Indirizzi (4)

Via Aurelia Sud 6, Viareggio
studio privato


Misure di sicurezza adottate in questo studio

Mostra

Pazienti con assicurazione sanitaria e pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini di qualsiasi età
Carta prepagata, Carta di debito, Carta di credito, + 1 Altro
0585 192..... Mostra numero


Via Nazionale, 221, Aulla
Parole e MoviMenti


Pazienti con assicurazione sanitaria e pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini di qualsiasi età
0585 192..... Mostra numero

Questo specialista non offre prenotazioni online a questo indirizzo

Pazienti senza assicurazione sanitaria


Consulenza online

Colloquio psicologico • 50 €

Sostegno alla genitorialità (descrizione) • 50 €


0585 192..... Mostra numero

1) Una volta conclusa la consulenza, potrai procedere con il pagamento sul mio conto: ❌❌❌❌
2) Inserisci il tuo nome, cognome e la data della consulenza nel campo descrizione.
3) A questo punto il procedimento è completo. Grazie per la collaborazione!

I pagamenti per le consulenze sono inviati direttamente allo specialista, che è anche responsabile della policy di cancellazione e rimborso.

In caso di eventuali problemi con il pagamento, ti preghiamo di contattare lo specialista.

Ricorda, MioDottore non ti addebita alcuna commissione aggiuntiva per la prenotazione dell'appuntamento e non processa i pagamenti per conto dello specialista.

Per favore, leggi con attenzione la policy di cancellazione e rimborso.


30 minuti prima della consulenza, riceverai SMS ed email contenenti il link per effettuare il videoconsulto. Clicca sul link e attendi lo specialista. Non è necessario scaricare alcun software e potrai collegarti al videoconsulto sia dal PC che dal cellulare.


Tieniti pronto 10 minuti prima della consulenza. Assicurati che la batteria del tuo dispositivo sia carica. Per i videoconsulti: controlla la tua connessione internet e il corretto funzionamento di camera e microfono. Tieni a portata di mano eventuali referti medici (es. il risultato degli esami).

Via Marina Vecchia 123, Massa
La casa sull'albero

Questo specialista non offre prenotazioni online a questo indirizzo

Misure di sicurezza adottate in questo studio

Mostra

Pazienti con assicurazione sanitaria e pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini di qualsiasi età
Carta di credito, Carta di debito, Bonifico, + 1 Altro
0585 192..... Mostra numero


Esperienze

Su di me

Sono la Dott.ssa Chiara Bastieri effettuo consulenze psicologiche e percorsi di supporto ad individui, adulti e adolescenti, oltre che a coppie e fami...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Disturbo bipolare
  • Somatizzazione
  • Break-down adolescenziale
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università di Parma
  • Università di Pisa
  • Specializzazione sistemica- individuale Scuola Mara Selvini Palazzoli, sede di Brescia

Specializzazioni

  • Psicoterapia sistemico relazionale
  • Psicologia Clinica
  • Psicosomatica
Visualizza altre informazioni


Competenze linguistiche

Inglese, Italiano

Prestazioni e prezzi

I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

Prestazioni suggerite


Consulenza Online



Via Aurelia Sud 6, Viareggio

da 50 €

studio privato

La ricostruzione della propria storia, personale e familiare, la ricerca e l’individuazione di nuclei problematici, l’esame e il riconoscimento delle emozioni e il conseguente percorso di ristrutturazione e rielaborazione dei contenuti, permettono alla persona di giungere a una più serena relazione con se stessa e con il mondo.



Via Marina Vecchia 123, Massa

da 50 €

La casa sull'albero

La ricostruzione della propria storia, personale e familiare, la ricerca e l’individuazione di nuclei problematici, l’esame e il riconoscimento delle emozioni e il conseguente percorso di ristrutturazione e rielaborazione dei contenuti, permettono alla persona di giungere a una più serena relazione con se stessa e con il mondo.

Altre prestazioni


Via Aurelia Sud 6, Viareggio

Scopri di più

studio privato


Via Nazionale, 221, Aulla

Scopri di più

Parole e MoviMenti


50 €

Consulenza Online


Via Marina Vecchia 123, Massa

da 50 €

La casa sull'albero

Sostegno e supporto a favore di uno sviluppo sano della persona, con l'obiettivo di promozione della salute psicologica ed individuazione ed elaborazione degli eventi avversi, sfavorevoli o traumatici.



Via Aurelia Sud 6, Viareggio

da 70 €

studio privato

Offre l’opportunità di ricercare le origini dei conflitti, ricostruendo la storia del legame, riscoprendone gli intrecci. La terapia può diventare l’occasione per la coppia di rinvestire sulla relazione, riattivando nuove e vecchie risorse.



Via Marina Vecchia 123, Massa

70 €

La casa sull'albero

Offre l’opportunità di ricercare le origini dei conflitti, ricostruendo la storia del legame, riscoprendone gli intrecci. La terapia può diventare l’occasione per la coppia di rinvestire sulla relazione, riattivando nuove e vecchie risorse.



Via Aurelia Sud 6, Viareggio

90 €

studio privato

La psicoterapia familiare ha l’obiettivo di sciogliere i nodi problematici provenienti dalle relazioni dell’intero nucleo familiare o da uno solo dei suoi membri. La terapia in questo caso passa da essere individuale a essere di gruppo per poter modificare i meccanismi che causano il disagio di tutto il gruppo. Data la complessità di questa terapia, generalmente è effettuata insieme ad un altro collega esperto psicologo (in coterapia).



Via Marina Vecchia 123, Massa

da 90 €

La casa sull'albero

La psicoterapia familiare ha l’obiettivo di sciogliere i nodi problematici provenienti dalle relazioni dell’intero nucleo familiare o da uno solo dei suoi membri. La terapia in questo caso passa da essere individuale a essere di gruppo per poter modificare i meccanismi che causano il disagio di tutto il gruppo. Data la complessità di questa terapia, generalmente è effettuata insieme ad un altro collega esperto psicologo (in coterapia).



Via Marina Vecchia 123, Massa

da 50 €

La casa sull'albero

Per avere un servizio d'aiuto anche laddove ci sono chilometri di lontananza fisica. Perché questa distanza, del corpo, non debba essere anche mentale e precludere i necessari bisogni umani, tra cui il diritto alla salute e l'accesso alla cure.

Per tutti coloro che preferiscono essere raggiunti attraverso le nuove tecnologie.



Via Aurelia Sud 6, Viareggio

da 50 €

studio privato

Il sostegno alla genitorialità è un percorso che porta alla “crescita” dei genitori stessi, che, con l'aiuto del terapeuta, imparano ad affrontare e risolvere al meglio le problematiche che i figli vivono durante il loro sviluppo o che subentrano in particolari momenti di passaggio (ad esempio durante l'adolescenza).



Via Nazionale, 221, Aulla

da 50 €

Parole e MoviMenti

Il sostegno alla genitorialità è un percorso che porta alla “crescita” dei genitori stessi, che, con l'aiuto del terapeuta, imparano ad affrontare e risolvere al meglio le problematiche che i figli vivono durante il loro sviluppo o che subentrano in particolari momenti di passaggio (ad esempio durante l'adolescenza).



50 €

Consulenza Online

Il sostegno alla genitorialità è un percorso che porta alla “crescita” dei genitori stessi, che, con l'aiuto del terapeuta, imparano ad affrontare e risolvere al meglio le problematiche che i figli vivono durante il loro sviluppo o che subentrano in particolari momenti di passaggio (ad esempio durante l'adolescenza).



Via Marina Vecchia 123, Massa

da 50 €

La casa sull'albero

Il sostegno alla genitorialità è un percorso che porta alla “crescita” dei genitori stessi, che, con l'aiuto del terapeuta, imparano ad affrontare e risolvere al meglio le problematiche che i figli vivono durante il loro sviluppo o che subentrano in particolari momenti di passaggio (ad esempio durante l'adolescenza).



Via Marina Vecchia 123, Massa

da 60 €

La casa sull'albero

Questo servizio è pensato appositamente per adolescenti e giovani adulti poco motivati alla terapia, le cui difficoltà e sofferenze rendono necessario un percorso psicologico, con l'intento di supportare le capacità e risorse del paziente con grave sintomatologia, entrando nel suo contesto di vita, attraverso un intervento pensato e calibrato in maniera specifica.

Recensioni dei pazienti

5

Punteggio generale
9 recensioni

T
Presso: Altro Altro

Professionista cordiale e aperta all'ascolto. Sono felice di iniziare un percorso con lei. Grazie per il suo aiuto.

Dott.ssa Chiara Bastieri

La ringrazio Tiziana per la sua recensione.


G
Presso: Altro Altro

La Dott.ssa Chiara è una persona molto disponibile e presente, è dotata di una grande empatia e sensibilità; ha una preparazione ottima e riesce a capire le problematiche ed ad affrontarle con una professionalità e discrezione che la contraddistingue senza farti sentire giudicata. La consiglio ed il mio rapporto con lei mi ha portato ottimi risultati di crescita personale.

Dott.ssa Chiara Bastieri

La ringrazio enormemente per le parole spese G.
Mi gratificano ma la ho solo aiutata a rendersi conto che aveva in se e nella sua vita, le risorse necessarie alla crescita e miglioramento. Cari saluti.


P
Paziente verificato
Visita prenotata su MioDottore.it Presso: Consulenza Online consulenza online

Mi sono trovato molto bene, la signora Bastieri è molto competente e paziente coi pazienti. La consiglio a tutti.

Dott.ssa Chiara Bastieri

Grazie Paolo per la recensione.


N
Presso: Consulenza Online consulenza online

Con la dottoressa Bastieri mi sono trovata molto bene. Mi ha fatto sentire a mio agio per tutto il percorso e mi ha aiutato con professionalità a risolvere una problematica che mi trascinavo da un po' di tempo. Lo consiglio anche per chi ha difficoltà di spostamento, in quanto la dottoressa segue anche a distanza, come ha fatto con me.


G
Paziente verificato
Visita prenotata su MioDottore.it Presso: La casa sull'albero psicoterapia familiare

La Dottoressa sta veramente aiutando la nostra famiglia a comunicare meglio. È disponibile e professionale. La consigliamo.


F
Paziente verificato
Visita prenotata su MioDottore.it Presso: La casa sull'albero colloquio psicologico

Mi sono sentito Accolto, contenuto , supportato.
Ho conosciuto e affrontato parti di me che non avevano un nome , ho imparato a gestire
ad accettare a migliorare dove possibile...
La terapia per me è stata un percorso essenziale , con la fortuna di aver accanto un esperto compagno di viaggio .

Grazie Chiara

Dott.ssa Chiara Bastieri

Grazie Filippo, mi premia molto la sua recensione.
E' stato un piacere poterla accompagnare per una parte del suo percorso di viaggio. Cari saluti.


V
Paziente verificato
Visita prenotata su MioDottore.it Presso: La casa sull'albero colloquio psicologico

Ringrazio la Dottoressa per l’aiuto.
E’ stata fondamentale per affrontare un periodo difficile, grazie alla sua grande competenza, conoscenza ed esperienza professionale.
Svolge il suo lavoro con grande passione ed anche questo si percepisce durante le sedute.

Dott.ssa Chiara Bastieri

La ringrazio molto per le parole spese. Mi gratificano e mi confermano, sostengono l'amore per il mio lavoro. Grazie signora Veronica.


M
Presso: La casa sull'albero psicoterapia individuale

Prima esperienza con uno psicologo e devo dire che mi sono trovato da subito bene.
La dott. ssa è cordiale e mi ha fatto sentire a mio agio e non giudicato, abbiamo intrapreso un percorso dove mi sta aiutando a relazionarmi meglio con gli altri e a vedere i miei problemi da un altra prospettiva per affrontarli meglio. Consigliato


F
Presso: La casa sull'albero psicoterapia individuale

Posso dire di aver intrapreso un viaggio utile, sentendomi seguita da una persona cordiale, precisa e molto disponibile. Il feeling è stato immediato.

Dott.ssa Chiara Bastieri

Grazie Francesca per la sua bella recensione.
Cari saluti.


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 3 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • È complicato da spiegare e sono complicata pure io...
    Credo di avere più problemi di quelli che penso di avere.
    Immaginate un disabile ok? Un disabile ha bisogno per forza di cose di un tutore, o comunque di qualcuno che si occupi di lui, e nessuno mai penserebbe di abbandonarlo a se stesso giusto? Fin qui penso siamo tutti d'accordo.
    Io sono una ragazza di 25 anni, fisicamente non mi manca nulla, ho almeno la salute fisica, ma non quella mentale, ora dato che tutto ciò che riguarda la mente viene nella maggior parte dei casi sminuito o nemmeno considerato, e dato che da fuori queste cose non vengono percepite (tranne nei casi in cui uno arriva a togliersi la vita, ma in quel caso si indossano gli occhiali quando già è troppo tardi), ecco che ti ritrovi sola. Una solitudine fisica, emotiva, umana. Sai di avere un problema e sai di non poterne parlare con chiunque, per i motivi cititati sopra, oltre a questo io mi vergogno molto di me stessa, dei miei problemi, ma in generale sin da quando ero solo una bambina (dai 3 anni in poi, quindi da quando ne ho memoria) la vergogna per me è stato come un grande masso invisibile agli occhi degli altri, che mi porto addosso.

    Ho già seguito una psicoterapia che però è finita male per colpa mia, così come sono finite male tutte le amicizie e semplici conoscenze che ho avuto nel corso della mia vita.
    Inizialmente pensavo di aver trovato la terapeuta giusta, mi sono fidata di lei, le ho raccontato tutta la mia vita, poi più di una volta ho iniziato a percepire come delle sensazioni che chi avevo di fronte non era davvero in grado di capirmi, aiutarmi, o che mi stesse prendendo in giro, attenzione, sensazioni che io ho ignorato sin da subito perchè dicevo a me stessa di sbagliarmi, che non poteva essere così, che erano soltanto mie paranoie o presentimenti errati. Ebbene, dopo un tot di anni di terapia sento queste sensazioni sempre più forti tanto da arrivare al punto di sperimentare frustrazione, rabbia, tristezza e forse anche depressione, insomma la mia pancia mi parlava e non potevo più ignorarla, fu così che dissi a quella psicoterapeuta che non potevo più essere una sua paziente. Nemmeno dopo una settimana mi pentì di quella scelta e la ricontattai ma niente, in breve mi disse che dovevo assumermi le mie responsabilità e accettare che le cose a volte devono andare in un certo modo senza poter più rimediare.
    Come mi sono sentita?
    E....bella domanda, dovrei prestarvi la mia anima per farvelo capire, volevo morire, pensavo le peggiori cose, e come dico sempre, se avessi avuto più coraggio a quest'ora non stareste leggendo queste parole.
    Dopo mesi ho contattato altre terapeute, ho iniziato quindi un nuovo percorso con questa psicoterapeuta, sarà la quinta seduta che farò e purtroppo (speravo con tutta me stessa che non accadesse..) risento quei maledetti presentimenti, che mi fanno pensare che chi ho di fronte non mi capisce fino in fondo, e di conseguenza non sa quali siano gli strumenti più adatti da utilizzare.
    Ora io non mollerò questa psicoterapia, ma sentirmi così credetemi che non è facile, perchè non so se ascoltarmi o ignorarmi, perchè di questo si tratta.....

    Ora, vi ricordate dell'esempio del disabile di poco fa? Ecco, io mi sento incapace di vivere, mi sento senza una guida (per vari motivi non posso contare sulla mia famiglia), senza un'ancora, senza una sicurezza fatta in carne ed ossa di cui potersi fidare ad occhi chiusi, e fin'ora vivendo da sola la mia vita non ho fatto altro che combinare macelli perchè purtroppo posso contare solo su me stessa (non avete idea di quanto sia triste questa cosa...), non ho nessuno che possa consigliarmi o di cui potermi davvero fidare senza avere dubbi. Mi sto rovinando con le mie stesse mani, ma ovviamente di questo non importa a nessuno...

    Ne parlerò ovviamente di tutto questo alla psicoterapeuta, anche se ho tanta paura....ho paura di sentirmi dire "Mi dispiace, ma io non credo di poterti aiutare..", sarebbe una gran mazzata, anzi la seconda che riceverei (purtroppo questa risposta l'ho ricevuta dalla precedente terapeuta...).

    Che cosa devo fare?
    Devo ascoltarle queste sensazioni oppure ignorarle?
    Mi sembra di impazzire, perchè io ci ragiono su ste cose e troppo anche, e arrivo al punto da dirmi da sola "Ma è mai possibile che non ne trovi una che mi vada bene? Non è che il problema sono io? Cosa sbaglio?".......

    Ho davvero tanta paura di ritrovarmi più sola di come sono adesso....
    Non so cosa fare...

    Buonasera signora, leggendo la sua lettera aperta traspare il suo forte senso di fatica, smarrimento e sofferenza. Non deve essere facile il quotidiano quando ci si sente così sperduti?
    Come il collega prima di me le ha suggerito, anche io ritengo importante e rilevante lo spazio terapeutico che ha intrapreso con la terapeuta che la sta seguendo. Si ricordi che “solo chi rischia di andare troppo lontano avrà la possibilità di scoprire quanto lontano si può andare” T. S.E. A volte per trovarsi o ritrovarsi, bisogna anche un po perdersi.
    Le auguro di cuore un buon viaggio.

    Dott.ssa Chiara Bastieri

  • Salve, sono una donna di 38 anni e scrivo per i ciclici conflitti con la mia famiglia d'origine. Sono un'insegnante da quest'anno entrata in ruolo dopo tanti anni di gavetta, di sacrifici, di studio e formazione non senza ostacoli, ansie e paure affrontate e superate durante il percorso, infatti sei anni fa mi sono trasferita al nord per lavorare e non è stato semplice realizzarmi e raggiungere la mia indipendenza economica. Ho una relazione da cinque anni con un compagno con cui convivo da due e abbiamo affrontato prima la distanza e poi la mancanza di lavoro sua che ci ha messo a dura prova ma da quest'anno lavora e stiamo progettando di sposarci e avere presto un figlio, data la mia età e comprare casa insieme. In tutto questo pensano gli atteggiamenti a mio parere non sani della mia famiglia d'origine, fagocitata dalla sofferenza e dal comportamento di mia sorella gemella che ancora vive in casa e che da anni assume il ruolo di vittima che non trova un lavoro, incontra solo gente che le fa del male, che non ha mai avuto un uomo perché si allontanano da lei senza motivo e non esce, vivendo una vita di bambina servita e riverita da un padre che si sostituisce a lei pure nella guida dell'auto e da una madre con cui ha un rapporto a dir poco simbiotico, iperprotettiva. Da anni accusano me periodicamente del fatto di non avere posto nelle mia vita per mia sorella, di criticarla e non aiutarla, addirittura la mia convivenza con il mio compagno non è stata accettata subito ed è stata vissuta come ostacolo alla sua dipendenza da me, per il fatto che avrei dovuto ospitarla in casa mia per farla uscire di casa dalla situazione di sabbie mobili in cui versa. Questo per me è patologico in quanto lei subisce il paragone con me da sempre che vivo una vita che lei non è stata mai capace di vivere e intendo amicizia, lavoro, relazioni e la colpa è soprattutto dei miei genitori che hanno sempre assecondato questi suoi atteggiamenti infantili e da vittima, invece che spronarla ad affrancarsi da loro e da me e vivere la sua vita. Ha conseguito un diploma e una laure triennale con molta fatica con mia madre sempre al suo fianco e ha scelto mete non realistiche poiché non è un indirizzo che le dà sbocchi né ha proseguito gli studi chiudendosi in casa e rifiutandosi di seguire i miei consigli che vertevano su lavori anche più umili. Ogni volta che l'ho inclusa nelle mie uscite con amici ha sempre lamentato il fatto che tutti la trattassero male o la rifiutassero e che io non la credessi, quando invece il problema stava in lei e nella sua insicurezza e incapacità di vivere e affrontare il mondo. Ho anche cercato di candidarla personalmente a offerte di lavoro e sono stata accusata di furto d'identità, ha passato solo 6 mesi qui al nord per fare l'assistente educatrice ma ha voluto i miei con lei che la accompagnassero in auto e stessero in casa con lei, l'esperienza è finita male e non è stata riconfermata né ha cercato più lavoro.Mio padre ha speso un patrimonio per lei e io l ho aiutata economicamente e adesso che sono in procinto di sposarmi i miei mi negano telefonate perché mi dicono di distruggere emotivamente la loro figlia e mia madre alla notizia del matrimonio mi disse che avrei dovuto accontentarmi di convivere e che allevare figli costa, come se la notizia le dispiacesse perché temono le reazioni di mia sorella che subisce il paragone e a quasi 40 anni non ha nulla. Mi hanno pure negato l'aiuto economico che mi spetterebbe, avendo noi due appartamenti che mio padre ha costruito per noi, dicendo che il matrimonio serve per campare la loro figlia. Mi trovo a dover portare sin da piccola il peso della sofferenza di mia sorella che a mio parere non ha dei comportamenti sani, che ho spinto da uno psicologo ma da cui è scappata, scappando soprattutto da se stessa. Non mi telefonano per mesi dipendendo dagli umori suoi e dai suoi sbalzi e accusandomi di non comprendere la situazione della "poveretta" con cui la vita è stata ostile. Non so più che fare, la situazione sta pesando anche nella mia vita di coppia perché non ho una famiglia normale e devo organizzare un matrimonio e loro di negano e non mi danno l'aiuto economico che mi spetterebbe, diseredandomi. Sono pronta a rinunciare, contando solo su di me e la famiglia del mio compagno ma sono molto preoccupata per il futuro di questa sorella che quando i miei non ci saranno più verrà a bussare alla mia porta per sopravvivere e i miei inconsciamente hanno sempre avuto questo progetto in mente, ostacolando la mia storia e la mia indipendenza da loro. Credo ci siamo dei comportamenti disfunzionali non riconosciuti e negati (ho insegnato psicologia applicata e adesso sono docente di sostegno) che porta ad essere una setta chiusa e murata viva in casa e io sono la nemica che sono uscita fuori. Ciò credo risalga a una caduta da piccola e al coma poi risolto per fortuna di mia sorella che ha portato i miei a un'iperprotezione verso questa figlia più debole che non hanno mai lasciato andare. Sto molto male e mi sento questo peso addosso, ho paura pure di andare a trovarli durante le ferie perché lei a volte ha avuto comportamenti molto aggressivi nei miei confronti arrivando a strapparmi documenti di lavoro e cercando liti o pretendendo che io non parlassi della mia vita per non ferire lei che non ne aveva una. Sono stanca e non so come uscire da questa situazione se non decidendo ogni contatto come periodicamente già accade...vorrei solo una famiglia normale che godesse dei miei traguardi senza farmi sentire in colpa per l'infelicità e i problemi dell'altra figlia mai affrontati e che non posso risolvere io.

    Signora, mi chiedevo se ci fosse la possibilità di portare in terapia famigliare la sua famiglia con l'obiettivo esplicito di imparare tutti meglio a sostenersi reciprocamente? D'altronde lei recrimina una gestione poco tutelante nei suoi confronti, ma anche della sua gemella, la quale si mostra debole ed incompetente e i cui genitori non hanno sostenuto l'autonomia e la differenziazione, non aiutandola a percepirsi capace di stare sulle proprie gambe; differenziazione che invece lei si sente recriminare. Interessante sarebbe esplorare che tipo di figli e fratelli possono essere stati i suoi genitori, i suoi nonni, e che figlie e sorelle siete state voi per capire come si siano costruite certe interpretazioni dei valori e significati della famiglia. Una chiusura emotiva nei confronti del suo nucleo famigliare rischierebbe di portarsi via ancora più energie di quelle che sta mettendo in campo adesso per andare avanti. Forse la comprensione delle dinamiche che hanno portato la sua famiglia ai risultati di oggi potrebbe aiutarla?

    Dott.ssa Chiara Bastieri

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Sono la Dott.ssa Chiara Bastieri effettuo consulenze psicologiche e percorsi di supporto ad individui, adulti e adolescenti, oltre che a coppie e fami...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Disturbo bipolare
  • Somatizzazione
  • Break-down adolescenziale
Mostra tutte le patologie

Formazione

  • Università di Parma
  • Università di Pisa
  • Specializzazione sistemica- individuale Scuola Mara Selvini Palazzoli, sede di Brescia

Specializzazioni

  • Psicoterapia sistemico relazionale
  • Psicologia Clinica
  • Psicosomatica
Visualizza altre informazioni

Tirocini

  • Ospedale di Pisa
  • centro di terapia per la famiglia, Ospedale di Viareggio, ex Tabaracci
  • SERD di Massa

Certificati



Competenze linguistiche

Inglese, Italiano

Ricerche correlate