Colonscopia - Informazioni, specialisti, domande frequenti.

Informazioni su Colonscopia

La colonscopia è un esame diagnostico che consente l’esplorazione della parete interna del colon, al fine di diagnosticare eventuali ulcerazioni, lesioni, occlusioni o masse tumorali.

È un esame molto importante in materia di prevenzione, perché permette di individuare masse tumorali anche di piccole dimensioni e in fase iniziale e quindi di intraprendere le azioni necessarie per impedirne lo sviluppo. La colonscopia è inoltre molto indicata per tutti soggetti che hanno familiarità con il tumore del colon e per tutti i soggetti oltre i 50 anni di età che abbiano riscontrato la presenza di sangue nelle feci.

La colonscopia è inoltre molto utile per la diagnosi di:

  • Polipi intestinali

  • Sindrome del colon irritabile

  • Morbo di Chron

  • Celiachia

  • Patologie di natura infiammatoria o infettiva

  • Diverticoli

Viene effettuata attraverso il colonscopio, una sonda dal diametro che varia da 11 a 13 mm, dotata di una microcamera sull’estremità, che trasmette immagini in tempo reale. Per facilitare l’introduzione del colonscopio per via anale, si procede alla dilatazione del colon per mezzo di insufflazione di aria (un procedimento che può comportare dolore).

Nei casi di colonscopia robotica, al posto dell’usuale sonda flessibile si utilizza un robot monouso: questa tecnica è quasi del tutto indolore.

Prima di sottoporsi a una colonscopia, è necessario che il paziente svuoti completamente il colon (le pareti devono essere lisce e prive di escrementi) per consentire una visualizzazione ottimale dell’interno. Per questo, nei giorni che precedono l’esame, si raccomanda di:

  • Evitare il consumo di frutta, legumi e verdura nei tre giorni che precedono l’esame;

  • Seguire scrupolosamente le eventuali prescrizioni farmacologiche del medico;

  • Il giorno precedente, mangiare un pasto leggero e in seguito sospendere l’ingestione di cibi solidi, bevendo molta acqua;

  • Non praticare clisteri o assumere purganti, in assenza di prescrizione medica;

  • Avvertire il medico dell’eventuale assunzione di farmaci anticoagulanti o dell’aspirina;

  • Venire accompagnati all’esame: durante la colonscopia viene praticata una sedazione, pertanto è controindicato mettersi alla guida di un veicolo nelle ore successive all’esame.

Il medico specialista che si occupa dell’esecuzione della colonscopia è l’endoscopista: può essere specializzato in gastroenterologia o in medicina interna, è comunque un esperto di endoscopia digestiva.

Esperti in colonscopia

Trova esperti in colonscopia nella tua città:
Luca Rodella

Luca Rodella

Gastroenterologo, Chirurgo toracico, Chirurgo generale

Verona

Prenota ora
Roberto Rizzi

Roberto Rizzi

Gastroenterologo, Epatologo, Internista

Cuorgnè

Prenota ora
Massimo Meucci

Massimo Meucci

Chirurgo generale, Proctologo

Roma

Prenota ora
Marco Parravicini

Marco Parravicini

Gastroenterologo

Varese

Prenota ora
Patrizia Sanna

Patrizia Sanna

Gastroenterologo

Scandicci

Prenota ora

Domande su Colonscopia

I nostri esperti hanno risposto a 13 domande su Colonscopia

Dott.ssa Patrizia Landi
Dott.ssa Patrizia Landi
Gastroenterologo, Internista, Reumatologo
Bologna
Esistono preparazioni intestinali cosiddette "a basso volume" che consentono di bere una minore quantità di preparato, ma rimane sempre importante bere molta acqua dopo aver assunto…
2 risposte

Dr. Isabella De Felici
Dr. Isabella De Felici
Gastroenterologo
Roma
Caro Signore,
Visto il suo quadro clinico è consigliabile eseguire una colonscopia virtuale.
In ogni caso prima di eseguire una colonscopia tradizionale è utile fare una visita…
2 risposte

Dr. Isabella De Felici
Dr. Isabella De Felici
Gastroenterologo
Roma
Salve,
È molto importante fare una buona dieta ( priva di frutta,verdura,legumi e patate) 3-4 giorni prima dell'esame endoscopico.
La preparazione più indicata e quella a…
3 risposte

Quali professionisti effettuano Colonscopia?

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.