Indirizzi (2)


Pazienti senza assicurazione sanitaria


Colloquio psicologico • 60 €

Consulenza online • 60 €

Accompagnamento in gravidanza • 60 € +16 Altro

Colloquio di coppia • 120 €

Colloquio familiare • 120 €

Colloquio individuale • 60 €

Mostra tutte le prestazioni

051 952..... Mostra numero

.

I pagamenti per le consulenze sono inviati direttamente allo specialista, che è anche responsabile della policy di cancellazione e rimborso.

In caso di eventuali problemi con il pagamento, ti preghiamo di contattare lo specialista.

Ricorda, MioDottore non ti addebita alcuna commissione aggiuntiva per la prenotazione dell'appuntamento e non processa i pagamenti per conto dello specialista.


Almeno 30 minuti prima della consulenza riceverai un SMS ed un'email con il link per iniziare il videoconsulto. Potrai collegarti sia da PC che da smartphone.


Tieniti pronto 10 minuti prima della consulenza. Assicurati che la batteria del tuo dispositivo sia carica. Per i videoconsulti: controlla la tua connessione internet e il corretto funzionamento di camera e microfono. Tieni a portata di mano eventuali referti medici (es. il risultato degli esami).


Nicolealexja Fogli
Via della Ferriera 4, Bologna


Pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini a partire da 7 anni
Carta di credito, Carta di debito, Carta prepagata, + 3 Altro
051 952..... Mostra numero


Esperienze

Su di me

Sono la Dott.ssa Nicolealexja Fogli psicologa clinica, iscritta all'ordine dell'Emilia-Romagna (#10350), e psicoterapeuta in formazione ad orientament...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Università degli studi di Bologna UniBo
  • Università degli studi di Urbino Carlo Bo

Specializzazioni

  • Psicologia Clinica

Competenze linguistiche

  • Italiano

Prestazioni e prezzi

I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

Prestazioni suggerite


60 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



60 €

Consulenza Online



Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli

Altre prestazioni


60 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



120 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

120 €

Nicolealexja Fogli



120 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

120 €

Nicolealexja Fogli



60 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



120 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

120 €

Nicolealexja Fogli



Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



60 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



60 €

Consulenza Online



120 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

120 €

Nicolealexja Fogli



75 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

75 €

Nicolealexja Fogli



60 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



120 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

120 €

Nicolealexja Fogli



60 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



60 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



Via della Ferriera 4, Bologna

150 €

Nicolealexja Fogli



Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



75 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

75 €

Nicolealexja Fogli



60 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



60 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

60 €

Nicolealexja Fogli



100 €

Consulenza Online


Via della Ferriera 4, Bologna

120 €

Nicolealexja Fogli



Via della Ferriera 4, Bologna

120 €

Nicolealexja Fogli



Via della Ferriera 4, Bologna

300 €

Nicolealexja Fogli



Via della Ferriera 4, Bologna

300 €

Nicolealexja Fogli



Via della Ferriera 4, Bologna

300 €

Nicolealexja Fogli



Via della Ferriera 4, Bologna

300 €

Nicolealexja Fogli

Punteggio generale

Tutte le recensioni contano e non possono essere rimosse o modificate dai dottori a proprio piacimento. Scopri come funziona il processo di moderazione delle recensioni.
F
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: Nicolealexja Fogli test di valutazione per disturbi specifici dell'apprendimento

La dott.ssa Fogli mi ha subito colpita per i suo essere accogliente. Mi ha permesso di sentirmi a mio agio e con i miei tempi,rispettati e mai forzati, mi ha permesso di parlarle di cose per me non semplici. Ho trovato ascolto, empatia e tanta attenzione. Sento che grazie agli spunti di riflessione che mi da, e anche attraverso gli strumenti pratici che mi propone, riuscirò a migliorare. Continuerò sicuramente il percorso.

G
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: Nicolealexja Fogli consulenza psicologica

Appena entrata nello studio della Dottoressa, ho subito capito che li avrei trovato uno spazio sicuro. Ho deciso di intraprendere un percorso con lei perché mi ha subito accolta nella mia fragilità. La suggerisco davvero tanto!

A
Presso: Nicolealexja Fogli test di valutazione per disturbi specifici dell'apprendimento

Sono andato per una Valutazione per un sospetto DSA, mi sono trovato molto bene. Ho dato finalmente una nome a molti sospetti che avevo e grazie alle spiegazioni della Dott.ssa mi sono rassicurato. Aggiungo bello studio, cortesia e puntualità ottimo servizio.


Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: Nicolealexja Fogli consulenza psicologica

Specialista gentile e corretta. Gli incontri sono svolti con professionalità e serietà. Esperienza molto piacevole e positiva


S
Presso: Nicolealexja Fogli consulenza psicologica

Ottima l'impressione ed anche il resto della seduta mi è piaciuta. Molto empatica.


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 3 domande da parte di pazienti di MioDottore

Buongiorno chiedo un parere su come affrontare una situazione con una persona a me molto cara: è un ex collega di lavoro di 33 anni , io ne ho32, che non vedo da oltre un anno perché è tornato a lavorare in Svizzera, con cui c’è stima e affetto reciproco. Ci fu un episodio di intimità sul lavoro ma rimase isolato perché fidanzato da molti anni. Nonostante questo mi disse gli piacevo troppo e che ci saremmo dovuti conoscere molto tempo fa. Dopo quell'episodio di intimità pensando si potesse avere per lo meno un rapporto di amicizia, o avere occasione di conoscerlo, sono stata troppo insistente in quanto non riuscivamo ad avere un dialogo a voce pur vedendosi ogni giorno. Nonostante la mia insistenza nello scrivergli ogni giorno cercando un dialogo con lui che non era possibile per chat ha sempre cercato di farmi capire la sua persona. Mi ha detto che non si racconta - credo intendesse per chat- che mi vuole bene ma di smettere di pensare potessimo avere una corrispondenza. Che per lui restare in contatto significava sentirsi 2 volte l’anno e che trovava inquietante gli chiedessi che lavoro facesse ora o dove si trovava. Quando ha capito che non ero più in contatto con altri colleghi mi ha detto comunque " Bene ... e ti ripeto che se tornerò te lo farò sapere e ci faremo un saluto". Si limitava a rispondermi seccato dalla mia insistenza. Solo Ad agosto dopo molti mesi ho capito che per non perderlo del tutto avrei dovuto fare un passo indietro contattandolo con meno insistenza e frequenza e cercando la sua persona. Ho notato un piccolo cambiamento nel cercare di mantenere un contatto con me e una minima apertura, chiedendomi a sua volta qualcosa o una disponibilità a mantenere un dialogo aperto, anche se i suoi messaggi sono sempre di due righe e coincisi. Mi ha detto che è molto preso in questo periodo scusandosi di questo. Dopo un anno di sola chat e un rallentamento da parte mia nel cercarlo, gli ho chiesto se sarà possibile quando sarà più libero farsi un saluto a voce e mi ha risposto “Contaci, tranquilla” ma anche questo inverno non tornerò. Mi dispiace molto non sapere più nulla di questa persona, mi chiedo se e come possa esserci comunque un rapporto di amicizia, gli impedimenti che abbia nel poter rendere effettiva una chiamata e come questa persona voglia restare in contatto manifestando comunque interesse nel potersi rivedere. La mia parte la sto facendo continuando a concentrarmi sulla mia vita e cercando di mostrare una persona rispettosa dei tempi di risposta, non sempre presente, dell’altro. Trovo incomprensibili alcuni suoi silenzi alla richiesta di che serie gli siano piaciute alternati a risposte che mi fanno capire gli faccia piacere non perdersi nel tempo. A volte risponde dopo un giorno ai miei messaggi che cerco di mantenere brevi sapendo non ami chattare ma nonostante questo e la consapevolezza di essere stata pesante con lui, a volte non ho risposte per giorni. Quello che mi rattrista molto è non avere fiducia nel non poter sapere nulla della sua vita attuale o in che città sia in contrasto alla manifestazione di potersi risentire in chiamata con un dialogo o rivedersi nella vita. Qualche mese fa si confidò dicendomi un pezzo della sua vita che è stato in psicanalisi 19 anni trasformando il dolore e la sofferenza in coscienza e che non sente il bisogno né il desiderio di condividere le cose. Cosa significa per voi? È possibile mantenere vivo un contatto con qualcuno che tende ad isolarsi così allo stesso tempo mantendendo affetto e stima esistenti? La distanza e il non poter vedere qualcuno che abbiamo nel cuore frena nel poter riavere un dialogo?

Buongiorno,
immagino il dispiacere nel sentire questa persona non aperta ad una comunicazione nei suoi confronti. Probabilmente, la persona di cui stiamo parlando, davanti all'insistenza e all' instaurare relazioni di un certo tipo si sente ancora spaventata. Quello che mi domando è come la far stare il continuare a cercare una persona che non ricambia, e come mai sente la necessità di continuare a ricercare questa persona. Non so se sia ancora fidanzata questa persona, accenno che lei ha fatto nel testo.
Penso possa esser utile per lei domandarsi anche le aspettative che ha verso questa persona e se forse data la situazione attuale non sarebbe per lei meglio definire il rapporto tra voi, nonostante mi sembra che questa persona si sia definita circa il non voler nulla di più e il voler sentirla solo occasionalmente.

Dott.ssa NICOLEALEXJA FOGLI

Buonasera. Sono in piena crisi esistenziale, e avrei bisogno di pareri esperti se qualcuno può aiutarmi...
Sono una ragazza di 28 anni, da piccola ero molto spensierata e solare ma crescendo la vita, il destino, Dio, chiamatelo come volete, mi ha sbattuto in faccia tante situazioni difficili e strazianti, in primis la malattia autoimmune a fegato e intestino di mio fratello maggiore, una straziante ed ingiusta tortura che ha dovuto sopportare da quando aveva soli 9 anni fino a quando nel 2021 ci ha lasciato a soli 35 anni... la mia vita e sopratutto quella dei miei, hanno sempre girato tutte intorno a mio fratello perchè era giusto così, aveva bisogno di premura e attenzioni, Adesso ovviamente nulla ha più senso per noi, tiriamo avanti e resistiamo, come ha sempre fatto lui fino all'ultimo giorno. Difficoltà finanziarie tante, ma non ci importa più, il peggio è gia accaduto purtroppo... sfortunati ed infelici per sempre...
Questa è una premessa per rendervi partecipi del dolore che ho vissuto, sto vivendo, e che per sempre vivremo io e miei... per spiegarvi meglio adesso il mio problema nella mia relazione di coppia. nel 2019 incontrai un ragazzo in gamba e con le idee chiare sul suo futuro, è riuscito letteralmente a proiettarmi in una sua visione di vita di coppia che era molto simile alla mia (all'epoca..) con l'unica differenza rispetto alle altri relazioni che ho avuto che non sono mai state solo chiacchere, ma fatti ben concreti!!!!...Lui si è invaghito ed innamorato quasi subito di me, mentre io ci ho messo qualche mese ad amarlo, non mi sentivo forse alla sua portata e non era nemmeno proprio il ragazzo dei miei sogni, non è molto affettuoso o passionevole, ma conoscendolo sempre meglio (e mettiamoci anche che lui ha "insistito" parecchio, era tutti i giorni sotto casa mia) ho.. imparato?.. ad amarlo. Abbiamo preso un appartamento insieme, la mia prima esperienza di convivenza senza la mia famiglia. Abbiamo superato il periodo del lockdown in pandemia, e sopratutto mi è rimasto vicino nel mio lutto, come meglio poteva. Ci siamo anche poi trasferiti in Australia (lui è doppio cittadino) e vissuto l'ultimo anno lì, progettando di lavorare insieme comprando un camioncino per street food, e pagando circa 10mila dollari per applicare un Partner Visa (un tipo di Visto con cui otterrei la cittadinanza anchio). Tanto tempo, amore, denaro, progetti... ma con lui non sta più andando come vorrei e come mi aspettavo, nonostante io abbia la posizione "privilegiata" tra i due, perchè è lui che ha avuto di più da offire, coinvolgendo anche la famiglia. E' un uomo meraviglioso ma non riesco più a sopportarlo caratterialmente, perchè ha un imput molto forte e quasi predominante. Litighiamo spesso nella routine quotidiana, a volte imponendomi di dover risolvere per forza tutto e subito, quando magari chiedo del tempo per riflettere, e anche se poi risolviamo lì per lì, lo stesso problema con diversi soggetti o situazioni si ripresenta la settimana seguente. Quando si mette in testa una cosa, non c'è modo di ragionarci o di esprimere un'opinione che lui te la rigira come gli fà più comodo, a volte inventando verità che non sono mai accadute, è un po' un manipolatore verbale. Spesso e volentieri mi dice cosa posso o non posso fare, perchè forse crede che sia il modo più giusto per farlo o si preoccupa per me. Aggiungo inoltre che nella sfera sessuale negli ultimi due anni mi chiede (quasi obbliga direi...) di fare delle cose che non sopporto fare o che mi provocano dolore, ma che a lui piacciono, e che a suo dire mi dovrei quindi sforzare o quantomeno provare a fare, "dopo tutto quello che sta facendo per me", parole sue. Anche all'inizio della relazione era così, ma forse non mi importava poi tanto, o non ci facevo caso, o semplicemente me lo facevo star bene perchè... non lo so nemmeno io, in quel momento era così. Ho chiesto una pausa di riflessione (che lui ovviamente non accetta e non capisce), fortunatamente siamo in vacanza in Italia dalle nostre famiglie, invece di rimanere lì con loro ho fatto le valigie e sono andata dai miei. Adesso è come se mi fosse salita tutta insieme una sensazione di pesantezza, stress, e non sopportazione, se dice qualcosa che non mi sta bene non rimango più tranquilla e paziente ma scatto immediatamente, sbuffo, apro e sbatto le braccia sui fianchi... sono esasperata dal suo carattere, e dal fatto che non riesca ad accettare che forse mi sono resa conto di voler pensare per un periodo IO a ME STESSA, senza essere "la ragazza di" qualcuno, per una volta. Sono stata in varie relazioni per 10 anni, meno o più importanti, e comincio a sentire l'esigenza di rimanere SOLA almeno per un po', senza bisticci, e senza sopratutto scendere sempre a compromessi con qualcuno.... lui la trova una perdita di tempo, non accetta una pausa, dice che ovviamente non se lo merita e saprebbe già come andrebbe a finire (relazione finita, o tradimenti, o simili) e non vuole perdere ulteriore tempo con me se decidessi una cosa del genere. Io credo invece di meritare un po' di tempo con me stessa, sbagliare se necessario, ma voglio lasciarmi andare, dopo tutto quello che è successo... voglio elaborare, essere più indipendente, amarmi e rispettarmi di più, trovare la mia strada.... VIVERE "felice", per quanto posso, senza questi inutili stress di coppia, che penso dovrebbe essere molto più naturale e amorevole. E' difficile poter cambiare una persona, ma se lui riuscisse invece a cambiare e questo fosse solo un periodo di alti e bassi? Sto facendo solo i capricci o la mia esigenza è valida?...
Quindi, scusate il papiro...... ma cosa dovrei fare adesso?.... nella bilancia ho la relazione più vera e concreta che abbia mai avuto, un uomo che mi ama, leale, progetti di una famiglia, ho paura di perderlo e magari rivolerlo tra qualche mese perchè pentita... dall'altra una voglia di libertà, di riscoperta di me stessa, emozioni che devo ancora elaborare a pieno, di scegliere una strada mia.... lui vuole esserci per me, ma secondo me il problema è che rimanendo vicino a lui sarei altamente plasmabile e condizionata dai suoi punti di vista.... forse non sto più cercando quello che è meglio, ma quello che è pù giusto e in linea con il mio essere... è troppo egoistico?.... vivo nel mondo delle favole?.... è giusto chiedersi se è l'ultima occasione che ho nella mia giovane vita di avere voglia di tuffarsi nel vuoto e nell'ignoto, invece di una vita sicura e già avviata con un compagno....? GRAZIE INFINITE A CHIUNQUE ABBIA AVUTO LA PAZIENZA DI LEGGERE, ED EVENTUALMENTE RISPONDERE.

Buongiorno,
da quello che scrivi, ti do del tu!, si sente tanta fatica, tanta voglia di cambiamento, o più semplicemente di un TUO SPAZIO. La situazione che hai affrontato insieme alla tua famiglia sicuramente lascia ancora tanta sofferenza. In più ad oggi si aggiunge anche un rapporto di coppia che non sembra riconoscere il fatto che tu abbia dei tuoi bisogni dei tuoi desideri. Quando parli del sentirti egoista, penso che in realtà per te sia arrivato adesso un tempo che ti "chieda" di prenderti cura di te stessa (cosa che mi chiedo se tu sia riuscita a fare in passato: hai avuto modo di soffermarti mai a pensare a quello che avresti voluto fare, a quello che stavi vivendo e provando? forse per affrontare tutto quello che hai dovuto affrontare sei sempre andata avanti "accettando" le cose così com'erano).
Penso sia arrivato il tuo momento di definirti, rispetto anche al tipo di persona che vuoi accanto. Un partner che ti chiede di fare cose che tu non vuoi fare, che non da valore a quello che tu fai, è un modello di partner che vuoi nella tua vita?
Perderlo e pensare a te che significato e impatto avrebbe?
Penso ci siano tante tematiche sul quale varrebbe la pena di ragionare e sicuramente effettuare qualche incontro con un professionista potrebbe aiutarti!
:)


Dott.ssa NICOLEALEXJA FOGLI

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Sono la Dott.ssa Nicolealexja Fogli psicologa clinica, iscritta all'ordine dell'Emilia-Romagna (#10350), e psicoterapeuta in formazione ad orientament...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Università degli studi di Bologna UniBo
  • Università degli studi di Urbino Carlo Bo

Specializzazioni

  • Psicologia Clinica

Tirocini

  • Studio di Neuropsicologia della Dott.ssa Fiori, Bologna
  • Istituto di Terapia Familiare di Bologna
  • Unità dipartimentale Disturbi del comportamento alimentare Ausl Ferrara
Visualizza altre informazioni

Competenze linguistiche

  • Italiano

Premi e riconoscimenti

  • .

Pubblicazioni e articoli

Pubblicazioni (1)