Indirizzi (3)


Pazienti senza assicurazione sanitaria


Consulenza online (descrizione) • 70 €


06 9762..... Mostra numero

Il pagamento va effettuato subito dopo la prenotazione della consulenza online. Avrai 30 minuti di tempo per completare il pagamento, in caso contrario la tua prenotazione verrà cancellata.

I pagamenti per le consulenze sono inviati direttamente allo specialista, che è anche responsabile della policy di cancellazione e rimborso.

In caso di eventuali problemi con il pagamento, ti preghiamo di contattare lo specialista.

Ricorda, MioDottore non ti addebita alcuna commissione aggiuntiva per la prenotazione dell'appuntamento e non processa i pagamenti per conto dello specialista.

Per favore, leggi con attenzione la policy di cancellazione e rimborso.


30 minuti prima della consulenza, riceverai SMS ed email contenenti il link per effettuare il videoconsulto. Clicca sul link e attendi lo specialista. Non è necessario scaricare alcun software e potrai collegarti al videoconsulto sia dal PC che dal cellulare.


Tieniti pronto 10 minuti prima della consulenza. Assicurati che la batteria del tuo dispositivo sia carica. Per i videoconsulti: controlla la tua connessione internet e il corretto funzionamento di camera e microfono. Tieni a portata di mano eventuali referti medici (es. il risultato degli esami).


Via Costantiniana 74, Roma
Studio medico Labaro


Pazienti senza assicurazione sanitaria


Bonifico, Bonifico istantaneo, Carta di credito, + 4 Altro
06 9762..... Mostra numero


Circonvallazione Nomentana, 521, Roma
Studio clinico Nomentana


Pazienti senza assicurazione sanitaria


Bonifico, Carta di credito, Carta prepagata, + 4 Altro
06 9762..... Mostra numero


Esperienze

Su di me

Laureata in Psicologia con indirizzo “Clinico e di Comunità” presso l’Università degli studi "La Sapienza" di Roma e iscritta all’Albo Professionale d...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Depressione
  • Ansia
  • Attacco di panico
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università degli studi di Roma La Sapienza; (2002)
  • Specializzazione in Psicoterapia della Gestalt conseguita presso IGF di Roma (2007)
  • Specializzazione in Psicodiagnostica conseguita presso CEIPA (2012)

Specializzazioni

  • Psicoterapia
  • Psicodiagnostica

Foto


Competenze linguistiche

Italiano

Prestazioni e prezzi

I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

Prestazioni suggerite

Consulenza online


70 €

Consulenza Online

La consulenza online è stata molto utilizzata in questo periodo di emergenza sanitaria per poter raggiungere tutte le persone che hanno avuto bisogno di un sostegno psicologico. A volte può risultare difficile raggiungere uno studio per questioni di distanza, difficoltà pratiche e condizioni personali che impediscono di muoverci agilmente. Tale strumento può risultare molto utile per iniziare un percorso di sostegno o per avere un primo contatto con uno specialista con il quale confrontarsi e individuare l'intervento più idoneo alla nostra condizione.
Tale consulenza è possibile solo dopo aver preso visione e firmato il consenso informato.



Via Costantiniana 74, Roma

70 €

Studio medico Labaro


Circonvallazione Nomentana, 521, Roma

70 €

Studio clinico Nomentana


Psicoterapia


Via Costantiniana 74, Roma

70 €

Studio medico Labaro


Circonvallazione Nomentana, 521, Roma

70 €

Studio clinico Nomentana


Psicoterapia individuale


Via Costantiniana 74, Roma

70 €

Studio medico Labaro


Circonvallazione Nomentana, 521, Roma

da 70 €

Studio clinico Nomentana

Altre prestazioni

Primo colloquio psicologico


Via Costantiniana 74, Roma

Prestazione gratuita

Studio medico Labaro


Circonvallazione Nomentana, 521, Roma

Prestazione gratuita

Studio clinico Nomentana


Psicoterapia di coppia


Via Costantiniana 74, Roma

100 €

Studio medico Labaro


Circonvallazione Nomentana, 521, Roma

100 €

Studio clinico Nomentana


Psicoterapia per adolescenti


Circonvallazione Nomentana, 521, Roma

da 70 €

Studio clinico Nomentana

Recensioni dei pazienti

5

Punteggio generale
4 recensioni

M
Presso: Studio medico Labaro psicoterapia individuale

Ho cominciato il percorso prima del lockdown continuando gli incontri da remoto . Ad oggi ho ripreso gl incontri frontali e mi sento di dire di aver trovato grande professionalità e competenza. La
Dott.ssa sa metterti a tuo agio in maniera naturale rispettando i tuoi tempi.


C
Presso: Studio clinico Nomentana psicoterapia

Mi sono trovato molto bene con la dottoressa. È stata con me molto professionale e accogliente. Mi sono sentito a mio agio dal primo incontro. La ringrazio per il lavoro che abbiamo fatto e per quello che potremmo ancora fare.


S
Presso: Studio medico Labaro psicoterapia individuale

Sono stato paziente delle Dottoressa per un lungo periodo. Mi era stata consigliata da una mia carissima amica sua paziente. Ho tratto beneficio dalla terapia. Il percorso è stato difficile ma sono alla fine contento dei miei progressi. Lascio quindi un feedback positivo.


S
Paziente verificato
Presso: Studio clinico Nomentana psicoterapia individuale

Ho intrapreso un percorso terapeutico con la Dr.ssa D’Angelomaria per cercare di ritrovarmi dopo un periodo difficile. Dalla prima seduta mi ha dimostrato empatia, preparazione, sensibilità e disponibilità. Anche durante il periodo di lockdown siamo riuscite a portare avanti, a distanza, la terapia con enormi benefici per me.


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 1 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Potrò sembrarvi provocatoria, ma voglio sapere chi potrà rispondermi senza facili conclusioni cui una media intelligenza può arrivarci da sola.

    Genitori che non ti hanno aiutato ad individualizzarti, ad essere autonomo, e che non ti hanno aiutato a creare una buona autostima, fanno sì, come nel mio caso, che alla domanda Cosa farai da grande, io a 49 anni, non sappia rispondere.
    O meglio, risponderei ciò che mi piace fare, che ho provato a fare, che poi ho abbandonato perché, non mi valorizzava, perché forse non credevo in me, perché le vicende familiari mi fagocitavano ed ero stanca.
    A 24 anni, facevo teatro, mi impegnavo con tutta me ed ero brava, dicevano. Mi trovai pure un agente, e feci cose in TV o cinema ma dentro ero una farfalla e fuori un elefante, vale a dire, sempre problemi di obesità, più o meno alta (diverse diete e risultati altalenanti). Ma la gioventù, il sapermi portare bene il peso, mi facevano per un po', crederci in quel lavoro. Poi a differenza degli uomini, che pure se di peso, possono fare ruoli drammatici, le donne, o sono belle e hanno ruoli rispettabili, o sono macchiette, caratteriste, e vengono derise. Faranno sempre ruoli secondari. Legge della ns società? Ok ma a me non stava più bene. Io volevo esistere e che fosse vista la bravura della farfalla, non usata per l elefante. Ovvio il problema fosse di accettazione e inadeguatezza, pure quando fui più magra, comunque non mi accettavo perché non ero come io volevo essere vista. Le mie energie, sensibilità, capacità erano di chi voleva essere protagonista, non comparsa. Seppur in gergo cinematografico ebbi sempre o per quel poco, pose da attrice, ricordo pure il mio nome e Cognome sul camerino. E le comparse varie, un po' scocciate. Si sa che se sei famoso, non ti sogni di dialogare con un Nome, ma se non sei famoso, il generico si e ti chiede " ah sei un'attrice? “. Stonava pure me, mi sentivo quasi usurpare quel ruolo, e fingevo una sicurezza fuori, rispondendo, si sono attrice. Dentro mica ne ero così convinta, come se una bambina prova a fare l adulta, e le dicono" ehi che fai, sei piccola, non puoi farle queste cose“. E da piccola accadde, mia madre assente, mentre c erano gli ospiti, io mi permisi di prendere un vassoio, e un ospite mi fece sentire inadeguata. Dentro forse si smontó qualcosa. Mi sono permessa di fare una cosa, da grande, non posso.

    Detto ciò, poi venne meno la voglia di fingere, che mi sentivo attrice non credendoci fino in fondo, non volevo mortificare mia dignità, per qualche posa su cui fare becere battute e con le varie disgrazie malattie problemi, ebbi l'alibi in parte, in parte la stanchezza effettiva dei problemi, che non vissi più di ciò che mi piaceva. Lo feci in altro modo come autrice, regista teatrale, ma a livello amatoriale. E nel teatro professionistico, per cui anche lì mi dicevano brava, non ebbi più il coraggio, di far provini. Tentai con il doppiaggio, altro sogno, li grazie alla mia voce bella, elefante o farfalla non contavano, ma solo se sei parente o amante di... Senno se non hai conoscenze, le porte in faccia. Poi volevo fare l'organizzatrice di eventi, ma anche qui, basta leggere il pregresso familiare dei nomi importanti. Dietro ci sono soldi e raccomandazioni. Perciò, restavano i lavori tristi, dei call center. Fatti ma ero ancora più depressa. Perché la farfalla e la sua indole artistica, credo non morirànno mai. E quando poi mi dovetti occupare di mamma per anni, restava l elefante, e la farfalla era stanca anch'essa. E con dolore, credo che la malattia materna, seppur la abbia pagata in termini di salute psicologica, mi ha dato l alibi per non diventare apatica con i lavori dei call center e similari. Almeno mi sono illusa e lo sono stata davvero, utile a mia madre. Persa lei, e durante gli ultimi anni di vita, la farfalla si muoveva, ma la memoria uno requisiti di un attore, non ci sta più. E se mi si dice allenala non lo so fare. Se mi si pagasse un corso di memoria, forse gratis lo farei. Dico forse perché, il punto irrisolvibile fino ad oggi è, che la Farfalla non vuole sentirsi elefante, il secondo pure se sta a dieta, magari è più piccolo, ma non può credersi farfalla. E io non posso più fare teatro o cinena, oltre che per il covid, perché ho troppa paura. Nonostante anni luce, quella bimba rimproverata o fatta sentire inadeguata, o autogiudicata, non vuole vedere facce finte, non vuole rifiuti, porte in faccia. Le ha avute troppe volte dalla e nella vita. Idem vale nelle relazioni sentimentali. Si è sentita o solo desiderata ma non amata o non giusta, non bella a tal punto da esser scelta. O ha boicottato lei stessa, perché non vuole abbandoni, rifiuti. Per la legge dei grandi numeri, considerando che il mio problema sia il non esser magra, o vabbe diciamo grassa, senza edulcorare, comunque grazie a Dio, ho bel viso, femminilità, e pure uno fosse, (sinceramente più di uno) me lo ha detto che ero bella, ma fosse pure il Papa, io non ci credo. La prima che dice a sé stessa, guardi non va bene, non è giusta, ecc, sono io.

    Solo che ora appunto, ho meno anni di vita del passato alle spalle e voglio vivere, cosa mai fatta. Ma ho paura e soprattutto non importa esser single, che io non potrò mai essere la bella della situazione, ma mi serve un lavoro.

    Per Le pulizie? Lo status fisico più tendente ancora all'elefante (leggere grassa) non mi trovano adatta, a meno che fossero nei grandi uffici ecc.

    Commesse? Vabe età e taglia mi discriminano. Magari sono brutte di viso, antipatiche ma loro possono ed io no.

    Professioni specifiche? Non lo so perché non ho fatto informatica, ingegnera, meccanica, idraulica, ma non le so fare.

    Lavori meno depressogeni tipo lavorare in mense, aeroporti in molti tipi di qualifiche richiedono conoscenze e che resta?

    Call center? Beh no mai più, non mi basterebbero i soldi per curare la mia psiche.

    L'arte? Oh si, che darei per tornare ad esistere ma come sopra, non da elefante piccolo o medio..

    Perciò, se mi steste per dire che ho bisogno di una psicoterapia, vi rispondo, che si concordo, ci ho creduto, l ho fatta, ma nessuno ha mai capito che il problema sta alla base. Puoi essere e vabbe io non lo sono comunque, una TG 42 ma se hai la psiche obesa, sarai sempre inadeguata. Poi in Italia, patria della esteriorità più che mai. Perció senza soldi, come pago una psicoterapia? Forse ci vorrebbe un mental coach? Non mi dite ASl, che la mia è fatta di medici matti.
    Offro un caffè virtuale a chi può dare una risposta diversa, dal... Le occorre una psicoterapia..

    Nb. Pure volessi mettere a tacere la farfalla insoddisfatta, i lavori tristi neppure si trovano e allora che si fa? Mi piglio I farmaci, per non pensare che non sarò mai Cenerentola, neppure la Strega che ha un suo perché, e che non sono e non voglio essere una sorellastra.

    Buonasera, ho letto con interesse il suo racconto e del tanto descritto mi colpiscono l'attenzionne al suo aspetto esteriore, la rabbia, la delusione e la sua rassegnazione. La sua richiesta di aiuto arriva forte e chiara ma richiede uno sforzo in più da parte sua per essere accolta e non disperdersi.
    Mi viene da dirle che il mondo è pieno di farfalle e altri animali strani che attendono solo di essere visti per quello che sono. C'è un posto per tutti e quindi anche per lei. Non posso darle un consiglio, non sono lei, le posso solo lasciare le emozioni e le sensazioni che ho provato nel leggerla: stati ambivalenti fatti di rabbia, dolore e aggressività, desiderio di conoscerla e nello stesso tempo, desiderio di fuggire. Spero le possano essere utile e che possa trovare quello che sta cercando per potersi prendere cura di sé. Cordialmente dott.ssa Manila D'Angelomaria

    Dott.ssa Manila D'Angelomaria

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Laureata in Psicologia con indirizzo “Clinico e di Comunità” presso l’Università degli studi "La Sapienza" di Roma e iscritta all’Albo Professionale d...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Depressione
  • Ansia
  • Attacco di panico
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università degli studi di Roma La Sapienza; (2002)
  • Specializzazione in Psicoterapia della Gestalt conseguita presso IGF di Roma (2007)
  • Specializzazione in Psicodiagnostica conseguita presso CEIPA (2012)

Specializzazioni

  • Psicoterapia
  • Psicodiagnostica

Certificati


Foto


Competenze linguistiche

Italiano

Ricerche correlate