Indirizzi (3)

European Hospital
Via Portuense 700 - II^ Piano studi medici, Roma


Misure di sicurezza adottate in questo studio

Mostra

Pazienti senza assicurazione sanitaria


06 9763..... Mostra numero


POLILAB CALABRESE- Dott. Nicastro LECCE
Via Di Leuca Tempi Nuovi, snc- Statale Lecce-Maglie km1,5 - CAVALLINO- Piano terra, ambulatorio 1 e 2, Lecce


Misure di sicurezza adottate in questo studio

Mostra

Pazienti senza assicurazione sanitaria


Contanti, Assegno, Carta di credito
06 9763..... Mostra numero

Sirio Centro Diagnostico - Lamezia Terme (CZ)
Via Del Progresso, 1, Lamezia Terme


Misure di sicurezza adottate in questo studio

Mostra

Pazienti senza assicurazione sanitaria


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini di qualsiasi età
Contanti, Assegno, Carta di credito
06 9763..... Mostra numero


Prestazioni e prezzi

I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

Prestazioni suggerite


Via Portuense 700 - II^ Piano studi medici, Roma

Scopri di più

European Hospital


Via Di Leuca Tempi Nuovi, snc- Statale Lecce-Maglie km1,5 - CAVALLINO- Piano terra, ambulatorio 1 e 2, Lecce

Scopri di più

POLILAB CALABRESE- Dott. Nicastro LECCE


Via Del Progresso, 1, Lamezia Terme

Scopri di più

Sirio Centro Diagnostico - Lamezia Terme (CZ)

Altre prestazioni


Via Portuense 700 - II^ Piano studi medici, Roma

Scopri di più

European Hospital

Ecografia effettuata con sonda a 360°


Via Di Leuca Tempi Nuovi, snc- Statale Lecce-Maglie km1,5 - CAVALLINO- Piano terra, ambulatorio 1 e 2, Lecce

Scopri di più

POLILAB CALABRESE- Dott. Nicastro LECCE

Ecografia effettuata con sonda a 360°


Via Del Progresso, 1, Lamezia Terme

Scopri di più

Sirio Centro Diagnostico - Lamezia Terme (CZ)

Ecografia effettuata con sonda a 360°



Via Portuense 700 - II^ Piano studi medici, Roma

Scopri di più

European Hospital



Via Portuense 700 - II^ Piano studi medici, Roma

Scopri di più

European Hospital

Esperienze

Su di me

Il Dottor Attilio Nicastro si laurea con Lode in Medicina e Chirurgia nel 1986, presso l'Università degli studi di Roma La Sapienza, con una tesi sper...

Mostra tutta la descrizione


Formazione

  • Laurea con Lode in Medicina e Chirurgia nel 1986, presso l'Università degli studi di Roma La Sapienza
  • Diploma di Specializzazione in Chirurgia d'Urgenza e Pronto Soccorso
  • Diploma di Proctologia della Società Italiana di Chirurgia Colo-Rettale
Visualizza altre informazioni

Premi MioDottore


Specializzazioni

  • Chirurgia Generale
  • Proctologia

Tirocini

  • Università La Sapienza Roma

Certificati


Competenze linguistiche

  • Italiano,
  • Inglese

Premi e riconoscimenti

  • Docente per numerosi Master
  • Responsabile del Dipartimento di Colonproctologia dell’European Hospital di Roma
  • Certificato di Eccellenza 2017-18 TopDoctors
Visualizza altre informazioni

Profili social

Pubblicazioni e articoli

Pubblicazioni (109)

Punteggio generale

Tutte le recensioni contano e non possono essere rimosse o modificate dai dottori a proprio piacimento. Scopri come funziona il processo di moderazione delle recensioni.
P
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: European Hospital

Competenza, serietà ed eccellente professionalità. Attento alle esigenze del paziente, grande empatia e sensibilità. Lo ringraziamo molto e lo consigliamo.

A
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: European Hospital visita proctologica di controllo

Non potrei che lasciare 5 stelle al Dottor. Nicastro , un medico con la M maiuscola , un professionista esemplare da un punto di vista delle competenze ed esperienza, lo stesso si può dire anche del suo lato umano , di cui spiccano valori come empatia e sensibilità . Soffrivo da mesi di un problema che mi ha condotto pian piano all'anemia e per il quale stavo ormai perdendo le speranze , con il Dott Nicastro sto gradualmente cominciando a vedere la luce in fondo al tunnel , anche la visita di controllo ha confermato la cosa . Non posso che esprimergli la mia più profonda gratitudine . Lo consiglio vivamente .

P
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: European Hospital prima visita proctologica

Mettere in evidenza la necessità di esibire, da parte del paziente, tutti gli esami e referti diagnosticati nel corso della propria vita.


F
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: POLILAB CALABRESE- Dott. Nicastro LECCE

Il Dott. Attilio Nicastro è un professionista eccezionale, persona di grande esperienza e competenza nonché di una gentilezza e sensibilità non comuni. Ha risolto il mio problema. Grazie dottore!


P
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: European Hospital prima visita proctologica

Prima volta che incontro un medico così attento e scrupoloso nell’’indagare sintomi e cause del malessere. Molto scrupoloso, esaustivo nella spiegazione e deciso nel indicare la terapia.


R
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: European Hospital prima visita proctologica

Consiglio vivamente il dott.Nicastro, medico competente, spiegazioni dettagliate e cura e attenzione della persona sia negli aspetti medici che emotivi/psicologici


S
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: POLILAB CALABRESE- Dott. Nicastro LECCE prima visita proctologica

Medico attento e chiaro nelle spiegazioni. Era la mia prima visita proctologica ed ero molto spaventata, ma il Dottore non mi ha fatto sentire alcunché.
Spero, nonostante la mia giovane età, di poter migliorare la condizione in cui mi trovo anche grazie al Dott. Nicastro.
Ci rivedremo alla visita di controllo.


R
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: European Hospital prima visita proctologica

Puntuale professionale ti mette a tuo agio spiega benissimo


C
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: European Hospital prima visita proctologica

Molto bravo attento e gentile mi ha messo a mio agio


S
Profilo verificato
Visita prenotata su MioDottore.it
Presso: European Hospital

Cortesia, efficacia della terapia.Consigliatissimo


Si è verificato un errore, riprova

Risposte ai pazienti

ha risposto a 21 domande da parte di pazienti di MioDottore

Salve,
premetto di sapere perfettamente che senza sottoporsi ad una visita è difficile diagnosticare ma spero di ricevere comunque qualche informazione in più riguardo la mia patologia.
Sono una ragazza di 27 anni con diversi problemi intestinali quali intolleranze e colon irritabile e ad inizio febbraio è iniziato il mio calvario. Un giorno durante le normali procedure di igiene intima noto un rigonfiamento a livello perineale e un fastidio all'interno dell'ano come fosse un'emorroide.
Inizio ad applicare Proctolyn ma dopo 2 giorni non notando miglioramenti decido di effettuare una visita ginecologica.
La dottoressa mi diagnostica una bartolinite, mi dice di applicare più volte al giorno pomata all'ittiolo e di fare lavaggi ammollo in acqua tiepida con detergente apposito e/o camomilla e successivamente allo scoppio applicare Gentalyn beta tutto senza prescrivermi terapia antibiotica.
Dunque nel giro di 3-4 giorni avrei dovuto risolvere..purtroppo però il giorno seguente alla visita ho avuto un peggioramento, il dolore si era fatto più forte e avevo difficoltà a camminare (fino a non poterlo fare più nei giorni successivi).
Comincia febbre a 40 con deliri, dolore straziante e altri sintomi insopportabili fin quando dopo 2 giorni mi reco in pronto soccorso e finalmente scoprono che ho 2 ascessi perianali; mi segnano l'Augmentin e mi dicono di tornare dopo 4 giorni x l'incisione.
Seguirono giorni durissimi poiché a causa di vomito continuo dovetti smettere l'assunzione dell'antibiotico e nel frattempo ci mettemmo alla ricerca di uno specialista proctologo.
Il giorno della visita (1 ora prima!) il destino ha voluto che l'ascesso scoppiasse da solo e non entro nei dettagli di quello che è potuto uscire da lì! Eseguo la visita con diagnosi di ascesso a ferro di cavallo, la medicazione e finalmente la dottoressa mi prescrive 12 iniezioni di Rocefin.
Il dolore era sparito, il gonfiore rimase x un bel po' ma nel frattempo effettuo ogni giorno medicazione con infermiera (il che mi è costato abbastanza) e lavaggi da sola con Amuchina.
Dopo un mesetto comincio a stare meglio e a riprendere le mie attività quotidiane fino alla settimana scorsa quando dopo aver alternato x 1 mese diarrea e stitichezza a causa delle mie patologie e di stress intenso, avverto un forte bruciore.
Mi reco di nuovo dalla dottoressa che comunque avrebbe dovuto ricontrollarmi e mi dice che si stava formando la fistola. Mi scrive Vagilen 4 cpr al di e i soliti lavaggi.
Segue un peggioramento stavolta diverso dalla precedente con dolore dato dal bruciore e dopo 3 giorni di antibiotico di nuovo l'ascesso scoppia da solo ma con minore intensità.
Ora sto facendo nuovamente medicazioni ma purtroppo mi ritrovo con una ferita larga (ecco cosa era quel bruciore!)e non con quel buchino dell'altra volta che secondo l'infermiera va tenuta asciutta quindi niente ammollo e solo fisiologica x pulire.
La dottoressa vuole operarmi senza fare prima esami strumentali, è giusto?
Grazie e scusate!

Buongiorno Signora, dopo aver escluso eventuali patologie infiammatorie croniche che possano giustificare la patologia infettiva, comunque, prima di ogni intervento è corretto, a mio parere, eseguire una ecografia endoanale con sonda a 360 gradi (anche in 3D se possibile) o, nei casi più complessi, una RMN del pavimento pelvico. Questi esami sono necessari per meglio identificare il percorso della fistola e per escludere altri recessi ascessuali (nel suo caso credo nella parte anteriore del perineo) e quindi poter pianificare il miglior intervento per cercare di risolvere la patologia.

Dott. Attilio Nicastro

Domande su Emorroidi

Buongiorno dottori, vi espongo brevemente il mio problema, a settembre del 2019 ho eseguito legatura per emorroidi di secondo grado (tre legature insieme) il mio problema era un bruciore anale cronico che speravo sparisse con le legature, non essendoci ragadi nella zona. Non ha funzionato e a dicembre preso dallo sconforto di non volermi operato mi hanno effettuato 5 infiltrazioni di sodio salicilato praticamente inniettate in zona. Il bruciore ovviamente e' rimasto e dopo un mese dalla fine delle infiltrazioni ho avuto una crisi emoroidaria molto lieve, ciò vuol dire che le infiltrazioni fatte per il prolasso non sono servite a niente e mi sono ritrovato punto e a capo sempre con lo stesso bruciore che con le emorroidi in fuoriuscita era quasi totalmente sparito, nel momento in cui si sono riposizionate e' tornato come prima. Decido di cambiare proctologo il quale dopo un accurata analisi mi da questa diagnosi: indagine eseguita con videoproctoscopio VPS23 agevole introduzione dello strumento. Esame condotto fino a 15/16 cm dal m.a. La mucosa rettale appare rosea, pallida, non lesioni. A carico del canale anale presenza di emorroidi di II/III grado. A carico della commisura sede del dolore la mucosa e' lievemente iperemica ma integra senza un evidente presenza di ragadi. Sto prendo probiotici tre volte al giorno e il "Limbitryl" mattina e sera, ma la situazione rimane sempre quella. Sono disperato, e' un anno che questo bruciore continua a non farmi vivere una vita serena. Ho fatto anche un analisi per vedere se il nervo del pudendo era infiammato, ma nulla. Non so cosa fare, ho provato svariate creme ma la zona ormai e' innervata e con le creme la situazione peggiora. Sto cercando di ricontattare il dottore che mi ha dato l'ultima terapia, brancolo nel buio. Ovviamente la sera il bruciore svanisce nel momento in cui mi stendo, non ho perdite ne di muco, ne di sangue solo il solito bruciore che comincia quando vado in bagno la mattina fino alla sera in cui riesco a dormire serenamente senza accusare il bruciore. Appena sveglio sto bene, vado in bagno e la situazione si capovolge. Aiutatemi a capire. Scusate se sono stato un po confusionario nel descrivere la situazione. Grazie.

Buongiorno,
sarebbe interessante poter visionare le immagini o il filmato della Videoproctoscopia Digitale eseguita in quanto i sintomi da lei accusati non possono essere causati "solo" dalla patologia emorroidaria di II e III grado. Andrebbe ben ricercata la causa della sua sofferenza senza alcun ulteriore accertamento ma, a mio parere, con un buon esame clinico locale (ano, retto e pavimento pelvico) cordiali saluti

Dott. Attilio Nicastro

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.