OPERATO AL SECONDO GINOCCHIO ORMAI DA 8 MESI SENTO SEMPRE "TIRARE" I MUSCOLI LATERALE ESTERNO E SOPRA IL GINOCCHIO. NON HO DOLORI A STARE FERMO MA FASTIDIO E MANCANZA DI EQUILIBRIO NEL CAMMINARE MENTRE IL DOLORE LO SENTO NEL FARE LE SCALE SOPRATUTTO IN DISCESA.
L'ALTRO GINOCCHIO OPERATO 14 MESI FA INVECE E' QUASI OK.
PUO' ESSERE UTILE MANIPOLAZIONE DA OSTEOPATA?
Dott. Emanuele Buscema
Dott. Emanuele Buscema
Osteopata, Posturologo
Firenze
Buonasera.
Le caratteristiche del dolore che lei riporta (dolore nel fare le scale) possono far pensare sia a un dolore meccanico causato da un mal funzionamento dell'articolazione del ginocchio per cause da stabilire, sia a un problema di tipo nevralgico probabilmente derivante dalla schiena (mi riferisco al termine "tirare" che lei ha utilizzato). Inoltre probabilmente durante la fase riabilitativa fisioterapica postoperatoria (che do per scontato sia stata fatta) la parte propriocettiva non è stata sufficientemente approfondita (riferendomi alla difficolta di equilibrio). Detto questo sicuramente i sintomi che lei riferisce sono di pertinenza osteopatica, quindi un consulto da uno specialista non può che giovarle.




Buonasera, sicuramente una seduta osteopatica può aiutarla a ristabilire un equilibrio delle strutture intorno al ginocchio stesso.
Sarebbe interessante capire il motivo delle operazioni.
In associazione le consiglio un lavoro di stabilità di tutti i muscoli che entrano nella meccanica del ginocchio ed un lavoro sulla qualità del movimento.
Simone Formica

Buonasera,
Io consiglio un ciclo di sedute dall'osteopata (difficile stabilire a priori le tempistiche avendo poche informazioni riguardo all'operazione e all'intensità del dolore).
Sarebbe interessante capire il carico a cui è sottoposto il ginocchio, quanto siano coinvolte le fasce muscolari, se è presente una cicatrice, dove è posizionata e quanto coinvolga i tessuti muscolari.
Se ha eseguito una corretta riabilitazione propriocettiva, non si preoccupi può succedere che rimanga instabilità considerando che è l'articolazione maggiormente coinvolta nella gamba per la stabilità (soprattutto se l'operazione ha coinvolto i legamenti crociati o collaterali).
Si affidi ad un bravo collega che sia in grado di consigliarle di volta in volta esercizi per rinforzare la muscolatura, migliorare la propriocezione e mantenere i risultati ottenuti.
Aggiungo che se l'intervento ha interessato il menisco, il dolore a scendere le scale può essere dovuto ad una incompleta risoluzione del processo di riparazione del menisco dal momento che il suo ruolo è proprio quello di ammortizzare durante il passo.
Rimango a disposizione per ogni dubbio.
Cordialmente.

Dr. Andrea Galetto
Dr. Andrea Galetto
Fisioterapista, Osteopata
Pinerolo
Buonasera prima di ipotizzare qualsiasi tipo di problema ho bisogno di sapere per quale motivo è stato operato, e perché fa riferimento anche all’altro ginocchio. In più quanti anni ha, perché le patologie sono differenti a seconda dell’età! L’unica cosa che posso affermare e che con un deficit di equilibrio in un ginocchio sofferente, sicuramente si avrà dolore a fare le scale in particolar modo nella discesa!

Specialisti per protesi di ginocchio

Domande correlate

Hai domande?

I nostri esperti hanno risposto a 22 domande su protesi di ginocchio

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.