Buon giorno a luglio mi e' stato diagnosticato adenocarcinoma del colon sinistro trattato(asportato)con chirurgia curativa mmr-p
Tac negativa.adenocarcinoma g2 pT3 e mi hanno fatto fare cure(forse perche su 14 linfonodi 1 era positivo)con terapia adiuvante xelox x 8 cicli ....ora sono alla quarta ma gia dalla prossima hanno deciso x mettermi un picc x reazioni ad ambedue le braccia....volevo chiedere ma e possibile che il mio corpo ha proprio un ...rifiuto verso queste medicine? E non e possibile con qualche esame verificare dentro al mio corpo come stanno andando le cose?ma questa terapia puo' essere ridotta a 4 cicli secondo studi idea/scot/tosca o vanno fatti tutti e 8 al limite riducendo dosi?
Dott. Luca Bottero
Dott. Luca Bottero
Proctologo, Chirurgo generale
Milano
Lo schema XELOX è la chemioterapia adiuvante standard attualmente in uso dopo asportazione di un tumore del colon di stadio III. E' uno dei due farmaci, quello somministrato per via endovenosa, che "danneggia" le vene attraverso cui viene introdotto. E' un problema frequente non dipendente dal paziente. Per questo motivo gli oncologi richiedono spesso il posizionamento di un port-a-cath o un PICC. Per il numero di cicli deve formulare questa domanda al suo oncologo in base al protocollo adottato.

Dott.ssa Debora Cavallo
Dott.ssa Debora Cavallo
Proctologo, Chirurgo generale
Milano
Buonasera,
per quanto riguarda lo stato della sua malattia sta eseguendo le terapie internazionali corrette e validate.
Per evitare continue punture per eseguire la chemioterapia è normale il posizionamento di un port a cath o un picc, cioè un accesso venoso più comodo che può essere utilizzato per tutta la durata della terapia. Vedrà che alla fine si troverà meglio, evitando continue punture.
La ripetizione degli esami diagnostici per valutare se ci sono eventuali recidive viene di solito fatta periodicamente, secondo schemi già predisposti, oppure in caso di peggioramento della condizione del paziente.
Se ha dei dubbi le consiglio comunque di parlare con l'oncologo che la sta seguendo, che potrà spiegarle meglio la situazione.
Cordiali saluti
Dr.ssa Cavallo

Dott.ssa Maria Maddalena Mulas
Dott.ssa Maria Maddalena Mulas
Chirurgo generale, Proctologo
Bologna
buongiorno,
sono d'accordo con tutto quello che le hanno spiegato i miei colleghi chirurghi. aggiungo che la rivalutazione periodica con controlli radiologici o esami ematici viene fatta dai colleghi oncologi che la stanno curando.
stia tranquilla che la cura è quella standard ma se lei dovesse avere delle reazioni particolari la terapia verrà modulata in base alla reazione del suo organismo.
auguri
drssa mulas

Dr. Pasquale Ascenzi
Dr. Pasquale Ascenzi
Proctologo, Chirurgo generale
Bologna
Buongiorno,
i farmaci usati hanno come ogni terapia effetti positivi e negativi. Nel suo caso il protocollo è corretto e anche gli effetti collaterali sono compatibili con la terapia. Eventuali aggiustamenti possono comunque essere fatti dagli oncologi che l'hanno in cura cosi come anche la valutazione dell'effetto della terapia che deve essere fatta in tempi e modi precisi per indicarne la effettiva efficacia
Cordialmente
Dr. Ascenzi

Specialisti per Carcinoma del colonretto

Angelo Cerofolini

Angelo Cerofolini

Chirurgo generale, Gastroenterologo

Verona

Simone Rossi Del Monte

Simone Rossi Del Monte

Chirurgo generale, Proctologo

Roma

Renato Bonardi

Renato Bonardi

Gastroenterologo, Epatologo

Torino

Stefano Berti

Stefano Berti

Chirurgo generale

La Spezia

Manlio Mencoboni

Manlio Mencoboni

Oncologo

Genova

Giandomenico Sinisi

Giandomenico Sinisi

Chirurgo generale, Medico estetico

Barletta

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 2 domande su Carcinoma del colonretto

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.