Carissimi dottori... So gia qual e la causa del mio problema... Una violenza ripetuta di mio zio mat
22 risposte
Carissimi dottori... So gia qual e la causa del mio problema... Una violenza ripetuta di mio zio materno dall eta di 11 anni. Per 4 anni e andato avanti. Io mi sentivo aporca schifosa e inutile e mi sono buttata nel cibo.... Poi la vita non e andando a migliorare incinta a 18 anni sposata e separata con 3 figli... Un bimbo morto insomma la. Mia vita un incubo. Ora quello che mi freme e qualcosa che mi blocchi le abbuffate perche poi ato malossimo collo denti testa.. Sono stanca.... Molto
Le consiglio vivamente di rivolgersi ad un bravo/brava psicoterapeuta. Ce ne sono di validi anche nelle ASL: provi a chiedere a quella di zona. L e auguro buona ricerca

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Gentile signora,
Può essere utile un percorso di psicoterapia che la aiuti a superare questi eventi traumatici per riacquistare la sua serenità.
Il mio personale consiglio è di affidarsi a un terapeuta abilitato all'utilizzo dell' E. M. D. R., tecnica riconosciuta a livello internazionale come efficace sul trauma.
Sul sito ufficiale trova tutte le informazioni e l'elenco dei terapeuti abilitati suddivisi per regione.
I miei migliori saluti

Buonasera. Ciò che colpisce in tutto il suo scrivere è una forma di impulsività, dolore e difficoltà a sperare in una reale situazione migliore. Anche il mio parere è quello di rivolgersi ad un centro multidisciplinare per i disturbi del comportamento alimentare, ne esistono diversi in quasi tutte le regioni e spesso operano anche in convenzione con il territorio. È possibile che occorrano più figure professionali (nutrizionista, psicoterapeuta, psichiatra) per aiutarla in maniera efficace

Salve, effettivamente lei ha subito un trauma importante nella sua infanzia, come già consigliato dalla mia collega lei dovrebbe intraprendere un percorso terapeutico con una terapeuta che pratica la terapia EMDR. Il paziente che ha subito un trauma, come l'abuso, ricorda l'evento traumatico ma lo elabora e lo percepisce come evento del passato e si riduce l'intensità. Le auguro di stare meglio, se vuole mi può contattare online, Eugenia Cardilli
Ti invitiamo a fare una visita: Primo colloquio individuale - 60 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.

Buongiorno signora, mi spiace molto per le sue dolorose vicende. Purtroppo sappiamo che queste lasciano profonde ferite che continuano a fare male anche se sono passati anni...e ci "ingarbugliano la vita" ancora di più. Un bravo psicoterapeuta esperto nella cura di violenze e traumi potrà aiutarla a comprendere il legame tra gli eventi passati e il malessere del presente. Le auguro di riuscire a stare meglio!

Buongiono, è sempre difficile accostarsi alla sofferenza di persone che hanno subito traumi come il suo senza invadere o sminuire. Cosa dire in più rispetto a quello che i colleghi le hanno già suggerito? Sicuramente un percorso multidisciplinare potrebbe essere quello più indicato, magari in fasi diverse. Cominciare con una psicoterapia con un esperto nel trattamento dei traumi potrebbe essere un buon inizio. Durante un trauma, specie se ripetuto, la psiche per difendersi si dissocia, avviene cioè una scissione fra l'evento e le emozioni associate. Le emozioni in parte rimangono legate alla memoria corporea, in parte vengono chiuse in un vero e proprio bunker e rimangono quindi inaccessibili. Queste parti nascoste influenzano inconsciamente comportamenti, emozioni, pensieri apparentemente senza nessuna connessione con gli eventi traumatici del passato. Un importante lavoro di psicoterapia dovrebbe aiutare a riconnette le parti dissociate per poter riprendere un "normale funzionamento" e mandare in pensione tutte quelle funzioni vicarie (depressioni, disturbi alimentari, dipendenze varie, ecc) che hanno riempito lo spazio della frattura che si è creata a scopo difensivo. Le auguro di risolvere!

Infatti la sua vita è stata veramente piena di esperienze traumatiche. Un percorso terapeutico che la aiuti ad elaborare questa vita traumatica e a ricongiungere, come ha detto la collega, le emozione con gli eventi, per poi giungere ad accettare che la vita passata non si può cambiare, ma si può cambiare quella presente e futura. Le augoro di stare meglio

salve, iniziare una psicoterapia è il mio suggerimento. Un luogo dove poter elaborare tutto quello che scrive e poter imparare a non usare più il cibo per alleviare la sua sofferenza.
Un saluto

Io non mi addentro; non posso che consigliarle di chiedere aiuto in modo più concreto. Se avesse difficoltà posso trovare il modo di metterla in contatto con professionisti competenti nella sua zona.

Buonasera. La violenza che lei ha subito ed il lutto a cui è andata incontro sono dei grandi traumi a cui bisognerebbe offrire ascolto e cura.
Le consiglierei una psicoterapia e l'EMDR che è una terapia mirata per l'elaborazione dei traumi, che potrebbe aiutarla moltissimo.
Può contattarmi per saperne di più.
Ti invitiamo a fare una visita: Psicoterapia individuale - 50 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.

Cara il suo sentire è davvero molto sofferto.
La consapevolezza però è tanta e questo è già un buon punto di partenza.
Le consiglio vivamente un percorso terapico così da non sentirsi più sola nel portare questo pesante fardello.
La saluto augurandole il meglio.
Dott.ssa Costa

Parlandone con un terapeuta dinamico potrà tirare fuori cose che nemmeno immagina, secondo i suoi tempi ovviamente. Non può piovere per sempre, c' é sempre un modo per riprendersi da queste brutte esperienze. Un grande augurio affinché possa tornare a vivere serena.

Salve, sarebbe utile sapere se è come è stata seguita in questi anni, se prende dei farmaci, se ha un nuovo compagno, ecc. Ad ogni modo se la vita non le. Ha sorriso a maggior ragione ha una motivazione in più per riprenderla in mano. Inoltre le causa segnalate si riferiscono al corso concreto della sua vita ma inconsciamente bisognerebbe vedere come vengono usati tali eventi. È importante insomma che lei faccia un percorso psicoterapeutico. Saluti. Simone Pilia

Buonasera, le difficoltà che ha incontrato nel corso della sua vita incominciano con un evento fortemente traumatico che la segna e che ancora oggi non riesce a lasciare nel suo passato. Intraprendere un percorso terapeutico con un terapeuta EMDR le consentirebbe di elaborare questi ricordi dolorosi, riducendo anche i sintomi che riferisce e le abbuffate a cui in parte sono probabilmente collegate. Le faccio i migliori auguri. Un caro saluto

Salve, è fondamentale che intraprenda un percorso psicoterapico (e forse anche una valutazione psichiatrica, se necessario, per un supporto farmacologico), a maggior ragione se ha dei figli. Gli eventi dolorosi nella sua vita sono stati molti, si dia modo di superarli.
In bocca al lupo
Marta Calderaro

Buongiorno, ha già provato un percorso di psicoterapia?
Ottime cose, Dott. Andrea De Simone

Buongiorno, la sua ricerca dell'origine del suo sintomo risulta essere già il primo passo, le consiglio pertanto di continuare in questa direzione rivolgendosi ad uno psicoterapeuta con cui possa condividere le linee di un percorso e gli obbiettivi.

Gentile signora,
le esperienze dolorose che ha vissuto sembrano incidere ancora molto sulla sua vita e il cibo può spesso rappresentare un rifugio, come sembra essere nel suo caso. Le consiglio caldamente di iniziare un percorso di psicoterapia, per riuscire a trovare una maggiore serenità, elaborando quei ricordi dolorosi che le causano tanta sofferenza.
Un caro saluto
Dott.ssa Andrea Carta

Buonasera Signora. Le consiglio un approccio multidisciplinare. Ha bisogno di un supporto psicologico ed una guida dal punto di vista alimentare. Deve correggere ogni aspetto e soprattutto deve essere seguita dal punto di vista psicologico per superare i problemi che la spingono verso il cibo in maniera incontrollata. Io sono una nutrizionista con master in psicobiologia del comportamento alimentare. Se vuol approfondire non esiti a contattarmi. Cordiali Saluti

Purtroppo elaborare le violenze non è compito semplice, ma con l'ipnosi o l'EMDR si ottengono ottimi risultati senza prolungare all'infinito la psicoterapia. L'ipnosi è molto utile anche per le dipendenze come quella da cibo.
Buona Vita Stefano Zenaboni

Buongiorno,
ha ragione, ha avuto una vita davvero difficile, e piena di ostacoli. Ma mi permetta di dirle che credo che il vero problema non siano le abbuffate. Quelle indicano piuttosto che c'è un vuoto da riempire ... un vuoto che va colmato in un altro modo, un vuoto che ha bisogno di essere visto, elaborato, superato. Le consiglio di intraprendere un percorso di psicoterapia, che la aiuti a ripercorrere la sua vita e a vivere il resto in modo più sereno! In bocca al lupo!

Gentile utente, in poche righe descrive una serie di esperienze di vita potenzialmente traumatiche e fonte di grande sofferenza. La sensazione di spossatezza e impotenza che descrive è comprensibile alla luce dei suoi trascorsi ma deve essere elaborata e compresa. Le suggerisco di rivolgersi a uno psicoterapeuta per valutare insieme di iniziare un percorso di cambiamento.

Esperti

Carmine De Donato

Carmine De Donato

Nutrizionista

Montoro

Giuliana Taddei

Giuliana Taddei

Psicoterapeuta, Psicologo clinico

Orvieto

Viola Miranda

Viola Miranda

Psicologo clinico, Psicologo

Scandicci

Giulia Lugli

Giulia Lugli

Psicologo

Milano

Annamaria Panero

Annamaria Panero

Psicoterapeuta

Villanova d'Asti

Francesco Benincasa

Francesco Benincasa

Internista, Neurologo

Torino

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 5 domande su Bulimia

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.