• Dr. Giuseppe Brundusino
    Dr. Giuseppe Brundusino
    Via Milano 15, Rozzano

    Si riceve su appuntamento

  • Indirizzi (2)

    ecografiamilano.it
    Viale Milano 15, Rozzano


    Pazienti con assicurazione sanitaria e pazienti senza assicurazione sanitaria


    Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini a partire da 14 anni
    Carta di credito, Carta di debito, Contanti
    02 8126..... Mostra numero


    Medicina Generale
    Via Milano 15, Rozzano


    Pazienti senza assicurazione sanitaria


    Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini a partire da 14 anni
    Carta di debito, Carta di credito, Contanti
    02 8126..... Mostra numero


    Prestazioni e prezzi

    I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

    Prestazioni suggerite


    Viale Milano 15, Rozzano

    80 €

    ecografiamilano.it

    Ecocolordoppler cardiaca
    Ecocolordoppler TSA (tronchi sovraortici)
    Ecocolordoppler dei vasi addominali
    Ecocolordoppler arterioso degli arti inferiori
    Ecocolordoppler venoso degli arti inferiori
    Ecocolordoppler arterioso degli arti superiori
    Ecocolordoppler dei vasi spermatici



    Viale Milano 15, Rozzano

    80 €

    ecografiamilano.it

    Preparazione ecografia addome completo
    Ecografia addome completo: cosa mangiare?
    L’eco addome completo comprende lo studio di:

    – fegato, colecisti, vie biliari, milza, pancreas, reni, vie urinarie, surreni, linfonodi addominali, aorta addominale e retroperitoneo
    – vescica, utero e annessi/prostata e vescichette seminali, vasi e linfonodi iliaci, recesso peritoneale del Douglas

    Questo tipo di esame richiede una piccola partecipazione da parte del paziente.

    Digiuno per almeno 6 ore prima dell’esame
    La prima indicazione è il rispetto del digiuno almeno nelle 6 ore precedenti l’esame. Questa pratica consente di ridurre al minimo la quantità di gas intestinali che potrebbero ostacolare la visione di alcuni organi, in particolare il pancreas e le ovaie la visione dei grossi vasi addominali come l’aorta e i linfonodi profondi. Il digiuno richiesto evita inoltre lo svuotamento della colecisti che avviene in particolar modo dopo i pasti, specie se ricchi di grassi che limiterebbe la visione di eventuali calcoli o, meno frequentemente, di polipi della parete della colecisti.

    Dieta nei due giorni precedenti l’esame
    La seconda indicazione per ridurre i gas intestinali che potrebbero essere d’ostacolo alla visione di alcuni organi è quella di modificare, nei due giorni precedenti, la propria dieta, riducendo o evitando frutta, verdura e legumi, bibite gassate ed evitando cibi ricchi di grassi.

    L’aria blocca il passaggio degli ultrasuoni e non permette la visione di quello che c’è sotto. Per lo stesso motivo si utilizza il gel ecografico che serve a eliminare le bolle tra la sonda ecografica e la cute.

    Bere un litro di acqua nell’ora precedente l’esame
    La terza indicazione per esplorare al meglio l’addome inferiore, in particolare quindi la vescica, la prostata nell’uomo, l’utero e l’ovaie nella donna, è quella di arrivare con la vescica piena o semipiena, bevendo mezzo litro di acqua due ore prima dell’esame.

    In persone che soffrono di problemi cardiaci come lo scompenso, di problemi renali o di ipertensione per evitare un carico eccessivo di acqua nel breve tempo e quindi scongiurare possibili minimi disguidi è preferibile evitare di andare in bagno nelle 3 ore precedenti, evitando così di bere grandi quantità di acqua in breve tempo. Ovviamente è necessario bere esclusivamente acqua naturale o tè leggermente zuccherato ed evitare assolutamente bevande gasate per non incrementare i gas intestinali.

    Non interrompere l’eventuale terapia farmacologica
    La quarta e ultima indicazione è di non interrompere l’eventuale terapia farmacologica che si sta assumendo anche il giorno stesso dell’esame. La terapia in atto per i diversi motivi deve essere assolutamente mantenuta.

    In conclusione quindi le principali indicazioni da seguire da parte del paziente per un esame ecografico ottimale sono: il digiuno nelle sei ore precedenti, avere la vescica piena o semipiena e nel limitare le scorie alimentari nei 2 giorni prima dell’esame modificando leggermente la propria dieta



    Via Milano 15, Rozzano

    Scopri di più

    Medicina Generale

    Altre prestazioni


    Viale Milano 15, Rozzano

    80 €

    ecografiamilano.it



    Viale Milano 15, Rozzano

    80 €

    ecografiamilano.it

    Preparazione ecografia addome completo
    Ecografia addome completo: cosa mangiare?
    L’eco addome completo comprende lo studio di:

    – fegato, colecisti, vie biliari, milza, pancreas, reni, vie urinarie, surreni, linfonodi addominali, aorta addominale e retroperitoneo
    – vescica, utero e annessi/prostata e vescichette seminali, vasi e linfonodi iliaci, recesso peritoneale del Douglas

    Questo tipo di esame richiede una piccola partecipazione da parte del paziente.

    Digiuno per almeno 6 ore prima dell’esame
    La prima indicazione è il rispetto del digiuno almeno nelle 6 ore precedenti l’esame. Questa pratica consente di ridurre al minimo la quantità di gas intestinali che potrebbero ostacolare la visione di alcuni organi, in particolare il pancreas e le ovaie la visione dei grossi vasi addominali come l’aorta e i linfonodi profondi. Il digiuno richiesto evita inoltre lo svuotamento della colecisti che avviene in particolar modo dopo i pasti, specie se ricchi di grassi che limiterebbe la visione di eventuali calcoli o, meno frequentemente, di polipi della parete della colecisti.

    Dieta nei due giorni precedenti l’esame
    La seconda indicazione per ridurre i gas intestinali che potrebbero essere d’ostacolo alla visione di alcuni organi è quella di modificare, nei due giorni precedenti, la propria dieta, riducendo o evitando frutta, verdura e legumi, bibite gassate ed evitando cibi ricchi di grassi.

    L’aria blocca il passaggio degli ultrasuoni e non permette la visione di quello che c’è sotto. Per lo stesso motivo si utilizza il gel ecografico che serve a eliminare le bolle tra la sonda ecografica e la cute.

    Bere un litro di acqua nell’ora precedente l’esame
    La terza indicazione per esplorare al meglio l’addome inferiore, in particolare quindi la vescica, la prostata nell’uomo, l’utero e l’ovaie nella donna, è quella di arrivare con la vescica piena o semipiena, bevendo da mezzo litro a un litro di acqua nell’ora precedente l’esame.

    In persone che soffrono di problemi cardiaci come lo scompenso, di problemi renali o di ipertensione per evitare un carico eccessivo di acqua nel breve tempo e quindi scongiurare possibili minimi disguidi è preferibile evitare di andare in bagno nelle 3 ore precedenti, evitando così di bere grandi quantità di acqua in breve tempo. Ovviamente è necessario bere esclusivamente acqua naturale o tè leggermente zuccherato ed evitare assolutamente bevande gasate per non incrementare i gas intestinali.

    Non interrompere l’eventuale terapia farmacologica
    La quarta e ultima indicazione è di non interrompere l’eventuale terapia farmacologica che si sta assumendo anche il giorno stesso dell’esame. La terapia in atto per i diversi motivi deve essere assolutamente mantenuta.

    In conclusione quindi le principali indicazioni da seguire da parte del paziente per un esame ecografico ottimale sono: il digiuno nelle sei ore precedenti, avere la vescica piena o semipiena e nel limitare le scorie alimentari nei 2 giorni prima dell’esame modificando leggermente la propria dieta.



    Viale Milano 15, Rozzano

    80 €

    ecografiamilano.it

    Preparazione ecografia addome completo
    Ecografia addome completo: cosa mangiare?
    L’eco addome completo comprende lo studio di:

    – fegato, colecisti, vie biliari, milza, pancreas, reni, vie urinarie, surreni, linfonodi addominali, aorta addominale e retroperitoneo
    – vescica, utero e annessi/prostata e vescichette seminali, vasi e linfonodi iliaci, recesso peritoneale del Douglas

    Questo tipo di esame richiede una piccola partecipazione da parte del paziente.

    Digiuno per almeno 6 ore prima dell’esame
    La prima indicazione è il rispetto del digiuno almeno nelle 6 ore precedenti l’esame. Questa pratica consente di ridurre al minimo la quantità di gas intestinali che potrebbero ostacolare la visione di alcuni organi, in particolare il pancreas e le ovaie la visione dei grossi vasi addominali come l’aorta e i linfonodi profondi. Il digiuno richiesto evita inoltre lo svuotamento della colecisti che avviene in particolar modo dopo i pasti, specie se ricchi di grassi che limiterebbe la visione di eventuali calcoli o, meno frequentemente, di polipi della parete della colecisti.

    Dieta nei due giorni precedenti l’esame
    La seconda indicazione per ridurre i gas intestinali che potrebbero essere d’ostacolo alla visione di alcuni organi è quella di modificare, nei due giorni precedenti, la propria dieta, riducendo o evitando frutta, verdura e legumi, bibite gassate ed evitando cibi ricchi di grassi.

    L’aria blocca il passaggio degli ultrasuoni e non permette la visione di quello che c’è sotto. Per lo stesso motivo si utilizza il gel ecografico che serve a eliminare le bolle tra la sonda ecografica e la cute.



    Viale Milano 15, Rozzano

    80 €

    ecografiamilano.it

    Questo tipo di esame richiede una piccola partecipazione da parte del paziente.

    Digiuno per almeno 6 ore prima dell’esame
    La prima indicazione è il rispetto del digiuno almeno nelle 6 ore precedenti l’esame. Questa pratica consente di ridurre al minimo la quantità di gas intestinali che potrebbero ostacolare la visione di alcuni organi, in particolare il pancreas e le ovaie la visione dei grossi vasi addominali come l’aorta e i linfonodi profondi. Il digiuno richiesto evita inoltre lo svuotamento della colecisti che avviene in particolar modo dopo i pasti, specie se ricchi di grassi che limiterebbe la visione di eventuali calcoli o, meno frequentemente, di polipi della parete della colecisti.

    Dieta nei due giorni precedenti l’esame
    La seconda indicazione per ridurre i gas intestinali che potrebbero essere d’ostacolo alla visione di alcuni organi è quella di modificare, nei due giorni precedenti, la propria dieta, riducendo o evitando frutta, verdura e legumi, bibite gassate ed evitando cibi ricchi di grassi.

    L’aria blocca il passaggio degli ultrasuoni e non permette la visione di quello che c’è sotto. Per lo stesso motivo si utilizza il gel ecografico che serve a eliminare le bolle tra la sonda ecografica e la cute.



    Viale Milano 15, Rozzano

    80 €

    ecografiamilano.it

    Ecografia addominale
    Ecografia dei tessuti molli
    Ecografia della tiroide
    Ecografia della spalla
    Ecografia del ginocchio
    Ecografia della caviglia
    Ecografia del polso e della mano
    Ecografia del gomito
    Ecografia muscolo tendinea
    Ecografia dell'articolazione temporomandibolare
    Ecografia articolare
    Ecografia testicolare



    Viale Milano 15, Rozzano

    60 €

    ecografiamilano.it



    Viale Milano 15, Rozzano

    80 €

    ecografiamilano.it



    Viale Milano 15, Rozzano

    130 €

    ecografiamilano.it



    Via Milano 15, Rozzano

    Scopri di più

    Medicina Generale



    Viale Milano 15, Rozzano

    60 €

    ecografiamilano.it

    Esperienze

    Su di me

    Medico ecografista e terapista del dolore. Col passare degli anni ho acquisito competenze cardiologiche, ecografiche e gestione del dolore con la ter...

    Mostra tutta la descrizione


    Formazione

    • Università degli Studi di Milano

    Specializzazioni

    • Medicina Generale
    • Ecografia
    • Ecografista
    Visualizza altre informazioni

    Certificati


    Foto


    Competenze linguistiche

    • Italiano,
    • Inglese,
    • Francese

    Premi e riconoscimenti

    • -

    Pubblicazioni e articoli

    Pubblicazioni (1)

    Punteggio generale

    Tutte le recensioni contano e non possono essere rimosse o modificate dai dottori a proprio piacimento. Scopri come funziona il processo di moderazione delle recensioni.
    C
    Profilo verificato
    Visita prenotata su MioDottore.it
    Presso: Medicina Generale Visita medica generica in CONVENZIONE

    Ottima visita ed attenzione al paziente molto accurata

    M
    Profilo verificato
    Visita prenotata su MioDottore.it
    Presso: Medicina Generale Visita medica generica in CONVENZIONE

    Serietà e professionalità eccellente lo consiglio

    E
    Profilo verificato
    Visita prenotata su MioDottore.it
    Presso: ecografiamilano.it ecocolordoppler

    Mi trovo bene vengono rispettati gli orari e c'è comunicazione e rispetto


    M
    Profilo verificato
    Visita prenotata su MioDottore.it
    Presso: Medicina Generale Visita medica generica in CONVENZIONE

    Ottima cortesia e disponibilità
    DOTTORE che posso tranquillamente suggerire


    A
    Profilo verificato
    Visita prenotata su MioDottore.it
    Presso: ecografiamilano.it ecocolordoppler

    Professionista esperto che dimostra di aver cura del paziente a tutto tondo


    M
    Profilo verificato
    Visita prenotata su MioDottore.it
    Presso: Medicina Generale Visita medica generica in CONVENZIONE

    Un'alta professionalità unita all'attenzione prestata nello spiegare ai propri pazienti le diagnosi con cura proposta


    R
    Profilo verificato
    Visita prenotata su MioDottore.it
    Presso: Medicina Generale Visita medica generica in CONVENZIONE

    Professionale e disponibile all'ascolto.
    Puntualita


    T
    Profilo verificato
    Visita prenotata su MioDottore.it
    Presso: ecografiamilano.it ecocolordoppler

    Non lo cambierei per nessun' altro Dottore. Sempre disponibile, professionale nel suo lavoro


    G
    Profilo verificato
    Visita prenotata su MioDottore.it
    Presso: ecografiamilano.it infiltrazione ecoguidata

    Sempre puntuale, disponibile e chiaro nell'esposizione di ciò che sta facendo.
    Molto competente e professionale


    L
    Profilo verificato
    Visita prenotata su MioDottore.it
    Presso: Medicina Generale Visita medica generica in CONVENZIONE

    Molto disponibile verso il paziente
    Spiegando chiaramente i vari problemi


    Si è verificato un errore, riprova

    Risposte ai pazienti

    ha risposto a 5 domande da parte di pazienti di MioDottore

    Salve, sono due giorni che ho la febbre intorno al 38.5/38.8, il medico curante mi ha consigliato di assumere bentelan (ho avuto in passato reazione allergica alla Tachipirina). Ho assunto due bentelan, una ieri sera alle 19 ed una stamattina alle 10, ma la febbre non scende.

    Buongiorno
    A volte sono necessari diversi giorni, prima che si abbassi la febbre.

    Dr. Giuseppe Brundusino

    Buonasera
    Ho una figlia di 19 anni che sente sempre freddo dolori muscolari ha questa sensazione di freddo che proviene del suo corpo abbiamo fatto gli esami del sangue ma non risulta nessun quasi nulla tranne carenza di vitamina d tra i esami prescritti ci sono esami alla tiroide risulta tutto ok. non so che fare potete darmi qualche consiglio? grazie

    Buongiorno signora
    L'eccessiva sensibilità al freddo, non è solo correlata a condizioni patologiche. Ad esempio, soggetti molto magri e/o che svolgono poca attività fisica, sono più sensibili all'abbassamento delle temperature.

    Dr. Giuseppe Brundusino

    Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.