Indirizzo

Corso Galileo Ferraris, 110, Torino
Studio Dott.Ivano Ancora c/o Centro Clinico Crocetta

Prossima data disponibile.:

Mostra l'agenda
Presso questo indirizzo visito: adulti
Contanti
346 632.....
011 5.....

Esperienze

Su di me

Psicologo, Psicoterapeuta, Ipnologo e Specialista EMDR (I e II livello, Practitionner) https//www.ivanoancora.it Lavoro come libero profession...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Università degli Studi di Padova - Laurea in Psicologia (1979)
  • Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale presso la Scuola di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale di Torino (1993)
  • Specialista in EMDR (EMDR Practicioner) - Socio EMDR Italia
Visualizza altre informazioni

Foto


Competenze linguistiche

Italiano

Prestazioni e prezzi

Colloquio psicologico clinico


Corso Galileo Ferraris, 110, Torino

da 80 €

Studio Dott.Ivano Ancora c/o Centro Clinico Crocetta


Colloquio psicoterapeutico


Corso Galileo Ferraris, 110, Torino

da 80 €

Studio Dott.Ivano Ancora c/o Centro Clinico Crocetta


Psicoterapia


Corso Galileo Ferraris, 110, Torino

da 80 €

Studio Dott.Ivano Ancora c/o Centro Clinico Crocetta


Psicoterapia della depressione


Corso Galileo Ferraris, 110, Torino

da 80 €

Studio Dott.Ivano Ancora c/o Centro Clinico Crocetta


Psicoterapia individuale


Corso Galileo Ferraris, 110, Torino

da 80 €

Studio Dott.Ivano Ancora c/o Centro Clinico Crocetta


Psicoterapia per dipendenze


Corso Galileo Ferraris, 110, Torino

da 80 €

Studio Dott.Ivano Ancora c/o Centro Clinico Crocetta


Terapia comportamentale


Corso Galileo Ferraris, 110, Torino

da 80 €

Studio Dott.Ivano Ancora c/o Centro Clinico Crocetta

Recensioni

Hai avuto una visita con Dr. Ivano Ancora?

Scrivi una recensione, parla della tua esperienza. Centinaia di pazienti ti saranno grati!

Scrivi una recensione

Risposte ai pazienti

ha risposto a 13 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Salve, sono una ragazza di 17 anni. Da 5 anni soffro di attacchi di panico, ansia e ultimamente lieve depressione. In questi ultimi 4 mesi ho avuto vari dolori intestinali, coliche, pomfi, orticaria, vertigini, palpitazioni, dolore alla bocca dello stomaco, gonfiore addominale e alla gola. Ho fatto vari accertamenti tra cui, spirometria (tutto nella norma a parte per la scarsa collaborazione), ecografia addominale (tutto normale), colonscopia altrettanto, prick test negativi, e test specifici allergici negativi anche essi. Mi hanno prescritto kestine per l'orticaria che è migliorata e mi è stato detto che in alcuni casi mi viene l'asma da reflusso e in altri è causata dall'ansia e dallo stress. I miei genitori credono che io mi debba sentire in colpa per quello che è successo, ma io stavo e sto ancora male. A volte, quando ascolto la musica ad alto volume, faccio un po' di attività fisica e mi capita che mi gira la testa e di sentire come dei tuffi al cuore ( come se si bloccasse?). Da piccola avevo un soffio al cuore comunque. Sono finita varie volte in ospedale per attacchi di panico e dall'elettrocardiogramma (fatto l'ultima volta 4 anni fa) era tutto normale. Cosa devo fare? Mi dicono che l'oppressione al petto e allo sterno sua dovuta a un'infiammazione dovuta da stress. Come mi libero di tutto ciò? Io sono una persona insicura, i miei genitori pretendono che io sia perfetta e che vada sempre bene a scuola. In questo periodo sto studiando tanto e forse è magari per questo che io stia cosi male. Nel mio paese non vi sono psicologi e non so a chi rivolgermi. Chiedo disperatamente aiuto

    Cara 17nne,
    La situazione che descrivi è complessa ed il livello di stress che provi genera una estesa sintomatologia psicosomatica.
    Dal momento che hai fatto parecchie visite, mi chiedo se, con l'aiuto di altri, tu non possa contattare uno psicoterapeuta della tua zona.
    Quel che emerge in una situazione protetta come quella di una seduta con una persona in grado di ascoltarti con la dovuta attenzione può sfuggire in un contatto on-line.
    Prima di intraprendere un simile percorso (con l'aiuto dei tuoi) potresti ancora fare due verifiche cliniche:

    valutare la funzionalità della tiroide
    fare un eco cardiogramma

    Ti auguro il meglio

    Ivano Ancora

    Dr. Ivano Ancora

  • Salve ho scritto recentemente in merito al fatto che ho iniziato una psicoterapia da poco e capisco ci voglia tempo, seppur in passato abbia fatto dei tentativi brevi e analisi intorno ai 26 anni. Ora però a 48 non mi capacito di ciò..
    Un lutto fraterno che non ho forse mai discusso elaborato perché catapultata nella malattia demenza di mamma, nelle responsabilità tutte su me, accudimento suo, di papà invalido per fortuna con facoltà mentali lucide ma non meno difficile da seguire, un lavoro che non ho più da quando seguo mamma, problematiche mie di salute sfociare con lo stress ultimo anno di mamma, andata via 18 mesi fa. Zero convivenze matrimoni, amici rari e lontani, molta solitudine ed il terrore di perdere pure papà, ed una casa che è mortufers perché da sempre ci vivo e ha visto molte cose brutte... Come può da un mese avermi tirato angoscia a quantità. Non riposo la notte, mi sveglio con panico, e mi sento smarrita, sola pure se ho papà stanza a fianco che non può fare molto visto che ci vede poco e insomma non è smart. Stanotte 3 risvegli col panico e senso di iper controllo e distacco al contempo, paura, cuore a mille e consapevolezza che non ho più punti di riferimento che forse non ho mai avuto ma ora sale la presa di realtà. E sto maleeee. Poi verso le 6 mi appisolo e sogno fratello mamma nonna papà, l unico in vita, e due persone, una donna ed uno che aveva fatto dei pessimi lavori di ristrutturazione nella casa di sempre e in quella delle vacanze, con pavimenti tutti rotti e stress da rumori. Una rabbia nel sogno incredibile , mi sono svegliata con altrettanta rabbia angoscia. Sto a pezzi. Insomma mi si è svegliata la paura della morte e di impazzire, prendo un ansiolitico ma mi chiedo la psicoterapia può davvero aiutarmi a trovare un benessere? Sono sfiduciata e non vorrei. Mi si dice che ho una forte resistenza al cambiamento,ma che vuol dire? Giuro non capisco. Dopo che ho subito tutti questi eventi, cosa altro può succedere? Mia dipartita o di papà? O la resistenza è verso il cambiamento buono, autonomo, libero che non conosco visto la vita piena di ansie paure trasmesse da mamma e zero protezione paterna? Mi sento con una parte di me che vorrebbe trovare equilibrio ed una che ne è terrorizzata o dal riuscirci o dal non riuscirci. Io non riesco a capire ciò... Cosa è la resistenza? Poi mi arrabbio con me, è calata l autistima, perché mi chiedo ma gli altri che hanno lutti o cose simili, come vivono? Non credo tutti reagiscano così con tale dissidio interiore. Io mi sento un rimuginio, tanta tristezza a volte che vorrei piangere, sto meglio se lo faccio ma non riesco e non so perché e angoscia. Si può risolvere ed uscire da una vita non serena? Credo tra le poche nel mondo che non abbia mai lasciato casa sua, per convivenze o lavori fuori. Ed ora che ho messo in vendita perché non abbiamo soldi, e sabato verranno per vederla, mi sento altro simbolico emotivo peso... Un distacco semilutto che devo affrontare perché non ho molte altre soluzioni... E lo vivo male pur sapendo di doverlo fare, pur dicendomi che tutti cambiano case, perche io sto così male?

    Salve.
    La situazione che Lei descrive è carica di dolore pregresso e futuro incerto. Una psicoterapia aiuta nello scoprire le proprie risorse. Ipotizzarsi "resistente" non è di molto aiuto. Percorsi terapeutici che partano dal "corpo", che lo ascoltino e permettano l'espressione delle memorie traumatiche per poterle elaborare, sarebbero preferibile.
    Faccia attenzione agli psicofarmaci (specialmente le benzodiazepine). I miei migliori auguri. Ivano Ancora.

    Dr. Ivano Ancora

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Psicologo, Psicoterapeuta, Ipnologo e Specialista EMDR (I e II livello, Practitionner) https//www.ivanoancora.it Lavoro come libero profession...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Università degli Studi di Padova - Laurea in Psicologia (1979)
  • Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale presso la Scuola di Psicoterapia Cognitivo Comportamentale di Torino (1993)
  • Specialista in EMDR (EMDR Practicioner) - Socio EMDR Italia
Visualizza altre informazioni

Specializzazioni

  • Ipnoterapia
  • Psicologia dell'emergenza - Psicotraumatologia


Foto


Competenze linguistiche

Italiano

Account dei social media


Pubblicazioni e articoli

Pubblicazioni (2)