Buongiorno, 12 anni fa ho fatto tutto il percorso di diagnosi della celiachia, dalle analisi del s
4 risposte
Buongiorno,
12 anni fa ho fatto tutto il percorso di diagnosi della celiachia, dalle analisi del sangue alla biopsia, al test del DNA suggerito dal medico. Non c'era celiachia ma nel dna solo predisposizione.
6 anni fa ho dovuto però riprendere la dieta senza glutine perché non potevo farcela più di quanto stavo male, non solo problemi intestinali ma vomitavo talmente tanto che non riuscivo più a prendere peso quindi il medico mi ha quasi obbligata a fare la prova a mangiare senza glutine e da allora non vomito più nulla e non ho più quei problemi gastrointestinali.
La mia domanda è: se all'epoca era tutto negativo, a distanza di anni potrebbe essere positivo ed esserci diagnosi di celiachia?
Perché vorrei rifare i test per la celiachia e fare anche il test delle intolleranze alimentari (ma su questo tema molti dicono che sia solo una perdita di tempo) perché qualche piccolo problema (diverso da quelli menzionati) ce l'ho di nuovo.
P.s. ho altre malattie autoimmuni e in famiglia malattie autoimmuni
Grazie a chi vorrà rispondere
Salve,
da dottore di ricerca in Genetica Umana le dico che se il test genetico ha evidenziato una predisposizione allo sviluppo della celiachia e non adotta un 'alimentazione adeguata ha un'elevata probabilità che nel tempo possa instaurarsi la malattia celiaca con danno ai villi intestinali e sviluppo di anticorpi anti tTG, AGA, EMA..Inoltre, a fronte di tale predisposizione potrebbero instaurarsi altri tipi di problemi a carattere infiammatorio cronico ed anche autoimmune a carico di altri distretti, lontani dall'intestino, ad esempio spesso è interessata la tiroide, ma non solo. Pertanto, se ha questa predisposizione necessiterebbe di seguire una dieta adeguata, attentamente valutata che non necessariamente significa esclusione assoluta di glutine per sempre.
Se desidera, posso aiutarla essendo anche Biologa Nutrizionista in libera professione.
Cordiali saluti

Dr Francesca Amitrano

Risolvi i tuoi dubbi grazie alla consulenza online

Se hai bisogno del consiglio di uno specialista, prenota una consulenza online. Otterrai risposte senza muoverti da casa.

Mostra gli specialisti Come funziona?
Salve, essendoci una predisposizione genetica nonchè una familiarità per malattie autoimmuni, ha senso rifare i test per la celiachia se ha accusato nuovamente sintomi.
Le consiglio di rivolgersi in primis ad un gastroenterologo.

Salve, essendo stata evidenziata anni prima una predisposizione genetica alla celiachia, e soffrendo lei ed in famiglia di altre patologie autoimmuni, inizialmente poteva trattarsi di un caso di celiachia "potenziale", cioè di celiachia non ancora evidente a livello sierologico e clinico, ma che probabilmente dai sintomi che riferisce si è "attivata". Le consiglio di andare in visita gastroenterologica, di rifare i test sierologici ma solo dopo che abbia ripreso a mangiare normalmente, perchè altrimenti senza la presenza di glutine in circolo gli esami potrebbero risultare negativi. Solo dopo la conferma della diagnosi potrà cominciare un'alimentazione priva di glutine, con possibilità di esenzione nel comprare gli alimenti.

Buonaser, essendoci predisposizione genetica per la celiachia e familiarità per malattie autoimmuni, le consiglio una visita da gastroenterologo per approfondimenti. Cordiali Saluti

Esperti

Elia Errani

Elia Errani

Pediatra

Imola

Teodoro Guzzetta

Teodoro Guzzetta

Pediatra

Palermo

Antonio Palma

Antonio Palma

Pediatra

San Donato Milanese

Silvia Bigucci

Silvia Bigucci

Dietista, Nutrizionista

Rimini

Antonio Cilona

Antonio Cilona

Gastroenterologo, Epatologo

Termoli

Emilio Chininea

Emilio Chininea

Dietista

Reggio Calabria

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 40 domande su Celiachia

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.