Da quale specialista devo andare per la spina calcaneare??? il mio medico mi ha prescritto la visita

9 risposte
Da quale specialista devo andare per la spina calcaneare??? il mio medico mi ha prescritto la visita dal fisiatra e qualcuno dall'ortopedico. Quale meglio???? grazie
Personalmente mi occupo spesso di problemi di spina calcaneare quindi direi che l'Ortopedico è la figura adatta. Tra l'altro la cura varia dalla prescrizione di una talloniera, alle infiltrazioni, fino, ma solo in casi particolari, ad un intervento chirurgico. Cordiali saluti.

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Ritengo che il fisiatra sia il primo specialista da contattare. Egli potrà proporre terapia fisica antalgica ed antiinfiammatoria (Ultrasuoni, TECARTERAPIA ed Onde d'urto) e l'eventuale terapia ortesica (cosiddetto "plantare"). In caso di insuccesso terapeutico ed in casi ben selezionati potranno esser proposte terapie chirurgiche da parte dello specialista ortopedico.
Anche io sono di parte. Da un ortopedico, non necessariamente un chirurgo del piede ma anche da un ortopedico che si occupa di traumatologia sportiva. FKT, plantare con scarico calcaneare, eventuali infiltrazioni con corticosteroidi, onde d'urto ( ma possono essere molto dolorose). Intervento ultimissima ipotesi!! Controllate come e perché è iniziato il fastidio!!!!
Mi accodo nello sconsigliare un intervento chirurgico se prima non si sono provate terapie di tipo conservativo,come plantari con appositi scarichi per spine calcaneari, e riguardo la figura professionale alla quale rivolgersi consiglierei anche quella del PODOLOGO, e sono di parte.
La spina calcaneare è l'espressione di una cronicizzazione di una patologia infiammatoria a carico della fascia plantare. Questa è una importante struttura di collegamento tra avampiede e retropiede . Va quindi ricercata la causa del sovraccarico della fascia plantare (piede piatto, cavo con anomalie di calcagno spesso in varo ma anche in valgo).Quindi ortesi adeguata e studiata per normalizzare in carico poi terapia sintomatica con Infiltrazioni o FKT. Il trattamento chirurgico meglio se endoscopico solo in casi super selezionati e dopo il fallimento delle procedure sopra elencate.
Concordo col collega Ciarimboli. La spina calcaneale non è ne patologia trattabile in prima istanza solo dall'ortopedico perchè le alternative terapeutiche non invasive a disposizione del paziente sono aumentate in questi annie può pertanto intervenire anche lo specialista Fisiatra che abbia competenze (e formazione universitaria) in ambito orotopedico. Personalmente ho maturato una vasta esperienza nel trattamento "pre-interventistico" della spina calcaneale che, tra l'altro, detesto definire una patologia perchè, a ben vedere, dopo i 40 anni sfido chiunque a non averla, vuoi per il carico ponderale vuoi per abitudini lavorative sbagliate o per semplice predisposizione costituzionale. Preferisco più parlare di fascite plantare prossimale, se presente, soprattutto se avvalorata da adeguata ecografia muscolo-scheletrica, e le proposte terapeutiche potranno variare dalla terapia medica alle onde d'urto alla terapia fisica fino alle infiltrazioni dell'inserzione prossimale della fascia.
Io le consiglio solo di fare un plantare solo se prescritto con precisione dall'ortopedico con indicazioni chiare sul tipo di plantare necessario o costruito da un podologo che la visita. Spesso ho visto solette morbide con una lieve sagomatura "anatomica" fallire nel trattamento. La diagnosi è una cosa semplicissima. Capirne l'eziologia no. Se non si individua la causa si potrà solo trattare il sintomo. Se mette del disinfettante su un dito dopo essersi tirato una martellata e poi continua a martellare non guarisce. Allo stesso modo la spina calcaneare. Uno scarico della spina non è sufficiente a diminuire la tensione della banda mediale della fascia plantare che spesso ne causa la formazione. In sintesi: serve un ortersi plantare ben calibrata non una soletta morbida senza alcuna funzione biomeccanica.
Sono entrambi due ottimi professionisti perfettamente in grado di farle una corretta diagnosi e prescriverle la terapia migliore. Non dimentichi che una spina calcaneare è la risultante finale di una eccessiva tensione dei muscoli della fascia plantare. Il dolore non è generato dalla spina ma dalla fascite plantare.
secondo me potrebbe andare dal fisiatra perchè potrebbe consigliarle la terapia fisica più idonea

Esperti

Stefano Di Nardo

Stefano Di Nardo

Ortopedico

San Salvo

Luca Mazzarolo

Luca Mazzarolo

Osteopata, Terapeuta, Posturologo

Crespano del Grappa

Pasquale Sgambati

Pasquale Sgambati

Chirurgo generale, Medico di medicina generale

Roma

Enrico Rizza

Enrico Rizza

Geriatra, Internista, Anestesista

Genova

Angelo Gianferro

Angelo Gianferro

Chirurgo generale

Roma

Vito Carlucci

Vito Carlucci

Ortopedico, Neurologo, Medico legale

Roma

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 142 domande su Sperone calcaneare
  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.
  • Per ragioni mediche, non verranno pubblicate informazioni su quantità o dosi consigliate di medicinali.

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.


Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.