Salve, dopo 2 giorni di pronto soccorso,20 giorni di letto con terapia Prednisone, Expose e Delpagos sono tornato finalmente a camminare. Ho fatto privatamente risonanza magnetica con questi risultati: L3 L4 manifesta segni degenerativi disidrosici del disco ed esita in erniazione posteriore, paramediana sinistra che risale in sede sottolegamentosa lungo il profilo somatico generando una discreta impronta ed ostacolando almeno parzialmente l'emergenza della radice corrispondente.
L5 S1 accenno erniario posteriore senza significativa incisività durale e con sempre apparente tendenza all'allungamento sottolegamentoso. Nel complesso il calibro del canale spinale rimane funzionalmente ben conservato, escludendo cambi di intensità nel segnale midollare. indenne la rappresentazione della midollare ossea.

A questo punto lei come mi consiglia di procedere?
 Fausto Inclimona
Fausto Inclimona
Fisioterapista
Ragusa
Salve, servirebbe capire inoltre la sintomatologia ad oggi per poter dare un'indicazione terapeutica.

Dott. Salvatore Maida
Dott. Salvatore Maida
Fisioterapista, Osteopata, Posturologo
Milano
Buonasera,
bisognerebbe, attraverso anamnesi specifica e test sovrapporre il quadro diagnostico a quello clinico per effettuare il giusto trattamento per la sua patologia, caratterizzato da sedute di terapia manuale e tecar terapia

Dott. Paolo Pirozzi
Dott. Paolo Pirozzi
Fisioterapista, Posturologo
Roma
Buongiorno,
Un'attenta valutazione posturale permette di capire le zone corporee che stanno in difficoltà, permettendo di ristabilire le corrette lunghezze muscolari là dove accorciate ed il corretto tono muscolare là dove diminuito. Inoltre, integrandolo con un lavoro adattato alle sue esigenze personali, i risultati possono essere molto soddisfacenti, saluti.

Buongiorno,come già accennato dai colleghi bisogna tramite una corretta valutazione organizzare un piano riabilitativo che possa comprendere magari attività di terapia manuale e esercizi di controllo muscolare posturale. Questo potrebbe permetterle di recuperare una corretta postura e una ottima funzionalità globale della colonna.

Dott. Marco Sega
Dott. Marco Sega
Fisioterapista, Osteopata
Torino
Buonasera. Sarebbe opportuno fare ora dei test clinici per valutare meglio la sua situazione. Probabilmente si è ora in una fase sub acuta dove è possibile effettuare terapie manuali ed esercizi specifici per la ripresa di una vita normale.

Dott. Stefano Cicchetto
Dott. Stefano Cicchetto
Fisioterapista, Osteopata
Torino
Salve, la risonanza senza una valutazione dal vivo diventa di difficile interpretazione. Nel suo caso una terapia fisica antinfiammatoria come la Tecarterapia, dei trattamenti manuali di Osteopatia e degli esercizi di Fisioterapia Pia potrebbero darle ottimi risultati.

Specialisti per Ernia del disco

Alessio Melani

Alessio Melani

Fisioterapista, Osteopata

Bordighera

Carlo Pizzoni

Carlo Pizzoni

Neurochirurgo, Neurologo

Taranto

Manuel Lerici

Manuel Lerici

Fisioterapista, Osteopata

La Spezia

Massimo Rossato

Massimo Rossato

Agopuntore, Anestesista

Padova

Giacomo Zenobi

Giacomo Zenobi

Agopuntore, Anestesista, Neurologo

Jesi

Edoardo Gustini

Edoardo Gustini

Fisioterapista

Trieste

Domande correlate

Hai domande?

I nostri esperti hanno risposto a 77 domande su Ernia del disco

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.