Indirizzi (2)


Pazienti senza assicurazione sanitaria


Consulenza online (descrizione) • 70 €

Primo colloquio psicologico • 75 €


045 844..... Mostra numero

.

I pagamenti per le consulenze sono inviati direttamente allo specialista, che è anche responsabile della policy di cancellazione e rimborso.

In caso di eventuali problemi con il pagamento, ti preghiamo di contattare lo specialista.

Ricorda, MioDottore non ti addebita alcuna commissione aggiuntiva per la prenotazione dell'appuntamento e non processa i pagamenti per conto dello specialista.

Per favore, leggi con attenzione la policy di cancellazione e rimborso.


30 minuti prima della consulenza, riceverai SMS ed email contenenti il link per effettuare il videoconsulto. Clicca sul link e attendi lo specialista. Non è necessario scaricare alcun software e potrai collegarti al videoconsulto sia dal PC che dal cellulare.


Tieniti pronto 10 minuti prima della consulenza. Assicurati che la batteria del tuo dispositivo sia carica. Per i videoconsulti: controlla la tua connessione internet e il corretto funzionamento di camera e microfono. Tieni a portata di mano eventuali referti medici (es. il risultato degli esami).


Via XXVI Aprile, 2 l, San Martino Buon Albergo
Studio Privato


Misure di sicurezza adottate in questo studio

Mostra

Pazienti con assicurazione sanitaria e pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini a partire da 11 anni
Carta di debito, Bonifico
045 844..... Mostra numero


Esperienze

Su di me

Salve! Sono Silvia Fanini, psicologa e psicoterapeuta. Da oltre 15 anni mi occupo di accogliere e sostenere coloro che stanno attraversando un momen...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Ansia
  • Stress
  • Depressione
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università degli Studi di Padova
  • Istituto di Gestalt Therapy - H.C.C. Kairos (sede di Mestre)

Specializzazioni

  • Psicoterapia

Foto


Competenze linguistiche

Italiano, Inglese

Prestazioni e prezzi

I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

Prestazioni suggerite


70 €

Consulenza Online

La psicoterapia online non intende sostituire la relazione in presenza, strumento principale dell’intervento psicologico e psicoterapeutico, ma ha lo scopo di rispondere alla richiesta di cura fatta da coloro che non possono recarsi presso lo studio.

A partire da questa premessa, la consulenza online è rivolta a:

- Tutte le persone che a causa dell’emergenza Covid-19 in Italia non possono recarsi presso la mia sede.
- Italiani residenti fuori sede o all’estero, poiché risiedere in un ambiente diverso per lingua e cultura può far sentire il bisogno di “sentirsi a casa” quando si sperimenta la necessità di un supporto psicologico.



Via XXVI Aprile, 2 l, San Martino Buon Albergo

da 70 €

Studio Privato

Che cos'è la psicoterapia?

La psicoterapia consente di poter comprendere e modificare ciò che blocca e impedisce lo svolgersi armonioso della propria vita.

Si tratta di problemi che derivano da diverse fonti. Ad esempio i disturbi dovuti all’ansia (ansia generalizzata, attacchi di panico, fobie, disturbo ossessivo compulsivo), i disturbi dell’umore (depressione, disturbo bipolare), le dipendenze patologiche (sostanze, cibo, gioco d’azzardo, internet addiction), e allo stesso modo problematiche legate ai traumi semplici e complessi (disturbo da stress post-traumatico), alla difficoltà a costruire e mantenere relazioni interpersonali e a terminare quelle dolorose e ultimo ma non meno importante il disagio nell’ambiente di lavoro.

Il percorso prevede degli incontri iniziali (da uno a tre colloqui) di conoscenza reciproca e di comprensione del disagio e, successivamente, la proposta di intervento che potrà differenziarsi a seconda delle specifiche problematiche e dei bisogni portati dalla persona.

Altre prestazioni


Via XXVI Aprile, 2 l, San Martino Buon Albergo

da 70 €

Studio Privato

Il colloquio psicologico ha lo scopo di accogliere e sostenere la persona in un momento di difficoltà che sta attraversando.
Il percorso prevede degli incontri iniziali (da uno a tre colloqui) di conoscenza reciproca e di comprensione del disagio e, successivamente, la proposta di intervento che potrà differenziarsi a seconda delle specifiche problematiche e dei bisogni portati dalla persona.



75 €

Consulenza Online


Via XXVI Aprile, 2 l, San Martino Buon Albergo

da 70 €

Studio Privato

Il primo colloquio psicologico ha il duplice scopo di raccogliere tutte le informazioni che possano delineare un chiaro quadro della situazione e di permettere la reciproca conoscenza. Inoltre mi consente di capire se la richiesta portata è coerente con le competenze proprie della professione di psicologa/psicoterapeuta o se va indirizzata verso altri tipi di cure specialistiche.

Solo in seguito a questa prima fase, e solo se reputato utile o necessario, potrò proporre l’avvio del percorso terapeutico nella modalità e frequenza più adatta alla specifica situazione.



Via XXVI Aprile, 2 l, San Martino Buon Albergo

da 90 €

Studio Privato

Il fine della terapia di coppia è quello di aiutare i partner a trovare nuove modalità relazionali che consentano loro di affrontare in maniera funzionale una determinata situazione di crisi.

L’intervento ha l’obiettivo di indagare le ragioni relazionali della crisi, di mobilizzare le risorse accantonate dai partner e di sperimentare alternative, sviluppando capacità che si sono bloccate.

Dopo il primo colloquio iniziale di conoscenza, il lavoro prevede una fase di consultazione (1-3 colloqui) per arrivare ad una maggiore comprensione del funzionamento individuale e di coppia e per chiarire i motivi che hanno condotto alla crisi e alle responsabilità di ognuno nel mantenere il disagio all’interno della coppia.

Al termine della consultazione verranno proposti alla coppia gli obiettivi su cui è necessario lavorare e, nel caso in cui la coppia accetterà di proseguire, comincerà la terapia vera e propria.

La durata dell'incontro di coppia è di circa 1 ora e 1/2.



Via XXVI Aprile, 2 l, San Martino Buon Albergo

da 70 €

Studio Privato

Il percorso di sostegno genitoriale rappresenta lo strumento privilegiato per la coppia di genitori o anche per uno solo dei due genitori (in caso di separazione o divorzio o nel caso di una monogenitorialità) per affrontare e risolvere la complessità affettiva-emotiva e l’ambivalenza che complicano le relazioni con i figli provocando, spesso, sofferenza e chiusura. La necessità di un sostegno genitoriale inoltre, appare più forte in alcuni momenti cruciali della vita dei figli, quali la preadolescenza e l’adolescenza o in coincidenza di particolari eventi coinvolgenti l’intero nucleo familiare, quali ad esempio un lutto o una separazione.

Attraverso questo spazio è possibile, per i genitori, trovare risposte a dubbi ed interrogativi sulle scelte educative, sulla difficoltà di comunicare in modo funzionale ed efficace, sul riconoscimento precoce dei segnali di disagio dei propri figli.

Gli obiettivi generali del percorso di sostegno alla genitorialità sono:

• Analizzare la domanda e definire il problema posto dai genitori orientando poi la diade parentale verso forme di intervento adeguate ed efficaci.

• Fornire strumenti conoscitivi di comunicazione e ascolto che facilitino le relazioni in ambito familiare, permettendo di acquisire maggiore consapevolezza dei reali bisogni dei figli in relazione all’età.

• Attivare le competenze e le risorse parentali che permettano la gestione delle difficoltà presenti nell’educazione dei figli e, in particolare, nelle situazioni di criticità.

• Favorire la consapevolezza del proprio vissuto emotivo come genitori e del proprio stile educativo.



Via XXVI Aprile, 2 l, San Martino Buon Albergo

da 70 €

Studio Privato

Come quella per gli adulti, la consulenza e la psicoterapia con gli adolescenti mira ad aiutare i ragazzi che vivono delle difficoltà (dal punto di vista del comportamento o delle emozioni) o che stanno affrontando eventi stressanti e traumatici (ad es. la perdita di una figura significativa, la separazione dei genitori, difficoltà a scuola, ansia).La prima fase del percorso prevede una consultazione durante la quale vengono raccolti dati e informazioni per poter definire quale sia il problema e come poter intervenire.

Solitamente si procede come segue:

- un colloquio coi genitori per definire il problema, raccogliere i dati anamnestici e sbrigare le formalità burocratiche;

- un breve percorso di valutazione con il minore (da 1 a 3 incontri);

- un colloquio con i genitori o con i genitori ed il figlio (a seconda dell’età e della disponibilità del ragazzo) per la restituzione di quanto emerso e della eventuale proposta terapeutica.

Alla famiglia viene proposto l’intervento ritenuto migliore e più funzionale rispetto alla richiesta d’aiuto formulata e talvolta l’intervento è effettuato in combinazione con altri trattamenti come la consultazione con la scuola o il sostegno ai genitori.

Punteggio generale

Tutte le recensioni contano e non possono essere rimosse o modificate dagli specialisti a proprio piacimento. Scopri come funziona il processo di moderazione delle recensioni.
P
Paziente verificato
Presso: Studio Privato Altro

Cortesia e professionalità sono doti ormai rare, molto soddisfatta di aver trovato una persona affidabile


F
Presso: Studio Privato psicoterapia individuale

La Dottssa Fanini è stata sempre molto accogliente e precisa nell'occuparsi della mia situazione. Ha sempre cercato di comprendere il mio punto di vista e la situazione in cui ero. Il confronto è stato sempre diretto e aperto. Le indicazioni molto utili. La presenza: umana e puntuale.


R
Presso: Studio Privato psicoterapia individuale

La Dott.ssa Fantini è una professionista seria e disponibile. Molto accogliente il suo studio. Nulla da obiettare, la consiglierei di sicuro


L
Presso: Studio Privato sostegno psicologico adolescenti

La dottoressa Fanini è cortese, puntuale e disponibile, in grado di mettere a proprio agio i suoi pazienti.
Bravissima con gli adolescenti


E
Presso: Studio Privato psicoterapia individuale

Persona perbene, discreta e delicata. Il suo studio molto curato e accogliente rispecchia il suo modo di lavorare. Mi ha saputo ascoltare ma anche sostenere e guidare in momenti difficili. Queste parole sono un modo per ringraziarla



A
Presso: Studio Privato psicoterapia individuale

La grande empatia della Dottoressa mi ha aiutato nel percorso intrapreso verso un atteggiamento meno ansioso ogni volta che devo affrontare un problema. Un grazie di cuore.


A
Presso: Studio Privato psicoterapia individuale

Mi sono rivolto a lei su suggerimento di un amico.Le
prime sensazioni sono state positive: uno studio caldo e accogliente,un clima rilassato e professionalità.Ho trovato l’approccio molto interattivo: niente a che vedere con il terapeuta che ascolta e annuisce ma una terapia impostata sulla reciprocità.Questo mi ha fatto capire come uscire da certe dinamiche.Mi sento di consigliarla a tutti quelli che si trovano in situazioni/momenti difficili.


S
Presso: Studio Privato psicoterapia individuale

È stata una mia amica a consigliami la Dottoressa. Ho prenotato su Miodottore per praticità (ho potuto scegliere autonomamente giorno e orario grazie alle disponibilità che si vedono nell’agenda).
Mi sto trovando molto bene: la mia ansia sta diminuendo dopo alcuni colloqui.
La mia esperienza quindi è positiva e la consiglio.


E
Presso: Studio Privato Altro

Sono una collega della Dott.ssa Fanini e mi rivolgo a lei per supervisioni ormai da anni in ambito clinico. È attenta e competente, trovo in lei un solido sostegno.
Mi piace il suo approccio che è relazionale e trovo in lei una professionista con umanità e calore.


M
Presso: Studio Privato colloquio psicologico

Accogliente e professionale. La persona giusta nel momento più delicato della mia vita. Consiglio.


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 7 domande da parte di pazienti di MioDottore

Salve, sono una ragazza di 23 anni e da qualche mese sto vivendo un senso di smarrimento generale.
Non riesco più a credere agli obiettivi che mi fisso, non ho voglia di impegnarmi nelle cose che faccio quotidianamente.
La cosa che mi preoccupa è la costante presenza di pensieri negativi riguardo la mia relazione
Sto da 6 mesi con un ragazzo piu grande di me di 7 anni. Lui molto introverso, da sempre abituato a stare da solo e molto amante della sua libertà.
Spesso discutiamo perché lui non mostra spesso segni d'affetto, ed ogni cosa gli sembra un comando da parte mia tipo "mi daresti un bacino?" a questa frase mi ha risposto "io non sono un cane, queste cose non si chiedono. Devono venire spontanee. Di recente abbiamo parlato della nostra relazione e lui mi ha chiaramente detto di non poter dire di essere innamorato di me, ma che pensa possa essere dovuto al fatto che non abbiamo vissuto a pieno questi mesi, per via delle varie restrizioni agli spontamenti. Questa cosa non mi preoccupa più di tanto, sono cosciente che molta gente abbia bisogno di più tempo. Del resto anch'io non sento di provare amore, ma credo che la mia sia più una "paura" di potermi innamorare per prima, non riesco a lasciarmi andare.
Nonostante le sue continue dimostrazioni d'affetto io mi sento sempre "di passaggio" nella sua vita, perché lui utilizza frasi come "vedremo come andrà questa storia". Giusto ieri gli dissi che sarei andata a fare la stagione estiva in un villaggio e alla mia domanda "come ti senti riguardo a questo?". Lui mi risponde "beh vedremo se mi mancherai, in quel caso vorrà dire che probabilmente provo qualcosa di forte".
Lui sostiene che questo mio pensare costantemente negativo sulla relazione derivi dalla mia ricerca continua di "prove o affermazioni" che facciano pensare che lui non tenga a me.
Premetto che sono sempre stata un po' ansiosa, ma questa volta non so come affrontare la situazione. Il fatto di dover fare la stagione estiva con il pensiero che la relazione è incerta, mi intristisce. È la prima volta che frequento un ragazzo così, a mio parere, restio riguardo i sentimenti. Lui mi ha detto che lo preoccupa un po' la differenza di età, che teme io possa capire di volere altro, mutare una consapevolezza diversa sulla vita, e lui a quest'età vorrebbe già pensare ad una relazione stabile.
Cosa dovrei fare per pensare meno a.tutte queste cose? Le sue frasi mi rimbombano in testa anche di notte, la mattina appena mi sveglio...non so neanche se sia il caso di chiudere questa relazione. Ho come la sensazione che non si innamorerà mai di me, anche se alcuni sue attenzioni nei mie confronti fanno pensare il contrario. Quello che dice spesso mi fa sentire stupida, perché sul momento non riesco a dirgli che queste frasi mi intristiscono e lo faccio solo dopo giorni
Grazie per l'attenzione...

Ciao!
Vado diretta alla domanda che poni: cosa potrei fare per pensare meno a queste cose?
Penso che nella tua domanda ci sia già la risposta: quando si è molto preoccupati o ansiosi o si pensa troppo è importante FARE. Potresti uscire, porti piccoli obiettivi durante la giornata e cercare di portarli a termine (anche cose piccole e quotidiane come sistemare la tua camera, fare una commissione, fare la spesa,...), parlare con le tue amiche o i tuoi amici. All'inizio probabilmente ti dovrai sforzare e non ne avrai molta voglia, ma puoi darti un pò di tempo e vedere come va: se il tuo malessere continua e non stai bene potresti pensare di parlarne con qualcuno (psicologo o psicoterapeuta) per capire cosa fare per stare meglio!


Dott.ssa Silvia Fanini

Buongiorno. Sono una ragazza di 22 anni e da parecchio tempo mi ritrovo in un periodo dal quale non so più come uscire. A 14 anni ho tentato il suicidio, anche se in realtà era più una richiesta d'aiuto. Col passare degli anni sono stata meglio ma ho iniziato ad avere attacchi di panico e tagliarmi rare volte. Durante il primo anno di università sono stata violentata da un mio ex compagno di scuola e a distanza di tre anni, dopo due anni di psicoterapia, sicuramente sto meglio ma il pensiero mi tormenta ogni giorno e pure mentre dormo (incubi, non riesco a respirare...). Sono laureata, ho sempre lavorato e voglio andare avanti a studiare, ma la vita di ora non la sopporto più e mi fa stare davvero male. Ho iniziato un nuovo lavoro, che mi sento obbligata a tenere perché mi hanno raccomandato ed essendo un ruolo singolo non ho nessuno che può sostituirmi. Io non ho chiesto nulla, ma mi ci sono ritrovata in mezzo. Non è brutto, ma è un lavoro molto stressante che mi occupa tutto il giorno e non mi lascia tempo per quello che mi interessa davvero fare. Mi sveglio la mattina, e oltre al resto penso che devo andare lì e mi viene l'ansia, torno a casa e sto uguale perché so che ci devo ritornare. Io non è che non voglio lavorare, dato che l'ho sempre fatto anche mentre studiavo, ma è da mesi che sto così, quasi ogni giorno mi sveglio senza avere voglia neanche di alzarmi, di fare colazione o comunque le cose più semplici. Anche quando esco con le amiche fingo di essere felice per non turbarle. Ultimamente mi sono ritornati gli attacchi di panico quasi quotidiani, ho mal di stomaco, faccio fatica a mangiare anche se non ho mai avuto problemi, soffro di dispnea che a lungo andare diventa molto fastidiosa e ho ripreso a tagliarmi perché, anche se so benissimo che non risolve nulla, mi fa stare meglio in quel momento. Sto male perché i miei e il mio ragazzo sono saturi di questo mio stato, comprensibilmente, e quindi evito di stare male di fronte a loro, soprattutto con mia sorella. Mi sembra di non avere una via d'uscita e penso spesso di farla finita perché mi sembra l'unico modo, anche se non è quello che voglio in fondo. Io sento di aver bisogno di una pausa, per me stessa, per stare meglio, per riprendermi, ma tutti pensano che io sia solo svogliata e per questo faccio sempre quello che devo e che gli altri si aspettano da me, lasciando sempre da parte quello che io voglio. So che devo contribuire nelle spese e lo faccio volentieri, ho anche un po' di soldi da parte, nonostante tutto mi sono laureata, ma sono ad un punto in cui arrivo ad odiarmi perché penso di crearmi io tutti questi problemi quando c'è gente che sta peggio. Non voglio assumere farmaci, sto prendendo delle pastiglie omeopatiche per l'ansia anche se non fanno molto, e spesso per sopportare il peso bevo (moderatamente) ma almeno mi sento più leggera per un po'. È una sofferenza continua, non so davvero cosa fare. Grazie a chi risponderà.

Buongiorno, da quello che racconta il Suo livello di sofferenza è molto alto e, oltre a farla stare male, potrebbe metterla a rischio.
Per questo Le consiglierei di contattare uno psicoterapeuta (se si è trovata bene potrebbe riprendere i contatti con il/la collega con cui ha già fatto il percorso precedente) che possa valutare la Sua situazione e aiutarla a stare meglio.

Dott.ssa Silvia Fanini

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Salve! Sono Silvia Fanini, psicologa e psicoterapeuta. Da oltre 15 anni mi occupo di accogliere e sostenere coloro che stanno attraversando un momen...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Ansia
  • Stress
  • Depressione
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università degli Studi di Padova
  • Istituto di Gestalt Therapy - H.C.C. Kairos (sede di Mestre)

Specializzazioni

  • Psicoterapia

Tirocini

  • IV Servizio Psichiatrico di Verona, Ulss 9 (ex Ulss 20), Regione Veneto
  • Servizio di Alcologia, Dipartimento delle Dipendenze, Ulss 9 (ex Ulss 20), Regione Veneto
  • Cooperativa Sociale Ce.I.S Verona

Foto


Competenze linguistiche

Italiano, Inglese

Pubblicazioni e articoli

Pubblicazioni (2)

Ricerche correlate