Visita andrologica - Informazioni, specialisti, domande frequenti.

Informazioni su Visita andrologica

Un paziente saluta il medico al termine di una visita andrologicaLa visita andrologica è una visita specialistica funzionale all’esclusione, alla diagnosi e al controllo di disturbi e problematiche di natura andrologica.

Ricorrono a visite andrologiche di controllo non solo pazienti con problemi e disturbi andrologici noti ma anche i pazienti per i quali il medico curante ha riscontrato la comparsa di fastidi o problemi da approfondire, legati a cambiamenti nell’area genitale e nei testicoli (forma, consistenza, sensibilità).

La visita andrologica è utile per la prevenzione, diagnosi, monitoraggio e cura delle principali patologie andrologiche, come:

  • Disfunzione erettile;

  • Mancanza di desiderio;

  • Ingrossamento dei testicoli;

  • Dolori negli organi sessuali;

  • Problemi legati alla sfera sessuale;

  • Eiaculazione precoce;

  • Varicocele;

  • Fimosi;

  • Frenulo Breve.

Durante la prima fase della visita, l’andrologo cerca di raccogliere quante più informazioni possibili sulla storia clinica e sullo stile di vita del paziente (anamnesi), facendo domande circa la dieta e l’alimentazione, su eventuali vizi (fumo, alcol), sull’attività sportiva e l’eventuale livello di sedentarietà, su eventuale familiarità con altre patologie di natura andrologica, sulla vita sessuale e sentimentale, su eventuale assunzione di farmaci, etc.

Dopo l’anamnesi, lo specialista procede esaminando con attenzione forma, aspetto e dimensioni di pene e testicoli, facendo ricorso anche alla palpazione. Nel caso in cui il paziente fosse affetto anche da patologie di natura urologica o avesse un’età superiore ai 50 anni, la visita comprenderebbe anche l’esplorazione rettale (per una valutazione dello stato di salute della prostata e per escludere eventuali malattie venosi anali).

In caso di dubbi o sospetti su possibili patologie in seguito alla visita andrologica, lo specialista può richiedere di eseguire analisi di laboratorio specifiche (assetto lipidico, funzionalità epato-renale, glicemia, dosaggio dei radicali liberi, dosaggio di ormoni) per poter ottenere un quadro più esatto circa la presenza e la natura di eventuali alterazioni.

La visita andrologica non prevede una preparazione particolare, è però richiesto al paziente di portare con sé eventuali esami svolti su richiesta del proprio medico, tutti gli esami relativi a eventuali problemi andrologici, esami del sangue effettuati in tempi recenti e una nota circa l’eventuale assunzione quotidiana di farmaci.

Esperti in visita andrologica

Trova esperti in Visita Andrologica nella tua città:
Francesco Morabito

Francesco Morabito

Urologo, Andrologo

Torino

Prenota ora
Fulvio Colombo

Fulvio Colombo

Urologo, Andrologo

Bologna

Prenota ora
Salvatore Grimaldi

Salvatore Grimaldi

Andrologo, Urologo

Paderno Dugnano

Prenota ora
Cornelia Sparios

Cornelia Sparios

Andrologo, Ginecologo

Milano

Prenota ora
Angela Maurizi

Angela Maurizi

Andrologo, Urologo

Roma

Prenota ora
Giovanni Di Lauro

Giovanni Di Lauro

Urologo, Andrologo

Napoli

Prenota ora

Domande su Visita andrologica

I nostri esperti hanno risposto a 21 domande su Visita andrologica

Dott. Fabrizio Muzi
Dott. Fabrizio Muzi
Andrologo, Urologo, Chirurgo generale
Roma
Buonasera, tale effetto può avere diverse cause. Una delle più comuni è l'assunzione di farmaci alfalitici, che vengono prescritti o per motivi cardiologici o urologici. Altre cause possono…
4 risposte

Prof. Carlo Rando
Prof. Carlo Rando
Andrologo, Chirurgo generale, Urologo
Milano
lo stato acquoso dello sperma non è correlato alla quantità di spermatozoi, ma al contenuto secreto dalla prostata e dalle vescicole seminali che, in ragione dell'anti-androgeno assunto…
2 risposte

Gent.mo
Prima di poterle suggerire una "cura" è indispensabile una valutazione clinica. In occasione della visita sarebbe opportuno che lei avesse già eseguito delle fotografie…
2 risposte

Quali professionisti effettuano Visita andrologica?

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.