Francesco Polverelli, psichiatra Riccione

Dott. Francesco Polverelli

Psichiatra, Psicoterapeuta

Salva


Non trascurare la tua salute

Scegli la consulenza online per iniziare o continuare una terapia, senza muoverti da casa. Se ne hai bisogno, puoi anche prenotare una visita in studio.

Mostra gli specialisti Come funziona?

Indirizzo

-via Portofino, Riccione
Francesco Polverelli

Questo specialista non offre prenotazioni online a questo indirizzo

Pazienti senza assicurazione sanitaria


Non hai trovato sul profilo dello specialista le informazioni che cercavi?

Mostra altri psichiatri nelle vicinanze

Esperienze

Su di me

Fornisco risposte o indicazioni gratuite a chi fosse interessato


Patologie trattate

  • Depressione
  • Ansia
  • Attacco di panico
Mostra tutte le patologie

Specializzazioni

  • Psichiatria

Prestazioni e prezzi

I prezzi indicati sono quelli per pazienti senza assicurazione sanitaria

Colloquio psicologico online


-via Portofino, Riccione

Francesco Polverelli

Recensioni

Hai avuto una visita con Dott. Francesco Polverelli?

Scrivi una recensione, parla della tua esperienza. Centinaia di pazienti ti saranno grati!

Scrivi una recensione

Risposte ai pazienti

ha risposto a 152 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Buongiorno , ho veramente bisogno di un consulto, o almeno, qualcosa che mi faccia un attimo rimettere a posto me stesso.
    Diciamo che da quest'estate dopo un episodio di soffocamento da cibo , subito dopo rimasi li a pensare "caspita per poco" e dicevo a me stesso "non pensarci piú senó ti rimane". Passa una settimana, stavo mangiando e poi deglutisco male e "raspo" su tutto il boccone e da lì ho ripensato a quel soffocamento. quindi da questo momento fino ad ora ho avuto sempre paura di deglutire , mangiando piano e masticando molto, ma ora diciamo che sto riprendendo fiducia e sembra mi stia andando meglio.
    Dopo questo, ho iniziato a cercare su internet cosa poteva essere questa dificcoltá nel mangiare, e alla fine ho letto di anginofobia e disfagia, mi sono fatto autodiagnosi ovunque anche di tumore vari nelle zone interessate dell' apparato digerente e via dicendo. Inoltre, ho cercato fino ad ora di evitare ogni situazione sociale che riguardi il mangiare perché è umiliante e mi vergogno di mostrare "che non "so" mangiare".

    Da qui è iniziato tutto un circolo vizioso di pensieri e preoccupazioni costanti . Arriva novembre e inizia a venirmi la paura di morire di infarto nella notte , e quindi da lì ho iniziato a controllarmi col dito antissimo le pulsazioni e i battiti , controllandoli ogni 2x3. Tutto ciò mi ha portato a 3 attacchi di panico di notte in una settimana pensando che mi si fermasse il cuore data la mia paura.
    Da qui in poi ho iniziato a farmi autodiagnosi di ogni malattia esistente e l'ipocondria mi ha preso, penso anche l 'agorafobia mi abbia preso pure.
    Quindi da novembre quando è iniziata la mia cardiofobia ,ho avuto sempre piú preoccupazione ansia, stress e pensieri , MOLTA ANSIA E STRESS, voglio sottolineare , tanto è che appunto come ho detto ho avuto 3 attacchi di panico in una settimana.
    Durante dicembre questa situazione è costante, con dolori al petto, sensazione di difficoltá di respirazione , tensione muscolare al petto , ansia e stress . Inoltre verso la fine di questo mese, ho avuto nella parte sinistra alta della schiena come una perdita di sensibilitá e qualche giorno dopo anche al braccio sx , soltanto con del formicolio poco accennato e come se qualcuno mi misurasse la pressione in quel braccio in maniera non del tutto completa peró. Sempre alla fine del mese mi è venuto uno stranissimo tremore interno, prima alla parte alta della schiena sx , poi dietro il collo , il quale è come se fosse a ritmo col battito cardiaco, ma adesso sembra essere scomparso. Questo tremore non mi fa da fastidio perchè non c'è in qualsiasi posizione che non sia a riposo con la testa ,o corpo seduto e poggiato su un cuscino o divano. Peró se mi concentro sembra anche che mi tremino leggermente le mani e che io tremi molto leggermente , ma poi sembra di no, e questo tremore interno sembra esserci come no; somatizzazione?
    Poi sempre in quei giorni e oltre, battiti e sensazione di pulsazione dappertutto, sensazione di difficoltá respiratorie ;poi anche un mese prima , che mi son dimenticato di dire, stavo mangiando e improvvisamente mi mancava l'aria e ho respirato subito, è cosí ho letto della dispnea e mi son fatto autodiagnosi.
    Infine tornando a parlare del braccio sx"in pressione" di prima, sembrava essermi sparito , poi verso mi è tornato e mi faceva veramente male , come se avessi fatto palestra di continuo e avessi il bicipite con un sorta di crampo, non saprei come descriverlo. Da qui ho letto fascicolazione ecc.. da internet, ma la cosa peggiore e che , leggendo, possono comportare SLA o SM o altre patologie brutte per non dire altro. Sono veramente preoccupato e in ansia e pieno di stress e di domande, l 'ipocondria e lo stato d'ansia mi hanno preso; giorni in cui sto bene e giorni proprio del cavolo. Prima mi ero fissato di avere la SM, ora peggio la SLA, ho veramente paura della SLA.
    infine concludo dicendo che sono pieno di spasmi o tic muscolari ovunque e percepisco anche quella sensazione di "braccio sx in pressione"; poi come Poggio la testa disteso nel cuscino sento ogni pulsazione nel collo che era legata anche a quel tremore interno strano; poi non so, è come se avessi meno forza nel polso e quindi mano destra, ma poi sembra di no; non ce la faccio piú. Peró ci penso e ci sono , non ci pensó mentre sono concentrato a fare altro non ci sono sembrerebbe. poi stavo mangiando e per due giorni mi faceva male masticare, come se avessi un cerchio alla testa che mi stesse restringendo mentre masticavo. Pianto facile rispetto alla mia personalitá, anche la tristezza e appunto i pensieri brutti mi hanno preso anche in parte; vengo anche da una situazione di bullismo mai del tutto cicatrizzata (3 anni fa) che mi ha cambiato e che mi fa male pensare e ho pianto anche la notte ripensando a quello che ho passato. Infine anche perdita di peso notata dai miei compagni di classe di cui non mi ero accorto, ma può darsi che mi sia anche alzato molto perchè è cosí.
    p.s ho 18 anni, alto 1 85 circa, purtroppo sonno irregolare 6/5/7 ore di dormita , dipende dal giorno, sedentarietà per didattica a distanza, studio e compiti ed inoltre gioco anche molto ai videogiochi (faccio calcio ma ora è bloccato e palestra a casa potrei farla ma non riesco mai), ansia e stress continui, ipocondria soprattutto per SM , tumori e SLA e autodiagnosi continue e sempre in cerca di risposte guardando altri forum con mie stesse situazioni , almeno simili.
    La mia domanda è se tutto questo è causato da continui stati d'ansia e stress e da somatizzazioni. Ho bisogno di un confronto non ce la faccio piú, è dura e difficile.

    Ma io credo che debba subito esser preso in cura! Con un semplice farmaco SSRI o simili (sono tutti molto ben tollerati e non creano dipendenza come si è soliti pensare) potrebbe facilmente risolvere questa situazione! Si rivolga al suo medico di base che se è abbastanza preparato saprà cosa prescriverle o se vuole andare sul sicuro cerchi uno specialista psichiatra nella sua zona, pubblico o privato. Sono disturbi molto comuni quelli che descrive, invalidanti, ma che sua fortuna rientrano spesso con semplici terapie farmacologiche. Non perda altro tempo però per evitare cronicizzazioni che complicherebbero poi la cura! Buona serata!

    Dott. Francesco Polverelli

  • Disturbo bipolare misto
    Adesso so di cosa soffro da anni, cosa mi ha fatto stare tanto male.. in particolare è peggiorato negli ultimi anni prima forse essendo più giovane sapevo gestire meglio,non saprei.. Vorrei sapere se si può in qualche modo stare bene anche senza farmaci che sto assumendo oppure dovrò sempre prenderli? Al momento sono nella fase maniacale e quando mi prende le crisi depressive sto davvero molto male, ma per il momento nonostante il mio psichiatra sostiene ci voglia lo stabilizzante, non lo sto assumendo per paura di poter ingrassare o divenire apatica. Potrò stabilizzarmi anche senza? Specifico che le altre medicine le assumo regolarmente. Si potrà un giorno stare senza farmaci o devo rassegnarmi? Grazie.

    Buonasera, sarò molto onesto e conciso. Se il disturbo è quello deve "accettarlo" e curarsi in maniera costante come se avesse il diabete o l'ipertensione. Il disturbo bipolare è una cosa seria e va curata assolutamente per evitare ulteriori peggioramenti futuri! Non abbia timore dei farmaci, anche se son stabilizzatori, al giorno d'oggi ce ne sono diversi e non necessariamente fanno ingrassare o diventare apatici! Ma se non sta assumendo stabilizzatori..cosa sta assumendo ora?? Se sono antidepressivi andrebbero sospesi! Ne riparli con il suo psichiatra, anche delle collateralità e scegliete insieme il farmaco! Cordiali saluti

    Dott. Francesco Polverelli

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Fornisco risposte o indicazioni gratuite a chi fosse interessato


Patologie trattate

  • Depressione
  • Ansia
  • Attacco di panico
Mostra tutte le patologie

Specializzazioni

  • Psichiatria