Indirizzi (2)

Presso Elleti3 Via Michele La Rosa 1, Palermo
Studio privato

Calendario online non attivo


Informazioni su servizi e prezzi non disponibili

Non hai trovato sul profilo dello specialista le informazioni che cercavi?

Mostra altri psicologi nelle vicinanze
Via Michele La Rosa 1, Palermo
Studio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Sistemico Relazionale

Calendario online non attivo


Presso questo indirizzo visito: adulti, bambini di qualsiasi età

Terapia di coppia • 80 €

Terapia familiare • 100 €

Terapia Individuale • 50 €


Non hai trovato sul profilo dello specialista le informazioni che cercavi?

Mostra altri psicologi nelle vicinanze

Esperienze

Su di me

Il mio approccio è Sistemico Relazionale. Significa che COSTRUIAMO INSIEME a VOI il vostro percorso di BENESSERE. Significa entrare in stanza di tera...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Famiglie ricomposte, adolescenti problematici
  • Problematiche di coppia e della sfera sessuale
  • Difficoltà del ciclo di vita
Mostra tutte le patologie

Prestazioni e prezzi

Terapia di coppia


Via Michele La Rosa 1, Palermo

80 €

Studio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Sistemico Relazionale


Terapia familiare


Via Michele La Rosa 1, Palermo

100 €

Studio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Sistemico Relazionale


Terapia Individuale


Via Michele La Rosa 1, Palermo

50 €

Studio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Sistemico Relazionale

Recensioni

Hai avuto una visita con Dott.ssa Laura Termini?

Scrivi una recensione, parla della tua esperienza. Centinaia di pazienti ti saranno grati!

Scrivi una recensione

Risposte ai pazienti

ha risposto a 4 domande da parte di pazienti di MioDottore


  • Salve a tutti.
    Sono una ragazza di 20 anni, e voglio raccontarvi un po’ la mia storia.
    Io mi sono fidanzata quando avevo 15 anni, con un ragazzo più grande che all'epoca Aveva 19 anni.
    Per questa persona, ho rinunciato a tutto pur di non perderla, ho lasciato i miei amici, il lavoro, non scendo nemmeno più da sola, la mia vita era solo lui, ho sempre cercato di mettere lui al primo posto, perché per me l’unica cosa importante era star con lui.
    Tutto il contrario per lui, che scendeva con gli amici si ritira la mattina, tante volte ha il telefono spento, e partito anche senza dirmi nulla, ma io sono sempre stata lì ad aspettarlo, a capirlo.
    Anzi lo rincorrevo pure se sbagliava lui.
    Tantissime volte mi tratta male, mi offende, tante volte mi ha alzato le mani perché non rispondevo come voleva lui, è molto ossessivo nei miei confronti, mi riempie di domande, e le fa ogni volta che gli vengono in mente, anche se sono sempre le stesse.
    Io però nonostante tutto, sono sempre stata innamorata di lui e non l’ho mai lasciato.
    Ultimamente però siamo partiti, con sua mamma e il papà, e lì c’era il karaoke, e con il suo papà ho cantato una canzone, prima di cantare però ho chiesto se potevo, lui mi rispose di si, io senza malizia ho cantato, da quel momento lui mi ha lasciata, adesso capisco che si sarebbe aspettato che io non lo facevo, mi ha trattato male, e mi ha detto che non mi vuole più, adesso è una settimana che nn si fa sentire, perché mi ha detto che non conosceva veramente, che sono falsa che faccio schifo ect, tornati a Napoli due giorni dopo sono andata a casa sua e gli ho fatto una sorpresa nel suo palazzo, tutti palloncini cartelloni, scritta giù al palazzo.
    Ma niente non si è fatto sentire, adesso però nemmeno io mi faccio sentire proprio perché non mi sembra di aver fatto qualcosa di male, e se pure ho sbagliato(DITEMI VOI) io ho sempre fatto l’impossibile per lui.
    Quello che non capisco e non so cosa potrei fare, non so se ho sbagliato non so se torna non so più niente, sono quasi sei anni che stiamo insieme, è possibile che dopo tutto quello che ho rinunciato e che ho fatto per lui per questa sciocchezza deve finire una storia così importante?
    Giuro che sto malissimo.
    Cosa potrei fare.

    Attendo una vostra risposta

    Cordiali saluti

    Carissima, colga con gratitudine la fortuna che le è capitata: la rottura di una relazione insana, che l'ha vincolata, privata della libertà di essere se stessa, di soddisfare i suoi bisogni, di precludersi la possibilità di ' desiderare' al di fuori del pochissimo consentito da lui. Sarà dolorosissimo ma potrà, come dice il collega, ripartire da sé e per sé.
    Questo che ha vissuto non è stato amore, somiglia piuttosto ad una condizione di dipendenza affettiva. Forse lei non si ama abbastanza? Forse non si ritiene meritevole di essere amata, stimata, rispettata e grata per le ' attenzioni' ricevute si è accontentata di briciole?! Se non dovesse sentire di farcela da sola, si faccia aiutare da uno psicologo che l'accompagnerà in questo percorso di separazione aiutandola a capire perché non riesce a pretendere quel rispetto che ognuno di noi merita.
    Relazioni di questo tipo non hanno futuro MAI e rischiano di sfociare in situazioni molto critiche.
    A disposizione se servisse.
    Dott.ssa Laura Termini

    Dott.ssa Laura Termini

  • Sono una ragazza di 30 anni e sono a richiedervi un parere circa quanto sto vivendo da circa 6 mesi. Ho iniziato ad avvertire un "groppo in fondo alla gola" e giorno dopo giorno sono iniziati i miei problemi di deglutizione. Mangiare è diventato straziante, il cibo viene masticato moltissime volte prima di "trovare il momento" giusto per intraprendere il processo di deglutizione...La lingua non aiuta, bensì continua a riportarmi il cibo in bocca. Ho fatto moltissime indagini : "disfagia", tutti mi parlano di questa patologia ma la causa rimane ancora sconosciuta. Sto male, ho sensazione di soffocamento anche quando non mangio, mangio solo liquidi e qualche biscotto, anche l'acqua è difficile da mandare giù, sento dei rigurgiti strani in gola...Mentre mangio ho tutto l'apparato digerente in tensione : collo, bocca, muscoli, sono un fascio di nervi. Nel frattempo, ho affrontato numerose visite tra cui :
    - rx esofago contrasto con bario : tutto regolare
    - breath test : negativo
    - visita gastrointerologo + otorino + endoscopia : leggero reflusso esofageo
    - ecografia tiroide: tutto regolare
    - analisi del sangue : perfette
    Inoltre ho effettuato un ricovero presso un clinica per accertamenti neurologici : nulla riscontrato
    La neurologa mi ha prescritto mestinon ,ma non ho avuto alcun beneficio
    Vi pongo questa domanda : una chiave di lettura psicologica può essere assoggettata al mio disturbo? Mi sto condizionando la vita,il lavoro... è diventato il mio pensiero fisso.

    Grazie di cuore per la lettura che saprete darmi.

    Come già ribadito dai colleghi la sua mente, attraverso il corpo, le sta dicendo: adesso basta!! 'Ingoiare', mandare giù ciò che non le piace, ciò che è indigeribile per lei, inoltre il nodo alla gola fa intendere l'esistenza di qualcosa di indicibile. Occorre un percorso psicoterapico, che indaghi la sua storia e le sue relazioni alla ricerca di ciò che ' oggi' non è più disposta ad accettare ma non si dà il diritto di conoscere....per ora. Non esiti, si faccia aiutare. Auguri
    Dott.ssa Laura Termini

    Dott.ssa Laura Termini

Tutti i contenuti pubblicati su MioDottore.it, specialmente domande e risposte, sono di carattere informativo e in nessun caso devono essere considerati un sostituto di una visita specialistica.

Esperienze

Su di me

Il mio approccio è Sistemico Relazionale. Significa che COSTRUIAMO INSIEME a VOI il vostro percorso di BENESSERE. Significa entrare in stanza di tera...

Mostra tutta la descrizione

Patologie trattate

  • Famiglie ricomposte, adolescenti problematici
  • Problematiche di coppia e della sfera sessuale
  • Difficoltà del ciclo di vita
Mostra tutte le patologie

Specializzazioni

  • Sessuologia
  • Psicologia dell'emergenza - Psicotraumatologia

Pubblicazioni e articoli

Intervista con il dottore