Buongiorno dottori..ho 46 anni..sono stato operato 2 volte alla schiena per ernie al disco..8 anni fa..e da allora ho sempre mal di schiena..stando fermo camminando..mal di collo eccc...ho fatto di tutto: chiropratica, massoterapia, ozono terapia, tens, ginnastiche posturali...ecc...ho speso più di 20 Mila euro...e sto sempre allo stesso modo..ora ho anche il morbo di Crohn per completare l'opera....sono disoccupato da 4 anni...non riesco più a lavorare...e non mi vuole più nessuno....perché un giorno sì e uno no sto male e ho dolori dappertutto...non so più cosa fare...cosa mi consigliate? Grazie
Dott. Michele Bongiorno
Dott. Michele Bongiorno
Ortopedico
Camposampiero
Consiglio visita ortopedica , magari già munito di una nuova RMN e radiografie dinamiche del rachide lombo sacrale nel sospetto di una così detta instabilità vertebrale in discopatia , molto frequente
come complicanza, a distanza, di intervento di erniectomia

Dr. Sergio Ettore Salteri
Dr. Sergio Ettore Salteri
Chirurgo generale, Posturologo
Cordenons
Lei sta trattando le conseguenze e non la causa: Se vuo, saperne di più metta su google le parole SALTERI DYNAMIC SPORTMEDICINA e avrà delle informazioni che io ritengo possano esserle utile. Cordiali saluti

Gentilissimo,
Sono spiacente di sentire i suoi disagi; in realtà, gli interventi tradizionali x ernia del disco hanno dimostrato anche a distanza di anni, seppur corretti nella indicazione e nella esecuzione, che possono portare ad instabilità del tratto lombare; qualcuno le avrebbe dovuto consigliare, prima di farl spendere tutti quei soldi, di fare delle radiografie in modalità dinamiche del tratto lombare (con proiezioni in flessione ed estensione); Le faccia e mi scriva l'esito dopodichè le saprò indicare quale strada intraprendere secondo la mia esperienza e dove eventualmente rivolgersi; un saluto

La patologia erniaria del rachide evolve verso la discopatia degenerativa praticamente sempre. Questo sia nei pazienti operati che non operati. Poi la discopatia discale può dare tanto dolore, poco dolore, migliorare connle terapie conservative oppure no. Credo che le convenga rivolgersi a un chirurgo vertebrale munito di RM lombare ed Rx-grafia in ortostasi del rachide lombare; quindi affidarsi a lui per impostare un percorso diagnostico terapeutico completo. Di ricordi che lei è giovane e purtroppo la sua sintomatologia può anche peggiorare.
Ti invitiamo a fare una visita: - 130 €
Per prenotare una visita tramite MioDottore, clicca sul pulsante Prenota una visita.

Dr. Stefano Giacomini
Dr. Stefano Giacomini
Ortopedico
Bologna
Consiglio valutazione ortopedica con rx e RM del rachide lombare
Cordialmente
SG

Specialisti per Ernia

Maria Danila Fusi

Maria Danila Fusi

Chirurgo generale, Gastroenterologo, Proctologo

Milano

Gianguido Montagnolo

Gianguido Montagnolo

Chirurgo generale, Radiologo diagnostico

Milano

Raffaele D'Avino

Raffaele D'Avino

Chirurgo generale

Somma Vesuviana

Francesca Boggio

Francesca Boggio

Fisioterapista

Roma

Giovanni Perrucchini

Giovanni Perrucchini

Proctologo

Brembate di Sopra

David Buresta

David Buresta

Fisioterapista

Fossombrone

Domande correlate

Vuoi inviare una domanda?

I nostri esperti hanno risposto a 33 domande su Ernia

Il testo è troppo corto. Deve contenere almeno __LIMIT__ caratteri.

  • La tua domanda sarà pubblicata in modo anonimo.
  • Poni una domanda chiara, di argomento sanitario e sii conciso/a.
  • La domanda sarà rivolta a tutti gli specialisti presenti su questo sito, non a un dottore in particolare.
  • Questo servizio non sostituisce le cure mediche professionali fornite durante una visita specialistica. Se hai un problema o un'urgenza, recati dal tuo medico curante o in un Pronto Soccorso.
  • Non sono ammesse domande relative a casi dettagliati o richieste di una seconda opinione.

Scegli il tipo di specialista a cui rivolgerti
Lo utilizzeremo per avvertirti della risposta. Non sarà pubblicato online.
Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.