Buongiorno, sono un "ragazzo" di 44 anni, soffro di sintomi ansio depressivi da quando avevo circa

2 risposte
Buongiorno,
sono un "ragazzo" di 44 anni, soffro di sintomi ansio depressivi da quando avevo circa 22 anni, tranne un periodo dai 26 ai 36 anni nel quale non he ho sofferto.
da circa 3 anni sono in cura con sertralina, ultimamente.
Ho provato varie volte a sospendere molto molto lentamente la sertralina ma dopo 3-5 mesi il problema ansio depressivo si è ripresentato.
Vi chiedo se può essere che all'inizio della cura sertralina. riusciva a guarirmi e mi manteneva in buono stato di umore e di disturbi somatizzati a livello fisico.
nell'ultimo anno purtroppo anche la pastiglia di dosaggio maggiore non ha sempre fermato l'insorgere di un episodio depressivo, anche se lo ha ridoto in modo importante nella sua intensità e magari anche durata.
Quando non assumevo sertralina, il disturbo ansio depressivo non mi permetteva di dormire bene durante la notte con ricadute pesanti di stanchezza durante il giorno.
sono seguito da una psichiatra e sto facendo sedute da una psicologa, però purtroppo non riesco a trovare la stabilità del buon umore e continuo ad alternare mesi di normalità a mesi in cui è presente il disturbo ansio depressivo e quindi non si gode a pieno della vita, anzi si soffre.
grazie a tutti.
Buongiorno, sì, è possibile che all'inizio della cura la sertralina abbia avuto una maggiore efficacia. Verosimilmente perché lei non aveva mai assunto questo tipo di farmaci. Attualmente è consigliabile individuare una nuova terapia farmacologica e soprattutto continuare ad affiancarla ad una psicoterapia.

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra risultati Come funziona?
Buongiorno, è verosimile che la terapia farmacologica a base di Sertralina abbia perso efficacia nel tempo. Andando, poi, ad interromperla può aver sviluppato una ulteriore ricaduta ansioso-depressiva. Dal momento che esistono diversi farmaci efficaci e tollerabili per disturbi di questo tipo, le consiglio di rivolgersi al suo psichiatra di riferimento che, avendo a disposizione tutte le notizie anamnestiche, saprà impostare una terapia adeguata con l'obiettivo di stabilizzare queste oscillazioni. Cordiali saluti

Esperti

Monia Pizzuti

Monia Pizzuti

Psicologo clinico

Ceccano

Patrizia Rosso

Patrizia Rosso

Psicoterapeuta, Neuropsicologo, Psicologo clinico

Vidracco

Deborah Fabiani

Deborah Fabiani

Psicoterapeuta, Psicologo

Pisa

Simona Galietto

Simona Galietto

Psicologo clinico, Psicoterapeuta, Psicologo

Napoli

Francesca Calvano

Francesca Calvano

Psicoterapeuta, Psicologo

Roma

Monica Calabrese

Monica Calabrese

Psicologo, Psicoterapeuta, Psicologo clinico

Grosseto

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 410 domande su Depressione
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.