Indirizzi (2)

studio privato
Via dei Piceni 59, Latina


Pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti
Bonifico, Bonifico istantaneo, Carta di credito, + 3 Altro
0773 170..... Mostra numero



Pazienti senza assicurazione sanitaria


Consulenza online • 50 €

Psicoterapia • 50 €

Mindfulness • 50 € +1 Altro

Sostegno psicologico • 50 €


Presso questo indirizzo visito: adulti
0773 170..... Mostra numero

Metodi di pagamento: Bonifico, Bonifico istantaneo, Carta di credito, Carta prepagata, Carta di debito

Riceverà le informazioni per effettuare il pagamento che va effettuato entro 24 dalla prenotazione

I pagamenti per le consulenze sono inviati direttamente allo specialista, che è anche responsabile della policy di cancellazione e rimborso.

In caso di eventuali problemi con il pagamento, ti preghiamo di contattare lo specialista.

Ricorda, MioDottore non ti addebita alcuna commissione aggiuntiva per la prenotazione dell'appuntamento e non processa i pagamenti per conto dello specialista.


Almeno 30 minuti prima della consulenza riceverai un SMS ed un'email con il link per iniziare il videoconsulto. Potrai collegarti sia da PC che da smartphone.


Tieniti pronto 10 minuti prima della consulenza. Assicurati che la batteria del tuo dispositivo sia carica. Per i videoconsulti: controlla la tua connessione internet e il corretto funzionamento di camera e microfono. Tieni a portata di mano eventuali referti medici (es. il risultato degli esami).


Prestazioni e prezzi

I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

Prestazioni suggerite


50 €

Visite online



Via dei Piceni 59, Latina

50 €

studio privato


50 €

Visite online

Altre prestazioni


Via dei Piceni 59, Latina

50 €

studio privato



Via dei Piceni 59, Latina

Da 60 €

studio privato



Via dei Piceni 59, Latina

50 €

studio privato


50 €

Visite online



Via dei Piceni 59, Latina

50 €

studio privato


50 €

Visite online



Via dei Piceni 59, Latina

60 €

studio privato

Esperienze

Su di me

Sono la dottoressa Michela Randa, psicologa e psicoterapeuta analitico transazionale. Sin da bambina mi sono interessata a conoscere e osservare le pe...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Università degli Studi di Roma La Sapienza
  • Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Analitico Transazionale SSPT
  • EMDR ITALIA
Visualizza altre informazioni

Specializzazioni

  • Psicologia Clinica
  • Psicoterapia Analitica Transazionale
  • Psiconcologia
Visualizza altre informazioni

Tirocini

  • Dipartimento di Neuropsichiatria Infantile TSMREE Latina
  • Centro Clinico di Psicoterapia CePi

Certificati


Foto


Competenze linguistiche

  • Inglese,
  • Italiano

Punteggio generale

Tutte le recensioni contano e non possono essere rimosse o modificate dai dottori a proprio piacimento. Scopri come funziona il processo di moderazione delle recensioni.
N
Profilo verificato
Presso: Altro Altro

La dottoressa Michela Randa, oltre ad essere una grande professionista e una persona squisita, è una vera e propria luce per coloro che intraprendono un percorso terapeutico con lei. Tanta stima e ammirazione per l’impegno e l’amore che mette in ciò che fa. Super consigliata

Dott.ssa Michela Randa

Grazie Natalia ! Mi fa piacere leggere quello che hai scritto! Un caro saluto a te

S
Profilo verificato
Presso: studio privato sostegno psicologico

Ottima professionista, empatica e cordiale.
Straconsigliata!!!

Dott.ssa Michela Randa

Grazie S! Sono felice di leggere che la tua esperienza è stata positiva! Un caro saluto

V
Presso: studio privato psicoterapia

La dottoressa mi ha aiutato in un momento molto difficile della mia vita. Nel percorso di terapia affrontato insieme è sempre stata disponibile, molto gentile, empatica e di grande supporto e competenza! È una terapeuta eccellente!

Dott.ssa Michela Randa

Cara Veronica, sono felice di averti accompagnata in quel momento difficile e di essere riuscita a farti riscoprire tutte le tue risorse personali con le quali hai attraversato e superato le tue difficoltà! Grazie a te per esserti fidata e affidata, un abbraccio


F
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: studio privato psicoterapia

Per me più di una dottoressa, un’angelo che mi ha salvato la vita, letteralmente.
Consiglio vivamente la dottoressa Michela perché è stata in grado di capirmi e conoscermi quando neanche io riuscirò a farlo.

Dott.ssa Michela Randa

Grazie Francesca, le tue parole mi riempiono di gratitudine. Hai fatto un meraviglioso percorso di scoperta e crescita interiore, che ti ha portato a raggiungere gran parte dei tuoi obiettivi. Sono felice di averti accompagnata e di accompagnarti ancora in questo pezzo di vita!


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 12 domande da parte di pazienti di MioDottore

Ciao a tutti sono nuova del gruppo
Sono mamma di due bimbi
Ho mollato un lavoro a marzo per incompatibilità oraria con i figli quindi mi sono ritrovata ancora a casa senza nemmeno più la disoccupazione che usavo da 2 anni . Sicuramente periodo stressante e destabilizzante
Da fine marzo ho iniziato ad avere attacchi di panico / ansia , di mio sono molto ipocondriaca poi dopo quelle cose per me è stato un continuo preoccuparsi di ogni sintomo . Da allora la mia vita si è spenta perché ogni giorno vivo nell ansia , sbalzi d umore fortissimi e a volte mi sembra di impazzire talmente penso , perché penso sempre tutto negativo, penso di essere malata di mente e di non tornare più come due mesi fa . E già due settimane che sono seguita da una psicologa e da 9 giorni uno psichiatra che mi ha detto che è ansia forte , e per star bene di andare dallo psicologo ,iniziare il citalopram e ansiolitici. Il mio problema che sono due settimane che i pensieri si sono intensificati diventando quasi ossessivi e negativi ( non vedendo vi d uscita dalla situazione penso che magari si farebbe prima a finirla o farsi del male ma non lo farei mai davvero ma non so perché mi vengono in mente queste cose che mi fanno stare doppiamente peggio ) lo psichiatra dice di tener duro e di fidarsi alla terapia già iniziata . Pultroppo certi sintomi possono peggiorare inizialmente con antidepressivi ( io non li ho mai usati in vita mia ) ho iniziato molto gradualmente per poi aumentare, lo associo al lorazepam per riuscire almeno a dormire qualche ora . Ho paura di tutta la situazione visto che non mi era mai successo. Che ne pensate?

Buonasera,
In accordo con i colleghi, credo che sia importante per lei continuare ad aderire alla terapia farmacologica e alla psicoterapia. È normale che sia preoccupata perché ancora non percepisce dei benefici, ma la psicoterapia ha bisogno di tempo e costanza. Abbia fiducia in sé stessa in primis e poi nei professionisti che la seguono e vedrà che un passo alla volta riuscirà a raggiungere i suoi obiettivi. Un caro saluto

Dott.ssa Michela Randa

Mi ha lasciata dopo un periodo di 4 mesi di litigi e incomprensioni, stavamo per fare un anno di relazione.



Ho iniziato a sentirmi in amicizia/frequentazione con questo ragazzo , due anni fa a novembre, e da lì abbiamo iniziato a parlare molto e ci siamo trovati tanto bene. Ci mancavamo, ci cercavamo e tutto, uscivamo solo il fine settimana perché purtroppo abitiamo un po' lontani, però va bene così. Tra di noi durante la frequentazione cje è durata sette mesi, ci sono state cose pure, come abbracci e carezze, ed eravamo troppo timidi per baciarci a stampo all'inizio, finché dopo 4 mesi di frequentazione prima che se ne va lo prendo e lo bacio, e lui ci rimase molto felice. Da lì la nostra frequentazione arriva fino a Maggio dell'anno scorso, dove mi chiese di essere la mia fidanzata ed eravamo troppo felici. Ci abbiamo messo così tanto perché io volevo essere sicura di conoscerlo abbastanza per reputarlo fidanzato, e avevo paura e basta. E lui mi ha aspettata e mi ha fatta sentire compresa. Ora, quello che mi piaceva di lui era il suo modo goffo e impacciato di fare, la sua sensibilità e umorismo e anche il suo bell'aspetto che aveva. Ecco andava tutto molto bene. Durante i mesi abbiamo litigato come le coppie normali, lui sbagliava per il suo modo di non capire a priori lo sbaglio suo e quindi non commetterlo, io facevo la stessa cosa, e avevo il bruttto vizio di fargli il silenzio punitivo, che ad una certa ho smesso di fare per accordi tra di noi. Sono cose normali che capitano, tutti sbagliamo e ne parliamo. Solo che piano piano ci vedevamo sempre di meno, perché con la scuola che inizia e il fatto che viviamo un po' lontanini, ci vedevamo sempre di meno, e io ho iniziato arti marziali, che facevo e faccio tre volte a settimana, poi con lo studio e tutto, abbiamo avuto poco tempo per vederci. Ma andava comunque tutto bene. Durante il periodo invernale, attorno i 7 mesi di relazione ,abbiamo iniziato a litigare molto di più. Perché ci sentivamo sempre per chat e quindi ci sono SEMPRE stati fraintendimenti, in più io avevo iniziato a rimanerci male perché ultimamente non stava mostrando troppo affetto fisico come prima, o affetto in generale, cioè si lo faceva, ma molto meno, sembrava uno svogliato e un po' una ameba, allora da lì mi arrabiavo per questa cosa, perché appena ci incontravamo poteva passare un'ora ma se io non lo baciavo lui non mi baciava per primo, stessa cosa per gli abbracci, poi quando lo tenevo per mano sembrava che lo stessi tenendo dal guinzaglio, quindi ecco, è un po' scomoda come situazione. Ci piansi molto, però parlandone con lui ho avuto la possibilità di capire che per lui era un periodo un po' apatico, un po' così, quindi mi misi l'anima in pace e lui mi promise di cambiare.

Tempo un mese fa esattamente la stessa cosa di prima, però aveva smesso di essere più energetico, mi amava ancora, so cosa state pensando, credetemi mi amava ancora, però per sapere della sua giornata bisognava tirarglielo via con le pinze e lui non è che mi chiedeva granché della mia, non è che parlava granché ecco. Però quando stavamo insieme che ci incontravamo durante la settimana, stavamo bene, certo qualche litigio c'era, perché capita, però ecco, stavamo bene, ci baciavamo, ci facevamo le carezze, ci allungavamo a letto e dormivamo insieme, io con la la testa sul suo petto, poi quando veniva a casa mia mi aiutava a cucinare…ecco era questo.

Però lui mi aveva promesso di cambiare e in un mese è ritornato a farmi mancare di attenzioni di base che solitamente si danno in una relazione. Allora lì ci rimasi tanto tanto male, e ne parlammo di nuovo e promise di cambiare di nuovo. I conflitti però continuavano e avevo bisogno di spazio, gli chiesi una settimana di pausa a cui lui era molto contrario, questa pausa durò praticamente 4 giorni perché ci mancavamo troppo, e tornati a parlare mi disse che effettivamente gli serviva e mi ha data meno per scontata. Apposto, tutte le cose belle che vi ho detto continuavano, ci sono sempre state, e io stavo comunque bene in sua presenza, malgrado tutto io con lui ci volevo stare, anche se in quel periodo io gli dissi solo che non sapevo che provare perché mi mancava a sentire l'amore come prima. Però c'è un motivo per il quale non mi sono mai arresa. I conflitti continuavano, e lui non sembrava capire che se non si svegliava non poteva mantenere una relazione, allora decisi di lasciarlo, ed è stato devastante perché non volevo farlo veramente, ma pensavo che così facendo ci avrei dato lo shock necessario per rimetterci in carreggiata, gli riscrissi la sera dopo e lui era felicissimo e io altrettanto perché ci amavamo ancora.

Ci rincontrammo iniziammo a uscire di nuovo e tempo 4 o 3 giorni, siamo tornati insieme.

alla fine il mio lasciarlo è stata una grandissima cazzata perché semplicemente era inutile perché lo amava ancora e gli ho riscritto subito, però comunque continuando passa un mese e noi litighiamo e io nell'ultimo periodo cioè quello più recente, perché mi ha lasciata recentemente, stavo male per problemi, familiari, scolastici e personali e anche per il fatto che appunto litigavamo abbastanza spesso. allora gli rispondevo un po' a monosillabi perché stavo male e lui mi rispose un po' male dicendomi che dovevo alzarmi su di morale che sembrava che parlavo con un manichino e io ci rimasi male perché quando lui faceva la stessa cosa gli ho chiesto come stava e lui invece non si è preoccupato in quel modo di me.

Il giorno dopo di questa vicenda andai a casa sua e litighiamo di nuovo per un fraintendimento soltanto che invece di affrontarlo io mi mi si a piangere e lui rimase seduto sul suo letto col telefono e ci siamo evitati di parlare. dopo aver pranzato siamo tornati in camera sua e abbiamo iniziato a litigare perché io volevo spiegargli la motivazione per il quale io c'ero rimasta male, abbiamo iniziato a parlarci uno sopra l'altro e io mi sono messa a piangere e quella era la prima volta che mi mettevo a piangere davanti a lui.

Stavo già male per i motivi precedentemente elencati, Poi avevo paura di perderlo perché io mi sono messa paura, in più quel giorno mentre litigavamo mi disse che soltanto perché avevo il ciclo non voleva dire che io dovevo fare così e quindi mi sono sentita male perché non potevo crederci che il mio fidanzato che amavo tanto avesse potuto dire una cosa del genere.

Quando mi misi a piangere mi disse "ma perché piangi" e poi siccome non gli rispondevo perché, cazzo, stavo piangendo, si mise al telefono aspettando che ritorni a parlargli. Questa cosa fu un po' brutta, perché penso che se una persona ti piange vicino come minimo non ti metti al telefono. so che nell'ultimo periodo i problemi li ho cacciati prevalentemente io per il mio nervosismo eccetera eccetera, però io quando lui creava i problemi non mi sono mai arresa non ho mai smesso di cercarlo e non ho mai smesso di amarlo.

il giorno dopo di quest'ultima vicenda che fu quella più brutale, la mattina mi scrisse e iniziamo a parlare e finì con lui che mi lasciò.

da quando che mi ha lasciata Io sto completamente una merda, non c'è giorno che non piango, Vorrei tanto che tornassimo insieme, ma lui mi ha spiegato ieri che non vuole rifrequentarmi perché ha paura dei conflitti, non se la sente di ritornare insieme a me, non se la sente di ri frequentarmi romanticamente. il fatto è che non è passato nemmeno una settimana da quando che mi ha lasciata, quindi probabilmente ha bisogno di tempo per sentire effettivamente la mia mancanza e rendersi conto che magari mi ama ancora anche se quando ieri l'ho chiamato ha detto che appunto non vuole rifrequentarmi che non so se mi ama ancora ma è molto probabile di no che non prova più niente.

io gli dissi che secondo me aveva bisogno di tempo perché era molto confuso e lui mi disse che comunque vada non avrebbe voluto cambiare la sua opinione però il fatto è che qualche giorno prima di lasciarci anche se noi litigavamo ci amavamo tanto ci chiamavamo amore alla fine parlavamo scherzavamo si tirava avanti ecco, non capisco perché è il momento in cui in teoria ho iniziato a dare io i problemi lui si è arreso subito cioè capisco che dopo tutti i guai che abbiamo passato sei stato comunque male e sei arrivato un po' al tuo limite ma lui ha completamente ignorato il fatto che arrivati ad un certo punto delle relazioni ci saranno le litigate pesanti e brutte e da lì che si inizia a vedere il vero valore della relazione e il commitment che dobbiamo metterci. Che ne pensate?

durante quest'ultimo periodo non sapevo che cosa effettivamente gli frullava in testa ma perché semplicemente non me l'aspettavo, lui ieri mi disse che il suo "perdere sentimenti" era dovuto al fatto che lui non ne ha parlato quando eravamo ancora in tempo e che ha lasciato che questa cosa se lo rimangi dentro e che effettivamente lui prendesse questa brutta decisione.

Il fatto che mentre parlavamo si mise a piangere e si sentiva un po' una merda a riguardo, anche se non voleva cambiare idea, mi fa pensare che effettivamente gli manca un po' e che forse c'è un briciolo di speranza dietro perché se hai veramente smesso di amarmi al 100% non te ne frega niente di me e quindi non ti saresti messo a piangere. Quindi io penso che almeno l'1% ci sia ancora e che devo dargli tempo. perché effettivamente si poteva ancora continuare se lui mi avesse parlato dei suoi problemi si sarebbe potuto aggiustare quindi io speravo che mi potessi dare un'altra chance per farlo sentire meglio e lasciarlo sfogare di quello che non ha avuto il coraggio di fare durante l'ultimo mese.

ma ora come ora non se la sente quindi io penso che dovremmo fare del no contact perché ad una certa forse gli mancherò veramente e deciderà di ritornare a frequentarmi. Ma siccome temo che lui si possa scordare di me anche se penso che non lo farà, avevo pensato di vederlo almeno una volta al mese per farlo sentire bene in mia presenza e in un qualche modo ri frequentarci occasionalmente per Ecco lasciare sempre e comunque una piccola impronta di me su di lui perché io lo amo ancora e sono disposta a fare veramente di tutto. Ho capito i miei errori e spero un giorno tornerà, penso che dandogli spazio alleggerisco sicuramente la situazione. Però non gli riscriverò almeno per adesso, l'ultima volta è stato devastante appunto con me che piango e lui che piange che dice che la sua decisione l'ha presa, io che lo pregò di darmi un'altra possibilità.
L'ultimo verdetto da parte sua è stato in sintesi che, non prova più niente, per lui sono oggettivamente una bella ragazza, e che ha paura di litigare di nuovo come prima e non vuole rifrequentarmi. Non è passato nemmeno un mese dalla rottura. Non so cosa fare, per ora mi faccio i fatti miei ma sto troppo male.

Buonasera, capisco quanto possa essere difficile e doloroso attraversare la rottura di una relazione.
Ti invito a valorizzare davvero questo tempo di " no contact" per riflettere e focalizzarsi su di te, le tue emozioni, i tuoi pensieri... Inoltre volevo dirti che mi ha colpito molto il momento in cui scrivi di volerlo vedere una volta al mese per " farlo stare bene": ecco, il suo benessere non è una tua responsabilità. Lui ha scelto di non stare più con te e, anche se difficile,hai la necessità di accettare il suo volere, in primis per rispetto verso te stessa e poi delle sue volontà. Non meriti di richiedere amore e attenzione a chi non vuole dartelo: perché ti accontenti delle briciole? Credo che tu debba riflettere su questo, perché meriti una relazione in cui ti senti amata, accolta, vista.....
Se ti trovi in difficoltà valuta la possibilità di farti aiutare da un professionista ad elaborare la fine della storia.
Una caro saluto

Dott.ssa Michela Randa

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.