Non trascurare la tua salute

Scegli la consulenza online per iniziare o continuare una terapia, senza muoverti da casa. Se ne hai bisogno, puoi anche prenotare una visita in studio.

Mostra gli specialisti Come funziona?

Indirizzo

Via Altino,16, Roma
Studio di psicoterapia

Questo specialista non offre prenotazioni online a questo indirizzo

Presso questo indirizzo visito: adulti
Contanti

Psicoterapia individuale • da 60 €

Primo Colloquio Conoscitivo • 50 €

Psicoterapia di coppia • da 90 €


Non hai trovato sul profilo dello specialista le informazioni che cercavi?

Mostra altri psicologi nelle vicinanze

Esperienze

Su di me

Sono uno psicoterapeuta corporeo. Oltre che sul dialogo, il mio lavoro si basa soprattutto su “esercizi” corporei che partendo dall'alto verso il bass...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Ansia
  • Stress
  • Depressione
Mostra tutte le patologie

Specializzazioni

  • Psicoterapia

Prestazioni e prezzi

Prestazioni suggerite

Psicoterapia individuale


Via Altino,16, Roma

da 60 €

Studio di psicoterapia

Altre prestazioni

Primo Colloquio Conoscitivo


Via Altino,16, Roma

50 €

Studio di psicoterapia


Psicoterapia di coppia


Via Altino,16, Roma

da 90 €

Studio di psicoterapia

Recensioni dei pazienti

5

Punteggio generale
4 recensioni

  • Puntualità
  • Attenzione
  • Struttura e attrezzature
L
Paziente verificato
Presso: Studio di psicoterapia

Il dott. Armezzani ha ottime capacita' organizzative e comunicative di coinvolgimento con il paziente. Dopo tanti tentativi con altri terapeuti devo dire che il percorso che ho intrapreso di psicoterapia corporea mi ha aiutato tantissimo. Ogni seduta con il prof. è determinante perché scaturisce in me nuove emozioni. Grazie! Luigi

Dott. Giuseppe Armezzani

Grazie a te. Nel nostro cammino insieme, dovremo imparare a individuare bene la natura delle emozioni di cui parli e soprattutto a saperle gestire.


F
Paziente verificato
Visita prenotata su MioDottore.it Presso: Studio di psicoterapia Insicurezza e rabbia

Vado da circa un anno a terapia da Giuseppe. Sento che sono cambiato molto sia dal punto di vista della sicurezza in me stesso sia per quello della rabbia... mi ci trovo molto bene e sono consapevole che c'è molto da lavorare.

Dott. Giuseppe Armezzani

La consapevolezza sia del lavoro svolto, sia della strada che ancora dovremo percorrere insieme, è un atteggiamento positivo che aiuterà entrambi. Grazie per quello che hai scritto.


I
Paziente verificato
Presso: Studio di psicoterapia Primo Colloquio Conoscitivo

Ho conosciuto il Dott. Armezzani tramite passaparola di amici che me lo hanno caldamente consigliato. Sono stato contento di incontrare un professionista che unisce una profonda conoscienza della sua materia ad una grande empatia umana. Felice di continuare, grazie!

Dott. Giuseppe Armezzani

Grazie per le belle parole che hai inviate. Sono felice anch'io di continuare nei nostri incontri per poter conoscerci sempre più e avanzare nel nostro comune cammino di cambiamento.


C
Paziente verificato

Grazie Dott. Armezzani per i risultati che, personalmente, sono riuscita a raggiungere. L’esperienza affrontata in gruppo è stata davvero efficace e piacevole. Una vera presa di coscienza di corpo e mente, in piena armonia.

Dott. Giuseppe Armezzani

Grazie a te. L'esperienza di gruppo è stata interessante e fruttuosa e dovremmo cercare di ripeterla per continuare a scambiarci tecniche ed esperienze che aiutino sempre più i nostri pazienti a stare meglio con se stessi e nel rapporto con gli altri.


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 18 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Domande su Depressione

    Mi sento giu di morale,o pensieri di suicidio. Non loso cosa fare o bizonio di una vizita dal psihoterapista. Cosa debo fare?

    Sono d'accordo con le colleghe che mi hanno preceduto. Vada subito alla ASL della sua zona di residenza e chieda aiuto al centro di salute mentale. Non aspetti tempo e tanti auguri.

    Dott. Giuseppe Armezzani

  • Non ricordo molte cose del passato, scelte o il perche non ho fatto certe scelte. Ho vissuto sicuramente di paure ansie instillate dai miei genitori, di cui ve ne è solo uno in vita anziano. Se mi ritrovo a sentirmi in una maceria enorme e so che non posso restare li perche sto male ma non so ancora come uscirne. Se come un domino qualcosa dal nome angoscia ansia ha spinto in questi mesi dopo quaranta e piu anni di eventi traumatici, a svegliarmi e dire che li tra le macerie non ci posso piu stare, se affiorano ricordi che neppure pensavo di avere, consapevolezze di errori non solo del genitore che non ho piu, ma anche di quelli di chi è in vita e ci vivo assieme ed ora capisco che quegli errori hanno condizionato ad esempio la mia sfera sentimentale e non solo, e nasce dolore e rabbia, ma non posso avere ora cio che serviva un tempo, se la stessa casa di sempre pure se messa in vendita, in 2 giorni , mi pare una gabbia continua, sia quando ci sono che se sono fuori perche poi so che devo tornarci, se mi sento come una che dovrebbe stare ormai al master della vita e delle sue sfumature ed invece devo ancora iniziare l 'asilo o poco piu, se mi sento di detestare e voler fuggire dal mio quartiere , non solo da casa, cioe tutto si estende a macchia d'olio, perche sempre vissuto nello stesso luogo frenata da condizionamenti familiari, se persino la mia stanza che fino a poco tempo fa, era ancora il mio rifugio dall'esterno di casa simbolico e non, fuori c'erano le brutture degli eventi accaduti, morti e malattie, seppur angusto perche stanza piccola, ed ora neppure li respiro sicurezza e salvezza, ma non ho altre case. Se realizzo che non sono piu la stessa persona di pochi giorni fa e non so chi stia diventando, se non riesco piu a mettere a tacere e accatastare cio che non va, e seppure il miglior terapeuta del mondo mi seguisse , so che non esistono miracoli....come si affronta tutto il terremoto di magnitudo massima che ho in testa e dentro?
    Sento che se voglio entrare a capire il perche di certi blocchi e bui , vado in angoscia forte, come se fossi in un film del terrore e mi pare di essere folle, se provo a cercare riposi mentali su cose che mi faccian stare solo poco meglio, non riesca lo stesso.
    In piu ci sta una parte di me che si dice, che forse sono io che ingigantisco i miei conflitti. Che vedo tanta gente felice, si in crisi minima, forse sono solo piu bravi a tenere chiusi i cassetti dell'anima o non hanno avuto un vissuto come il mio. E mi dico che forse mi creo paranoie che dovrei evitare. Mi sento una scissione tra una parte che ricerca serenita ed una che non l'ha mai avuta. Una parte che non è mai stata contenta della sua vita e di cio che non andava, ma ha tenuto botta, tirava la coperta dove poteva e sopravviveva. Conosco il verbo sopravvivere, vivere non so, ma ne ho una paura enorme. Se sono i lutti che ora consapevolizzo ma non elaboro e mi fanno paura, se si sommano tutte le paure che mi porto dentro, non ci sto capendo nulla. Perche tutto insieme questo non capisco e temo, come di impazzire per quanta roba ci sta in me. Sono io che ho qualcosa di sbagliato o succede anche ad altri. Voi direte perche ti cambia qualcosa? ad es ieri dicevo ad un amico, seppure pure questa sfera , ora consapevolizzo che è limitata. Si ho un amico che se lo chiami ci sta se e come puo. Altri sono di circostanze rare, una cena. Sento la solitudine vera in tutto della mia vita.Ieri pensavo che forse è sbagliato anche qui il mio modo di decodificare, vorrei amici che se chiami e stai male ci sono. Ed io in questo periodo non avevo nessuno da chiamare e dirgli stiamo insieme. Perche hanno tutti i loro impicci, perche non hanno magari i miei problemi, perche non sono amici ma conoscenti e sento un senso di estraneita anche verso loro. Altra mia paranoia che mi spaventa oppure una parte di me mi dice che di fondo prima di cercare un amico fuori , devo cercare me stessa o l'amica in me? Sono tutte riflessioni di una mente dicono alcuni conoscenti amici ma lontani, che è intelligente e ha risorse, ma sono terrorizzata. Vi sembrera una similitudine strana, ma credo che quando si nasca, non si sia consapevoli e qualcuno poi ti insegni a vivere, dovrebbe. Ora io mi sento di star nascendo con una consapevolezza che un neonato non ha, ma nessuno fuori mi può insegnare a vivere ed io non so farlo o ne ho il panico e angoscia. Ditemi perche mentre scrivo questa similitudine, una parte di me, dice che sono esagerata, che sto ingrandendo il problema e che voglio star male e la faccio complicata. Quanti fanno tali considerazioni su qualcosa di ancestrale o cosi atavico ecc?
    il mio amico ieri sera quando gli ho detto sto in crisi, sto male, mi escono frammenti di dolore del mio primo lutto di anni fa mai elaborato, il verbo elaborare mi pesa come un macigno,lo guardavo e gli dicevo che forse lui non puo capire perche attacchi di panico non ne ha mai avuti. Infatti dice, per mia fortuna no, non posso capire fino in fondo. Lui ha 60 anni, 13 anni piu di me, ha perso madre da piccolo, poi il padre poco piu grande, e non solo 2 lutti come i miei ( io un fratello e madre) eppure lui non ha i miei problemi. Ha avuto comunque 2 sorelle con cui è unito. Si è sposato, ha perso un figlio appena neonato, il rapporto non ha retto. Poi si è risposato e ha avuto una figlia, un lavoro, non sta mai fermo, in casa non ci sta mai, non ha mai amato la moglie ma avendo avuto la figlia, come dire ha scelto di fermarsi e vivere quella scelta. certo le vuole bene alla moglie ma tra il lavoro e gli hobbies a casa non ci sta mai. Ogni tanto fanno dei viaggi, ha tanti amici, hanno sempre gente a cena ma lui non ha mai avuto ciò che ho io. E chissa quante persone non hanno problemi nonostante vicissitudini brutte, perche io si? Ovvio magari a me mamma mi ha fatto respirare aria di morte ed ansia sempre e a lui no mettiamo, ma allora sono gli eventi a fare la differenza o i vissuti o la capacita di fronteggiare gli eventi? Se io mi legittimo che sto male, non riesco a farlo a tutto tondo, una parte dice "sei tu esagerata, tu ne fai un dramma, tu vuoi stare male", insomma ci sta sofferenza e autogiudizio e molto altro. Seppure facessi terapia per secoli, riuscirei mai a trovare un equilibrio? O sono destinata a logorarmi tutto cosi?

    Lei, nella lunga e sentita descrizione delle sue difficoltà, ad un certo punto si domanda: "So che non esistono miracoli... come si affronta tutto il terremoto di magnitudo massima che ho in testa e dentro?" Proprio perché non esistono miracoli, si dovrebbe pian piano costruire la ferma volontà di iniziare a sciogliere queste difficoltà; non tanto ad "affrontarle" perché questo termine implica una lotta, una contrazione che le toglie energia ma ad "incontrarle", accettare che ci sono e, con la guida di una/un bravo professionista, provare lentamente ad attenuarle costruendo una nuova forza. Le auguro di trovare il coraggio di fare questo movimento.

    Dott. Giuseppe Armezzani

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Sono uno psicoterapeuta corporeo. Oltre che sul dialogo, il mio lavoro si basa soprattutto su “esercizi” corporei che partendo dall'alto verso il bass...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Ansia
  • Stress
  • Depressione
Mostra tutte le patologie

Specializzazioni

  • Psicoterapia

Pubblicazioni e articoli

Ricerche correlate