• Prof. Ciriaco Scoppetta
    Prof. Ciriaco Scoppetta
    Viale delle Medaglie d'Oro 311, Roma

    Vicino allo studio è presente un parcheggio ad ore (GARAGE viale Medaglie D'Oro 287)

  • Indirizzo

    Studio Neurologico Scoppetta
    Viale delle Medaglie d'Oro 311, Roma


    Pazienti senza assicurazione sanitaria


    Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini di qualsiasi età
    Bonifico, Carta di credito, Contanti
    06 8587..... Mostra numero

    Prima visita neurologica • 250 €

    Visita neurologica • 250 €

    Prestazioni e prezzi

    I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

    Prestazioni suggerite


    Viale delle Medaglie d'Oro 311, Roma

    250 €

    Studio Neurologico Scoppetta



    Viale delle Medaglie d'Oro 311, Roma

    250 €

    Studio Neurologico Scoppetta

    Esperienze

    Su di me

    Professor Ciriaco Scoppetta
    Buongiorno a tutti.
    Sono nato nel 1948 e mi sono laureato nel 71 e specializzato in Neurologia nel 75.
    ...

    Mostra tutta la descrizione


    Formazione

    • Università Cattolica di Roma;
    • Università di Pisa

    Specializzazioni

    • Neurologia
    • Neuropsichiatria infantile

    Certificati


    Foto


    Competenze linguistiche

    • Italiano

    Punteggio generale

    Tutte le recensioni contano e non possono essere rimosse o modificate dai dottori a proprio piacimento. Scopri come funziona il processo di moderazione delle recensioni.
    R
    Presso: Studio Neurologico Scoppetta visita neurologica

    Ascolto accurato, disponibilità eccellente, grande umanità. Per la mia patologia non avrei potuto incontrare di meglio.

    M
    Profilo verificato
    Presso: Studio Neurologico Scoppetta visita neurologica

    Lo consiglio fin dal primo incontro ha saputo stabilire un rapporto di grande fiducia e coraggio nell'affrontare la malattia.

    Si è verificato un errore, riprova

    Risposte ai pazienti

    ha risposto a 14 domande da parte di pazienti di MioDottore

    Chiedo info circa esito di RM encefalo e rachide cervicale prescritta a mio padre,62 anni dopo episodi di cefalea e capogiri (ora rientrati)a seguito di riparazione valvola mitralica nel 2021,senza altre patologie pregresse o in atto. La RM eseguita con apparecchio da 1.5 Tesla, con frequenza 3D mprage recita: ''Sistema ventricolare in asse, normale per morfologia e dimensioni. DILATAZIONE DEGLI SPAZI SUBARACNOIDEI PIU' EVIDENTI NELLE REGIONI FRONTO-PARIETALI COME DA DISCRETA ATROFIA CEREBRALE CORTICALE. Normali le strutture degli angoli ponto-cerebellari. Non evidenti alterazioni delle rocche petrose RM rilevabili. Normale la regione sellare. Deviazione verso destra del setto nasale con lieve ipertrofia della mucosa nelle celle etmoidali anteriori di sinistra. Non segni di restrizione in Diffusione. Non aree di alterato segnale a livello del parenchima cerebrale. Dilatazione degli spazi perivascolari nelle regioni frontali.'' Per la rachide cervicale ''Iperlordosi Cervicale.Normale il volume dello speco vertebrale. Normale per conformazione e segnale il midollo spinale evidenziato fino a D4.Ipertrofia dei legamenti anteriori e posteriori dell'articolazione Atlo-Epistrofica che quasi lambiscono la superficie anteriore del midollo spinale. Da C5 a C7 segni di osteofitosi marginale anteriore e posteriore dei corpi vertebrali che determina un restringimento dei forami di congiunzione più a sinistra ed in maniera marcata a C5-C6. Agli stessi livelli i dischi intersomatici sono disidratati, ridotti in altezza e marcatamente protrusi posteriormente e verso i forami di congiunzione, più a C5-C6 ove il disco lambisce la superficie del midollo spinale''.
    Dopo l'intervento ha accusato diversi episodi di INCUBI NOTTURNI, dopo visita psichiatrica si sta curando con EN che sembra averli debellati, lamenta poca concentrazione sul lavoro,ansia,irritabilità,e improvvisi sbalzi di umore questi sofferti fin da giovanissimo. Dorme meglio ma ci preoccupa tutto il resto descritto.
    Emocromo, urine, vitamina B12 e folati nella norma. Valore TSH da stabilizzare. E' in cura per ipotiroidismo a seguito dell'intervento .
    Assume da post intervento il Lixiana,Congescor,Cordarone,Tareg,Pantorc,Eutirox,Cardura,Absorcol prescrittigli dal cardiologo.
    Il neurologo che lo ha visitato dopo la RM lo ha sottoposto ad un 1° test ha sentenziato:
    '' L'esame obiettivo risulta nella norma.
    ISI: 18 (media). ESSE: 9.
    Diagnosi: ''Insonnia cronica in pz con disturbo d'ansia. Deficit cognitivi in fase di definizione diagnostica.
    Consigliata visita neurologica per i disturbi cognitivi, sostituire EN con Rivotril massimo x 6 mesi, assumere Brintellix e Circadin RM con posologia da seguire''.
    La mia domanda è: stando a quanto riferito, ci sono indizi che fanno propendere x per il morbo di Alzheimer o altra patologia degenerativa in atto, oppure il tutto dipende dal trauma improvviso e inatteso dell'intervento alla valvola mitralica? Grazie x la risposta.

    Gli interventi cardiochirurgici possono "scombussolare" transitoriamente una persona con vari meccanismi . Per di più ansia e insonnia possono simulare o accentuare un eventuale minimo disturbo cognitivo. In questi casi la tattica migliore è quella di aspettare e osservare e nel frattempo curare quello che c'è sicuramente (come sta facendo il neurologo che lo ha in cura). E' anche importante non far capire al paziente che si è preoccupati per possibili problemi più gravi. Auguri

    Prof. Ciriaco Scoppetta

    Buonasera dottori.
    Sono una ragazza di 23 anni e 15 giorni fa ho effettuato una rm senza mdc ad encefalo e tronco encefalico per vertigini.
    (Dove non è emerso nulla)
    Da tre giorni mi capita di sentire formicolii in viso e mi sto spaventando molto
    La rm di 15 giorni fa può ancora essere attendibile o è il caso di ripeterla per questa nuova sintomatologia ?

    parli del nuovo problema col neurologo che le ha chiesto la prima risonanza. Auguri.

    Prof. Ciriaco Scoppetta

    Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.