Salve, sono uno studente 25enne universitario, sto assumendo Brintellix + Alprazig per curare depres

7 risposte
Salve, sono uno studente 25enne universitario, sto assumendo Brintellix + Alprazig per curare depressione maggiore e ansia.
volevo sapere se è normale che in questo periodo non riesca ad assimilare bene ciò che studio e se il trattamento con brintellix dovrebbe proseguire per un anno… tornerò mai come prima, ho paura di rimanere inattivo per tutta la vita...
Carissimo, per quando riguarda il trattamento farmacologico raccomando di consultare il medico che lo ha prescritto poiché conosce la sua personale storia clinica e per questa ragione è più indicato nel risponderle al meglio. Per quanto riguarda invece la condizione psicologica, ha ricevuto questa specifica diagnosi? Da quanto tempo si sente così? Ha mai seguito un percorso psicoterapico?

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Buon pomeriggio, la difficoltà di concentrazione può essere dovuta a molteplici fattori. Nonostante la invito a far presente questa difficoltà al medico che le ha prescritto la cura, cerchi di individuare - nella sua quotidianità - la presenza di preoccupazioni o pensieri che possono distrarla. In merito alla domanda che ha posto, è difficile non fornire una risposta riduzionista, le posso dire che un periodo buio condiziona e influenza la nostra valutazione del futuro, rendendo quest'ultima poco oggettiva. Resto a disposizione per eventuali chiarimenti. Dott.ssa Alessandra D'Antonio. Un saluto

Buongiorno, come già le ha suggerito la collega, per quanto riguarda la terapia farmacologica è bene che ponga le domande che ha al medico che gliel'ha prescritta, che saprà risponderle nel migliore dei modi perché conosce la sua specifica situazione. Rispetto alle difficoltà che riferisce nello studio, è abbastanza comune che in momenti in cui si fanno i conti con stati di ansia e vissuti depressivi si riscontrino anche difficoltà di concentrazione e memorizzazione, ma la situazione andrebbe chiaramente approfondita (da quanto tempo questo succede? le era già capitato prima? l'inizio di questa difficoltà ha coinciso o no con l'inizio dei sintomi ansiosi e depressivi?) e il mio suggerimento è quello di affiancare alla terapia farmacologica anche un percorso psicoterapeutico. Un percorso di questo tipo potrebbe darle l'occasione di comprendere più profondamente cosa sta vivendo e aiutarla a fronteggiarlo. Nell'intraprendere una terapia farmacologia lei ha già fatto una grande cosa, cominciando a occuparsi del suo stare male e dimostrando la volontà di stare meglio. Affiancando anche una psicoterapia credo potrebbe avere più strumenti a disposizione in questo suo percorso. Lei è giovane, ha il desiderio di stare meglio e si è già attivato per farlo e queste sono risorse importanti che potranno sostenerla nel suo percorso verso una nuova serenità. Le faccio i miei migliori auguri per questo percorso. Dottoressa Sara Zamperlin

Buonasera, lei scrive 'depressione maggiore e ansia'. Questa diagnosi è stata posta da uno psichiatra? Chi le ha prescritto i farmaci? DA quanto tempo li sta assumendo?
Se vuole può rispondermi in privato.
Resto a disposizione e le faccio un grande in bocca al lupo !
UN caro saluto.
Livia

Gentilissimo,
i farmaci che assume cosi come il disturbo depressivo si associano ad una riduzione della capacità di attenzione e di conseguenza anche delle capacità di apprendimento.
Durante lo studio quando sente che la sua concentrazione sta calando provi a fare delle pause di 10-15 minuti (normalmente bisognerebbe fare una pausa ogni 45 minuti, ma i tempi sono molto soggettivi). Cerchi di concentrare le attività di studio nella parte della giornata in cui si sente produttivo e si conceda del tempo da impegnare in attività piacevoli.
In bocca al lupo per i suoi esami!

Carissimo,
sei giovane, e questi disturbi possono compromettere la qualità della vita,quindi è importantissimo occuparsene, affinchè tu possa risolverli e non trascinarteli per tutta la vita, con rischio di peggioramento. I medicinali possono attenuare i sintomi, ma non risolvono le cause.
Ti consiglio di rivolgerti ad uno psicologo per intraprendere un percorso di guarigione e magari anche di fare qualche colloquio di coaching per imparare a potenziare le tue risorse e migliorare sui punti deboli, affinchè tu riesca a raggiungere tutti gli obiettivi che vorrai :)

Buongiorno. Ansia e depressione possono sicuramente influire sulle prestazioni cognitive tra cui l'attenzione. Può agire con piccole ristrutturazioni del metodo di studio: faccia pause ogni 45 minuti, crei schemi e mappe concettuali, programmi un approccio graduale e costante all'esame, prenda dei giorni di totale riposo. È normale che Lei possa essere preoccupato di non ritornare a un livello precedente di funzionamento - in un certo senso a un "sentirsi se stesso", e che voglia di conseguenza ritrovarsi. Mi permetto di sottolineare che la terapia farmacologica, di sicuro supporto, non "cura" queste situazioni ma semplicemente le rende tollerabili, abbassando il livello del sintomo. Quanto sta provando dipende dall'esistenza e solo in essa trova le risposte che consentono di risolvere alla radice il problema. Questi significati possono emergere con una psicoterapia: ne valuti il senso e la possibilità. Cordialità, DP

Esperti

Marta Angellini

Marta Angellini

Psicoterapeuta

San Giorgio di Piano

GIUSEPPE SPECIALE

GIUSEPPE SPECIALE

Psicoterapeuta, Psicologo

Trentola-Ducenta

Claude Bettanini

Claude Bettanini

Psicologo

Genova

Rossella Cubeddu

Rossella Cubeddu

Psicologo, Psicoterapeuta

Firenze

Francesco Benincasa

Francesco Benincasa

Internista, Neurologo

Torino

Giuseppe Greco

Giuseppe Greco

Internista, Diabetologo, Medico di base

Torino

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 203 domande su Depressione

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.