Tempo medio di risposta:

Indirizzi (3)

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group
Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Questo dottore non offre prenotazioni online a questo indirizzo

Pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini di qualsiasi età
Assegno, Bonifico, Bonifico istantaneo, + 6 Altro
055 5..... Mostra numero


Studi Medici Life
Viale della Repubblica 141, Prato

Questo dottore non offre prenotazioni online a questo indirizzo

Pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini di qualsiasi età
Assegno, Bonifico, Bonifico istantaneo, + 5 Altro
0574 5..... Mostra numero


Physiosport Srl
Via Bergamo 17, Brescia

Questo dottore non offre prenotazioni online a questo indirizzo

Pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini a partire da 16 anni
Carta di credito, Carta di debito, Carta prepagata, + 5 Altro
030 503..... Mostra numero


Prestazioni e prezzi

I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

Prestazioni suggerite


Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

150 €

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group


Viale della Repubblica 141, Prato

Studi Medici Life


Via Bergamo 17, Brescia

Physiosport Srl

Altre prestazioni


Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

L’acido polilattico è un biostilmolatore di collagene. Si differenzia dai filler perché stimola una reazione cellulare che porta alla produzione di collagene autologo. Mediante una modulata reazione infiammatoria l’acido polilattico richiama ed attiva fibroblasti per la produzione di tutti i componenti di una pelle giovane: collagene, elastina e matrice extra cellulare.

Si tratta quindi di una stimolazione delle proprie cellule che viene dall’interno, che va a migliorare la qualità cutanea in termini di lassità, compattezza e luminosità. Un miglioramento in senso globale quindi, duraturo nel tempo e molto naturale.

La procedura impiega circa 30 minuti e viene effettuata mediante infiltrazioni locali con una piccola cannula; è confortevole, non dolorosa e consente un ritorno immediato alle proprie attività quotidiane.

Il protocollo di trattamento prevede dalle 2 alle 3 sedute che devono essere distanziate da almeno 30/40 giorni l’una dall’altra. La produzione di collagene perdurerà per circa 12 / 14 mesi dopo il termine della produzione e il collagene formato, a differenza dei prodotti di sintesi, ha una durata di circa 2 anni


Viale della Repubblica 141, Prato

Studi Medici Life

L’acido polilattico è un biostilmolatore di collagene. Si differenzia dai filler perché stimola una reazione cellulare che porta alla produzione di collagene autologo. Mediante una modulata reazione infiammatoria l’acido polilattico richiama ed attiva fibroblasti per la produzione di tutti i componenti di una pelle giovane: collagene, elastina e matrice extra cellulare.

Si tratta quindi di una stimolazione delle proprie cellule che viene dall’interno, che va a migliorare la qualità cutanea in termini di lassità, compattezza e luminosità. Un miglioramento in senso globale quindi, duraturo nel tempo e molto naturale.

La procedura impiega circa 30 minuti e viene effettuata mediante infiltrazioni locali con una piccola cannula; è confortevole, non dolorosa e consente un ritorno immediato alle proprie attività quotidiane.

Il protocollo di trattamento prevede dalle 2 alle 3 sedute che devono essere distanziate da almeno 30/40 giorni l’una dall’altra. La produzione di collagene perdurerà per circa 12 / 14 mesi dopo il termine della produzione e il collagene formato, a differenza dei prodotti di sintesi, ha una durata di circa 2 anni


Via Bergamo 17, Brescia

Physiosport Srl

L’acido polilattico è un biostilmolatore di collagene. Si differenzia dai filler perché stimola una reazione cellulare che porta alla produzione di collagene autologo. Mediante una modulata reazione infiammatoria l’acido polilattico richiama ed attiva fibroblasti per la produzione di tutti i componenti di una pelle giovane: collagene, elastina e matrice extra cellulare.

Si tratta quindi di una stimolazione delle proprie cellule che viene dall’interno, che va a migliorare la qualità cutanea in termini di lassità, compattezza e luminosità. Un miglioramento in senso globale quindi, duraturo nel tempo e molto naturale.

La procedura impiega circa 30 minuti e viene effettuata mediante infiltrazioni locali con una piccola cannula; è confortevole, non dolorosa e consente un ritorno immediato alle proprie attività quotidiane.

Il protocollo di trattamento prevede dalle 2 alle 3 sedute che devono essere distanziate da almeno 30/40 giorni l’una dall’altra. La produzione di collagene perdurerà per circa 12 / 14 mesi dopo il termine della produzione e il collagene formato, a differenza dei prodotti di sintesi, ha una durata di circa 2 anni



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

L‘Addominoplastica è un intervento di chirurgia estetica che permette di migliorare l‘aspetto dell‘addome, dei fianchi e del punto vita.
Serve per rimuovere il così detto grembiule addominale costituto da pelle e grasso in eccesso divenuti penduli e rilasciati in conseguenza di dimagrimenti, gravidanze, invecchiamento. Serve inoltre per riparare eventuali diastasi (sventramenti) dei muscoli retti dell‘addome o rimuovere smagliature e cicatrici presenti che possono esitare dopo pregressi interventi chirurgici.
Attraverso l‘incisione sopra il pube la cute ed il grasso sottocutaneo della parete addominale vengono quindi scollati e liberati dal piano muscolare sottostante e stirati verso il basso. La porzione in eccesso viene quindi asportata ed eliminata.
Nell‘addominoplastica tradizionale l‘ombelico viene trasposto in una nuova posizione, mentre nella miniadominoplastica, riservata solo ad alcuni specifici casi, viene lasciato in sede.
Se necessario è possibile associare all‘intervento la plastica dei muscoli retti dell‘addome che vengono rimodellati e riavvicinati mediante particolari suture lungo la linea centrale. Questo oltre a rinforzare la parete muscolare contribuisce a tonificarla ed a restringere il punto vita.
Al termine dell‘intervento vengono solitamente impiegati dei piccoli tubicini collegati a dei raccoglitori per drenare eventuali raccolte siero-ematiche rimossi dopo 12 – 24 ore.

La durata complessiva dell‘intervento è variabile da 1 a 2 ore.

L‘intervento può essere eseguito sia in anestesia spinale che generale, è di durata variabile e richiede spesso almeno un giorno ed una notte di ricovero.
Trattandosi di una procedura complessa, la visita preoperatoria con lo specialista anestesista è in questo caso più che mai necessaria. L‘anestesista oltre a valutare le vostre condizioni di salute vi fornirà ogni dettaglio sull‘anestesia più adatta al vostro caso sia per garantire il massimo comfort che l‘assoluta sicurezza.

La medicazione contenitiva applicata alla fine dell‘intervento viene tolta dopo circa tre giorni e sostituta da una fascia elastica che il paziente dovrà portare giorno e notte per ancora una settimana. Grazie all‘impiego di suture intradermiche riassorbibili e colle cutanee la rimozione dei punti di sutura non è necessaria.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group


Viale della Repubblica 141, Prato

Studi Medici Life


Via Bergamo 17, Brescia

Physiosport Srl



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

La blefaroplastica è un intervento di chirurgia estetica che permette di migliorare l‘aspetto degli occhi.
Serve per rimuovere la cute in eccesso sulle palpebre, per asportare le borse adipose sopra e sotto gli occhi, attenuare le rughe eventualmente presenti e correggere uno sguardo appesantito, stanco ed a volte anche triste. Talvolta può facilitare anche la vista e rendere l‘occhio meno affaticato.
Le incisioni sono variabili a seconda del tipo di intervento ma comunque non lasciano, a distanza di poco tempo, segni visibili. Le cicatrici che residuano dopo l‘intervento sono infatti praticamente invisibili e non necessitano di essere camuffate dal trucco.
Come per tutti gli interventi di chirurgia estetica, la programmazione del tipo di tecnica chirurgica deve tenere conto sia delle richieste del paziente che dell‘indicazione clinica. Sarà inoltre compito dello specialista scegliere il tipo di correzione da effettuare e decidere se associare eventualmente alla blefaroplastica altre tecniche per ottimizzarne il risultato.
Pertanto durante la visita preoperatoria si decideranno con i pazienti le correzioni e quindi gli obiettivi da raggiungere, in modo da poter realizzare le singole aspettative, mantenendo comunque le giuste proporzioni nel volto. Saranno valutate attentamente la cute palpebrale (elasticità, tono ed eventuale eccesso), le borse adipose sopra e sotto palpebrali, il tono muscolare, così come il taglio degli occhi.
Il risultato finale raggiungibile, varia da paziente a paziente e, di conseguenza, anche la pianificazione dell‘intervento deve essere scrupolosamente personalizzata.
Prima di eseguire l‘intervento chirurgico il chirurgo in collaborazione con il paziente effettuerà un disegno che evidenzierà le zone di incisione prescelte e il paziente sarà informato su tutte le possibili varianti con i risultati corrispondenti nel suo caso prima di essere portato in sala operatoria.
Per asportare l‘eccesso di pelle della palpebra superiore l‘incisione viene fatta nella piega che la palpebra stessa forma quando l‘occhio è in posizione aperta. Attraverso questo stesso accesso vengono rimosse anche le borse adipose superiori eventualmente presenti.
I punti di sutura vengono rimossi dopo tre-cinque giorni dall‘intervento chirurgico. Per modificare la forma dell‘occhio, allungarlo, ed ottenere il così detto occhio a mandorla si associa all‘intervento di blefaroplastica una specifica manovra chirurgica definita cantopessi che consiste nella sospensione dell‘angolo esterno dell‘occhio nella posizione desiderata.
Spesso nelle persone molto giovani o molto magre, per attenuare le occhiaie o un aspetto eccessivamente incavato dell‘occhio il lipofilling può rappresentare una valida soluzione. Questa tecnica prevede il reimpianto mediante piccole iniezioni, di modiche quantità di tessuto adiposo prelevato da una zona donatrice dello stesso paziente. La palpebra inferiore viene così resa nuovamente turgida, l‘occhio appare meno infossato e con un aspetto decisamente più giovanile.
Durata dell’Intervento
L‘intervento dura 1 – 2 ore è generalmente eseguito in regime di Day Hospital per cui non è necessario trascorrere notti in ospedale.
L‘intervento viene eseguito in anestesia locale anche se, per garantire il massimo comfort al paziente viene abitualmente associata una leggera sedazione. La collaborazione multidisciplinare del nostro centro conta infatti sulla partecipazione di più figure professionali, come l‘anestesista, che oltre a rendere più confortevole possibile l‘intervento ne garantisce la massima sicurezza.
La medicazione è molto contenuta, gli occhi non vengono bendati ed il paziente può vedere fin da subito. L‘uso di semplici occhiali da sole permetterà di tornare fin dal giorno successivo alle normali abitudini di vita come guidare ed uscire.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

La carbossiterapia è un trattamento medico e consiste nell’iniettare un gas medicale riscaldato (anidride carbonica) nel derma o nel tessuto sottocutaneo, a scopo terapeutico. Il trattamento può essere effettuato per: invecchiamento cutaneo (antiaging), cellulite, irregolarità cutanee, lassità cutanea, smagliature e cicatrici dolorose, aderenze cutanee ed esiti di acne.

I risultati ottenibili nel trattamento delle fini rughe del collo, del décolté, dell’interno braccia e dell’interno cosce sono generalmente molto soddisfacenti.

La carbossiterapia è una tecnica sicura perché l’anidride carbonica somministrata è una sostanza naturale, non pericolosa, atossica e anallergica. Si tratta comunque di un trattamento medico a tutti gli effetti e pertanto deve essere effettuata solo da medici specializzati in materia.

La somministrazione nel tessuto sottocutaneo avviene mediante aghi molto sottili, naturalmente monouso e sterili, collegati al macchinario che eroga il gas.

E’ il medico che stabilisce sia la velocità con la quale l’anidride carbonica fuoriesce, sia la quantità da iniettare, seguendo protocolli terapeutici specifici per ogni paziente e personalizzando il trattamento in base al problema e alla sensibilità del paziente.

Un ciclo terapeutico prevede una media di circa 5-6 sedute con una durata che può variare dai 15 ai 30 minuti in base all’area da trattare. È possibile trattare più aree contemporaneamente e dopo la seduta si può tornare immediatamente alle proprie normali attività lavorative.

Non è necessario neanche rispettare un calendario stagionale: la carbossiterapia può essere effettuata anche durante l’estate.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Le tecniche chirurgiche impiegate presso il nostro Centro, sia sotto il punto di vista funzionale che del risultato estetico, sono ad oggi le più validate ed efficaci nel trattamento della patologia varicosa.

Previa una precisa indicazione, posta attraverso l’esame Ecocolordoppler e la visita specialistica, è possibile adottare la migliore e più appropriata tecnica chirurgica da impiegare per ciascun paziente. Possono essere eseguiti trattamenti conservativi, mini-invasivi e radicali, il tutto nel rispetto del paziente e con il minor disconfort possibile.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

La criolipolisi è un trattamento di medicina estetica non invasivo ed indolore inquadrabile nel BODY RECOTOURING che serve a ridurre lo spessore del grasso sottocutaneo attraverso il raffreddamento dei distretti corporei in cui il tessuto adiposo si è accumulato.

Per rendere più efficace il trattamento, le aree da trattare dopo essere state protette da un pad anticongelamento vengono da prima plicate all’interno di un manipolo grazie all’applicazione di una pressione negativa e successivamente sottoposte a basse temperature per un tempo di circa settanta minuti. Il raffreddamento prolungato danneggia la parete delle cellule del grasso (adipociti) che verranno definitivamente distrutte riversando il loro contenuto olioso che verrà eliminato attraverso il sistema linfatico e gastroenterico.

Il trattamento risulta particolarmente indicato per modellare quei distretti corporei in cui si è accumulato il grasso come i fianchi, le braccia, l’addome, le culotte de cheval, le cosce le ginocchia, la schiena e risulta quindi utile per il BODY shaping avendo come obiettivo ristabilire una forma fisica armoniosa.

E’ adatto sia agli uomini che alle donne ma risulta particolarmente utile a perfezionare la siluette dei body addicted che non riescono con il solo allenamento a definire aree corporee particolari.

Infatti, i gym-addicted, particolarmente attenti al fitness trovano nella criolipolisi la possibilità di perfezionare dettagli che con il solo allenamento non riuscirebbero ad ottenere.
Il trattamento non è doloroso, non danneggia la pelle, non lascia nessun esito e consente di ritornare immediatamente alle proprie
abitudini di vita sia lavorative, sociali che sportive.

La seduta di criolipolisi mediamente dura circa settanta minuti; è confortevole anche perché si svolge comodamente sdraiati su di un lettino, in un ambiente accogliente e riservato in cui viene naturale rilassarsi. Generalmente le aree devono essere sottoposte almeno a due o tre sedute ognuna delle quali deve distanziarsi di almeno trenta giorni.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Il laser in medicina viene impiegato ormai in moltissimi campi e per specialità diverse, il raggio luminoso emesso permette di ottenere un danno termico estremamente selettivo, infatti grazie alla diversa lunghezza d’onda applicata permette di scegliere bersagli altamente selettivi

Questa selettività rende quel raggio laser specifico per un determinato bersaglio, un colore chiamato Cromoforo. Quindi ogni raggio laser con la sua specifica lunghezza d’onda esprime con selettività la propria affinità per quel preciso colore. Il laser all’Alessandrite ha una grande affinità per il colore nero: questo lo rende lo strumento migliore per la depilazione definitiva.

Quando il raggio laser alessandrite colpisce la pelle viene attirato dal nero del pelo, si concentra su di esso risparmiando la cute che è più chiara. Il fusto del pelo serve quindi da bersaglio per condurre l’energia del laser in profondità a distruggere il bulbo che non sarà quindi più in grado di produrre altri peli. Altri laser come il DIODO, IL Neodimio YAg hanno invece affinità per colori più chiari e vengono quindi inpiegati con maggior successo per l’epilazione di soggetti con colori chiari.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Il laser in medicina viene impiegato ormai in moltissimi campi e per specialità diverse, il raggio luminoso emesso permette di ottenere un danno termico estremamente selettivo, infatti grazie alla diversa lunghezza d’onda applicata permette di scegliere bersagli altamente selettivi

Questa selettività rende quel raggio laser specifico per un determinato bersaglio, un colore chiamato Cromoforo. Quindi ogni raggio laser con la sua specifica lunghezza d’onda esprime con selettività la propria affinità per quel preciso colore. Il laser all’Alessandrite ha una grande affinità per il colore nero: questo lo rende lo strumento migliore per la depilazione definitiva.

Quando il raggio laser alessandrite colpisce la pelle viene attirato dal nero del pelo, si concentra su di esso risparmiando la cute che è più chiara. Il fusto del pelo serve quindi da bersaglio per condurre l’energia del laser in profondità a distruggere il bulbo che non sarà quindi più in grado di produrre altri peli. Altri laser come il DIODO, IL Neodimio YAg hanno invece affinità per colori più chiari e vengono quindi inpiegati con maggior successo per l’epilazione di soggetti con colori chiari.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

L’acido ialuronico è una sostanza presente nel nostro organismo, più precisamente un disaccaride, presente in tutti i tessuti connettivi nella sua forma originaria non reticolata, cute compresa. Questa molecola è essenziale per la formazione della matrice intercellulare e per il mantenimento dell’idratazione cutanea, infatti l’acido ialuronico trattiene acqua, idratando e conferendo morbidezza e volume alla pelle.
La tecnica di inserimento dei fillers, gel a base di acido ialuronico reticolato, ideale per il riempimento delle rughe e il ripristino dei volumi, è ormai ampiamente utilizzata in medicina estetica sia nell’uomo che nella donna, il prodotto testato e purificato offre ampia garanzia di sicurezza, prevede una semplice iniezione mediante una siringa dotata di un ago sottilissimo per depositare la giusta quantità di sostanza solo dove è necessaria.

Il trattamento viene effettuato a livello ambulatoriale, secondo la nostra esperienza è ben tollerato e dura 15-30 minuti dopodiché sarà possibile riprendere la normale vita sociale e professionale. Il trattamento è disponibile anche per gli uomini, in modo particolare per le pieghe nasolabiali.
L’acido ialuronico è un prodotto riassorbibile, la sua durata varia da prodotto a prodotto, in base alle zone da trattare, e cambia da persona a persona, in genere per le rughe del volto dura tra i 3 e i 6 mesi.
L’acido ialuronico non è un filler permanente. Una volta iniettato, il prodotto viene progressivamente metabolizzato e quindi riassorbito dall’organismo. L’effetto è immediato, dura dai 2 ai 12 mesi (in base alla sostanza utilizzata), dopodiché è possibile ripetere il trattamento periodicamente.
Subito dopo il trattamento può apparire un lieve rossore e la zona trattata potrebbe risultare leggermente più gonfia rispetto al risultato che si vuole ottenere. Alcune volte si può formare un piccolo livido nella zona trattata dovuta all’iniezione. Dopo qualche ora è possibile applicare il normale make-up.


Viale della Repubblica 141, Prato

Studi Medici Life

L’acido ialuronico è una sostanza presente nel nostro organismo, più precisamente un disaccaride, presente in tutti i tessuti connettivi nella sua forma originaria non reticolata, cute compresa. Questa molecola è essenziale per la formazione della matrice intercellulare e per il mantenimento dell’idratazione cutanea, infatti l’acido ialuronico trattiene acqua, idratando e conferendo morbidezza e volume alla pelle.
La tecnica di inserimento dei fillers, gel a base di acido ialuronico reticolato, ideale per il riempimento delle rughe e il ripristino dei volumi, è ormai ampiamente utilizzata in medicina estetica sia nell’uomo che nella donna, il prodotto testato e purificato offre ampia garanzia di sicurezza, prevede una semplice iniezione mediante una siringa dotata di un ago sottilissimo per depositare la giusta quantità di sostanza solo dove è necessaria.

Il trattamento viene effettuato a livello ambulatoriale, secondo la nostra esperienza è ben tollerato e dura 15-30 minuti dopodiché sarà possibile riprendere la normale vita sociale e professionale. Il trattamento è disponibile anche per gli uomini, in modo particolare per le pieghe nasolabiali.
L’acido ialuronico è un prodotto riassorbibile, la sua durata varia da prodotto a prodotto, in base alle zone da trattare, e cambia da persona a persona, in genere per le rughe del volto dura tra i 3 e i 6 mesi.
L’acido ialuronico non è un filler permanente. Una volta iniettato, il prodotto viene progressivamente metabolizzato e quindi riassorbito dall’organismo. L’effetto è immediato, dura dai 2 ai 12 mesi (in base alla sostanza utilizzata), dopodiché è possibile ripetere il trattamento periodicamente.
Subito dopo il trattamento può apparire un lieve rossore e la zona trattata potrebbe risultare leggermente più gonfia rispetto al risultato che si vuole ottenere. Alcune volte si può formare un piccolo livido nella zona trattata dovuta all’iniezione. Dopo qualche ora è possibile applicare il normale make-up.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group


Viale della Repubblica 141, Prato

Studi Medici Life


Via Bergamo 17, Brescia

Physiosport Srl



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group


Viale della Repubblica 141, Prato

Studi Medici Life


Via Bergamo 17, Brescia

Physiosport Srl



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group


Viale della Repubblica 141, Prato

Studi Medici Life


Via Bergamo 17, Brescia

Physiosport Srl



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group


Viale della Repubblica 141, Prato

Studi Medici Life


Via Bergamo 17, Brescia

Physiosport Srl



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Con questa tecnica i fasci di luce stimolano in maniera selettiva non invasiva i fibroblasti, cellule presenti nel nostro organismo a produrre nuove fibre collagene, così facendo il risultato finale è quello di migliorare il tono delle pelle, determinando inoltre il miglioramento delle rughe e un’attenuazione della macchie.

In genere il trattamento viene fatto sul viso, ma può essere esteso anche a collo, decolletè e mani.

L’azione della luce pulsata è particolarmente evidente nei trattamenti di ringiovanimento cutaneo e di epilazione definitiva. Il ringiovanimento cutaneo con IPL consiste nel ricompattare i pori dilatati, eliminare le macchie scure e i capillari del viso provocati dall’eccessiva esposizione solare e dal passare del tempo.

Il flash luminoso è in grado di attivare la pelle in profondità, stimolando la produzione di nuovo collagene, che rivitalizza la tessitura e la consistenza della pelle.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

La Ginecomastia è una condizione clinica in cui la regione mammaria di un maschio appare particolarmente pronunciata tanto da assume la conformazione tipica delle femmine. Talvolta può essere talmente grave da identificare mammelle di grosse dimensioni. Nella ginecomastia la mammella può essere costituita prevalentemente da ghiandola (ginecomastia vera), da grasso (ginecomastia falsa) o, come spesso accade, avere una duplice componente sia ghiandolare che adiposa insieme (ginecomastia mista). Può riconoscere anche cause ormonali. La ginecomastia non rappresenta solo una problematica estetica che comunque è fonte i grosso imbarazzo per i pazienti sia giovani che meno giovani, ma rappresenta una vera e propria condizione patologica. Infatti aumenta la probabilità che la ghiandola mammaria possa ammalarsi. Da queste importanti considerazioni deriva l‘esigenza sia di una asportazione chirurgica radicale in tutte le sue componenti che di un risultato esteticamente bello.
Serve per ridurre la mammella maschile. Lo scopo del trattamento deve comunque tenere presente sia l‘esigenza di asportare radicalmente la ghiandola che migliorare l‘aspetto estetico del seno riducendolo, sollevandolo quando necessario, donandogli una forma più gradevole con un aspetto decisamente maschile ma anche migliore, più scolpito, più armonico e più giovanile.

Per venire incontro alle esigenze dei nostri pazienti abbiamo messo a punto con il nostro staff di specialisti anestesisti protocolli anestesiologici sofisticati che ci consentono generalmente di effettuare l‘intervento in anestesia locale con sedazione senza recare il minimo disagio ai pazienti che, grazie a periodi di guarigione estremamente brevi possono rapidamente tornare nel loro contesto sociale privi di disagio.
L‘intervento viene quindi svolto in regime di Day Hospital ed il paziente può fare ritorno a casa già in serata.

Al termine dell‘intervento viene applicato un canottiera compressiva, molto confortevole, rimossa a seconda dei casi dopo 7 – 15 giorni.
Questo tipo di medicazione è stata scelta dalla nostra equipe oltre che per l‘omogeneità della compressione esercitata anche per la sua assoluta invisibilità al di sotto di una normalissima camicia. Non reca quindi alcun imbarazzo o impedimento ai pazienti che possono tornare fin da subito alla loro vita sociale e lavorativa.
Grazie all‘impiego di fili riassorbibili la rimozione dei punti di sutura non è necessaria.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

È un intervento di chirurgia estetica che permette di migliorare l‘aspetto delle cosce.
Serve per rimuovere la pelle e il grasso in eccesso divenuti penduli e rilasciati in conseguenza di dimagrimenti, gravidanze, invecchiamento, rendendo il profilo delle cosce più tonico e definito.

La durata complessiva dell‘intervento è variabile da 1 a 2 ore.

Attraverso l‘incisione concordata la cute ed il grasso sottocutaneo della faccia interna delle braccia vengono scollati e liberati dal piano muscolare sottostante e stirati verso l‘alto, fissati al pube e mesi in tensione. La porzione in eccesso viene quindi asportata ed eliminata.

L‘intervento può essere eseguito sia in anestesia locale, è di durata variabile e non richiede ricovero. La presenza dell‘anestesista oltre a garantire il massimo comfort durante l‘intervento assicura l‘assoluta sicurezza della procedura.

La calza elastica applicata alla fine dell‘intervento viene tolta dopo circa tre giorni. Grazie all‘impiego di suture intradermiche riassorbibili e colle cutanee la rimozione dei punti di sutura non è necessaria.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Il lifting del volto è un intervento di chirurgia estetica sempre più richiesto sia da uomini che da donne in età matura. Questo intervento permette infatti di stendere le rughe e di ridonare tono ed elasticità al volto cancellando così il segno degli anni passati.
Serve per riportare nella giusta posizione un tessuto scivolato verso il basso come la guancia, lo zigomo, il profilo mandibolare, stendere le rughe della guancia, le rughe naso-labiali e quelle frontali ottenendo un aspetto più fresco e più giovane del volto.
Il Lifting può estendersi al solo terzo medio della faccia, alle guancia ed al collo (lifting cervico-facciale), oppure interessare tutto il volto fronte compresa (lifting completo).
Le incisioni cutanee variano a seconda della tecnica utilizzata che verrà discussa nei dettagli con la paziente nel corso della visita preliminare. Possono limitarsi attorno all‘orecchio o estendersi sopra e dietro dentro ai capelli: superiormente vengono eseguite all‘interno dei capelli, scendono lunga la basetta, passano al davanti dell‘orecchio nascoste in qualche piccola ruga e risalgono posteriormente dietro il padiglione auricolare rimanendo pertanto assolutamente nascoste. Le cicatrici residue saranno comunque invisibili.
La pelle delle aree da trattare viene scollata, sollevata, stirata indietro e in alto e riposizionata insieme al sistema muscolare sottostante. In questo modo è possibile ottenere risultati naturali, stabili e duraturi nel tempo. L‘utilizzo di suture intradermiche riassorbibili non rende necessario la rimozione dei punti. L’intervento termina con un bendaggio che dovrete mantenere per alcune ore onde evitare il formarsi di possibili edemi ed ematomi.
Quando l‘invecchiamento ha portato anche ad una perdita di turgore del viso per riduzione del grasso sottocutaneo, in associazione al lifting si può ricorrere al lipofilling. Con Questo intervento si preleva con una piccola cannula del grasso da un‘ area donatrice come le regioni trocanteriche, le cosce o l‘addome. Il tessuto adiposo prelevato, dopo essere stato opportunamente trattato e purificato, viene reimpiantato attraverso piccole iniezioni nelle aree riceventi. Questa tecnica serve a ridonare turgore al volto perché ripristina quelle rotondità e convessità che sono tipiche di un aspetto più giovane. I risultati ottenuti dall‘associazione di questi due interventi sono tali da rendere sempre più frequente il ricorso a questo intervento combinato.

Quando invece ve ne sia l‘indicazione, il lifting può essere associato alla blefaroplastica che è un intervento di chirurgia estetica che permette di migliorare l‘aspetto degli occhi. Serve per rimuovere la cute in eccesso sulle palpebre, per asportare le borse adipose sotto gli occhi, attenuare le rughe eventualmente presenti e correggere uno sguardo appesantito, stanco e a volte anche triste.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Il lipofilling è un intervento impiegato anche in chirurgia estetica che aiuta a modellare e definire un profilo corporeo ripristinandone il volume. Consiste nel prelevare grasso da una regione donatrice che, dopo essere stato purificato viene reiniettato in una regione ricevente.
Trova indicazione in tutte sia negli uomini che nelle donne, può essere eseguito nel volto come in altri distretti corporei.
Serve per ripristinare il volume di una determinate regione come il volto, gli zigomi, le guance ma anche il dorso delle mani o in altri distretti corporei compresa la mammella.
Il grasso può essere preso dall‘addome, dai fianchi, dalle cosce, ma da qualsiasi parte del corpo in cui sia presente. Il paziente infatti può scegliere di asportare il grasso da una certa regione del corpo in cui sia presente un antiestetico accumulo che conseguentemente viene migliorato.
Le cicatrici residue non rappresentano mai un problema sia per le ridottissime dimensioni che per la loro strategica collocazione.
Dov'è possibile eseguire il Lipofilling?
-Nel volto, in special modo nelle guance negli zigomi, lungo il profilo mandibolare, ma anche nelle labbra e nel mento.
-Nel dorso delle mani quando con l’invecchiamento la cute dorsale si assottiglia e le vene divengono molto evidenti e prominenti. In questo caso l’impianto di grasso ripristina uno spessore cutaneo più adeguato e rende meno visibili le vene.
-Nella mammella per modici aumenti di volume o per correggere piccole asimmetrie o difetti eventualmente presenti.
-Per correggere difetti di volume in determinate aree corporee.
-Per correggere le cicatrici post acneiche.
-Per migliorare l’aspetto di una cicatrice.
-Per migliorare l’aspetto di una cute atrofica.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Il lipofilling del seno è un intervento chirurgico che aiuta a modellare, ingrandire e definire la forma ed il volume di un seno. Consiste nel prelevare grasso da una regione donatrice che, dopo essere stato purificato viene reiniettato in una regione ricevente.
Serve per ingrandire il seno e renderlo con una forma più bella.
Il grasso può essere preso dall‘addome, dai fianchi, dalle cosce ma da qualsiasi parte del corpo in cui sia presente. Il paziente infatti può scegliere di asportare il grasso da una certa regione del corpo in cui sia presente un antiestetico accumulo che conseguentemente viene migliorato.
Le cicatrici residue non rappresentano mai un problema sia per le ridottissime dimensioni che per la loro strategica collocazione.

Nella prima fase dell’intervento viene aspirato il grasso mediante una tecnica particolarmente delicata in cui l’aspirazione, fatta manualmente, senza aspiratori meccanici, utilizza delle micro cannule atraumatiche.

Questa fase deve essere costantemente mantenuta sotto controllo affinchè le cellule del grasso non vengano danneggiate.
ll grasso prelevato viene centrifugato per separarne la parte sia liquida che oleosa. Le cellule adipose purificate vengono quindi iniettate nell’area ricevente con grande delicatezza.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

La liposuzione è un intervento di chirurgia estetica che migliora il proprio profilo corporeo. La liposuzione trova indicazione in tutte quelle condizioni, anche nelle persone normopeso, in cui vi siano depositi di grasso localizzati (coulotte de cheval, fianchi, glutei, cosce, ginocchia, addome, collo, mammelle ecc.) che permangono anche dopo diete drastiche o esercizi fisici prolungati proprio perché determinate da fattori costituzionali.
Serve a rimuovere gli accumuli di grasso localizzati, modellando le forme del corpo, slanciandone il profilo e migliorandone l‘aspetto estetico.

La durata dell‘intervento è variabile a seconda dell‘estensione e della quantità di grasso da rimuovere. Nei casi meno estesi, l‘intervento può essere eseguito in regime di Day Hospital, nei casi più importanti è invece necessario il ricovero di una o due notti.

L‘intervento può essere eseguito sia in anestesia spinale che generale; in locale nei casi meno estesi. Si tratta comunque di una procedura chirurgica vera e propria pertanto la visita preoperatoria con lo specialista anestesista è necessaria. L‘anestesista oltre a valutare le vostre condizioni di salute vi fornirà ogni dettaglio sull‘anestesia più adatta al vostro caso sia per garantire il massimo comfort che l‘assoluta sicurezza.

L‘intervento si conclude con l‘applicazione di una medicazione elastocompressiva che nel caso di una liposuzione degli arti inferiori è rappresentata da un collant da 140 denari che la paziente dovrà portare giorno e notte per circa 7 giorni. Allo scadere della prima settimana la calza potrà essere tolta di notte e mantenuta solo di giorno per ancora un paio di settimane circa.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Conosciuta anche con la sigla inglese IPL (Intense Pulsed Light) è una tecnica rivoluzionaria utilizzata in medicina estetica.

Si tratta di una tecnologia che, utilizza l’emissione di energia luminosa, permettendo di trattare la zona interessata senza danneggiare i tessuti circostanti, la luce emessa permette a un medico esperto di trattare in modo efficace e in maniera poco invasiva per il paziente numerose patologie o inestetismi cutanei, tra i più impiegati ricordiamo i protocolli per il trattamento di:

Macchie della pelle
Iperpigmentazioni
Couperose
Rosacea
Cancellare tatuaggi
Depilazione
Fotoringiovanimento.

Dopo un accurata visita medica, una volta individuato l’inestetismo da trattare, viene impostato un protocollo personalizzato in base alle caratteristiche della pelle ( fototipo), alla reattività (dermatografismo) e, non ultime, alle esigenze del singolo paziente, viene quindi concordato insieme il corretto timing delle sedute.

La seduta inizia applicando sulla zona da trattare un apposito gel, che serve da conduttore, con un apparecchio si passa poi all’applicazione degli impulsi di luce. Il trattamento ha una durata variabile e dipende unicamente dall’estensione dell’area da trattare, in genere si possono impiegare da pochi minuti per una macchia a 30-40 minuti per una depilazione degli arti inferiori. Le sedute devono essere ripetute nel tempo, in media occorrono dalle 3 alle 6 sedute per effettuare un fotoringiovanimento del volto, mentre per ottenere una corretta depilazione sono necessarie almeno 4- 5 sedute.

Cosa accade dopo la seduta?
Dopo la seduta il paziente può tornare a casa, in alcuni casi la zona può essere arrossata.

Dopo la seduta viene prescritta una protezione solare, dopo il trattamento è controindicata l’esposizione solare o ai raggi UVA. È importante sapere che nelle settimane precedenti al trattamento si deve evitare l’esposizione ai raggi solari e/o a lampade UVA è importante non assumere farmaci che possono aumentare la sensibilità della pelle alla luce.

Vantaggi della luce pulsata
Questa tecnica permette di effettuare una seduta con minimi effetti collaterali, che quasi sempre si riducono in un lieve rossore che scompare nel giro di qualche ora, permettendo di tornare nel giro di poche ore alla normale vita sociale.

Non è una tecnica pericolosa, ma data la complessità delle apparecchiature devono essere utilizzate da personale medico altamente qualificato.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

La mastopessi o lifting del seno è un intervento di chirurgia estetica che permette di migliorare l’aspetto di un seno calato, svuotato, divenuto ptosico per caratteristiche costituzionali, in seguito a dimagrimenti o dopo gravidanza ed allattamento.
Serve per tirare su il seno, modellarlo e riposizionare nella giusta collocazione il complesso areola-capezzolo.
Le incisioni cutanee variano a seconda della tecnica utilizzata che verrà discussa nei dettagli con la paziente nel corso della visita preliminare. Possono limitarsi solo intorno all’areola o estendersi verticalmente verso il basso fino a raggiungere ed interessare il solco sottomammario. Le cicatrici residue saranno comunque contenute dentro il reggiseno ed invisibili con il bikini.
Mediante un incisione attorno all’areola il capezzolo viene fatto risalire nella posizione ottimale. Contemporaneamente la mammella viene rimodellata per ottenere la forma desiderata con un polo superiore più pieno in modo da simulare un effetto protesi. Contemporaneamente è possibile ridurre le dimensioni del seno o aumentarle mediante l’uso di protesi mammarie.
Il decorso e, in modo particolare, il dolore postoperatorio sono spesso la maggior preoccupazione per le pazienti, per questo motivo abbiamo messo a punto un protocollo antidolorifico in collaborazione con lo staff anestesiologico per fornire alla paziente il miglior comfort e recupero possibili.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

La mastoplastica additiva è un intervento di chirurgia estetica che permette di migliorare l’aspetto del seno, aumentarne le dimensioni e correggerne la forma.
La protesi mammaria può essere collocata in una tasca opportunamente scolpita dietro la ghiandola mammaria (Mastoplastica additiva retroghiandolare) o dietro il muscolo grande pettorale (mastoplastica additiva sottomuscolare) Il diverso alloggiamento della protesi viene scelto in base al singolo caso, all’età della paziente, alle sue abitudini di vita ed alle singole caratteristiche costituzionali.
Le protesi mammarie possono essere di vario genere; le più utilizzate sono quelle riempite di gel di silicone racchiuso da un involucro sempre costituito da silicone solido.L’assoluta sicurezza del loro impiego è cosa oramai assodata nella letteratura internazionale. Ne esistono di varie forme: alcune più rotonde che tendono a conferire un effetto di maggiore riempimento in corrispondenza dei poli superiori della mammella, altre più a goccia che mimano un effetto più anatomico e naturale per la mammella. La superficie esterna della protesi può essere liscia o rugosa nel caso di protesi tesaurizzate.
Le protesi vengono inserite attraverso piccole incisioni, lunghe circa 3 – 4 cm, che possono essere localizzate nel solco sottomammario, in corrispondenza dell’areola o dell’ascella. Ognuna di queste possibilità può dimostrarsi valida e trova precise indicazioni che di volta in volta vengono discusse e decise di comune accordo con la paziente.
Come per tutti gli interventi di chirurgia estetica, la programmazione del tipo di tecnica chirurgica deve tenere conto sia delle richieste del paziente che dell’indicazione clinica. Sarà inoltre compito dello specialista scegliere il tipo di correzione da effettuare e decidere se associare eventualmente alla mastoplastica additiva altre tecniche per ottimizzarne il risultato.
Pertanto durante la visita preoperatoria si sceglierà con la paziente la protesi mammaria più conforme alla propria struttura toracica in modo da poter realizzare le singole aspettative, mantenendo comunque le giuste proporzioni corporee.
Questa fase permetterà di discutere con il chirurgo la taglia e la forma della protesi, la sua collocazione e la tecnica operatoria più adatta in base alle scelte fin qui fatte. Il risultato finale raggiungibile, varia da paziente a paziente e, di conseguenza, anche la pianificazione dell’intervento deve essere scrupolosamente personalizzata.
Prima di eseguire l’intervento chirurgico il chirurgo in collaborazione con il paziente effettuerà un disegno che evidenzierà le zone di incisione prescelte e il paziente sarà informato su tutte le possibili varianti con i risultati corrispondenti nel suo caso prima di essere portato in sala operatoria.
Per il decorso e, in modo particolare, per il dolore postoperatorio abbiamo messo a punto un protocollo antidolorifico in collaborazione con lo staff anestesiologico per fornire alla paziente il miglior comfort e recupero possibili.
Dopo l’intervento ogni paziente sarà assistita dallo staff medico per valutare al meglio il decorso postoperatorio e il controllo del dolore, in questa fase la paziente non dovrà effettuare movimenti energici con le braccia al fine di non dislocare le protesi appena posizionate. La sera stessa o al più tardi la mattina seguente potrà tornare a casa e nel giro di pochi giorni riprendere le normali abitudini di vita.
Tardivo: durante la degenza può esserci fastidio o lieve dolore per un giorno. Questo disturbo risponde bene alla maggior parte dei comuni antidolorifici. I punti che chiudono la ferita si chiuderanno approssimativamente in 7-10 giorni.
Si consiglia invece di sospendere l’attività sportiva per quattro settimane. Se Lei è una fumatrice, è consigliato ridurre il numero di sigarette poiché il tabacco contribuisce a una cattiva cicatrizzazione e circolazione sanguinea, aumentando la possibilità di complicazioni.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

La Mastoplastica Riduttiva è un intervento di chirurgia estetica che permette di ridurre le dimensioni del seno, migliorarne l’aspetto estetico, sollevandolo, donandogli una forma più gradevole, più piena al polo superiore, con un aspetto decisamente migliore, armonico e più giovanile.
Le incisioni cutanee variano a seconda della tecnica utilizzata che verrà discussa nei dettagli con la paziente nel corso della visita preliminare. Possono limitarsi solo intorno all’areola o estendersi verticalmente verso il basso fino a raggiungere ed interessare il solco sottomammario. Le cicatrici residue saranno comunque contenute dentro il reggiseno ed invisibili con il bikini.
Come per tutti gli interventi di chirurgia estetica, la programmazione del tipo di tecnica chirurgica deve tenere conto sia delle richieste del paziente che dell’indicazione clinica. Sarà inoltre compito dello specialista scegliere il tipo di correzione da effettuare e decidere se associare eventualmente alla riduzione mammaria altre tecniche come la liposuzione, per ottimizzarne il risultato.

Pertanto durante la visita preoperatoria si sceglierà con la paziente forma e la dimensione del nuovo seno più conforme alla propria struttura toracica in modo da poter realizzare le singole aspettative, mantenendo comunque le giuste proporzioni corporee.

Questa fase permetterà di discutere con il chirurgo la tecnica operatoria più adatta in base alle scelte fin qui fatte. Il risultato finale raggiungibile, varia da paziente a paziente e, di conseguenza, anche la pianificazione dell’intervento deve essere scrupolosamente personalizzata.

Prima di eseguire l’intervento chirurgico il chirurgo in collaborazione con il paziente effettuerà un disegno che evidenzierà le zone di incisione prescelte.
Mediante le incisioni concordate si asporta il tessuto mammario eccedente che viene in via prudenziale inviato per essere esaminato. Il capezzolo viene fatto risalire nella posizione ottimale e la mammella viene rimodellata per ottenere la forma ed il volume desiderati.

Per il decorso e, in modo particolare, per il dolore postoperatorio abbiamo messo a punto un protocollo antidolorifico in collaborazione con lo staff anestesiologico per fornire alla paziente il miglior comfort e recupero possibili.
Dopo l’intervento ogni paziente sarà assistita dallo staff medico per valutare al meglio il decorso postoperatorio e il controllo del dolore, in questa fase la paziente non dovrà effettuare movimenti energici con le braccia al fine di non dislocare le protesi appena posizionate. La sera stessa o al più tardi la mattina seguente potrà tornare a casa e nel giro di pochi giorni riprendere le normali abitudini di vita.
Durante la degenza può esserci fastidio o lieve dolore per un giorno. Questo disturbo risponde bene alla maggior parte dei comuni antidolorifici. I punti che chiudono la ferita si chiuderanno approssimativamente in 7-10 giorni.
Si consiglia invece di sospendere l’attività sportiva per quattro settimane. Se Lei è una fumatrice, è consigliato ridurre il numero di sigarette poiché il tabacco contribuisce a una cattiva cicatrizzazione e circolazione sanguinea, aumentando la possibilità di complicazioni.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Possono essere eseguite diversi tipi di correzioni sul mento che permettono di migliorarne l’aspetto, aumentarne o diminuirne le dimensioni, correggerne la forma la proiezione oltre che modellarlo. Queste correzioni possono essere eseguite tanto negli uomini che nelle donne.
Le protesi di mento possono essere di due tipi:
-Protesi costituite da un blocco solido di silicone chiamato elastomero in grado di scolpire con altissima definizione il nuovo profilo del mento delineandolo in ogni minimo dettaglio. Ne esistono di diverse forme e dimensioni ognuna contraddistinta da proprie caratteristiche.
-Protesi costituite da una materiale particolare chiamato porex, la cui principale caratteristica è quella di essere poroso ed essere capace di integrarsi solidamente con la struttura ossea su cui viene appoggiato facendo un tutt’uno con essa.

L‘assoluta sicurezza di entrambi gli impianti è cosa oramai assodata nella letteratura internazionale. Anche il confort per i pazienti è sovrapponibile. Riconoscono comunque precise indicazioni che devono essere individuiate dallo specialista oltre che sulle caratteristiche costituzionali del paziente anche in base alle sue aspettative.

La protesi viene collocata in una tasca opportunamente scolpita a stretto contatto con l’osso del mento attraverso una piccolissima incisione di circa 2 – 3 cm di lunghezza collocata sotto il mento. La cicatrice residua sarà ben presto confusa con la piega naturale sotto al mento e comunque invisibile oltre che per la strategica collocazione anche per le ridottissime dimensioni.
Come per tutti gli interventi di chirurgia estetica, la programmazione del tipo di tecnica correttiva per il mento deve tenere conto sia delle richieste del paziente che dell’indicazione clinica. Sarà inoltre compito dello specialista scegliere il tipo di correzione da effettuare e proporre quindi le tecniche più idonee per raggiungere il risultato desiderato dal paziente.
Pertanto durante la visita preoperatoria si sceglierà con i pazienti la correzione da fare e quindi la tecnica più indicata che consenta di raggiungere l’armonia migliore per il proprio viso in modo da poter realizzare le singole aspettative, mantenendo comunque le giuste proporzioni del volto. La pianificazione della correzione deve essere in questo caso più che mai personalizzata.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Questa metodica, detta anche Induzione Ipercutanea di Collagene, nasce da una osservazione scientifica: dopo un trauma cutaneo si liberano numerose sostanze che avviano i processi di guarigione e ripristinano l‘integrità della pelle.

Negli anni ’90 il Dott. Fernandes mise a punto una metodica che, senza distruggere gli strati superficiali, era in grado di determinare una serie di microtraumi cutanei controllati e la conseguente sintesi di nuovo collagene. Per fare questo realizzò uno strumento composto da un rullo su cui sono montati minuscoli aghi: questi, urtando la superficie cutanea, determinano una serie di micro ferite. Mentre l‘epitelio resta integro, nel derma vengono stimolati i processi rigenerativi della pelle: i fibroblasti produrranno nuovo collagene ed elastina.

Il trattamento è indicato in numerose patologie ed inestetismi cutanei: esiti cicatriziali di acne o di ustioni, invecchiamento cutaneo, smagliature. La metodica è in genere ben tollerata: si applica una crema anestetica, quindi si passa più volte il rullo sulle aree da trattare. Successivamente si medica con una crema lenitiva e il paziente può tornare subito a casa.

Nei giorni successivi rimane soltanto un lieve rossore, facilmente mascherato da un comune maquillage; il paziente può continuare le proprie attività. Il needling può essere ripetuto a seconda della gravità del caso; al termine possiamo osservare la riduzione degli esiti cicatriziali di acne, della microrugosità e un notevole miglioramento della texture cutanea, che apparirà più trofica e luminosa recuperando tono, colorito e turgore.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

L’otoplastica è un intervento di chirurgia estetica che permette di migliorare l’aspetto estetico di orecchie troppo prominenti o troppo aperte, comunemente definite a sventola o ad ansa.
Serve per correggere:
-orecchie eccessivamente distaccate dalla testa a causa di una malformazione della cartilagine del padiglione auricolare che risulta essere priva di una plica chiamata antelice;
-orecchie eccessivamente prominenti nella parte più profonda del padiglione auricolare chiamata conca.
L’intervento di otoplastica prevede una piccola incisione cutanea a forma di losanga, nel solco, dietro la faccia posteriore del padiglione auricolare che permette di esporre la cartilagine sottostante che viene modellata attraverso incisioni, resezioni, plicature e punti di sutura.
Durata dell’Intervento
L’intervento dura 1 – 2 ore è generalmente eseguito in regime di Day Hospital per cui non è necessario trascorrere notti in ospedale.
L’Anestesia
L’intervento viene eseguito in anestesia locale anche se, per garantire il massimo comfort al paziente viene abitualmente associata una leggera sedazione. La collaborazione multidisciplinare del nostro centro conta infatti sulla partecipazione di più figure professionali, come l’anestesista, che oltre a rendere più confortevole possibile l’intervento ne garantisce la massima sicurezza.

La medicazione
Al termine dell’intervento viene applicata una fascia elastica che verrà rimossa dopo tre-quattro giorni. Questa medicazione ha lo scopo di stabilizzare la forma delle orecchie mantenendole ferme durante il periodo di guarigione. Durante le ore notturne del primo mese dopo l’intervento è consigliato l’uso di una fascia da tennista per proteggerle da eventuali piegature accidentali causate da movimenti involontari durante il sonno.
L’impiego di suture cutanee intradermiche riassorbibili non rende più necessaria la rimozione dei punti. Il risultato dell’intervento è permanente nel tempo.
È possibile tornare fin dal giorno successivo alle normali abitudini di vita come guidare ed uscire.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Il peeling è un trattamento medico che sfrutta l’azione esfoliante di alcune sostanze. Queste una volta applicate sulla pelle, rimuovono una parte sottile e superficiale della cute, stimolando il normale ricambio cellulare e la produzione di collagene ed elastina.
Così facendo si ottiene un azione levigante, si conferisce maggior luminosità alla pelle, la quale dopo il trattamento appare più luminosa, liscia, levigata e con un colorito più uniforme.
Il trattamento viene eseguito in ambulatorio, senza anestesia e senza ricovero, sulla zona interessata viene applicato uno o più strati di sostanza, in genere si avverte un lieve bruciore che generalmente scompare dopo pochi minuti, terminato il tempo di applicazione la sostanza viene tamponata o lavata via.
Dopo il trattamento la maggior parte delle pazienti presenta un lieve o moderato rossore che scompare nel giro di pochi minuti.
Alla fine del trattamento la paziente può tornare a casa e riprendere la sua normale attività, questi tipi di peeling permettono un recupero più immediato per le pazienti ma devono essere ripetuti nel tempo a distanza di alcuni giorni per avere un effetto duraturo nel tempo. Unica eccezione per il peeling al fenolo in cui è necessario il ricovero in clinica e necessita di una medicazione occlusiva.
I peelings superficiali e medi devono essere ripetuti nel tempo per poter mantenere il risultato ottenuto, in ogni caso sarà il medico ad indicarvi il miglior prodotto in termini di risultato e duratura in base alle vostre esigenze poiché tutti i trattamenti sono individualizzati; in genere la quantità di prodotto e la formula di acido sono diverse a seconda del programma clinico di ogni singolo paziente e della stagione.

Per quanto riguarda invece il peeling al fenolo una volta effettuato il suo effetto è duraturo nel tempo a lunghissima durata.

L’applicazione dei peeling in medicina avviene ormai da molti anni e la procedura è generalmente molto sicura. Si tratta comunque di un trattamento medico delicato dove le complicanze (difetti di pigmentazione, infezione e cicatrici anomale, riacutizzazioni herpetiche) sono rare ma possono accadere ed essere agevolmente risolte solo se il trattamento è eseguito da uno specialista.

Subito dopo il trattamento può apparire un lieve rossore quando vengono utilizzati peelings superficiali, in questi casi è possibile applicare subito una crema idratante e uno schermo solare e tornare alle normali abitudini di vita.
Nel caso in cui siano stati utilizzati peelings intermedi, oltre al tipico rossore iniziale, dopo 3-4 giorni inizierà una lieve esfoliazione che si completerà dopo 7-8 giorni, in rari casi si possono formare delle piccole crosticine che comunque scompariranno nell’arco di 3-4 giorni. Se sono stati applicati, invece, peelings profondi la zona trattata risulterà gonfia ed edematosa, andrà incontro a desquamazione importante, e nei 7-10 giorni successivi al trattamento si avrà la completa guarigione con il rinnovamento di tutti gli strati cutanei.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Fino a qualche anno fa la lassità cutanea era uno degli inestetismi più difficili da eliminare con le metodiche a disposizione. Recentemente negli Stati Uniti è stata messa a punto la Radiofrequenza non ablativa, il cui target è il rimodellamento della cute. La metodica sviluppa un calore all‘interno della pelle che provoca la contrazione e la riorganizzazione delle fibre collagene (cioè del sistema di sostegno della cute): inoltre stimola i fibroblasti (cioè le cellule che producono questa “impalcatura” cutanea) a sintetizzare nuove fibre collagene aumentando così la densità dermica.

La Radiofrequenza è una metodica semplice, veloce e indolore; viene effettuata in ambulatorio e non è richiesta alcuna anestesia. Si utilizza un manipolo che viene posto a contatto con la zona da trattare dopo aver applicato una apposita crema. Il paziente avvertirà una piacevole sensazione di calore nella zona trattata. Questo trattamento è adatto a soggetti di qualsiasi età e con qualunque tipo di pelle, si può effettuare anche nei mesi estivi, in quanto l‘esposizione al sole non ne controindica l‘utilizzo. In molti casi la pelle risulta visibilmente più tonica e compatta già dopo il primo trattamento. La radiofrequenza non ablativa è assolutamente innocua in quanto utilizza frequenze comprese fra 1 e 6 MHz, che sono assolutamente sicure per i tessuti umani.

La Radiofrequenza non ablativa nasce per il trattamento della lassità cutanea del viso, (fronte, palpebre, zona perilabiale, contorni del volto), del collo e del decolleté. Tuttavia i risultati sono soddisfacenti anche per la perdita di tono di addome, braccia e mani, per ricompattare glutei, cosce e ginocchia. Il suo ormai lungo utilizzo ne ha comprovato l‘efficacia anche in numerosi inestetismi cutanei, come acne, smagliature e cicatrici, cellulite e adiposità localizzate. Le applicazioni sono ripetute in genere una volta alla settimana fino ad un massimo di 5-6 sedute consecutive, seguite se necessario da cicli di mantenimento.

Nel 2002 la metodica ha ricevuto l‘approvazione dell‘ FDA (Food and Drug Administration) ed è definita come “lunch therapy”: il trattamento dell‘intervallo di pranzo. Infatti la seduta ha una breve durata (circa 20-30 minuti) e nessuna sequela: il paziente potrà riprendere le proprie attività immediatamente dopo il trattamento.

Radiofrequenza Frazionata
Una recente evoluzione è la Radiofrequenza Frazionata, chiamata così per le analogie col Laser frazionato. Questa nuova modalità della radiofrequenza consente di intervenire, oltre che sul collagene, anche sulle irregolarità della superficie cutanea. Con questa metodica dal bordo del manipolo originano microscintille che vaporizzano selettivamente alcune cellule della cute: attorno a queste restano zone integre che garantiscono il processo riparativo della pelle. Si determina così un rinnovamento epidermico graduale e progressivo, che porterà ad una cute più compatta e luminosa.

La metodica frazionata rappresenta un ulteriore passo avanti nel trattamento di rughe superficiali, macchie, smagliature, cicatrici. Grazie al suo particolare meccanismo di azione, favorisce anche la penetrazione all‘interno della cute di sostanze cosmetiche o farmacologiche, ad azione antiradicalica, depigmentante, ristrutturante. La Radiofrequenza Frazionata consente il trattamento della cute a tutto spessore per un ringiovanimento globale: miglioramento della lassità cutanea e correzione delle irregolarità della texture. La metodica non è invasiva, non determina abrasioni o croste, non richiede medicazioni o alcun tempo di convalescenza post trattamento.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group


Viale della Repubblica 141, Prato

Studi Medici Life


Via Bergamo 17, Brescia

Physiosport Srl



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

La rinoplastica è un intervento di chirurgia estetica che permette di migliorare l‘aspetto del naso rendendolo più armonico con le altre caratteristiche del volto.
Serve per modificare la forma, le dimensioni ed il profilo del naso. È possibile associarlo all‘intervento di settoplastica per agire contemporaneamente sia sull‘aspetto estetico che respiratorio e funzionale del naso.
L‘intervento si esegue praticando alcune incisioni all‘interno del naso che permettono di isolare la cute dalle strutture ossee e cartilaginee sottostanti che vengono quindi opportunamente corrette. La cute si riadatterà quindi come una tenda sul nuovo scheletro modificato.
In alcune casi possono essere necessarie piccole incisioni cutanee per modificare forma e dimensioni delle narici.
Nel corso dello stesso intervento è possibile migliorare anche la funzione respiratoria grazie all‘intervento combinato di RINOSETTOPLASTICA, dove oltre a intervenire sull‘aspetto estetico si agisce sull‘aspetto funzionale del naso rimuovendo quelle anomalie del setto cartilagineo ed osseo che ostacolano il normale passaggio dell‘area nelle fosse nasali. In questo tipo di intervento oltre alla medicazione sopra descritta, si utilizzano delle piccole lastrine che servono a contenere e mantenere a sandwich il setto modificato nella giusta posizione.
Le lastrine, utilizzate al posto dei più fastidiosi tamponi, consentono al paziente fin da subito la respirazione nasale e verranno rimosse dopo sette giorni insieme al gessetto. Il risultato della rinoplastica è permanente nel tempo.
Durata dell’intervento
L‘intervento è generalmente eseguito in anestesia generale, dura circa un’ora ed è generalmente eseguito in regime di Day Hospital per cui non è necessario trascorrere notti in ospedale.

L’Anestesia
L‘anestesia l‘intervento viene eseguito in anestesia generale. La collaborazione multidisciplinare del nostro centro conta infatti sulla partecipazione di più figure professionali, come l‘anestesista, che oltre a rendere più confortevole possibile l‘intervento ne garantisce la massima sicurezza.

La medicazione
Alla fine dell‘intervento si esegue una medicazione contenitiva con dei cerotti ed un gessetto che vengono rimossi dopo sette giorni. Non vengono usati tamponi nasali; è possibile respirare dal naso fin da subito. Durante la prima settimana sono generalmente presenti ematomi intorno agli occhi di durata ed entità variabili da soggetto a soggetto. In una settimana la gran parte dei pazienti riescono a tornare alle normali abitudini di vita, seppur con qualche precauzione. L‘impiego di suture cutanee intradermiche riassorbibili non rende più necessaria la rimozione dei punti. Il risultato dell‘intervento è permanente nel tempo. È possibile tornare fin dal giorno successivo alle normali abitudini di vita come guidare ed uscire.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Esistono vari tipi di sostanze sclerosanti, ciascuna presenta una propria indicazione, efficacia e possibilità di comparsa di effetti collaterali. Il meccanismo di azione alla base di tutte queste sostanze è dato dalla loro “lesività” per il vaso sottoposto a trattamento che progressivamente tende ad essere riassorbito ed a scomparire dalla zona sottoposta al nostro intervento.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

E‘ una metodica di recente introduzione, particolarmente innovativa, efficace e non invasiva. La terapia fotodinamica è utilizzata per il trattamento di numerose patologie dermatologiche quali cheratosi attiniche e neoformazioni (epiteliomi), per le quali ha ottenuto l‘approvazione della FDA Americana. La metodica è relativamente semplice: si applica sulla cute una crema contenente una sostanza fotosensibilizzante (capace cioè di reagire con la luce) che di solito è l‘acido 5-aminolevulinico (5 ALA); si tratta di una sostanza naturale, che l‘organismo è in grado di produrre da solo, quindi non è assolutamente tossica.

La 5 ALA penetra nelle cellule e si concentra soprattutto in quelle malate o danneggiate: dopo un tempo variabile da 1 a 3 o più ore la zona trattata viene esposta per alcuni minuti ad una particolare lampada. La luce emessa, in genere rossa o blu, reagisce con la sostanza fotosensibilizzante accumulata nelle cellule malate e le distrugge selettivamente. Le cellule sane invece sono capaci di metabolizzare la 5ALA e quindi non sono danneggiate.

Dopo il trattamento la cute si presenta arrossata come dopo una prolungata esposizione solare e viene medicata con una crema rinfrescante. Non vi sono controindicazioni alla metodica: la sostanza fotosensibilizzante non è tossica, la luce è innocua, non richiede ricovero ospedaliero, non lascia cicatrici.

Spesso la terapia fotodinamica trova indicazione laddove altri interventi terapeutici sono controindicati per le particolari condizioni di salute del paziente, ad esempio la chirurgia nei soggetti cardiopatici o trattati con farmaci anticoagulanti. Inoltre può essere ripetuta più volte a seconda del tipo di lesione e del risultato ottenuto.

La terapia fotodinamica è inserita fra i trattamenti anti-aging. Una eccessiva ed incauta esposizione solare determina, soprattutto in una pelle chiara e delicata, la comparsa di ispessimenti, chiazzette arrossate o brunastre, capillari dilatati, cheratosi attiniche (che sono lesioni precancerose). L‘epidermide è disidratata, opaca e il colorito spento. In questi casi la Terapia Fotodinamica ha rappresentato una svolta poiché distrugge selettivamente le cellule malate, ripristinando la salute della pelle, ma al tempo stesso migliora la qualità della cute che dopo il trattamento appare più vitale e sana.

La terapia fotodinamica è una valida alternativa terapeutica per il trattamento di numerose patologie dermatologiche: grazie alla sua attività antibatterica e anti-infiammatoria è utile nell‘ acne del volto, soprattutto laddove hanno fallito i comuni trattamenti, e nelle ulcere cutanee, ad esempio quelle delle gambe nei soggetti anziani. Svolge anche attività antivirale e stimolante l‘immunità che ne indicano l‘impiego per la cura di malattie cutanee virali: verruche, condilomi, mollusco contagioso.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Serve per attenuare le rughe di espressione determinate dalla contrazione della muscolatura mimica del volto, per sollevare la coda del sopracciglio, la punta del naso, gli angoli della bocca, distendere le rughe sopra il labbro superiore ecc.

La tossina botulinica è una proteina prodotta da un batterio anaerobio chiamato Clostridium botulinum e viene utilizzata anche in altre branche specialistiche come la neurologia, l’otorinolaringoiatria, l’oculistica ecc., e più recentemente ha trovato un vasto impiego anche in estetica.

La tossina botulinica inoculata a livello della muscolatura mimica, blocca, a livello della placca neuromuscolare, il rilascio di un neurotrasmettitore responsabile della contrazione muscolare chiamato acetilcolina. Il muscolo trattato non più in grado di contrarsi rimarrà rilassato, la pelle soprastante progressivamente si spianerà e con essa le rughe soprastanti.

Perché l’effetto della tossina botulinica possa essere clinicamente apprezzabile occorrono circa 3 – 4 giorni, la sua durata varia da paziente a paziente ed è comunque completamente reversibile; pertanto se si desidera mantenere il risultato il trattamento deve essere ripetuto.

L’applicazione viene fatta in ambulatorio, non è dolorosa per cui non necessita di alcuna anestesia. Consiste in tante piccolissime inoculazioni di una quantità minima di sostanza nelle sedi dove ce ne sia indicazione. Generalmente si trattano le rughe frontali, glabellari, le rughe perioculari dette comunemente zampe di gallina.

Il risultato del trattamento con tossina botulinica può essere talmente soddisfacente da rendere fortemente limitato il ricorso al lifting frontale.


Viale della Repubblica 141, Prato

Studi Medici Life

Serve per attenuare le rughe di espressione determinate dalla contrazione della muscolatura mimica del volto, per sollevare la coda del sopracciglio, la punta del naso, gli angoli della bocca, distendere le rughe sopra il labbro superiore ecc.

La tossina botulinica è una proteina prodotta da un batterio anaerobio chiamato Clostridium botulinum e viene utilizzata anche in altre branche specialistiche come la neurologia, l’otorinolaringoiatria, l’oculistica ecc., e più recentemente ha trovato un vasto impiego anche in estetica.

La tossina botulinica inoculata a livello della muscolatura mimica, blocca, a livello della placca neuromuscolare, il rilascio di un neurotrasmettitore responsabile della contrazione muscolare chiamato acetilcolina. Il muscolo trattato non più in grado di contrarsi rimarrà rilassato, la pelle soprastante progressivamente si spianerà e con essa le rughe soprastanti.

Perché l’effetto della tossina botulinica possa essere clinicamente apprezzabile occorrono circa 3 – 4 giorni, la sua durata varia da paziente a paziente ed è comunque completamente reversibile; pertanto se si desidera mantenere il risultato il trattamento deve essere ripetuto.

L’applicazione viene fatta in ambulatorio, non è dolorosa per cui non necessita di alcuna anestesia. Consiste in tante piccolissime inoculazioni di una quantità minima di sostanza nelle sedi dove ce ne sia indicazione. Generalmente si trattano le rughe frontali, glabellari, le rughe perioculari dette comunemente zampe di gallina.

Il risultato del trattamento con tossina botulinica può essere talmente soddisfacente da rendere fortemente limitato il ricorso al lifting frontale.


Via Bergamo 17, Brescia

Physiosport Srl

Serve per attenuare le rughe di espressione determinate dalla contrazione della muscolatura mimica del volto, per sollevare la coda del sopracciglio, la punta del naso, gli angoli della bocca, distendere le rughe sopra il labbro superiore ecc.

La tossina botulinica è una proteina prodotta da un batterio anaerobio chiamato Clostridium botulinum e viene utilizzata anche in altre branche specialistiche come la neurologia, l’otorinolaringoiatria, l’oculistica ecc., e più recentemente ha trovato un vasto impiego anche in estetica.

La tossina botulinica inoculata a livello della muscolatura mimica, blocca, a livello della placca neuromuscolare, il rilascio di un neurotrasmettitore responsabile della contrazione muscolare chiamato acetilcolina. Il muscolo trattato non più in grado di contrarsi rimarrà rilassato, la pelle soprastante progressivamente si spianerà e con essa le rughe soprastanti.

Perché l’effetto della tossina botulinica possa essere clinicamente apprezzabile occorrono circa 3 – 4 giorni, la sua durata varia da paziente a paziente ed è comunque completamente reversibile; pertanto se si desidera mantenere il risultato il trattamento deve essere ripetuto.

L’applicazione viene fatta in ambulatorio, non è dolorosa per cui non necessita di alcuna anestesia. Consiste in tante piccolissime inoculazioni di una quantità minima di sostanza nelle sedi dove ce ne sia indicazione. Generalmente si trattano le rughe frontali, glabellari, le rughe perioculari dette comunemente zampe di gallina.

Il risultato del trattamento con tossina botulinica può essere talmente soddisfacente da rendere fortemente limitato il ricorso al lifting frontale.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Il trapianto di capelli ad oggi è uno degli interventi di chirurgia estetica tra i più richiesti negli uomini, e probabilmente è tra quelli che, che negli ultimi anni è stato tecnicamente più perfezionato, potendo oggi vantare risultati entusiasmanti.
Serve per riportare i capelli in quelle aree oramai divenute diradate o calve.

Oggigiorno la terapia della calvizie si basa schematicamente su due diversi aspetti:

arrestare la caduta o meglio prevenire il diradamento mediante l’ausilio di farmaci che spesso rappresentano da soli valide soluzioni;
riportare chirurgicamente dei capelli in un’area già divenuta alopecica.


Nella calvizie androgenetica, che rappresenta la forma più frequente di calvizie, i capelli risentono negativamente della presenza di un ormone, il testosterone, che ne accorcia la durata del ciclo vitale, ne diminuisce la consistenza ed il diametro rendendoli più fini, riducendoli ad un aspetto lanuginoso con inevitabile diminuzione del loro effetto densità. I bulbi capilliferi sempre sotto l’influenza negativa del testosterone smettono progressivamente di produrre capelli costretti ad una sclerosi cicatriziale. Le terapie mediche moderne sono in grado di diminuire la quantità di ormone circolante con conseguente inevitabile beneficio per i bulbi capilliferi che ne rappresentano il bersaglio.

La terapia chirurgica si basa invece sull’utilizzo di bulbi capilliferi sprovvisti di recettore per il testosterone cioè quelli localizzati in regione nucale o più propriamente regione temporo-occipitale. Queste aree infatti non sono mai colpite da calvizie neppure nei casi più gravi proprio perché geneticamente non sono in grado di legare la causa della calvizie androgenetica.

Il trapianto di capelli che oggi siamo in grado di fare infatti è un “autotrapianto monobulbare“. Questa metodica consiste nel trasferimento di capelli prelevati da un’area donatrice (con tecnica strip o con tecnica fue), in genere la regione occipitale, ad un’area ricevente. Il risultato che si ottiene è del tutto naturale e, aspetto molto importante, permanente nel tempo, i capelli trapiantati infatti, essendo naturali, continueranno a crescere spontaneamente, dovranno essere lavati, pettinati, tagliati e non sono destinati a cadere.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

La tecnologia Endermologie nasce per combattere gli inestetismi della pelle come la cellulite, i ristagni e gli accumuli di liquidi, ma anche le panniculopatie edmato-fibro-sclerotiche. Si tratta di un massaggio connettivale profondo eseguito da un operatore che si avvale di un manipolo che produce un vacum intermittente che riattiva la circolazione.

La riattivazione locale stimola le cellule nel rinnovarsi donando alle parti trattate un aspetto migliore compatto e rigenerato.

E’ un trattamento indolore e confortevole di durata variabile a seconda delle regioni da trattare. Utilizzabile sia nel viso che in ogni altra parte del corpo, da sola o in combinazione con altri trattamenti.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Sotto la generica definizione di “Insufficienza Venosa Cronica” rientra un quadro eterogeneo di problematiche estremamente differenziato, sia dal punto di vista clinico-sintomatologico che dal punto di vista delle potenzialità evolutive, alla base delle quali vi è una stasi, un deficit del sistema venoso di spinta e di progressione della colonna ematica di ritorno verso il cuore. Ciascuna di queste ha proprie e specifiche indicazioni preventivo-terapeutiche che devono essere impostate per tempo, in maniera accurata e mirata.

Questa ampia gamma di sintomi spazia dalla semplice comparsa di teleangectasie (capillari) in giovane età, che evolve poi nella formazione di vasi venosi di maggior calibro, accompagnati da un corteo sintomatologico quale pesantezza, gonfiore, stanchezza, crampi notturni ecc, fino alla vera e propria manifestazione della malattia varicosa.

Le vene varicose, non rappresentano assolutamente un problema di tipo estetico come qualcuno può pensare, ma la manifestazione di IVC avanzata e se non prese in giusta considerazione, si possono accompagnare a complicanze più gravi e tardive quali Trombosi Venose Superficiali o Profonde ed alla comparsa di ulcerazioni cutanee agli arti inferiori.

È quindi fondamentale eseguire una diagnosi preventiva, precisa ed accurata della patologia. Presso il nostro Centro l’impostazione di un corretto piano terapeutico prevede, attraverso la Visita Specialistica e l’esame Ecocolordoppler, l’individuazione dei sintomi, fin dai più precoci, dell’IVC (spesso tralasciati dal paziente), così da instaurare quando possibile un approccio di tipo preventivo, mentre laddove la malattia si presenti già in fase conclamata, l’utilizzo al meglio di tutte le più moderne ed avanzate opzioni terapeutiche ed i presidi medici ad oggi a disposizione.



Viale Giacomo Matteotti 42, Firenze

Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group

Sotto la generica definizione di “Insufficienza Venosa Cronica” rientra un quadro eterogeneo di problematiche estremamente differenziato, sia dal punto di vista clinico-sintomatologico che dal punto di vista delle potenzialità evolutive, alla base delle quali vi è una stasi, un deficit del sistema venoso di spinta e di progressione della colonna ematica di ritorno verso il cuore. Ciascuna di queste ha proprie e specifiche indicazioni preventivo-terapeutiche che devono essere impostate per tempo, in maniera accurata e mirata.

Questa ampia gamma di sintomi spazia dalla semplice comparsa di teleangectasie (capillari) in giovane età, che evolve poi nella formazione di vasi venosi di maggior calibro, accompagnati da un corteo sintomatologico quale pesantezza, gonfiore, stanchezza, crampi notturni ecc, fino alla vera e propria manifestazione della malattia varicosa.

Le vene varicose, non rappresentano assolutamente un problema di tipo estetico come qualcuno può pensare, ma la manifestazione di IVC avanzata e se non prese in giusta considerazione, si possono accompagnare a complicanze più gravi e tardive quali Trombosi Venose Superficiali o Profonde ed alla comparsa di ulcerazioni cutanee agli arti inferiori.

È quindi fondamentale eseguire una diagnosi preventiva, precisa ed accurata della patologia. Presso il nostro Centro l’impostazione di un corretto piano terapeutico prevede, attraverso la Visita Specialistica e l’esame Ecocolordoppler, l’individuazione dei sintomi, fin dai più precoci, dell’IVC (spesso tralasciati dal paziente), così da instaurare quando possibile un approccio di tipo preventivo, mentre laddove la malattia si presenti già in fase conclamata, l’utilizzo al meglio di tutte le più moderne ed avanzate opzioni terapeutiche ed i presidi medici ad oggi a disposizione.

Esperienze

Su di me

Il Prof Alessandro Innocenti si è laureato nel 1996 in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Siena, con votazione 110 e lode.
...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Siena
  • Specializzazione in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva presso l'Università di Careggi a Firenze

Specializzazioni

  • Chirurgia Plastica, Ricostruttiva & Estetica

Certificati


Competenze linguistiche

  • Inglese,
  • Italiano

Punteggio generale

Tutte le recensioni contano e non possono essere rimosse o modificate dai dottori a proprio piacimento. Scopri come funziona il processo di moderazione delle recensioni.
L
Presso: Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group mastoplastica riduttiva

impeccabile, educato, sempre puntuale e disponibile in qualsiasi momento di problematiche

S
Profilo verificato
Presso: Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group carbossiterapia

Il Prof. Innocenti e' il chirurgo per eccellenza. Sono una cliente fissa e vado nel suo bellissimo studio ormai da diversi anni acquisendo cosi' una grande fiducia e stima nei suoi confronti, perche' il Prof. e' un medico con una grande professionalita', conoscenza, umanita', empatia, disponibilita'. Un medico scrupoloso che al primo posto mette la sicurezza del paziente in base ai trattamenti da fare, spiegando nel dettaglio e rispondendo a tutte le domanda con chiarezza.Ovviamente un medico cosi' non puo' che avere alle sue spalle un staff di persone sempre gentili, disponibili, sorridenti e competenti e mi riferisco alle signore della reception e al personale infermieristico. Detto questo aspetto con trepidazione gennaio per fare intervento di blefaroplastica superiore e inferiore gia' fissato e magari nel 2025 un bel lifting....Grazie Prof a Lei e a tutte le sue collaboratrici.

Prof. Alessandro Innocenti

Grazie mille Sig.ra Simonetta per la stima e la fiducia incondizionata che ci ha riposto.

I
Presso: Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group acido polilattico

Sono stata presso il Centro per un trattamento e sono rimasta entusiasta per la scelta e il risultato. Ottimo!!!

Prof. Alessandro Innocenti

Grazie per le sue parole. La soddisfazione dei nostri pazienti è quello per cui noi lavoriamo.


M
Presso: Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group Altro

Premetto che un breve commento difficilmente rende l'idea di quella che per me è stata la mia esperienza, perché la qualità del servizio reso dal dr.Innocenti ed il suo staff per me va oltre le valutazioni professionali...poiché i suoi interventi hanno segnato momenti importanti della mia vita.

Per questo oltre a sottolineare l'eccellenza del suo studio vorrei sottolineare anche l'eccellenza della devozione e dell'umanità, sempre percepita nei "trattamenti"

Grazie

Prof. Alessandro Innocenti

Grazie mille Sig. Marcella,
siamo lieti di esserLe stati accanto nei momenti importanti della sua vita per renderli ancora più belli. La sua soddisfazione è per noi la più grande gratificazione per il nostro lavoro


V
Presso: Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group chirurgia laser

Il Prof. Innocenti ha soddisfatto a pieno le mie aspettative, sempre a disposizione per eventuali chiarimenti e bisogni. Eccellente professionalità e cortesia. Mi sono trovata molto bene, complimenti a tutto lo staff, grazie!

Prof. Alessandro Innocenti

Grazie mille Sig.ra Veronica ,
Soddisfare le aspettative dei nostri pazienti è l'impegno che ci poniamo sempre nel nostro lavoro


P
Presso: Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group acido polilattico

Ho apprezzato molto la professionalità e l accuratezza della spiegazione del trattamento da parte del professore oltre alla gentilezza dello staff' in general
Da apprezzare anche la puntualità
Molto soddisfatta del trattamento
PF

Prof. Alessandro Innocenti

Spiegare con chiarezza il trattamento che un paziente vuole intraprendere e il risultato che si può ottenere è doveroso da parte di un professionista; come è doveroso non procedere quando un paziente
richiede qualcosa di inadatto


A
Presso: Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group visita di chirurgia plastica

Sono stata presso lo studio del Prof. Innocenti recentemente per valutare un intervento. Sono molto soddisfatta della sua professionalità e della chiarezza delle spiegazioni che non lasciano esiti di dubbio.

Prof. Alessandro Innocenti


Grazie per il suo apprezzamento.
La valutazione di un intervento richiede sempre molta attenzione e molta cura per per poi procedere insieme al paziente a intraprendere un percorso che porterà a raggiungere il miglior risultato .


V
Presso: Centro Medico Chirurgico Matteotti Medical Group visita di chirurgia plastica

Ho fatyo una visita con il Prof Innocenti e sono molto contenta. Ho trovato molta professionalità e chiarezza nelle spiegazioni.
Complimenti al Professore e al suo entourage per la professionalità.

Prof. Alessandro Innocenti

Grazie per le sue parole.
Felici di averla soddisfatta nelle sue richieste.


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 5 domande da parte di pazienti di MioDottore

Domande su fimosi

MI HANNO FATTO LA CIRCONCISIONE TOTALE A CAUSA DELLA FIMOSI, A MIO AVVISO TOGLIENDO TROPPA PELLE, E ADESSO VIVO UNA VITA PIENA DI DOLORI, NON RIESCO CAMMIRE CON DISINVOLTURA, NON RIESCO A LAVORARE ETC; COME SI PUO' INTERVENIRE PER RICOSTRUIRE ALMENO PARTE DEL PREPUZIO. GRAZIE

buongiorno, è possibile mediante allestimento di lembi locali ricostruire il prepuzio. se interessato potrà prenotare una visita presso il centro medico chirurgico Matteotti in Firenze . Cordialità

Prof. Alessandro Innocenti

Domande su filler

Buongiorno
Cosa ne pensate del Gana filler??
Può avere effetti indesiderati??Quali??
Quando è consigliato???

buongiorno Gana non è un filler ma acido polilattico che serve alla rigenerazione del collagene

Cirdialità

Prof. Alessandro Innocenti

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.