Salute dei denti e infarto sono collegati?

Avere una bocca sana e priva di patologie infiammatorie è importante anche per la salute del cuore: avere i denti sani, infatti, implica un benessere non solo dell’intero organismo, ma influisce anche sull’apparato cardiovascolare.

La relazione tra malattie parodontali, sistemiche e cardio-circolatorie: l’endocardite batterica

L’endocardite batterica  si verifica  a seguito dell’infezione causata da una carie, o altri fenomeni di infiammazione orale ed è in grado, a volte, di danneggiare anche i reni provocando le pericolose nefriti.

La relazione tra le malattie parodontali e patologie sistemiche è ben nota ed è stato possibile accertare come la salute dei denti può influire su alcune patologie a carico dell’apparato respiratorio e cardiovascolare.

Le malattie parodontali di origine batterica provocano una infiammazione che, in alcuni casi, provoca la migrazione delle colonie di agenti patogeni all’interno della gengiva e successivamente nella corrente circolatoria provocando la migrazione dei batteri anche in organi lontani da quelli in cui ha avuto origine la prima infezione.

Patologie odontoiatriche  e  infarto: recenti confermano l’importanza della salute dei denti per il cuore

Recenti studi hanno confermato che la presenza di infarti cardiaci anche mortali, in certi casi, potrebbero essere messi in relazione con lo stato dei denti.

Tali studi hanno rivelato una relazione diretta tra soggetti con gravi problemi parodontali (piorrea) e le malattie cardiovascolari.

Se la parodontite ha comportato la perdita dei denti, si ha una presenza a livello delle carotidi di placche aterosclerotiche, che occupano in parte o del tutto il lume dell’arteria.

Quando queste placche sono presenti anche a livello aortico si può andare incontro all’infarto o alla morte improvvisa. È necessario pertanto non sottovalutare la correlazione tra la salute dei denti e la salute del cuore.

I disturbi di bocca e cuore: uniti dal dolore, evitabili grazie alla prevenzione

Anche il dolore è un altro aspetto importante che lega la salute di cuore e bocca.  

Il mal di denti è uno dei dolori più intensi ed è risaputo da tempo che  gli stimoli dolorosi, soprattutto molto forti, provocano un restringimento dei vasi sanguigni e anche delle coronarie.

Il dolore comporta una diminuzione dell’afflusso di sangue al cuore, mentre la vasocostrizione fa aumentare la pressione sanguigna e aumenta il rischio di danni al cuore.

Prevenire le infezioni e i problemi ai denti, che possono causare dolori intensi, diminuisce anche il rischio per le malattie cardiovascolari.

Effettuare delle visite di controllo odontoiatriche (anche in assenza di sintomi) permette di prevenire danni irreversibili anche ad altri organi vitali.

Esperto

Commenti: (0)