Indirizzi (2)

Via Vittorio Emanuele 45, Casoria
Studio Medico (mappa)

Prossima data disponibile.:

Mostra l'agenda
Presso questo indirizzo visito: adulti
Contanti
328 658.....

Via Mario Malzoni, Mercogliano
Casa di Cura Privata Montevergine (mappa)

Prossima data disponibile.:

Mostra l'agenda
Presso questo indirizzo visito: adulti
Contanti
0825 7.....

Esperienze

Su di me

Sono un cardiologo con profondo interesse al rapporto medico-paziente perché credo che una giusta "chiacchierata" con il paziente possa guidarci nell...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’universita degli studi di Napoli Federico II
  • Specializzazione in Cardiologia presso Federico II

Foto


Competenze linguistiche

Italiano

Recensioni dei pazienti

5

Punteggio generale
3 recensioni

  • Puntualità
  • Attenzione
  • Struttura e attrezzature
R
Paziente verificato
Presso: Studio Medico

Ho avuto la fortuna di conoscere la dottoressa Monda, una grande professionista ,nonché dotata di un elevato senso di umanità, molto gentile, cordiale ed amichevole mettendo a proprio agio le persone. Consiglio a chiunque abbia da fare anche solo una visita perché è una brava persona con una grande preparazione,è la dottoressa professionalmente più preparata che abbia mai conosciuto....grazie dottoressa!!!


C
Paziente verificato
Presso: Studio Medico visita cardiologica di controllo

Grande professionalità. Consiglio pienamente la dottoressa Monda per la sua bravura e competenza nel settore.

Dott.ssa Cinzia Monda

Grazie ????


M
Paziente verificato
Presso: Studio Medico Esami approfonditi per fibrilazione atriale

Ho accompagnato mio padre per una visita dalla dott.ssa Cinzia Monda a seguito di un evento ischemico. La sua professionalità e cura per il paziente ci hanno colpito. La dott.ssa Monda riesce a spiegare con parole semplici problemi complessi. Grazie alla sua diagnosi ed esami approfonditi suggeriti, siamo riusciti ad arrivare alla causa che ha portato mio padre a subire ben due ictus, la fibrillazione atriale.

Dott.ssa Cinzia Monda

Il mio principale obiettivo resta sempre il paziente. Grazie per le belle parole


Prestazioni e prezzi

Visita a domicilio


Via Vittorio Emanuele 45, Casoria

Prezzo non disponibile

Studio Medico


Visita cardiologica


Via Vittorio Emanuele 45, Casoria

Prezzo non disponibile

Studio Medico


Via Mario Malzoni, Mercogliano

Prezzo non disponibile

Casa di Cura Privata Montevergine


Elettrocardiogramma


Via Vittorio Emanuele 45, Casoria

Prezzo non disponibile

Studio Medico


Colordoppler


Via Vittorio Emanuele 45, Casoria

Prezzo non disponibile

Studio Medico


Via Mario Malzoni, Mercogliano

Prezzo non disponibile

Casa di Cura Privata Montevergine


ECG dinamico secondo holter


Via Vittorio Emanuele 45, Casoria

Prezzo non disponibile

Studio Medico


Via Mario Malzoni, Mercogliano

Prezzo non disponibile

Casa di Cura Privata Montevergine


Ecografia


Via Vittorio Emanuele 45, Casoria

Prezzo non disponibile

Studio Medico

Recensioni dei pazienti

5

Punteggio generale
3 recensioni

  • Puntualità
  • Attenzione
  • Struttura e attrezzature
R
Paziente verificato
Presso: Studio Medico

Ho avuto la fortuna di conoscere la dottoressa Monda, una grande professionista ,nonché dotata di un elevato senso di umanità, molto gentile, cordiale ed amichevole mettendo a proprio agio le persone. Consiglio a chiunque abbia da fare anche solo una visita perché è una brava persona con una grande preparazione,è la dottoressa professionalmente più preparata che abbia mai conosciuto....grazie dottoressa!!!


C
Paziente verificato
Presso: Studio Medico visita cardiologica di controllo

Grande professionalità. Consiglio pienamente la dottoressa Monda per la sua bravura e competenza nel settore.

Dott.ssa Cinzia Monda

Grazie ????


M
Paziente verificato
Presso: Studio Medico Esami approfonditi per fibrilazione atriale

Ho accompagnato mio padre per una visita dalla dott.ssa Cinzia Monda a seguito di un evento ischemico. La sua professionalità e cura per il paziente ci hanno colpito. La dott.ssa Monda riesce a spiegare con parole semplici problemi complessi. Grazie alla sua diagnosi ed esami approfonditi suggeriti, siamo riusciti ad arrivare alla causa che ha portato mio padre a subire ben due ictus, la fibrillazione atriale.

Dott.ssa Cinzia Monda

Il mio principale obiettivo resta sempre il paziente. Grazie per le belle parole


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 33 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Buongiorno Dottori, ho fatto un ecocolordoppler cardiaco...perche avevo i seguenti sintomi: fiato corto, stanchezza, palpitazioni, gonfiore alle mani e ai piedi... la notte non respiro bene...in programma anche RX torace. Questo è il referto
    Lieve ectasia del bulbo aortico, prolasso di entrambi i lembi mitralici di grado moderato, insufficienza tricuspidale lieve, minima insufficienza polmonare, ventricolo sx ai limiti superiori della norma. Secondo voi?
    Grazie

    Un’insufficienza mitralica moderata può creare una dilatazione dell’atrio sinistro e a ritroso un aumento delle pressioni nel circolo polmonare che giustificano il fiato corto. A tal proposito non leggo nell’eco tali informazioni. Inoltre in presenza di un atrio dilatato si possono generare episodi di fibrillazione atriale (palpitazioni)ed anch’essi contribuirebbero al fiato corto. Al di là dell’eco deve Integrare e concludere con ECG dinamico Holter e ovviamente visita cardiologica

    Dott.ssa Cinzia Monda

  • Salve,
    sono un ragazzo di 36 anni e da circa tre anni ho iniziato a soffrire di periodi di extrasistole e cardiopalmo e sporadicamente brevi tachicardie (con sensazione di esordio e arresto improvvisi) a partire da un periodo di forte stress con ansia e attacchi di panico.
    Nel novembre 2016 mi sono sottoposto ad un holter delle 24 ore il cui referto del cardiologo ospedaliero è stato:
    Analizzati 109532 battiti in totale in un periodo di 23.47 ore
    Meno dell'1% erano battiti ventricolari
    0 battiti sopraventricolari
    0 battiti stimolati
    Frequenza cardiaca massima 156 bpm ore 13.07 (durante attività fisica)
    Frequenza cardiaca minima 48 bpm ore 06.41 (dormivo)
    Frequenza cardiaca media 82 bpm
    5 BEV durante il periodo monitorato (3 singoli, 1 coppie)
    Episodio di fibrillazione atriale di breve durata durante il sonno alle ore 02.17

    Il giorno stesso mi sono recato dal mio medico di famiglia (anche lui cardiologo) che guardando il tracciato ha detto che l'episodio notturno non era secondo lui una fibrillazione atriale bensì una tachicardia giunzionale.

    Un TERZO cardiologo interpellato ha detto che si trattava di un episodio di tachicardia a complessi larghi di verosimile origine sopraventricolare suggerendo un ipotesi di sindrome di WPW, e facendo un eco doppler ha notato quelle che secondo lui sembravano aree di miocardio non compatto.

    Tornato dal mio medico di famiglia cardiologo sono stato rassicurato e mi ha consigliato di stare tranquillo e cercare di curare la mia ansia.
    Inoltre notando che spesso questi sintomi aumentavano dopo i pasti mi ha consigliato una gastroscopia che ha evidenziato cardias beante e reflusso gastroesofageo.
    Questo mi ha rasserenato e le extrasistole (che sono il sintomo che sento più spesso, vanno e vengono a mesi alterni ovvero mesi in cui non ne ho e mesi in cui le sento continuamente ogni giorno) sono passate per un bel po'.

    Dopo un altro paio d'anni in cui ho curato la mia ansia e gli attacchi di panico e la mia situazione psicologica è migliorata di molto tanto da permettermi di non avere più attacchi di panico e di tornare ad una vita normale, ultimamente le extrasistole sono ricominciate e ho deciso di recarmi da un aritmologo a Roma per una visita più approfondita, il quale mi ha detto che anche secondo lui quell'episodio registrato dall'holter era una tachicardia giunzionale, e dopo un ecodoppler mi ha detto che morfologicamente il kio cuore è apparentemente normale.
    Però mi ha consigliato per sicurezza una risonanza magnetica cardiaca per vedere se ci fosse stata una miocardite, e dicendomi che la tachicardia registrata dall'holter era stata di origine ventricolare (il che mi ha preoccupato molto visto che ho sempre letto che è più pericolosa della tachicardia sopraventricolare) e mi ga prescritto sequacor 1.25 che ho poi aumentato ultimamente a 2.50
    e che dopo un inizio così così sembrava aver calmato i sintomi.
    La risonanza però purtroppo non sono riuscito a farla per via di un attacco di claustrofobia che mi ha colto durante l'esame che mi ha anche imbarazzato moltissimo ma con tutta la buona volontà non sono riuscito in nessun modo.
    L'aritmologo mi ha allora consigliato di effettuare un altro holter per controllare la situazione, che farò a breve.

    Ora le extrasistole continuano ad andare a periodi, sono due giorni che le ho più del solito e poco fa ho sentito chiaramente una tachicardia improvvisa, abbastanza lunga da poter avere il tempi di mettere la mano sul collo e notare che dopo qualche secondo si fermava di colpo e cambiava frequenza senza un passaggio graduale.
    Vorrei se possibile un parere da voi su questa mia situazione, se devo preoccuparmi e cosa mi consigliate di fare, anche perché essendo abbastanza ansioso e di conseguenza ipocondriaco vado spesso a legger siti e forum che non fanno altro che crearmi ulteriori paure. Inoltre ho provato in tutti i modi a cercare di trovare un collegamento tra il mio stile di vita e le sensazioni cardiache, l'unico collegamento che riesco a fare è quello degli stati di stress che guardacaso fanno sempre da sfondo alla comparsa dei sintomi.
    Grazie in anticipo

    P. S
    Fumavo molto fino a qualche tempo fa, or sto cercando di smettere e sono passato alla sigaretta elettronica e ho ridotto il consumo di caffè a una tazzina al giorno. Non bevo alcool se non qualche volta nei weekend (in alcuni casi esagero) ma stranamente quando bevo tutti i sintomi scompaiono e non si presentano mai.

    Buonasera, credo che al di là del RMN che tra l’altro non è riuscito a fare, le consiglio di effettuare un SEF ( studio elettrofisiologico) al fine di individuare alcune vie elettriche anomale o circuiti in cui si generano tachicardie sopra ventricolari. Ovvia il SEF permette anche di escludere la vulnerabilità alle tachicardie ventricolari che sono senz’altro più pericolose

    Dott.ssa Cinzia Monda

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Sono un cardiologo con profondo interesse al rapporto medico-paziente perché credo che una giusta "chiacchierata" con il paziente possa guidarci nell...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Laurea in Medicina e Chirurgia presso l’universita degli studi di Napoli Federico II
  • Specializzazione in Cardiologia presso Federico II

Specializzazioni

  • Cardiologia

Foto


Competenze linguistiche

Italiano