio i complimenti per essere riuscita ad affrontare da sola questa malattia. Non è facile e generalmente è consigliabile un percorso terapeutico che coinvolga più figure professionali così da accompagnarla in tutti gli aspetti. Per rispondere alla sua domanda, i perchè potrebbero essere diversi a seconda della sua storia e di vari fattori, delle sue paure, dei pensieri e delle emozioni che accompagnano quei pensieri sugli altri.
Per questo mi sento di invitarla a pensare se può essere un'idea di intraprendere un nuovo percorso psicoterapeutico con una consapevolezza di sè maggiore rispetto a 2 anni fa. Proprio per approfondire la strada fatta finora, i timori attuali e gli obiettivi futuri.
A disposizione per chiarimenti, cordiali saluti, dott.ssa Giulia Zani

Dott.ssa Enza Marangella
Dott.ssa Enza Marangella
Psicoterapeuta, Psicologo, Psicologo clinico
Scorzè
Buonasera, la situazione che lei descrive è un equilibrio provvisorio dal quale scruta tutto ciò che ruota intorno al cibo e al rapporto con esso.
I disturbi alimentari devono essere trattati con l'aiuto di uno specialista e meglio da un'equipe di specialisti. Comunque come per ogni dipendenza patologica anche nella dipendenza dal cibo non è possibile farcela da soli.
Le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta almeno per avviare un percorso di consapevolezza. Cordialmente Enza Marangella

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli
Dott.ssa Giuseppina Cantarelli
Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo
Parma
Gentile sig.na,
forse il terapeuta , non le è parso competente , ma guardi che risultati ha ottenuto in sole poche sedute! Lei di fatto ha ripreso in mano la sua esistenza e ha cominciato a curarsi da sè. A cosa crede serva la psicoterapia, se non a riconsegnare al paziente la responsabilità della propria stessa vita. Questo è ciò che è accaduto a lei, il che già di per sè sta a significare che non ha nessuna intenzione di ridursi pelle e ossa e che la prospettiva non le fornisce in fondo così tanto piacere. Bene! Ottimo! Complimenti al collega, che in colpo solo l'ha riconsegnata a se stessa e volontariamente o meno, ha fatto emergere tratti collaterali e certamente coinvolti nella genesi del problema alimentare di cui è stata vittima, ossia, forti tendenze al controllo. E, quand'è che si desidera controllare? Quando non ci si sente sicuri! Forse allora , questo è il suo problema, e su quello dovrebbe lavorare. Ma vede , è molto probabile che occorra scavare nel suo passato remoto per capire , affrontare, elaborare e sperabilmente superare eventuali esperienze difficili o dolorose accantonate e riposte nel fondo dei cassetti della memoria e , per fare ciò, sarebbe necessaria una modalità d'intervento psicoterapeutico che contemplasse l'indagine del profondo psichico , ossia dell'inconscio . Una psicoterapia ad indirizzo psicoanalitico , farebbe forse oggi , meglio al caso suo .
Un cordiale saluto.
Dott.ssa Giuseppina Cantarelli

Dott.ssa Daniela Benvenuti
Dott.ssa Daniela Benvenuti
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Padova
Lei è stata molto brava nel fronteggiare il problema e di questo può essere fiera. Proprio per questo sarebbe utile affrontare il problema attuale attraverso un accompagnamento psicoterapeutico, perché il rapporto disfunzionale con il cibo è purtroppo sempre presente in forma diversa. Resto a disposizione. Dr.ssa Daniela Benvenuti

Dott. Massimiliano Trossello
Dott. Massimiliano Trossello
Psicologo, Psicologo clinico, Terapeuta
Torino
Buonasera, l'aver ottenuto dei risultati come quelli che ci descrive, dimostra la quantità e qualità delle risorse di cui dispone. Brava. Di questo dovrà sempre esserne consapevole, particolarmente quando sarà necessario mantere la condotta che ha deciso di percorrere. Rispetto gli interrogativi che si pone e ci pone, beh le interpretazioni possono essere tante e mutevoli, ma tenga presente che poterle analizzare insieme ad uno specialista, soprattutto con le risorse di cui dispone, può essere molto utile e chiarificatore.

Cordialità.

Massimiliano Trossello

Dr. Cristina Brunialti
Dr. Cristina Brunialti
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Roma
Buongiorno,
cercherei di comprendere meglio cosa le ha fatto decidere di interrompere la psicoterapia, perché potrebbe essere accaduto qualcosa di importante nella relazione terapeutica con il collega. Mi riferisco a qualcosa che potrebbe essere emerso nel corso dei colloqui, qualcosa che la fa soffrire, oppure arrabbiare, oppure che le crea un disagio non ben definito.
Comprendere ciò che le ha fatto decidere di interrompere, potrebbe aprire la strada ad una comprensione più profonda di ciò che le crea ancora problemi.
La ringrazio, D.ssa Cristina Brunialti

Dott.ssa Francesca Marchetti
Dott.ssa Francesca Marchetti
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Bologna
Buongiorno, anche se ha fatto poche sedute di psicoterapia ed ha perso fiducia in chi la conduceva nel precedente percorso mi rendo conto che se oggi chiede un parere in questo sito c'è ancora fiducia in un esperto,... questo le permette di essere ricettiva ed innovativa per il suo problema alimentare,... il proiettare le sue preoccupazioni sulla sorella la può far riflettere che nonostante i suoi ottimi risultati personali, una parte di sé è ancora coinvolta per questo disturbo,... approfondisca questa preoccupazione, le permetterà di raggiungere maggiori conoscenze,. .Buona giornata

Dott.ssa Maria Caterina Boria
Dott.ssa Maria Caterina Boria
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Milano
Avere la necessità di controllare quello che mangiano e quanto mangiano i familiari è un comportamento tipico di chi soffre di anoressia. Controllare quello che mangia tua sorella ti fa sentire più sicura di quello che mangi tu. Vedere che chi ti circonda mangia più di te ti rassicura sul fatto che non stai esagerando con il cibo e ti aiuta a tenere a bada l'angoscia associata alla paura di ingrassare. Se hai vissuto, personalmente e dal profondo, l’esperienza dell'anoressia sai a quanta sofferenza essa si accompagni: è come entrare in un tunnel buio in fondo al quale non si riesce ad intravedere nessuna luce. Controllare quello che mangia tua sorella potrebbe essere anche un modo per cercare di evitare che anche a lei capiti quello che è successo a te. Tu cosa ne pensi?

Dott.ssa Veronica Gullone
Dott.ssa Veronica Gullone
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Torino
Gentilissima,
Quello che lei descrive fa parte dei sintomi che possono accompagnare il disturbo alimentare e porta con sè molti dei significati, talvolta anche inconsci, che l’hanno portata allo sviluppo del disturbo. Sebbene lei sia stata capace comunque di gestire autonomamente alcuni aspetti dell’anoressia, dimostrando buone risorse psichiche, è sempre consigliabile un percorso di cure multidisciplinare che preveda anche una psicoterapia. Non è raro interrompere il percorso inizialmente, ma questo percorso richiede tempo e motivazione. Le consiglio di ripensare alla possibilità di farsi seguire e accompagnare.
Spero di esserle stata utile.
Cari auguri.
Dott.ssa Gullone

Dott.ssa Maria Chiara Sacchetti
Dott.ssa Maria Chiara Sacchetti
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Correggio
Carissima, mi sembra chiaro che in lei c’è una forte spinta di auto sopravvivenza, che convive però con una spinta altrettanto forte al controllo e a non modificare del tutto le sue strategie che le danno la sensazione di averlo. Questo però non l’ha portata a risolvere il problema o la causa del problema stesso, ma a gestirlo mantenendolo sotto soglia. Mi sento di Consigliarle di ritentare ad oggi un nuovo percorso, avendo più consapevolezza, motivazione e fiducia. La terapia è un lavoro che si fa insieme. Se lei per prima non ci crede, mette dei freni, dei muri, chi si troverà davanti non potrà aiutarla! Buona fortuna!

Dr. Ioannis Georgantas
Dr. Ioannis Georgantas
Psicoterapeuta, Psicologo, Psicologo clinico
Torino
Gentilissima penso che poche sedute possano aver già sortito un buon risultato grazie anche alla sua capacità di gestire in modo autonomo l'anoressia. Volevo informarla che l'anoressia deve essere affrontata in modo multidisciplinare dove la figura dello psicoterapeuta è indispensabile. Le suggerisco di cercare di poter essere accompagnata da un terapeuta per risolvere ancora questi nodi rimasti . Cordiali saluti

Dott.ssa Maria Grazia Messaglia
Dott.ssa Maria Grazia Messaglia
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Casale Monferrato
Gent il suo disturbo continua ad essere l'espressione di un disagio più profondo. Potrebbe contattare uno psicoterapeuta competente che l'aiuti in tempi brevi a prendere consapevolezza della sua situazione e delle dinamiche attive a livello più inconscio. Per questo tipo di sintomo le consiglio una terapia ipnotica sicuramente più efficace nell'approccio diretto alle dipendenze e ai sintomi psicosomatici. Cordiali saluti dott.ssa Maria Grazia Messaglia

Dott.ssa Marta Fuscà
Dott.ssa Marta Fuscà
Psicoterapeuta, Psicologo, Psicologo clinico
Roma
Gentilissima,
Da quello che scrive, mi sembra di capire che è solita fare da sé per risolvere le situazioni che vive. Credo che invece, per affrontare le sue difficoltà, abbia bisogno di qualcuno a cui affidarsi. Inoltre, e su questo concordo con i colleghi, l’anoressia richiede una presa in carico multidimensionale perché è una patologia delicata che coinvolge vari aspetti della persona. Mi sento perciò di dirle di rivolgersi nuovamente ad uno psicoterapeuta con il quale condividere un percorso di cura: la terapia è qualcosa che si co-costruisce. Se lei stessa non è disposta a farsi aiutare e su cui riporre la sua fiducia, neanche il terapeuta potrà farlo. Il suo percorso terapeutico è proprio questo. Le mando i miei saluti. MF

Dott.ssa Francesca Maria Di Franco
Dott.ssa Francesca Maria Di Franco
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Enna
Salve, complimenti per aver Provato a fronteggiare la malattia da sola, però questo purtroppo è il risultato, lei ha fatto uno spostamento dal suo corpo a quello di un altra persona, motivo per cui adesso è arrivato il momento che lei prenda la decisione di iniziare una psicoterapia, nel suo caso le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta che utilizzi l’ipnosi, molto utile nei casi come il suo. Ovviamente il primo presupposto è che lei voglia iniziare un percorso, il percorso psicoterapico prevede un coinvolgimento da parte sia del paziente che del terapeuta, altrimenti avverrà nuovamente che dopo poche sedute abbandonerà la psicoterapia.
Cordiali saluti
Dott.ssa Francesca M.Di Franco

Buona sera, dalle sue parole sento la grinta e la tenacia che ha avuto per fronteggiare il suo disagio e la voglio di chiedere di aiuto nonostante il suo trascorso. Mi sento di suggerirle di ritentare un nuovo percorso psicologico, avendo più consapevolezza, motivazione e fiducia. La terapia è un lavoro che si fa insieme.
Dott.ssa Maria Teresa Allocca

Dott.ssa Elena Carmela Rende
Dott.ssa Elena Carmela Rende
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Bologna
Innanzitutto complimenti per la determinazione e i risultati raggiunti. Da quello che lei scrive però mi viene da pensare ad uno spostamento del problema da lei a sua sorella e quindi non una completa guarigione. Il sintomo qualunque esso sia è solo la punta dell'iceberg bisogna lavorare sulla parte che non si vede. Il controllo nell'anoressia ha un ruolo cruciale e forse è questo il motivo che l'ha portata a smettere con il percorso che aveva intrapreso. Le consiglio vivamente di rimettersi in gioco da questo punto di vista in bocca al lupo.

Dott.ssa Valeria Randisi
Dott.ssa Valeria Randisi
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Bologna
Buonasera! Intanto le faccio i complimenti per aver "tamponato" certi atteggiamenti ma si può guarire solo con un percorso specialistico presso un centro, uno psicoterapeuta o una equipe specializzata. Quelli che lei descrive sono equilibri precari, si può guarire e vivere una vita serena senza ossessioni sul cibo. Direi che ciò che lei descrive sembra uno spostamento del controllo verso le persone vicine. Provveda quanto prima a risolvere del tutto il suo problema e vedrà che la vita avrà un altro sapore. In bocca al lupo

Dott.ssa Maria Katiuscia Zerbi
Dott.ssa Maria Katiuscia Zerbi
Psicoterapeuta, Psicologo, Psicologo clinico
Roma
Buonasera, certamente essere riuscita a contenere la problematica alimentare - più o meno autonomamente - rappresenta un segnale importante riguardo la mobilità delle sue difese che non sembrano essere così rigide. Come lei stessa riconosce però alcuni aspetti persistono affaticandola un po'; per questo sarebbe utile ritentare una psicoterapia al fine di allargare il campo e comprendere meglio i motivi che si nascondono dietro questa attenzione al cibo. È possibile che delle volte si trovino dei modi per esprimere dubbi, perplessità, paure, rammarico, arrabbiature e disappunto, che a lungo termine si rivelano poco funzionali e questo potrebbe essere il suo caso. Si prenda del tempo per riflettere sulla sua eventuale disponibilità ad un nuovo contatto con uno psi. Un cordiale saluto, Dr.ssa Zerbi.

Dott. Enrico Piccinini
Dott. Enrico Piccinini
Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Carpi
Gentile Signorina, buongiorno. noto con piacere che dopo la "cattiva" esperienza col terapeuta, si è rimboccata le maniche e si è data da fare per risolvere il suo problema, con qualche risultato soddisfacente. Quindi, mi viene da pensare che il collega le abbia comunque dato degli stimoli positivi e utili, anche se in così poche sedute. Noi psicoterapeuti aiutiamo la gente che soffre, quindi che non viene volentieri da noi, perché a nessuno piace soffrire e la soluzione non può essere immediata. come psicoteraputa psicodinamico adleriano, ad indirizzo analitico quindi, sono abituato ad aiutare per lunghi periodi, perché la soluzione, che sta dentro di noi, è difficile da individuare e rafforzare, ma, a mio parere, non esistono scorciatoie, perché le rapide soluzioni danno rapide ricadute. le consiglio uno psicoterapeuta del profondo, che sappia affrontare alla radice il suo problema e le restituisca una vita migliore. Un saluto. Enrico Piccinini

Dott.ssa Debora Gilardi
Dott.ssa Debora Gilardi
Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico
Firenze
Carissima, l'anoressia nervosa è un disturbo che invalida l'esistenza di chi ne soffre, presenta varie caratteristiche, più o meno gravi, a seconda dell'intensità del disturboin corso. Lei ha ripreso peso e reintrodotto alcuni cibi, ma la presenza di alcune "fisse" è l'evidenza del fatto che il disturbo persiste. Gli aspetti ossessivi sono tipici nei disturbi alimentari, non si preoccupi e non si senta "strana"... pensare di continuo a cosa mangerà sua sorella ne è un esempio. Perché eliminare i dolci? Perché pesare tutto ciò che mangia?! Certamente questi sono comportamenti disfunzionali che rinforzano ogni giorno il circolo vizioso del disturbo. Faccia un percorso di psicoterapia cognitivo comportamentale, con uno/a psicoterapeuta che la metta a suo agio... e vedrà che riuscirà a superare le difficoltà.
In bocca al lupo!!

Dott.ssa Irene Capello
Dott.ssa Irene Capello
Psicologo, Psicologo clinico
Asti
Gentilissima,
il fatto che sia riuscita a trovare un equilibrio e a contenere i sintomi del disturbo, indica che ha molte risorse ed è stata capace di usarle per stare meglio.
Da cosa racconta però l’anoressia non è del tutto risolta, infatti è un disturbo che non va affrontato da soli ma con l’aiuto di un professionista. Purtroppo a volte capita di non riuscire a trovare subito il professionista più adatto per noi, ma le consiglio di non arrendersi e di riprovare a iniziare una psicoterapia. Con la guida di uno psicoterapeuta potrà comprendere il significato di ciò che ancora la fa stare male e trovare un nuovo equilibrio che le dia maggiore benessere.
Cordiali saluti, dott.ssa Irene Capello.

Stai ancora cercando una risposta? Poni un'altra domanda

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.