Comunicazioni importanti

Indirizzi (2)


Pazienti senza assicurazione sanitaria


Consulenza online (descrizione) • 60 €

Consulenza psicologica (descrizione) • 60 €

Psicoterapia (descrizione) • 60 € +11 Altro

Psicoterapia individuale • 60 €

Accompagnamento in gravidanza • 60 €

Colloquio psicologico • 60 €

Mostra tutte le prestazioni

06 9763..... Mostra numero

Metodi di pagamento: Bonifico

Il pagamento va effettuato subito dopo la prenotazione della consulenza online. Avrai 30 minuti di tempo per completare il pagamento, in caso contrario la tua prenotazione verrà cancellata.

I pagamenti per le consulenze sono inviati direttamente allo specialista, che è anche responsabile della policy di cancellazione e rimborso.

In caso di eventuali problemi con il pagamento, ti preghiamo di contattare lo specialista.

Ricorda, MioDottore non ti addebita alcuna commissione aggiuntiva per la prenotazione dell&#***;appuntamento non processa i pagamenti per conto dello specialista.

Per favore, leggi con attenzione la policy di cancellazione e rimborso.

I pagamenti per le consulenze sono inviati direttamente allo specialista, che è anche responsabile della policy di cancellazione e rimborso.

In caso di eventuali problemi con il pagamento, ti preghiamo di contattare lo specialista.

Ricorda, MioDottore non ti addebita alcuna commissione aggiuntiva per la prenotazione dell'appuntamento e non processa i pagamenti per conto dello specialista.

* Parte delle informazioni è nascosta per garantire la protezione dei dati. Potrai accedere a queste informazioni dopo aver effettuato la prenotazione.


Tieniti pronto 10 minuti prima della consulenza. Assicurati che la batteria del tuo dispositivo sia carica. Per i videoconsulti: controlla la tua connessione internet e il corretto funzionamento di camera e microfono. Tieni a portata di mano eventuali referti medici (es. il risultato degli esami).


Via Domodossola 29, Municipio Roma Ix, Roma
Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì


Misure di sicurezza adottate in questo studio

Mostra

Pazienti con assicurazione sanitaria e pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini di qualsiasi età
Bonifico, Carta di credito, Carta prepagata, + 2 Altro
06 9763..... Mostra numero


Esperienze

Su di me

PSICOLOGA, PSICOTERAPEUTA INFANTILE Sono una Psicologa e Psicoterapeuta Psicoanalitica per bambini, adolescenti e famiglie, modello Tavistock. Il ...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Depressione
  • Attacco di panico
  • Crisi relazionali
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università La Sapienza di Roma
  • Centro Studi Martha Harris di Firenze

Specializzazioni

  • Psicoanalisi
  • Psicoterapia
  • Psicologia Perinatale
Visualizza altre informazioni


Competenze linguistiche

Inglese, Spagnolo

Prestazioni e prezzi

I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

Prestazioni suggerite


60 €

Consulenza Online

La terapia online può essere utile per chi sente il bisogno di un supporto psicologico, ma ha problemi di tempo, difficoltà organizzative, mancanza di professionisti nella zona in cui si vive.
Scegliere la terapia on line può aiutare perché:

1. permette di incontrare un terapeuta che parla la tua lingua, anche a distanza.

2. si può svolgere in qualsiasi luogo, purché privato. Basta solo un computer o uno smartphone e una connessione internet.

3. può essere svolta nella propria casa, un ambiente familiare, che mette a suo agio e non aggiunge l’ansia o l’imbarazzo che molti provano nel recarsi da un terapeuta.

4.offre, inoltre, la possibilità di intraprendere un percorso anche in lingua inglese.

La psicoterapia on line prevede un incontro iniziale gratuito, per comprendere se il rapporto on line è appropriato per il paziente e per il caso specifico. In base alla storia psichiatrica e ai disturbi sarà lo stesso psicoterapeuta a consigliare una terapia tradizionale. Nel caso di un paziente minorenne il primo colloquio si svolgerà alla presenza del genitore che dovrà anche firmare una lettera di consenso. Tutti gli incontri si svolgeranno in modo da garantire la più totale privacy e riservatezza.



60 €

Consulenza Online

Si prevedono quattro colloqui iniziali che sono necessari per valutare il problema riportato, fare un assessment e concordare possibili obiettivi di un percorso terapeutico. La durata è di 45 minuti ciascun incontro.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

Si prevedono quattro colloqui iniziali che sono necessari per valutare il problema riportato, fare un assessment e concordare possibili obiettivi di un percorso terapeutico. La durata è di 45 minuti ciascun incontro.



60 €

Consulenza Online

La psicoterapia è un'esperienza trasformativa in cui la persona può osservare, riflettere e comprendere le proprie emozioni, i propri comportamenti, il modo in cui si relaziona con gli altri e l'ambiente circostante.
La finalità è quella del cambiamento consapevole che si concretizza nel raggiungimento di uno stato di maggiore benessere personale e nell’acquisizione di maggiori capacità per affrontare problematiche passate, presenti o future e gestire così la propria vita in maniera più autonoma e matura.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

La psicoterapia è un'esperienza trasformativa in cui la persona può osservare, riflettere e comprendere le proprie emozioni, i propri comportamenti, il modo in cui si relaziona con gli altri e l'ambiente circostante.
La finalità è quella del cambiamento consapevole che si concretizza nel raggiungimento di uno stato di maggiore benessere personale e nell’acquisizione di maggiori capacità per affrontare problematiche passate, presenti o future e gestire così la propria vita in maniera più autonoma e matura.



60 €

Consulenza Online

La psicoterapia è un'esperienza trasformativa in cui la persona può osservare, riflettere e comprendere le proprie emozioni, i propri comportamenti, il modo in cui si relaziona con gli altri e l'ambiente circostante.
La finalità è quella del cambiamento consapevole che si concretizza nel raggiungimento di uno stato di maggiore benessere personale e nell’acquisizione di maggiori capacità per affrontare problematiche passate, presenti o future e gestire così la propria vita in maniera più autonoma e matura.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

La psicoterapia è un'esperienza trasformativa in cui la persona può osservare, riflettere e comprendere le proprie emozioni, i propri comportamenti, il modo in cui si relaziona con gli altri e l'ambiente circostante.
La finalità è quella del cambiamento consapevole che si concretizza nel raggiungimento di uno stato di maggiore benessere personale e nell’acquisizione di maggiori capacità per affrontare problematiche passate, presenti o future e gestire così la propria vita in maniera più autonoma e matura.

Altre prestazioni


60 €

Consulenza Online

Il percorso che porta una donna a diventare madre è essenziale per creare le basi sicure sulle quali la mamma e il bebè potranno costruire un rapporto vicendevolmente positivo e nutriente.
Ogni donna è unica e diversa e vive l’attesa del proprio bambino in modo tutto suo. La gestazione è un processo molto impegnativo e non soltanto comporta chiare ed evidenti trasformazioni biologiche, ma anche modificazioni psicologiche e ambientali. Queste ultime, nello specifico, riguardano i contesti nei quali la donna vive, come il posto di lavoro, la coppia e la famiglia.
Talvolta, la gravidanza porta con sé delle difficoltà psicologiche che non andrebbero mai sottovalutate né tantomeno ignorate. Tra queste figurano i disturbi dell’adattamento alla nuova condizione e le sintomatologie ansioso-depressive, più frequenti soprattutto nel primo trimestre della gravidanza e con sintomi variabili: dagli attacchi di panico all’ansia generalizzata, dalla distimia (una forma di depressione cronica) ai disturbi somatoformi, dai disturbi fobici a quelli ossessivo-compulsivi.
Da un punto di vista prettamente emotivo, la gravidanza rappresenta una vera e propria corsa sulle montagne russe per moltissime donne, con il suo succedersi continuo di intense esperienze psicologiche, emozionali e fisiche. In alcuni casi le medesime emozioni possono arrivare a coinvolgere persino altri membri del nucleo familiare più stretto, partner in primis.
Il percorso che porta la donna all’acquisizione del suo nuovo ruolo di madre può essere delicato: è dunque essenziale fornire il giusto sostegno psicologico in gravidanza in modo che la futura neo-mamma percepisca in modo netto la sicurezza dei legami di cura e protezione all’interno della sua quotidianità. Questo tipo di serenità emotiva sarà per lei di enorme supporto non soltanto per contrastare eventuali perturbazioni emotive o fisiologici momenti di stress psicofisico (che sono normalissimi e come tali vanno accettati!), ma anche per sviluppare il senso di competenza e tranquillità che dovrà accompagnarla anche al momento del parto e dopo la nascita del bebè.
Un sostegno psicologico in gravidanza adeguato, quindi, è sempre mirato a garantire la giusta dignità al percorso che la donna sta compiendo. Eventuali stati di malessere non andrebbero mai sminuiti in alcun modo ma, al contrario, trattati e gestiti esattamente per quello che sono: momenti da accudire, sia a livello familiare che medico, in modo da garantire la serenità che la donna merita in tutti e nove mesi della sua gravidanza.
Il sostegno psicologico in gravidanza è sinonimo dunque di ascolto, incoraggiamento, rispetto, amore, accoglienza. E' importante offrire alla futura mamma uno spazio protetto in cui elaborare tutti i complicati vissuti che questo importante momento della sua vita comporta e a cui potersi affidare per la gestione di questi fondamentali, e spesso necessari, bisogni psico-relazionali.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

Il percorso che porta una donna a diventare madre è essenziale per creare le basi sicure sulle quali la mamma e il bebè potranno costruire un rapporto vicendevolmente positivo e nutriente.
Ogni donna è unica e diversa e vive l’attesa del proprio bambino in modo tutto suo. La gestazione è un processo molto impegnativo e non soltanto comporta chiare ed evidenti trasformazioni biologiche, ma anche modificazioni psicologiche e ambientali. Queste ultime, nello specifico, riguardano i contesti nei quali la donna vive, come il posto di lavoro, la coppia e la famiglia.
Talvolta, la gravidanza porta con sé delle difficoltà psicologiche che non andrebbero mai sottovalutate né tantomeno ignorate. Tra queste figurano i disturbi dell’adattamento alla nuova condizione e le sintomatologie ansioso-depressive, più frequenti soprattutto nel primo trimestre della gravidanza e con sintomi variabili: dagli attacchi di panico all’ansia generalizzata, dalla distimia (una forma di depressione cronica) ai disturbi somatoformi, dai disturbi fobici a quelli ossessivo-compulsivi.
Da un punto di vista prettamente emotivo, la gravidanza rappresenta una vera e propria corsa sulle montagne russe per moltissime donne, con il suo succedersi continuo di intense esperienze psicologiche, emozionali e fisiche. In alcuni casi le medesime emozioni possono arrivare a coinvolgere persino altri membri del nucleo familiare più stretto, partner in primis.
Il percorso che porta la donna all’acquisizione del suo nuovo ruolo di madre può essere delicato: è dunque essenziale fornire il giusto sostegno psicologico in gravidanza in modo che la futura neo-mamma percepisca in modo netto la sicurezza dei legami di cura e protezione all’interno della sua quotidianità. Questo tipo di serenità emotiva sarà per lei di enorme supporto non soltanto per contrastare eventuali perturbazioni emotive o fisiologici momenti di stress psicofisico (che sono normalissimi e come tali vanno accettati!), ma anche per sviluppare il senso di competenza e tranquillità che dovrà accompagnarla anche al momento del parto e dopo la nascita del bebè.
Un sostegno psicologico in gravidanza adeguato, quindi, è sempre mirato a garantire la giusta dignità al percorso che la donna sta compiendo. Eventuali stati di malessere non andrebbero mai sminuiti in alcun modo ma, al contrario, trattati e gestiti esattamente per quello che sono: momenti da accudire, sia a livello familiare che medico, in modo da garantire la serenità che la donna merita in tutti e nove mesi della sua gravidanza.
Il sostegno psicologico in gravidanza è sinonimo dunque di ascolto, incoraggiamento, rispetto, amore, accoglienza. E' importante offrire alla futura mamma uno spazio protetto in cui elaborare tutti i complicati vissuti che questo importante momento della sua vita comporta e a cui potersi affidare per la gestione di questi fondamentali, e spesso necessari, bisogni psico-relazionali.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

Il primo incontro con i genitori e senza il bambino serve a capire se un intervento psicologico sia davvero necessario. Nel caso in cui si ritenga necessario un intervento psicologico, si procederà con quattro incontri diagnostico valutativi, nei quali verrà coinvolto il bambino, senza la presenza dei genitori, ma con il consenso di entrambi, in quanto esercenti la potestà genitoriale.
Terminata la fase valutativa, l’ultimo incontro sarà nuovamente con i genitori e avrà lo scopo di spiegare i risultati della valutazione e programmare se necessario un intervento psicologico (sostegno psicologico, psicoterapia, psicoterapia breve o intensiva).
Nel caso di bambini piccoli, da 0 a 5 anni, vengono offerte sedute di psicoterapia madre-bambino, genitori-bambino o familiari che, oltre ad un valore terapeutico, hanno anche e soprattutto un valore preventivo.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

La psicoterapia con i bambini può essere efficace in tutte quelle situazioni di malessere personale e familiare; essa ha come modalità principale di comprensione e di intervento il gioco e il disegno.
Il gioco e il disegno sono infatti le strategie che il bambino naturalmente utilizza per elaborare le proprie esperienze emotive e dar significato al proprio mondo interno.
Questo tipo di intervento implicherà sempre un coinvolgimento della famiglia che è attiva nel lavoro con il bambino, effettuando incontri periodici e, laddove necessario, anche il coinvolgimento della scuola.​
Il primo incontro avviene solamente con i genitori, senza il coinvolgimento del bambino.
Questo primo incontro ha lo scopo di affrontare il problema del bambino, ripercorrendo le fasi del suo sviluppo ed evidenziandone le caratteristiche.
Il primo incontro con i genitori e senza il bambino serve a capire se un intervento psicologico sia davvero necessario.
Nel caso in cui si ritenga necessario un intervento psicologico, si procederà con quattro incontri diagnostico valutativi, nei quali verrà coinvolto il bambino, senza la presenza dei genitori, ma con il consenso di entrambi, in quanto esercenti la potestà genitoriale.
Terminata la fase valutativa, l’ultimo incontro sarà nuovamente con i genitori e avrà lo scopo di spiegare i risultati della valutazione e programmare se necessario un intervento psicologico (sostegno psicologico, psicoterapia, psicoterapia breve o intensiva).
Nel caso di bambini piccoli, da 0 a 5 anni, vengono offerte sedute di psicoterapia madre-bambino, genitori-bambino o familiari che, oltre ad un valore terapeutico, hanno anche e soprattutto un valore preventivo.



60 €

Consulenza Online

Si prevedono quattro colloqui iniziali che sono necessari per valutare il problema riportato, fare un assessment e concordare possibili obiettivi di un percorso terapeutico. La durata è di 45 minuti ciascun incontro.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

Si prevedono quattro colloqui iniziali che sono necessari per valutare il problema riportato, fare un assessment e concordare possibili obiettivi di un percorso terapeutico. La durata è di 45 minuti ciascun incontro.



Via Domodossola 29, Roma

da 80 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

La terapia familiare e’ utile quando:
– il nucleo familiare sta vivendo una sofferenza espressa da un neonato o bambino piccolo, al di sotto dei 5 anni (disturbi del sonno, dell’alimentazione, allattamento/svezzamento, difficoltà nella regolazione emotiva, problemi nella relazione di attaccamento, depressione materna, terrori notturni, ansia di separazione, difficoltà del controllo sfinterico, aggressività eccessiva, rivalità fraterna, iperattività, irascibilità e crisi di rabbia, comportamenti oppositivi, etc.). In queste situazioni vengono offerti pacchetti rinnovabili di sedute di psicoterapia madre-bambino, genitori-bambino o familiari che, oltre ad un valore terapeutico, hanno anche e soprattutto un valore preventivo.



60 €

Consulenza Online

Si prevedono quattro colloqui iniziali che sono necessari per valutare il problema riportato, fare un assessment e concordare possibili obiettivi di un percorso terapeutico. La durata è di 45 minuti ciascun incontro.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

Si prevedono quattro colloqui iniziali che sono necessari per valutare il problema riportato, fare un assessment e concordare possibili obiettivi di un percorso terapeutico. La durata è di 45 minuti ciascun incontro.



60 €

Consulenza Online

La valutazione iniziale prevede quattro colloqui necessari per valutare il problema riportato, fare un assessment, concordare possibili obiettivi di un percorso terapeutico e le caratteristiche del trattamento.
La durata di ciascun incontro è di 45 minuti. Il tempo post seduta è necessario tra una seduta e un'altra per organizzare lo spazio.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

La valutazione iniziale prevede quattro colloqui necessari per valutare il problema riportato, fare un assessment, concordare possibili obiettivi di un percorso terapeutico e le caratteristiche del trattamento.
La durata di ciascun incontro è di 45 minuti. Il tempo post seduta è necessario tra una seduta e un'altra per organizzare lo spazio.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

La psicoterapia psicoanalitica si rivolge a coloro che hanno bisogno e volontà di interrogarsi sulle ragioni profonde di un proprio malessere personale e che intendono modificare i percorsi che li conducono a situazioni di sofferenza psichica, mettendosi in gioco e ingaggiandosi in un processo impegnativo di conoscenza di sé e di cambiamento.
Nell’ambito della relazione tra analista e paziente si costituisce un campo in cui si manifesta la dimensione inconscia, che può essere così significata, individuando l’origine dei problemi del paziente, le ragioni del loro costituirsi, gli elementi che hanno assunto una dimensione traumatica, i meccanismi difensivi che si sono strutturati per compensare la sofferenza, ma che impediscono una crescita ed una evoluzione maturativa della persona.
Attraverso questo lavoro in cui l’analista è compagno di viaggio, testimone, interprete, il paziente viene sostenuto a sviluppare una nuova consapevolezza, il superamento di vissuti traumatici antichi e la capacità di affrontare quelli che si sono succeduti nel tempo.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

La psicoterapia psicoanalitica si rivolge a coloro che hanno bisogno e volontà di interrogarsi sulle ragioni profonde di un proprio malessere personale e che intendono modificare i percorsi che li conducono a situazioni di sofferenza psichica, mettendosi in gioco e ingaggiandosi in un processo impegnativo di conoscenza di sé e di cambiamento.
Nell’ambito della relazione tra analista e paziente si costituisce un campo in cui si manifesta la dimensione inconscia, che può essere così significata, individuando l’origine dei problemi del paziente, le ragioni del loro costituirsi, gli elementi che hanno assunto una dimensione traumatica, i meccanismi difensivi che si sono strutturati per compensare la sofferenza, ma che impediscono una crescita ed una evoluzione maturativa della persona.
Attraverso questo lavoro in cui l’analista è compagno di viaggio, testimone, interprete, il paziente viene sostenuto a sviluppare una nuova consapevolezza, il superamento di vissuti traumatici antichi e la capacità di affrontare quelli che si sono succeduti nel tempo.



Via Domodossola 29, Roma

da 80 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

La terapia familiare e’ utile quando:
– il nucleo familiare sta vivendo una sofferenza espressa da un neonato o bambino piccolo, al di sotto dei 5 anni (disturbi del sonno, dell’alimentazione, allattamento/svezzamento, difficoltà nella regolazione emotiva, problemi nella relazione di attaccamento, depressione materna, terrori notturni, ansia di separazione, difficoltà del controllo sfinterico, aggressività eccessiva, rivalità fraterna, iperattività, irascibilità e crisi di rabbia, comportamenti oppositivi, etc.). In queste situazioni vengono offerti pacchetti rinnovabili di sedute di psicoterapia madre-bambino, genitori-bambino o familiari che, oltre ad un valore terapeutico, hanno anche e soprattutto un valore preventivo.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

La psicoterapia con i bambini può essere efficace in tutte quelle situazioni di malessere personale e familiare; essa ha come modalità principale di comprensione e di intervento il gioco e il disegno.
Il gioco e il disegno sono infatti le strategie che il bambino naturalmente utilizza per elaborare le proprie esperienze emotive e dar significato al proprio mondo interno.
Questo tipo di intervento implicherà sempre un coinvolgimento della famiglia che è attiva nel lavoro con il bambino, effettuando incontri periodici e, laddove necessario, anche il coinvolgimento della scuola.​
Il primo incontro avviene solamente con i genitori, senza il coinvolgimento del bambino.
Questo primo incontro ha lo scopo di affrontare il problema del bambino, ripercorrendo le fasi del suo sviluppo ed evidenziandone le caratteristiche.
Il primo incontro con i genitori e senza il bambino serve a capire se un intervento psicologico sia davvero necessario.
Nel caso in cui si ritenga necessario un intervento psicologico, si procederà con quattro incontri diagnostico valutativi, nei quali verrà coinvolto il bambino, senza la presenza dei genitori, ma con il consenso di entrambi, in quanto esercenti la potestà genitoriale.
Terminata la fase valutativa, l’ultimo incontro sarà nuovamente con i genitori e avrà lo scopo di spiegare i risultati della valutazione e programmare se necessario un intervento psicologico (sostegno psicologico, psicoterapia, psicoterapia breve o intensiva).
Nel caso di bambini piccoli, da 0 a 5 anni, vengono offerte sedute di psicoterapia madre-bambino, genitori-bambino o familiari che, oltre ad un valore terapeutico, hanno anche e soprattutto un valore preventivo.



60 €

Consulenza Online

In adolescenza possono emergere sintomi di carattere ansioso-depressivo e somatoforme, manifestazioni sul versante comportamentale e disturbi psicotici a esordio precoce. I primi segnali di disagio sono rappresentati dalle somatizzazioni, pensieri ossessivi, ansia generalizzata, attacchi di panico.
Gli aspetti più visibili della depressione in adolescenza spesso sono l’anedonia (mancanza di piacere nello svolgere attività normalmente piacevoli), apatia, assenza di investimento nel futuro, ritiro dalle relazioni. L’emergere di tali problematiche richiede un intervento da parte degli adulti di riferimento del minore.
Spesso si assiste ad un rifiuto dell'adolescente ad accedere ad una consultazione psicologica. Quello che succede è che l'adolescente, nel processo di costruzione della propria identità, si oppone al mondo degli adulti.
Percio' è molto importante il coinvolgimento dei genitori che, in questo caso, possono effettuare alcuni colloqui con il clinico che, di per sé, possono gia' servire a motivare il ragazzo oppure il lavoro verrà direttamente svolto con i genitori.
In altri casi, invece, sarà proprio l'adolescente a chiedere aiuto e a richiedere uno spazio personale, in cui affrontare le proprie problematiche. In ogni caso, la consultazione psicologica richiede il punto di vista dei genitori per ricostruire la storia di sviluppo dell’adolescente e la storia del nucleo familiare, per dare voce ai diversi punti di vista (adolescente e genitori), per favorire cambiamenti non solo nell’adolescente, ma anche nel modo in cui le figure significative si relazionano con lui.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

In adolescenza possono emergere sintomi di carattere ansioso-depressivo e somatoforme, manifestazioni sul versante comportamentale e disturbi psicotici a esordio precoce. I primi segnali di disagio sono rappresentati dalle somatizzazioni, pensieri ossessivi, ansia generalizzata, attacchi di panico.
Gli aspetti più visibili della depressione in adolescenza spesso sono l’anedonia (mancanza di piacere nello svolgere attività normalmente piacevoli), apatia, assenza di investimento nel futuro, ritiro dalle relazioni. L’emergere di tali problematiche richiede un intervento da parte degli adulti di riferimento del minore.
Spesso si assiste ad un rifiuto dell'adolescente ad accedere ad una consultazione psicologica. Quello che succede è che l'adolescente, nel processo di costruzione della propria identità, si oppone al mondo degli adulti.
Percio' è molto importante il coinvolgimento dei genitori che, in questo caso, possono effettuare alcuni colloqui con il clinico che, di per sé, possono gia' servire a motivare il ragazzo oppure il lavoro verrà direttamente svolto con i genitori.
In altri casi, invece, sarà proprio l'adolescente a chiedere aiuto e a richiedere uno spazio personale, in cui affrontare le proprie problematiche. In ogni caso, la consultazione psicologica richiede il punto di vista dei genitori per ricostruire la storia di sviluppo dell’adolescente e la storia del nucleo familiare, per dare voce ai diversi punti di vista (adolescente e genitori), per favorire cambiamenti non solo nell’adolescente, ma anche nel modo in cui le figure significative si relazionano con lui.



60 €

Consulenza Online

Essere genitori ed educare è un compito molto complesso che si modifica durante tutto l’arco della vita perché è inserito all’interno di un percorso evolutivo fisiologico. I percorsi psicologici di sostegno alla genitorialità, rivolti a genitori con figli di tutte le fasce d’età, hanno l’obiettivo di supportare i genitori nel loro ruolo, di promuovere la consapevolezza dell’importanza di tale compito e di accrescere e rafforzare le proprie competenze educative.
Attraverso una maggiore comprensione del figlio (bisogni, paure ecc), di sé come genitori e della relazione con i figli, il sostegno genitoriale offre uno spazio di riflessione sugli atteggiamenti educativi e comunicativi messi in gioco nel rapporto genitori-figli. L’obiettivo è di poter ripensare a nuove modalità di comportamento, di espressione e confronto con i propri figli.
I percorsi di sostegno alla genitorialità non sono solo destinati a famiglie problematiche, o in situazioni particolarmente traumatiche, ma può essere un cammino utile a qualsiasi genitore per migliorare la relazione e la comunicazione con i propri figli e le dinamiche familiari. Il sostegno alla genitorialità è quindi un intervento psicologico di accompagnamento per gli adulti che, per motivi diversi (cambiamenti fisiologici legati alle varie fasi del ciclo di vita dei figli, eventi critici, separazione, problematiche personali o dei figli ecc…) vivono delle difficoltà nel loro ruolo genitoriale. L'incontro ha la durata di 1 ora - 1 ora e mezza.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

Essere genitori ed educare è un compito molto complesso che si modifica durante tutto l’arco della vita perché è inserito all’interno di un percorso evolutivo fisiologico. I percorsi psicologici di sostegno alla genitorialità, rivolti a genitori con figli di tutte le fasce d’età, hanno l’obiettivo di supportare i genitori nel loro ruolo, di promuovere la consapevolezza dell’importanza di tale compito e di accrescere e rafforzare le proprie competenze educative.
Attraverso una maggiore comprensione del figlio (bisogni, paure ecc), di sé come genitori e della relazione con i figli, il sostegno genitoriale offre uno spazio di riflessione sugli atteggiamenti educativi e comunicativi messi in gioco nel rapporto genitori-figli. L’obiettivo è di poter ripensare a nuove modalità di comportamento, di espressione e confronto con i propri figli.
I percorsi di sostegno alla genitorialità non sono solo destinati a famiglie problematiche, o in situazioni particolarmente traumatiche, ma può essere un cammino utile a qualsiasi genitore per migliorare la relazione e la comunicazione con i propri figli e le dinamiche familiari. Il sostegno alla genitorialità è quindi un intervento psicologico di accompagnamento per gli adulti che, per motivi diversi (cambiamenti fisiologici legati alle varie fasi del ciclo di vita dei figli, eventi critici, separazione, problematiche personali o dei figli ecc…) vivono delle difficoltà nel loro ruolo genitoriale. L'incontro ha la durata di 1 ora - 1 ora e mezza.



60 €

Consulenza Online

Essere genitori ed educare è un compito molto complesso che si modifica durante tutto l’arco della vita perché è inserito all’interno di un percorso evolutivo fisiologico. I percorsi psicologici di sostegno alla genitorialità, rivolti a genitori con figli di tutte le fasce d’età, hanno l’obiettivo di supportare i genitori nel loro ruolo, di promuovere la consapevolezza dell’importanza di tale compito e di accrescere e rafforzare le proprie competenze educative.
Attraverso una maggiore comprensione del figlio (bisogni, paure ecc), di sé come genitori e della relazione con i figli, il sostegno genitoriale offre uno spazio di riflessione sugli atteggiamenti educativi e comunicativi messi in gioco nel rapporto genitori-figli. L’obiettivo è di poter ripensare a nuove modalità di comportamento, di espressione e confronto con i propri figli.
I percorsi di sostegno alla genitorialità non sono solo destinati a famiglie problematiche, o in situazioni particolarmente traumatiche, ma può essere un cammino utile a qualsiasi genitore per migliorare la relazione e la comunicazione con i propri figli e le dinamiche familiari. Il sostegno alla genitorialità è quindi un intervento psicologico di accompagnamento per gli adulti che, per motivi diversi (cambiamenti fisiologici legati alle varie fasi del ciclo di vita dei figli, eventi critici, separazione, problematiche personali o dei figli ecc…) vivono delle difficoltà nel loro ruolo genitoriale. L'incontro ha la durata di 1 ora - 1 ora e mezza.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

Essere genitori ed educare è un compito molto complesso che si modifica durante tutto l’arco della vita perché è inserito all’interno di un percorso evolutivo fisiologico. I percorsi psicologici di sostegno alla genitorialità, rivolti a genitori con figli di tutte le fasce d’età, hanno l’obiettivo di supportare i genitori nel loro ruolo, di promuovere la consapevolezza dell’importanza di tale compito e di accrescere e rafforzare le proprie competenze educative.
Attraverso una maggiore comprensione del figlio (bisogni, paure ecc), di sé come genitori e della relazione con i figli, il sostegno genitoriale offre uno spazio di riflessione sugli atteggiamenti educativi e comunicativi messi in gioco nel rapporto genitori-figli. L’obiettivo è di poter ripensare a nuove modalità di comportamento, di espressione e confronto con i propri figli.
I percorsi di sostegno alla genitorialità non sono solo destinati a famiglie problematiche, o in situazioni particolarmente traumatiche, ma può essere un cammino utile a qualsiasi genitore per migliorare la relazione e la comunicazione con i propri figli e le dinamiche familiari. Il sostegno alla genitorialità è quindi un intervento psicologico di accompagnamento per gli adulti che, per motivi diversi (cambiamenti fisiologici legati alle varie fasi del ciclo di vita dei figli, eventi critici, separazione, problematiche personali o dei figli ecc…) vivono delle difficoltà nel loro ruolo genitoriale. L'incontro ha la durata di 1 ora - 1 ora e mezza.



60 €

Consulenza Online

Supporto psicologico per bambini, adolescenti, adulti e famiglie.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

Supporto psicologico per bambini, adolescenti, adulti e famiglie.



60 €

Consulenza Online

In adolescenza possono emergere sintomi di carattere ansioso-depressivo e somatoforme, manifestazioni sul versante comportamentale e disturbi psicotici a esordio precoce. I primi segnali di disagio sono rappresentati dalle somatizzazioni, pensieri ossessivi, ansia generalizzata, attacchi di panico.
Gli aspetti più visibili della depressione in adolescenza spesso sono l’anedonia (mancanza di piacere nello svolgere attività normalmente piacevoli), apatia, assenza di investimento nel futuro, ritiro dalle relazioni. L’emergere di tali problematiche richiede un intervento da parte degli adulti di riferimento del minore.
Spesso si assiste ad un rifiuto dell'adolescente ad accedere ad una consultazione psicologica. Quello che succede è che l'adolescente, nel processo di costruzione della propria identità, si oppone al mondo degli adulti.
Percio' è molto importante il coinvolgimento dei genitori che, in questo caso, possono effettuare alcuni colloqui con il clinico che, di per sé, possono gia' servire a motivare il ragazzo oppure il lavoro verrà direttamente svolto con i genitori.
In altri casi, invece, sarà proprio l'adolescente a chiedere aiuto e a richiedere uno spazio personale, in cui affrontare le proprie problematiche. In ogni caso, la consultazione psicologica richiede il punto di vista dei genitori per ricostruire la storia di sviluppo dell’adolescente e la storia del nucleo familiare, per dare voce ai diversi punti di vista (adolescente e genitori), per favorire cambiamenti non solo nell’adolescente, ma anche nel modo in cui le figure significative si relazionano con lui.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

In adolescenza possono emergere sintomi di carattere ansioso-depressivo e somatoforme, manifestazioni sul versante comportamentale e disturbi psicotici a esordio precoce. I primi segnali di disagio sono rappresentati dalle somatizzazioni, pensieri ossessivi, ansia generalizzata, attacchi di panico.
Gli aspetti più visibili della depressione in adolescenza spesso sono l’anedonia (mancanza di piacere nello svolgere attività normalmente piacevoli), apatia, assenza di investimento nel futuro, ritiro dalle relazioni. L’emergere di tali problematiche richiede un intervento da parte degli adulti di riferimento del minore.
Spesso si assiste ad un rifiuto dell'adolescente ad accedere ad una consultazione psicologica. Quello che succede è che l'adolescente, nel processo di costruzione della propria identità, si oppone al mondo degli adulti.
Percio' è molto importante il coinvolgimento dei genitori che, in questo caso, possono effettuare alcuni colloqui con il clinico che, di per sé, possono gia' servire a motivare il ragazzo oppure il lavoro verrà direttamente svolto con i genitori.
In altri casi, invece, sarà proprio l'adolescente a chiedere aiuto e a richiedere uno spazio personale, in cui affrontare le proprie problematiche. In ogni caso, la consultazione psicologica richiede il punto di vista dei genitori per ricostruire la storia di sviluppo dell’adolescente e la storia del nucleo familiare, per dare voce ai diversi punti di vista (adolescente e genitori), per favorire cambiamenti non solo nell’adolescente, ma anche nel modo in cui le figure significative si relazionano con lui.



60 €

Consulenza Online

Supporto psicologico per bambini, adolescenti, adulti e famiglie.



Via Domodossola 29, Roma

da 60 €

Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì

Supporto psicologico per bambini, adolescenti, adulti e famiglie.

Punteggio generale

Tutte le recensioni contano e non possono essere rimosse o modificate dagli specialisti a proprio piacimento. Scopri come funziona il processo di moderazione delle recensioni.
A
Presso: Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì psicoterapia individuale

Fin da subito la Dott. ssa Di Chio si è dimostrata disponibile e professionale. È stata in grado di capire e risolvere i miei problemi senza mai farmi sentire in difetto e senza mai giudicare.

La consiglio caldamente a chiunque abbia bisogno di una figura medica di questo tipo!

Dott.ssa Silvia Di Chio

Cara Anna, è stato un percorso fatto insieme. Le auguro il meglio. Cari saluti


S
Paziente verificato
Presso: Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì psicoterapia individuale

Mi sono rivolta alla Dottoressa Di Chio per mia figlia. L'ho trovata una persona molto competente e allo stesso tempo molto affabile, si è posta con mia figlia di 13 anni in maniera naturale. Questo atteggiamento ha permesso a mia figlia di superare l'ansia iniziale riuscendo ad esprimere il suo problema senza sentirsi giudicata. La consiglio vivamente.

Dott.ssa Silvia Di Chio

Grazie S. per le sue parole, spero stiate bene.
Un caro saluto e buone feste.


R
Presso: Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì psicoterapia individuale

La Dott.ssa Di Chio è una professionista che mi ha fatto ricredere sui miei dubbi, vorrei sottolineare la sua capacità di mettere a proprio agio, saper ascoltare e porsi con la giusta attenzione. Persona davvero piacevole e professionista onesta e sincera, doti non sempre facili da trovare. Assolutamente da consigliare.

Dott.ssa Silvia Di Chio

Grazie Raffaella per le sue parole. Cari saluti


F
Presso: Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì psicoterapia individuale

La dottoressa Di Chio mi ha aiutato ad affrontare e superare degli eventi traumatici con grandissima professionalità, dimostrando grande attenzione e tantissima empatia. La sua esperienza, insieme alla sua puntualità e gentilezza, rendono il percorso terapeutico molto efficace.

Dott.ssa Silvia Di Chio

Buongiorno F. la sua motivazione e' stata forte e ha sostenuto il suo percorso terapeutico. Cari saluti


M
Paziente verificato
Presso: Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì psicoterapia individuale

la Dottoressa è una persona molto competente e professionale, all' inizio del percorso ero diffidente come spesso mi succede nei rapporti con gli altri, ma mi sono sentito aiutato e compreso e questo mi ha permesso di aprirmi e di affrontare i miei problemi, la consiglio vivamente.

Dott.ssa Silvia Di Chio

Buogiorno Mirko, che piacere leggere le sue parole. Grazie


S
Presso: Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì psicoterapia individuale

È davvero una persona capace, disponibile e molto preparata, mi ha aiutata a vedere le cose in modo diverso, e mi ha dato la forza di superare un momento di grande crisi per me e per mia figlia.
Mi sono rivolta alla Dottoressa perchè mia figlia aveva un disturbo di apprendimento.
Tornerò sicuramente da lei se dovessi averne ancora bisogno.

Dott.ssa Silvia Di Chio

Voi genitori siete stati molto capaci di comprendere le difficolta' di F. Avete capito che la problematica andava oltre il suo disturbo dell'apprendimento, ma quest'ultimo era piuttosto legato ad una questione emotiva di vostra figlia. Spero stiate bene. Un caro saluto


D
Presso: Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì psicoterapia individuale

Professionista seria e preparata. Fin dalla prima seduta è riuscita ad aiutarmi nel comprendere la causa del mio malessere, ansia e attacchi di panico. Proseguirò sicuramente negli incontri, al fine di acquisire consapevolezza del mio problema. Empatica e puntuale, oltre che sempre disponibile. La consiglio decisamente.

Dott.ssa Silvia Di Chio

Grazie tante.


D
Presso: Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì psicoterapia individuale

La Dottoressa Di Chio è una professionista molto disponibile, dotata e preparata, di grande empatia. Sto facendo con lei un percorso che mi sta aiutando a fare chiarezza e a superare un momento difficile. Ho avuto modo di sperimentare sedute in presenza e a distanza e confermo la sua disponibilità e gentilezza. Consiglio assolutamente.

Dott.ssa Silvia Di Chio

Buongiorno Dario, grazie per le sue parole.


L
Paziente verificato
Presso: Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì psicoterapia

Mi sono rivolta alla Dott.ssa Di Chio due anni fa, sicuramente uno dei periodi più bui della mia vita.
Ho avuto problemi con mio figlio di 7 anni, il quale aveva seri disturbi dell'apprendimento, in più manifestava molta rabbia e irrequietezza.
La Dott.ssa ci ha accompagnato in questo lungo percorso, prendendoci per mano e manifestando nei confronti di mio figlio un approccio fatto di gesti e attenzioni che hanno abbattuto quel muro di diffidenza che sia io che mio figlio avevamo eretto.
Oggi mi sento una donna e una mamma più serena e mio figlio dimostra di vivere al meglio la sua età in armonia e serenità.
Ringrazio vivamente la Dott.ssa Di Chio per il suo lavoro e la consiglio sinceramente a chi ne avesse bisogno.

Dott.ssa Silvia Di Chio

Buonasera Laura, grazie per le sue parole. Abbiamo fatto un buon percorso insieme. Vi ricordo con affetto. Cari saluti


S
Paziente verificato
Presso: Dott.ssa Silvia Di Chio Studio Colibrì psicoterapia infantile

Ci siamo rivolti alla Dottoressa due anni fa, nostro figlio aveva disturbi sull'alimentazione e faceva difficoltà ad inserirsi a scuola.
Siamo stati fortunati ad incontrare la Dottoressa, il suo percorso cpn nostro figlio è stato terapeutico anche per noi.
Grazoe Dottoressa!

Dott.ssa Silvia Di Chio

Cari, grazie del vostro pensiero...vi auguro il meglio.


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 42 domande da parte di pazienti di MioDottore

Buongiorno. Sono una ragazza di 26 anni. Ultimamente ho un rapporto difficile con mia madre. Mia madre viene da una famiglia Tunisina venuta in Italia quando lei era molto piccola. Mia nonna era molto esigente, soprattutto con mia madre. Mia nonna ha avuto mia madre molto giovane e mia madre mi ha sempre raccontato che mia nonna si metteva sul suo stesso piano. Non andavano molto d’accordo. Mia nonna è ed è sempre stata il centro del loro nucleo familiare. Mio nonno lavorava e rientrava a casa tardi. Mia nonna lavorava e si occupava della casa. Circa 26 anni fa mia nonna entra in uno stato depressivo molto elevato e si ammala (non so bene le dinamiche) tanto che dopo poco tempo sviluppa diabete di tipo I. Da lì in poi tutta la famiglia (mia madre, mio zio e mio nonno) si è ancora più stretta intorno a lei assecondato qualsiasi dei suoi bisogni. Nella mia famiglia, da parte di mia madre, hanno tutti un problema con il cibo. Sono tutti (tranne mio nonno) molto magri ed è come se nutrissero gli altri invece che se stessi. Per questo motivo io e mia sorella siamo state sovrappeso.
Sono molto gelosi della famiglia fa parte di mio padre, che è completamente l’opposto.
Il mio rapporto con mia madre è sempre andato bene perché io ho sempre assecondato le sue richieste e il modo in cui lei voleva che io fossi, facendo, qualche volta, quello che volevo alle spalle.
Al liceo andavo molto bene. Quando, però, mi sono trovata a dover scegliere l’università (rigorosamente obbligatoria per mia madre) sono entrata in crisi. Mia mamma voleva che facessi medicina. Feci il test ma non entrai e mi iscrissi a ingegneria. Dopo un po’ faccio ricorso perché lei e mio zio volevano che lo facessi e io ho accettato. Vinco il ricorso ed entro a medicina. Il trasferimento è stato traumatico, però accettai. Ho passato 5 anni pessimi. Non riuscivo a studiare e non volevo farla ma in me risuonava sempre la stessa frase “ti pare che lasci medicina”. Nel frattempo mi fidanzo con un ragazzo che studiava ingegneria. Mia madre lo adorava. Lui era la mia via di fuga. Mia madre non mi ha mai vietato di fare niente, ma emotivamente mi permetteva di fare tutto con lui. A mia mamma non stanno tanto simpatiche le mie amiche più care e io certe volte dicevo che uscivo con lui. Dopo 6 anni lui mi lascia, in malo modo. Iniziò ad avere una crisi. Mia sorella di trasferisce a Milano per studiare. Mia mamma non ha mai voluto che noi andassimo fuori perché ci ha sempre voluto vicino. Stiamo cambiando casa e ne hanno trovata una con una casetta piccola accanto per me. Sono molto grata di questa cosa soprattutto perché mi fanno un posto mio mentre studio ancora.
Parlando anche con mia sorella mi rendo conto di voler cambiare facoltà e faccio il trasferimento. Mia madre mi dice che è contenta ma non è così.
Per colp del trasloco dobbiamo trascorrere un po’ di tempo a casa dei miei nonni. Mia nonna si fa in quattro per farci sentire a casa nostra. Ma è comunque una persona molto nervosa. Ha sbalzi di glicemia continui e alterna stati nevrotici a stati in cui non capisce più nulla.
Mia mamma inizia ad essere sempre più pesante. Ho iniziato a fare un po’ più tardi quando uscivo e un sabato sera torno a casa per le 2 (era un po’ di tempo che qualche volta facevo tardi) mi fa una piazzata, urlando, fino alle 3 dicendomi che ci stavano ragazzi più piccoli di me già laureati che lavoravano e non facevano così tardi il weekend.
All’inizio mia nonna era dalla mia parte e cercava di parlare con mia mamma ma mia mamma è molto rigida e severa.
Nonostante mia nonna stia cercando di farci stare bene, siamo in 5 con due cani e due gatti. Per le vacanze di natale scende mia sorella e diventiamo 6. Mia nonna ha un dispositivo attaccato al braccio che misura la glicemia e suona tutta la notte e io dormo in camera con mia nonna. Mio zio chiama a tutte le ore e l’ultima volta alle 5 del mattino, lamentandosi che noi dormivamo e dicendo che era normale chiamare a quell’ora. La cena di Natale non è stata bella. Mio zio ha iniziato ad attaccare me e mia sorella sull’università (è rimasto deluso perché io ho lasciato medicina) e sulla vita a Milano di mia sorella (vuole stabilirsi li anche dopo il master). Nessuno ha detto niente, tranne mio papà. Da quel giorno le cose peggiorano. Papà sta cercando in tutti i modi di parlare con mia mamma, la quale pensa che ci siamo coalizzati contro di lei.
Il fratello di mio papà ha una casa con 3 stanze libere e invita me e mia sorella a stare da loro. Dopo varie lotte noi andiamo la. Mia sorella torna a Milano e continuo a stare da mio zio, tornando di giorno a casa. Sono giorni che quando torno a casa dei miei nonni mi sento dietro le battutine e le brutte risposte di mia nonna r mia mamma zitta.
Questo è solo un episodio. Forse il più importante, visto che io continuo a non tornare a casa. Mia mamma ha sempre avuto problemi quando noi volevamo dormire fuori. Non ce lo permetteva. Solo da chi voleva lei. Anche ora, a 26 anni, mi fa problemi.
Noi siamo andate dai miei zii perché dai miei nonni eravamo stretti. Sono molto grata a mia nonna per tutto quello che sta facendo e si sta sentendo sempre più male. Devo ancora uscire da questi meccanismi malati e ancora mi chiedo se ho fatto bene o no. Hanno sempre giocato sulla colpa e io un po’ mi sento in colpa anche se so che sto meglio. Che ne pensate?

Buongiorno, ho letto con attenzione le sue parole. Ha una storia familiare complessa e immagino non debba essere facile prendere delle decisioni per la propria vita trovandosi in queste dinamiche. Penso proprio che le sarebbe molto d'aiuto potersi fermare a pensare con uno/una psicoterapeuta alla sua storia e alle sue emozioni, per riuscire a dare dei significati che poi la aiuteranno nella costruzione della sua vita. Se dovesse averne bisogno può contattarmi. Cari saluti

Dott.ssa Silvia Di Chio

Sono una ragazza di 16 anni e mi faccio domande sul mio orientato da quando ne ho 14.
Sono passata dal pensare di essere bisessuale a pensare di essere aromatica asessuale, però nessuno di questi mi faceva sentire me stessa.
Nel corso nella mia vita ho avuto soprattutto relazioni con maschi e mi prendevo cotte per maschi.
Solo che per le relazioni non erano mai serie e facevo finta che mi piacesse, mentre per le cotte non mi immaginavo mai in una relazione con lui perché sono sicura che avrei perso l'interesse appena avesse ricambiato.
Trovavo e trovo disgustosa l'idea di baciare un ragazzo o averci rapporti.
In questo momento sono fidanzata con un ragazzo, ma non riesco a provare forti emozioni come le farfalle nello stomaco quando sono con lui. Anche l'idea di baciarlo mi fa rivoltare lo stomaco. In teoria dovrei essere felice ma non lo sono, stare con lui mi provoca forte disagio e ansia.
Per quanto riguarda con le ragazze, fin da piccola sono sempre stata circondata da amicizie con ragazze. In prima superiore ho avuto una cotta per la mia ex migliore amica ma poi è sparita. Spesso mi immagino di avere una relazione con una ragazza e l'idea mi convince la maggior parte delle volte.
Non mi sento attratta dai ragazzi e poco dalle ragazze. Sono al 100% sicura di essere asessuale ma mi tormenta l'aspetto romantico.
Spesso mi dicono di non stressarmi per questa cosa, ma io ho bisogno di trovare me stessa e di cercare la mia felicità.

Buonasera,

dalle sue parole emerge la confusione che sta attraversando da qualche anno. Si sta facendo delle domande per capire chi è, cosa le piace e questo è un percorso non sempre facile. Io lavoro con gli adolescenti e spesso questi sono temi che vengono affrontati.
Credo che le possa essere molto d'aiuto fare questo percorso con qualcuno, un/una psicoterapeuta che le stia accanto in questa ricerca. In bocca al lupo! Dotto.ssa Silvia Di Chio

Dott.ssa Silvia Di Chio

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

PSICOLOGA, PSICOTERAPEUTA INFANTILE Sono una Psicologa e Psicoterapeuta Psicoanalitica per bambini, adolescenti e famiglie, modello Tavistock. Il ...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Depressione
  • Attacco di panico
  • Crisi relazionali
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università La Sapienza di Roma
  • Centro Studi Martha Harris di Firenze

Premi MioDottore


Specializzazioni

  • Psicoanalisi
  • Psicoterapia
  • Psicologia Perinatale
Visualizza altre informazioni

Tirocini

  • Policlinico Agostino Gemelli di Roma, c/o il Servizio di Consultazione Psichiatrica, il Servizio per i Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA), il Servizio per i Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA), Roma 2013-2017
  • Policlinico di Torvergata, Ambulatorio c/o Clinica Sant Alessandro, Unità di Neuropsichiatria Infantile, Roma 2008-2012
  • UOSD DCA (Disturbi del Comportamento Alimentare) ASL RM-E, Piazza di Santa Maria della Pietà, Roma 2005-2006
Visualizza altre informazioni

Certificati



Competenze linguistiche

Inglese, Spagnolo

Premi e riconoscimenti

  • -

Account dei social media


Pubblicazioni e articoli

Pubblicazioni (1)

Ricerche correlate