Indirizzo

Via Silvio Pellico 11, Bollate
Centro Medico Fisioterapico - dottore riceve il lunedì dalle 10 alle 14.30 - PER APPUNTAMENTI CONTATTARE LA STRUTTURA (mappa)

Calendario online non attivo

Chiedi di attivare le prenotazioni online
Presso questo indirizzo visito: adulti
Carta di credito, Contanti, Carta di debito
02 3830.....

Terapia del dolore • 130 €

Infiltrazione anca ecoguidata • da 85 €

Visita di controllo • 65 € +1 Altro

Infiltrazione nervo periferico • 85 €

Esperienze

Patologie trattate

  • Nevralgia
  • Dolore
  • Dolore oncologico
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università degli Studi di Milano
  • IRCCS Ospedale Policlinico di Milano
  • IRCCS Ospedale di San Donato

Competenze linguistiche

Inglese

Recensioni dei pazienti

Questo dottore non ha ancora ricevuto recensioni da parte dei pazienti su MioDottore. Scrivi la prima recensione!

Scrivi una recensione

Prestazioni e prezzi

Terapia del dolore

130 €


Via Silvio Pellico 11, Bollate

130 €

Centro Medico Fisioterapico - dottore riceve il lunedì dalle 10 alle 14.30 - PER APPUNTAMENTI CONTATTARE LA STRUTTURA


Infiltrazione anca ecoguidata

da 85 €


Via Silvio Pellico 11, Bollate

da 85 €

Centro Medico Fisioterapico - dottore riceve il lunedì dalle 10 alle 14.30 - PER APPUNTAMENTI CONTATTARE LA STRUTTURA


Visita di controllo

65 €


Via Silvio Pellico 11, Bollate

65 €

Centro Medico Fisioterapico - dottore riceve il lunedì dalle 10 alle 14.30 - PER APPUNTAMENTI CONTATTARE LA STRUTTURA


Infiltrazione nervo periferico

85 €


Via Silvio Pellico 11, Bollate

85 €

Centro Medico Fisioterapico - dottore riceve il lunedì dalle 10 alle 14.30 - PER APPUNTAMENTI CONTATTARE LA STRUTTURA

Risposte ai pazienti

ha risposto a 6 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Domande su Dolore

    Buongiorno,

    Cercherò di essere breve: dall'anno scorso avverto un bruciore localizzato nella bassa schiena/parte alta del gluteo sinistro. Per i primi due mesi il bruciore era più forte e si irradiava giù per la gamba, mi impediva anche di dormire, ora il bruciore è diminuito ed è localizzato in un punto preciso, non si irradia più. Il bruciore è sempre lì imperturbabile ed è indipendente dai movimenti che faccio (piegamenti, sollevamenti, corsa, camminata, etc, posso fare qualsiasi cosa, non aumenta né diminuisce). A volte è un po' più forte la sera, probabilmente per la stanchezza.

    Premetto che da quando è insorto il problema, circa un anno fa ad oggi ho consultato 2 osteopati, 1 fisiatra, 1 reumatologa, 1 fisioterapista (con cui ho fatto varie sedute di rieducazione posturale globale) e ho fatto una radiografia, una risonanza e una colonscopia... non ho avuto una diagnosi precisa da nessuno, mi hanno solo parlato di un problema posturale e proposto sedute di tecar terapia, ginnastica posturale, massoterapia, e ovviamente antidolorifici che ho preso all'inizio e effettivamente il fastidio diminuiva ma non posso prenderli a vita (anche perché i dolori non sono così forti da impedirmi di fare una vita normale, sono solo molto fastidiosi).

    Premetto anche che frequento un corso di yoga posturale da un anno e ho fatto qualche seduta di riabilitazione posturale globale senza che sia cambiato niente.

    Dalla risonanza risultano due protrusioni, una più grande (L4-L5) e una più piccola (L1-L2) ma non ho capito se le protrusioni hanno a che vedere con il mio bruciore.

    Vorrei capire quali altri esami/analisi o specialisti consultare per venirne a capo. Vorrei solo capire da cosa dipende e cosa posso fare per liberarmi da questo fastidio che mi assilla.

    Buongiorno,da come la.descrive sembra una tipica sacroileite, infiammazione dell'articolazione sacroiliaca che può simulare anche una sciatalgia (talvolta anche un dolore tipo ernia inguinale).
    Potrebbe provare con delle infiltrazioni mirate dell'articolazione sacroiliaca con cortisone (meglio se ecoguidate): son poco dolorose e spesso risolvono il problema in 2-3 infiltrazioni.
    Anche l'ozonoterapia può essere efficace ma ha tempi di risposta più lunghi,magari la si può tenere come mantenimento dopo aver risolto la fase acuta

    Dr. Marco Maria Botticelli

  • Domande su anestesia

    BUONASERA, PARTORIRO' IL MIO PRIMO FIGLIO TRA CIRCA 10 GIORNI E VORREI USUFRUIRE DELL'ANALGESIA EPIDURALE, TUTTAVIA DURANTE L'INCONTRO AL CORSO PREPARTO CON L'ANESTESISTA, NONCHE' DURANTE LA VISITA ANESTESIOLOGICA SONO STATE ILLUSTRATE LE POSSIBILI COMPLICANZE DI TALE PROCEDURA TRA CUI ALCUNE MOLTO GRAVI ED IRREVERSIBILI QUALI UN DANNO MOTORIO E SENTIVO PERMANENTE AGLI ARTI INFERIORI, QUINDI ANCHE LA PARAPLEGIA. VORREI CHIEDERE ULTERIORI INFORMAZIONI AGLI SPECIALISTI IN ANESTESIA CIRCA LA FREQUENZA DI TALE EVENIENZA
    GRAZIE IN ANTICIPO

    Buongiorno,guardando semplicemente le statistiche il rischio specifico di restare paraplegici è davvero basso,si parla di circa 1 caso su 200.000 peridurali eseguite. La complicanza più frequente è la puntura rurale (lo strato meningeo più esterno) ma è una complicanza che si risolve spontaneamente con 3 giorni di riposo a letto.
    Tenga conto che molto spesso un parto che potrebbe finire in cesareo viene risolto con una peridurale

    Dr. Marco Maria Botticelli

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Patologie trattate

  • Nevralgia
  • Dolore
  • Dolore oncologico
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università degli Studi di Milano
  • IRCCS Ospedale Policlinico di Milano
  • IRCCS Ospedale di San Donato

Specializzazioni

  • Anestesia Rianimazione, Terapia Intensiva e del dolore
  • Agopuntura
  • Ossigeno-ozono terapia

Tirocini

  • IRCCS Ospedale GOM Niguarda Cà Granda Milano (2008-2010)
  • IRCCS Ospedale Policlinico di Milano (2010-2011)
  • IRCCS Ospedale di San Donato (2011-2012)

Competenze linguistiche

Inglese