X una cirrosi con tre lesioni nel fegato e una un più grande surrenale causate da un epatite c e liv

3 risposte
X una cirrosi con tre lesioni nel fegato e una un più grande surrenale causate da un epatite c e livelli di piastrine bassi cosa sarebbe consigliato fare grazie
Se le lesioni del fegato sono sospette per neoplasia (RMN, ecografia e TAC positive per tumore con marcatore tumorale -alfafeto proteina- elevato), le lesioni vanno trattate con termoablazione o chirurgia a seconda delle condizioni generali e eta' del paziente. La termoablazione si puo' eseguire in anestesia locale. La lesione surrenale va valutata (dimensioni, caratteristiche etc.) per poter prendere una decisione.

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Premessa: nelle fasi avanzate della cirrosi il parenchima epatico è sovvertito nella sua struttura da un rimaneggiamento nodulare, per cui immagini nodulari non possono essere "di default" etichettate come noduli neoplastici ma vanno approfonditi nelle loro caratteristiche radiologiche con ecografia con mezzo di contrasto, TC con mezzo di contrasto, risonanza magnetica. Inoltre può essere utile il dosaggio della alfa feto proteina, una molecola che (a parte altre ristrette condizioni) risulta elevata in una percentuale non trascurabile di lesioni neoplastiche primitive del fegato. Ciò detto una condizione di cirrosi associata a pistrinopenia e tre sospette lesioni nodulari epatiche fa pensare ad una condizione di epatopatia avanzata. La lesione indicata come surrenalica andrebbe meglio definita perchė se del surrene destro potrebbe essere anch'essa di pertinenza del contiguo parenchima epatico.
La decisione su quale strategia terapeutica adottare deve tener conto delle condizioni generali del paziente, della sua età, di eventuali comorbidità e può pertanto orientarsi su ampia gamma di opzioni che vanno dal trapianto di fegato (l'opzione più radicale ma anche più invasiva) alla chemioterapia sistemica.

Come correttamente consiglia il collega, la prima cosa da fare è quella di rivolgersi ad un centro di riferimento per il trattamento delle epatopatie croniche.
La valutazione di tali patologie richiede la presa in carico da parte di un team multidisciplinare che possa consigliare il più coretto iter terapeutico.

Esperti

Fabrizio Soccorsi

Fabrizio Soccorsi

Ematologo, Gastroenterologo

Padova

Aldo Airoldi

Aldo Airoldi

Gastroenterologo, Epatologo

Milano

Maria Laura Ponti

Maria Laura Ponti

Epatologo, Gastroenterologo, Internista

Cagliari

Daniele Dondossola

Daniele Dondossola

Chirurgo generale

Milano

Maurizio Cosimo Nacchiero

Maurizio Cosimo Nacchiero

Gastroenterologo, Epatologo

Foggia

Vincenzo Scuderi

Vincenzo Scuderi

Chirurgo generale

Napoli

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 2 domande su Epatocarcinoma

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.