Il geriatra ha dato glialia a mia mamma ma peggiora

3 risposte
Il geriatra ha dato glialia a mia mamma ma peggiora. Che fare?
Gentile signora, il Glialia è integratore utilizzato per trattare diversi disturbi neurologici, soprattutto di natura neuro-infiammatoria che tuttavia non è in grado di agire sul decorso naturale delle patologie neurodegenerative e sul decorso ingravescente dei quadri di demenza che inevitabilmente progrediscono con l'andare avanti del tempo (escluse ovviamente le cause reversibili prevalentemente di natura metabolica).
Qualora se ne ravvisino le indicazioni potrebbero essere utilizzati dei farmaci come la Memantina, il Donepezil, la Rivastigmina o la Galantamina che tuttavia non sempre hanno evidenti effetti benefici. Potrebbe essere utile inoltre impostare una terapia per quanto riguarda gli eventuali sintomi comportamentali associati alla demenza nel caso dovessero comparire.
Cordiali saluti.

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra risultati Come funziona?
Buongiorno, Glialia è un integratore con funzione prevalentemente antiossidante e neuroprotettiva che potrebbe, come altri prodotti con principi attivi simili, risultare benefico nel caso di disturbi dell'umore molto lievi o come complemento alle terapie specifiche.
Per quanto riguarda la situazione di sua madre e la possibile depressione, sarebbe opportuno valutare attentamente se effettivamente si tratti di un disturbo depressivo e, in quel caso, andrebbe valutata la sua gravità. Questa valutazione è fondamentale per decidere se intraprendere una terapia antidepressiva o se il problema sia correlato ad altre condizioni, come ad esempio un disturbo cognitivo. In quest'ultimo caso, è importante sottolineare che non sempre una terapia antidepressiva rappresenta la soluzione più efficace alle problematiche legate all'umore.
Bisogna conoscere bene il quadro clinico della mamma e in caso valutare se sia il caso di passare ad un altra categoria di farmaci come gli inibitori della acetilcolinesterasi. Questi pazienti devono essere anche valutati per le autonomie funzionali di base. Cordialità

Esperti

Monia Pizzuti

Monia Pizzuti

Psicologo clinico

Ceccano

Patrizia Rosso

Patrizia Rosso

Psicoterapeuta, Neuropsicologo, Psicologo clinico

Vidracco

Deborah Fabiani

Deborah Fabiani

Psicoterapeuta, Psicologo

Pisa

Simona Galietto

Simona Galietto

Psicologo clinico, Psicoterapeuta, Psicologo

Napoli

Francesca Calvano

Francesca Calvano

Psicoterapeuta, Psicologo

Roma

Monica Calabrese

Monica Calabrese

Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico

Grosseto

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 410 domande su Depressione
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.