Buongiorno. Desideravo chiedere a lorSignori un parere visto che sono molto preoccupato. Nemmeno un

3 risposte
Buongiorno.
Desideravo chiedere a lorSignori un parere visto che sono molto preoccupato. Nemmeno una settimana fa mi sono sottoposto a un intervento di sfinterotomia per poter finalmente guarire da una ragade anale, che avevo da due anni.
Ora, sono molto preoccupato perché è da dopo l'intervento che non solo ho forte dolore, ma non riesco nemmeno ad andare in bagno (in quanto il dolore è già sufficiente e ho paura di soffrire ancora di più evacuando) e non riesco a "stringere" i glutei, poiché se li stringo, sento come una lama infilata nella fessura (ho così descritto propriamente il sintomo che mi dà più dolore).
Se sto consultando lorSignori online è perché il mio medico mi aveva detto che "è normale che sentirai un po' di dolore dopo l'intervento": il punto è che io non sento "un po'" di dolore, ma forte dolore, e inoltre il mio medico è rimasto senza parole quando gli ho descritto il sintomo di cui sopra, per il quale non riesco a stringere i glutei.
Ringrazio tutti in anticipo e auguro il buon giorno.
Buongiorno, il dolore che descrive è compatibile con l'intervento chirurgico che è ancora molto recente. Assuma un antidolorifico ad orari fissi e cerchi di tenere il più morbide possibile le feci, idratandosi adeguatamente e mangiando frutta e verdura. Assuma inoltre una bustina di macrogol al giorno, lontano dall'assunzione di altri medicinali, così da ammorbidire ulteriormente le feci e non sentire dolore. Cerchi di non evitare l'evacuazione, ma di andare in bagno quando sente lo stimolo. Faccia comunque un controllo con il chirurgo che l'ha operata.
Cordiali saluti
Dr.ssa Cavallo

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Buonasera
La sfinterotomia e’ un intervento sicuramente invasivo che si riserva solo in casi particolari e quindi quando non si possono avere benefici da altre tecniche. Proprio per questo bisogna mettere in conto un certo dolore post operatorio che generalmente è ben trattato con antidolorifici e pomate soprattutto nei primi 15-20 gg . Successivamente il dolore dovrebbe andare attenuandosi. Im mancanza di questo senta nuovamente il chirurgo che eventualmente potra controllare che tutto sia a postp
Cordialmente
Dr. Ascenzi

Buongiorno,
La sintomatologia può essere compatibile con il recente intervento anche se l’intensità dovrebbe essere inferiore; fondamentale è mantenere le feci morbide assumendo tanta acqua,frutta e verdura e aiutandosi con olio di vaselina 1 cucchiaio da cucina 2-3 volte die o psyllogel. La terapia analgesica è fondamentale,dovrebbe fare una visita perché possa essere prescritta in quanto consta di farmaci a volte anche della famiglia della morfina. Sarà utile una valutazione anche per escludere la presenza di un ematoma che può accentuate il dolore come da lei descritto.

Esperti

Luana Ceccarini

Luana Ceccarini

Psicologo, Psicoterapeuta

Torino

Prenota ora
Mara Mettola

Mara Mettola

Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo

Bruino

Prenota ora
Luigi Esposito

Luigi Esposito

Psicologo, Sessuologo, Psicoterapeuta

Napoli

Prenota ora
Marlena Miglietta

Marlena Miglietta

Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico

Roma

Prenota ora
Stefania Cardellicchio

Stefania Cardellicchio

Psicologo, Psicoterapeuta

Anzio

Prenota ora
Silvia Vegetti

Silvia Vegetti

Psicologo, Psicoterapeuta

Bolzano

Prenota ora

Domande correlate

Hai domande?

I nostri esperti hanno risposto a 5 domande su psicoterapia individuale

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.